Aggiornato al con n.40965 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa nazionale - Ordinanze - Governo

Indietro
Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri 15 maggio 2009 n. 3770
Ulteriori disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare l'emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti nella regione Campania
 
IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto l'art. 5, commi 2 e 3, della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto l'art. 107 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Visto il decreto-legge 23 maggio 2008, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 123;
Visto, in particolare, l'art. 5, commi 1 e 2, del predetto decreto-legge 23 maggio 2008, n. 90, che dispone che, al fine di consentire il pieno rientro dall'emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti nella regione Campania, in deroga al parere della Commissione di valutazione di impatto ambientale in data 9 febbraio 2005, fatte salve le indicazioni a tutela dell'ambiente e quelle concernenti le implementazioni impiantistiche migliorative
contenute nel medesimo parere e nel rispetto dei limiti di emissione
ivi previsti, sono autorizzati, presso il termovalorizzatore di
Acerra, il conferimento ed il trattamento dei rifiuti aventi i
seguenti codici CER: 19.05.01; 19.05.03; 19.12.12; 19.12.10;
20.03.01; 20.03.99, per un quantitativo massimo complessivo annuo pari a 600.000 tonnellate, e che, ai sensi dell'art. 5 del decreto legislativo 18 febbraio 2005, n. 59, e successive modificazioni, e tenuto conto del parere della Commissione di valutazione di impatto ambientale, nonché della consultazione già intervenuta con la popolazione interessata,é autorizzato l'esercizio del termovalorizzatore di Acerra, fatti salvi i rinnovi autorizzativi periodici previsti dal citato decreto legislativo;
Visto, in particolare, l'art. 6-bis, comma 4, del predetto decreto-legge 23 maggio 2008, n. 90, che dispone l'obbligo del completamento del termovalorizzatore di Acerra per le società già affidatarie del servizio di gestione dei rifiuti nella regione Campania;
Viste le ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3369/2004, n. 3682/2008, n. 3705/2008, n. 3730/2009 e n. 3745/2009;
Visto il provvedimento n. 44 in data 26 febbraio 2009 del Soggetto
Vicario del Sottosegretario di Stato all'emergenza rifiuti in
Campania, ex art. 1 dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei
Ministri n. 3705/2008, con cui vengono adottati gli elaborati tecnici
denominati «Contenuti e modalità dell'autorizzazione integrata
ambientale» e «Piano di monitoraggio e controllo», redatti in termini
funzionali all'esercizio dell'impianto di termovalorizzazione di
Acerra e contenenti prescrizioni volte a dare compiuta attuazione alle esigenze di tutela della salute pubblica e dell'ambiente;
Visto, in particolare, l'art. 1, comma 2, della citata ordinanza
del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3745/2009, che
stabilisce che l'autorizzazione legislativa delle fasi di avviamento,
di esercizio provvisorio nelle fasi di collaudo e di esercizio a
regime dell'impianto di termovalorizzazione di Acerra, é integrata
con le prescrizioni di cui agli elaborati tecnici denominati
«Contenuti e modalità dell'autorizzazione integrata ambientale» e
«Piano di monitoraggio e controllo», redatti in termini funzionali
all'esercizio dell'impianto di termovalorizzazione di Acerra, ed
adottati con il citato provvedimento n. 44 in data 26 febbraio 2009
del Soggetto Vicario del Sottosegretario di Stato all'emergenza rifiuti in Campania;
Considerato l'avvenuto avvio della c.d. Fase 1, come definita nel
citato elaborato tecnico «Contenuti e modalità dell'autorizzazione
integrata ambientale», all'atto delle operazioni di inizializzazione
delle tre linee di cui si compone il termovalorizzatore di Acerra, e
la conseguente necessità di garantire il corretto ed efficace
esercizio del termovalorizzatore stesso, con particolare riguardo
agli aspetti connessi alla tutela della salute della popolazione e dell'ambiente;
Considerata l'esigenza di ulteriormente testare, in continuo, il
corretto funzionamento dei sistemi di cui si compone l'impianto di
termovalorizzazione di Acerra in condizioni di combustione continua
dei rifiuti sulle tre linee, sì da verificare, in termini ancor maggiormente compiuti, l'andamento dei dati delle emissioni, nell'ottica di assicurare il rigoroso rispetto delle prescrizio i afferenti alla compatibilità ambientale dell'impianto stesso;
Ravvisata, quindi, l'opportunità di porre in essere, nell'ambito
della complessiva azione di monitoraggio riguardante l'esercizio del
termovalorizzatore di Acerra in termini di compatibilità ambientale,
ogni utile iniziativa per la verifica dei parametri di funzionamento dell'impianto;
Su proposta del Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri di cui all'art. 1 del decreto-legge 23 maggio 2008, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 123;


