Aggiornato al con n.40965 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa nazionale - Ordinanze - Governo

Indietro
Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri 28 agosto 2009 n. 3804
Ulteriori disposizioni urgenti di protezione civile per fronteggiare l'emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti nella regione Campania. (G.U. n. 208 del 8 settembre 2009)
 

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI


Visto l'art. 5 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto il decreto-legge 23 maggio 2008, n. 90, convertito, con
modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 123;
Visto l'art. 142, comma 1-bis del Testo unico degli enti locali n. 267/2000;
Visto l'art. 198 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152;
Visto il decreto-legge 6 novembre 2008, n. 172 convertito, con
modificazioni, dalla legge 30 dicembre 2008, n. 210;
Viste le ordinanze di protezione civile adottate in materia di
rifiuti nella regione Campania ed, in particolare, le ordinanze del
Presidente del Consiglio dei Ministri numeri 3730 del 30 gennaio
2009, 3738 del 5 febbraio 2009, 3775 del 28 maggio 2009 e 3792 del 24 luglio 2009;
Ritenuta la necessità di emanare disposizioni specifiche per
risolvere alcune problematiche interessanti i territori di
Amministrazioni comunali che versano in situazione di particolare
criticità, in particolare per aver omesso di adottare le occorrenti
determinazioni di competenza in materia di gestione del ciclo
integrato dei rifiuti, e cio' anche con riferimento ai rapporti
obbligatori intercorrenti tra comuni e consorzi di comuni, rispetto
ai quali si sono dovuti constatare contesti di reciproca inadempienza;
Ritenuta la necessità di disporre in termini di precisazione degli
obblighi posti a carico dei comuni ai sensi dell'art. 198 del decreto
legislativo n. 152/2006, rispetto all'ineludibile esigenza che i
comuni medesimi provvedano per la sollecita evasione degli
adempimenti di competenza in materia di rifiuti;
Valutata l'esigenza di assicurare la mobilità dei lavoratori
nell'ambito delle strutture impiantistiche destinate al trattamento
dei rifiuti nella regione Campania;
Ritenuta la necessità della partecipazione all'Osservatorio
ambientale di cui all'art. 3, comma 1 dell'ordinanza del Presidente
del Consiglio dei Ministri n. 3730 del 7 gennaio 2009, di un
rappresentante del comune di San Felice a Cancello, in relazione alla vicinanza territoriale del medesimo comune al termovalorizzatore di Acerra;
Visto il protocollo di intesa n. 16 del 23 giugno 2009 ed, in
particolare, l'art. 2 punto 1, sottoscritto tra il Sottosegretario di
Stato all'emergenza rifiuti in Campania ed il comune di San Felice a
Cancello;
Ravvisata la necessità di disporre in termini acceleratori rispetto all'attuazione dell'art. 4, comma 2 del decreto-legge n. 172/2008;
Acquisita l'intesa della regione Campania;

Dispone:

