Aggiornato al con n.40153 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

T1_Generic_468x60

 
 

NOTIZIE

Indietro
Un vaccino contro la nicotina
Non la fa arrivare al cervello

Combattere il vizio del fumo alla base, cioè prima che nasca, rendendo il cervello immune dalla dipendenza da nicotina.
Questa l'ardua scommessa vinta da un gruppo di ricercatori del Weill Cornell Medical College (a New York), che ha ideato e sperimentato sui topi un vaccino che promette di vincere per sempre la dipendenza dalle amatissime "bionde".
Il principio al quale gli studiosi americani si sono ispirati è semplice: se si impedisce che la nicotina raggiunga il cervello, questa non potrà innescare alcuna reazione né dare il piacere che i fumatori ne ricavano, e quindi non genererà dipendenza.


Realizzare un sistema efficace per raggiungere lo scopo è stato però più complicato. Oggi come oggi esistono già alcuni vaccini, definiti "passivi", che in effetti funzionano, perché contengono anticorpi in grado di intercettare e distruggere la sostanza che fa scattare il vizio. Ma affinché l'effetto duri più di qualche giorno è necessario ripetere l'iniezione ogni poche settimane.
Sviluppare un vaccino tradizionale o "attivo", inoculando cioè un agente esterno che il corpo riconosce come pericoloso e che dia il via alla produzione di anticorpi, non è infatti possibile, perché la molecola della nicotina è troppo piccola per essere riconosciuta dal sistema immunitario.


Per questa ragione i ricercatori hanno ideato una terza via, quella del "vaccino genetico", già utilizzata sui topi per trattare certe malattie agli occhi e certi tipi di tumore. Per farlo hanno inserito la sequenza genetica di un anticorpo per la nicotina, creato in laboratorio, all'interno di un virus adeno-associato, istruendolo per raggiungere gli epatociti, ovvero le cellule del fegato.
Grazie a questo innovativo sistema la sequenza genetica dell'anticorpo ha raggiunto il nucleo degli epatociti, che di conseguenza hanno iniziato a produrre gli anticorpi, che a loro volta hanno avviato il loro lavoro di intercettazione della sostanza entrata nel flusso sanguigno.


Stando ai risultati della ricerca pubblicata su Science Translational Medicine 1, le cavie da laboratorio che hanno ricevuto il vaccino hanno fatto registrare una riduzione dell'85% della sostanza nel sangue, senza effetti collaterali su comportamento, pressione sanguigna o frequenza cardiaca. E il fatto che l'anticorpo fosse prodotto direttamente dal fegato ha reso l'effetto duraturo nel tempo.
"Data la sicurezza del vaccino - spiega Ronald G. Crystal, autore dello studio - basta una singola dose del nuovo farmaco per protegge gli animali durante la loro vita contro la dipendenza da nicotina. Il medicinale può essere utilizzato anche dalle persone che non hanno mai toccato una sigarette per salvaguardarle dai rischi. Si tratta della stessa procedura già in atto per molti vaccini tradizionali, utilizzati da anni per prevenire una serie di malattie infettive".


Il medicinale è quindi stato progettato per utilizzare il fegato dei topi come una sorta di "fabbrica" in grado si sfornare continuamente anticorpi che divorano la nicotina nel momento in cui questa entra a far parte del flusso sanguigno, impedendo così alla sostanza di raggiungere il cervello e il cuore.
"Per quanto possiamo vedere - conclude Crystal - il farmaco che abbiamo messo a punto è lo strumento migliore per intervenire su chi è dipendente dal fumo perché permette all'organismo di sviluppare "anticorpi pattuglia" simili al videogioco "Pacman", che puliscono il sangue senza nessun effetto collaterale".


16 luglio 2012

 


STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

Groups of Companies in the European Company Law - Annullato
Milano, 17 aprile 2020, Università degli Studi di Milano Sala Napoleonica
ore 09:00Sala Napoleonica - Sant'Antoniovia Sant'Antonio, 10/12, 20122 MilanoIl diritto d’impresa nell’Unione ...
I segreti dell’ex cliente (conferimento dell’incarico art 23) aspetto deontologici e disciplinari
Napoli, 21 gennaio 2020, nuovo palazzo di giustizia di Napoli
ore 11,00 - 13,30 - sala MetaforaSaluti istituzionaliAvv. Antonio tafuriPresidente dell’ordine degli ...
XXXIV Convegno annuale dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti
Bergamo, venerdì 15 e sabato 16 novembre 2019
Eguaglianza e discriminazioni nell’epoca contemporaneaPrima sessione: Discriminazioni di genereVenerdì ...
Il rapporto di lavoro dopo il Jobs Act: un mosaico di discipline
Roma, 9-16-23-30 ottobre 2015 e 6-13 novembre 2015, Teatro Manzoni
Venerdì 9 ottobre 2015 “Il contratto a tutele crescenti” Prof. Avv. Arturo MARESCA, Ordinario di Diritto ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Guida pratica al Processo Telematico aggiornata al D.L. n. 90/2014
P. Della Costanza, N. Gargano, Giuffrè Editore, 2014
Piano dell'opera- La digitalizzazione dell’avvocatura oltre l’obbligatorietà- Cos’è il processo telematico- ...
Formulario degli atti notarili 2014
A. Avanzini, L. Iberati, A. Lovato, UTET Giuridica, 2014
Il formulario soddisfa le esigenze pratiche del notaio, poiché consente di individuare, mediante una ...
Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
     Tutti i LIBRI >