Dispone:


Art. 1.
1. Allo scopo di allineare le fasi di inizializzazione e di funzionamento delle tre linee di cui si compone l'impianto di termovalorizzazione di Acerra, sì da verificare l'andamento dei dati
delle emissioni in atmosfera in condizioni di combustione continua
dei rifiuti in termini di rigoroso rispetto dei limiti di emissione
posti a tutela della salute pubblica e dell'ambiente, il Sottosegretario di Stato all'emergenza rifiuti in Campania, di cui
all'art. 1 del decreto legge 23 maggio 2008, n. 90, convertito, con
modificazioni dalla legge 14 luglio 2008, n. 123,é autorizzato a
prorogare la durata della Fase 1 di avviamento delle linee del
termovalorizzatore, così come definita nell'elaborato tecnico
«Contenuti e modalità dell'autorizzazione integrata ambientale»,
adottato con provvedimento n. 44 in data 26 febbraio 2009 del
Soggetto Vicario in premessa citato, nel rispetto della tempistica
totale autorizzata per l'avviamento dell'impianto, e, comunque, non oltre il 2 luglio 2009.
La presente ordinanza sarà pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 15 maggio 2009
Il Presidente: Berlusconi


STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

Groups of Companies in the European Company Law - Annullato
Milano, 17 aprile 2020, Università degli Studi di Milano Sala Napoleonica
ore 09:00Sala Napoleonica - Sant'Antoniovia Sant'Antonio, 10/12, 20122 MilanoIl diritto d’impresa nell’Unione ...
I segreti dell’ex cliente (conferimento dell’incarico art 23) aspetto deontologici e disciplinari
Napoli, 21 gennaio 2020, nuovo palazzo di giustizia di Napoli
ore 11,00 - 13,30 - sala MetaforaSaluti istituzionaliAvv. Antonio tafuriPresidente dell’ordine degli ...
XXXIV Convegno annuale dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti
Bergamo, venerdì 15 e sabato 16 novembre 2019
Eguaglianza e discriminazioni nell’epoca contemporaneaPrima sessione: Discriminazioni di genereVenerdì ...
Il rapporto di lavoro dopo il Jobs Act: un mosaico di discipline
Roma, 9-16-23-30 ottobre 2015 e 6-13 novembre 2015, Teatro Manzoni
Venerdì 9 ottobre 2015 “Il contratto a tutele crescenti” Prof. Avv. Arturo MARESCA, Ordinario di Diritto ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Atti e procedure della Polizia municipale
E. Fiore, Maggioli Editore, 2014
Il manuale insegna ad individuare le corrette procedure per l'accertamento degli illeciti sia amministrativi ...
Formulario degli atti notarili 2014
A. Avanzini, L. Iberati, A. Lovato, UTET Giuridica, 2014
Il formulario soddisfa le esigenze pratiche del notaio, poiché consente di individuare, mediante una ...
Sicurezza sul lavoro. Responsabilità. Illeciti e Sanzioni
P. Rausei, IPSOA, 2014
Il volume fornisce una analisi puntuale, schematica e sistematica, dell’attuale quadro sanzionatorio ...
     Tutti i LIBRI >