Art. 1.
1. Nell'ambito delle attività gestorie di competenza dei comuni ai
sensi dell'art. 198 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, ed
in relazione a quanto previsto dall'art. 142, comma 1-bis, del
decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, fermo restando il
disposto dell'art. 1, comma 4, dell'ordinanza del Presidente del
Consiglio dei Ministri n. 3792 del 24 luglio 2009, relativamente alla
nomina dei Commissari ad acta, gli Enti locali facenti parte dei
Consorzi di bacino della regione Campania sono sempre tenuti a
corrispondere al consorzio di riferimento i canoni previsti per le
prestazioni che il Consorzio di appartenenza deve porre in essere per lo svolgimento delle attività relative alla gestione dei rifiuti,
anche a titolo di quote consortili. Relativamente ai canoni ed alle
somme già dovuti e non corrisposti ai Consorzi, i comuni provvedono, entro trenta giorni dalla pubblicazione della presente ordinanza, al relativo pagamento in un'unica soluzione, ovvero ratealmente sulla base di apposito piano di rientro della durata massima di tre anni, approvato dalla competente Struttura del Sottosegretario di Stato all'emergenza rifiuti in Campania, secondo quanto disposto dall'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3738 del 5 febbraio 2009. In caso di accertata criticità nello svolgimento del servizio da parte del Consorzio competente, al fine di assicurare la indispensabile tutela igienico-sanitaria in tutte le fasi della gestione dei rifiuti urbani nei territori posti sotto la rispettiva amministrazione, i comuni provvedono a diffidare il Consorzio di appartenenza al corretto adempimento della prestazione, anche a mezzo fax o mediante posta elettronica certificata; decorsi due giorni dalla data di ricevimento della diffida, ove perduri l'inadempimento, le amministrazioni comunali, per il periodo strettamente necessario al superamento della accertata criticità e comunque per un tempo non superiore a 7 giorni, procedono alla gestione in economia ovvero all'affidamento diretto esclusivamente degli interventi occorrenti, mediante l'adozione di ordinanze contingibili ed urgenti, ai sensi dell'art. 50 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 e dell'art. 191 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e soltanto gli oneri relativi al predetto eccezionale e temporaneo affidamento potranno essere imputati a scomputo del canone dovuto al Consorzio per l'espletamento del servizio integrato dei rifiuti, ferma la doverosità, per la parte residuale, della prestazione pecuniaria facente capo ai comuni consorziati.
2. Per le medesime finalità di cui al comma 1, i comuni con
popolazione superiore a 15.000 abitanti, quale risultante dai
registri anagrafici alla data del 31 dicembre 2008, che si avvalgono,
per il ciclo integrato dei rifiuti, del Consorzio unico di bacino
delle province di Napoli e Caserta o degli altri Consorzi di bacino
della regione Campania, che abbiano in corso lo svolgimento, o che
deliberino l'avvio delle procedure di gara di cui all'art. 10
dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3705 del
18 settembre 2008, e di cui all'art. 4 del decreto-legge 6 novembre
2008, n. 172, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 dicembre
2008, n. 210, in caso di comprovata inadempienza da parte del
Consorzio di appartenenza, provvedono a diffidare il Consorzio
medesimo al corretto adempimento della prestazione, anche a mezzo fax o mediante posta elettronica certificata. Decorsi tre giorni dalla data di ricevimento della diffida, ove perduri l'inadempimento, al fine di assicurare la tutela igienico-sanitaria in tutte le fasi della gestione dei rifiuti urbani nei territori posti sotto la
rispettiva amministrazione, i comuni possono procedere, per un
periodo non superiore a sei mesi non rinnovabili, alla gestione in
economia o all'affidamento diretto della gestione dei servizi legati
al ciclo integrato dei rifiuti mediante l'adozione di ordinanze
contingibili ed urgenti, ai sensi dell'art. 50 del decreto
legislativo 18 agosto 2000, n. 267 e dell'art. 191 del decreto
legislativo 3 aprile 2006, n. 152, previa individuazione dell'offerta
piu' vantaggiosa per l'amministrazione. Gli oneri relativi al
predetto affidamento andranno imputati a scomputo del canone dovuto al Consorzio per l'espletamento del servizio integrato dei rifiuti, ferma la doverosità, per la parte residuale, della prestazione pecuniaria facente capo ai comuni consorziati.
3. Nell'ambito delle procedure di gara di cui all'art. 10
dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3705 del
18 settembre 2008, e di cui all'art. 4 del decreto-legge 6 novembre
2008, n. 172 convertito, con modificazioni, dalla legge 30 dicembre
2008, n. 210, ed al fine di porre in essere con la massima
sollecitudine ogni opportuna misura idonea ad assicurare la tutela
igienico-sanitaria in tutte le fasi della gestione dei rifiuti
urbani, i comuni provvedono alla stipula dei contratti di appalto,
sotto condizione risolutiva espressa afferente all'esito degli
accertamenti di cui all'art. 38 del decreto legislativo n. 163/2006,
dopo aver inoltrato al prefetto la richiesta di informazioni di cui
all'art. 4 del decreto legislativo 8 agosto 1994, n. 490, nei casi e
con le modalità indicate dal medesimo decreto legislativo.
4. I comuni, nel procedere agli affidamenti di cui ai commi 2 e 3
del presente articolo, garantiscono l'applicazione dell'art. 6 del
vigente Contratto collettivo nazionale di lavoro Federambiente,
relativo al passaggio presso l'impresa affidataria del personale del
Consorzio unico o dei Consorzi di bacino della regione Campania
stabilmente ed effettivamente impiegato presso il comune in relazione al servizio corrispondente. Con riferimento a quanto già disposto dall'art. 4 del decreto-legge 6 novembre 2008, n. 172 convertito, con modificazioni, dalla legge 30 dicembre 2008, n. 210, a conclusione delle procedure di gara di cui al comma precedente, le amministrazioni comunali dovranno altresì garantire l'applicazione dell'art. 6 del vigente Contratto collettivo nazionale di lavoro Federambiente per il passaggio, presso l'impresa aggiudicataria, del personale del Consorzio unico o dei Consorzi di bacino della regione Campania stabilmente ed effettivamente impiegato presso il Comune in relazione al servizio corrispondente.
5. Al fine di soddisfare le esigenze derivanti dalle permanenti o
temporanee carenze di personale dell'articolazione territoriale CE
del Consorzio unico delle province di Napoli e Caserta, anche legate
alla programmazione delle ferie ed alla reperibilità, il direttore
generale del Consorzio stesso provvede prioritariamente a disporre la mobilità interna del personale in forza all'articolazione
territoriale NA. Il mancato rispetto degli ordini di servizio
impartiti ai dipendenti al predetto fine determina sempre
l'applicazione degli articoli 33 e 65 del vigente Contratto
collettivo nazionale di lavoro Federambiente, con l'applicazione, nei
casi piu' gravi, della misura cautelare della sospensione dal lavoro
e dalla retribuzione, per il periodo necessario all'espletamento del
procedimento sanzionatorio, con la sola corresponsione del 50% dello stipendio tabellare a titolo di assegno alimentare.
6. Nel rispetto della normativa volta alla realizzazione degli
obiettivi di finanza pubblica, per gli anni 2007-2010, di cui
all'art. 1, commi 676 e seguenti della legge 27 dicembre 2006, n.
296, ed in deroga alla vigente normativa con particolare riferimento
ai limiti di cui all'art. 1, comma 557, della citata legge 27
dicembre 2006, n. 296, ed all'art. 76 del decreto-legge 25 giugno
2008, n. 112, convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, i sindaci dei comuni facenti parte dei Consorzi di bacino della regione Campania sono autorizzati, anche procedendo alle necessarie variazioni nell'ambito degli stanziamenti complessivi di bilancio, con le modalità di cui all'art. 42 del decreto legislativo
18 agosto 2000, n. 267, all'assunzione a tempo determinato, per il
periodo emergenziale, di idoneo personale da adibire esclusivamente al controllo del territorio di competenza, in termini di prevenzione ovvero di repressione, nella ricorrenza dei presupposti di legge, rispetto alle condotte illecite di cui all'art. 6 del decreto-legge 6 novembre 2008, n. 172 convertito, con modificazioni, dalla legge 30 dicembre 2008, n. 210.
7. Per il periodo emergenziale di cui all'art. 18 del decreto-legge
23 maggio 2008, n. 90, come convertito dalla legge 14 luglio 2008, n. 123, al fine di provvedere alla rimozione delle criticità
riscontrate nella gestione dei rifiuti urbani, con specifico
riferimento alle problematiche relative agli sversamenti abusivi ed
alle esigenze della raccolta differenziata, le Amministrazioni
comunali procedono, anche in deroga ai vigenti strumenti urbanistici, all'individuazione ed all'attrezzamento di siti funzionali alla gestione del ciclo integrato dei rifiuti, adottando ogni adeguata misura a tutela dell'ambiente, dell'igiene e della salute pubblici.
8. Al fine di consentire al Consorzio unico di bacino delle
province di Napoli e Caserta un piu' efficiente svolgimento delle
attività, si autorizza l'acquisto di mezzi finalizzati al
potenziamento dei servizi, anche, ove necessario, con la procedura
negoziata di cui all'art. 57 del decreto legislativo 12 aprile 2006,
n. 163 per una spesa massima non superiore ad euro 4 milioni, che
graverà sulla contabilità speciale n. 5146 intestata alla Missione
amministrativo-finanziaria, sulla base di analitico rendiconto
presentato dal Consorzio unico.


Art. 2.
1. Allo scopo di razionalizzare le risorse economiche destinate
all'impiego di personale nell'ambito dell'emergenza rifiuti in
Campania di cui al decreto-legge 23 maggio 2008, n. 90 come
convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 123, il
personale militare impiegato presso gli STIR é ridotto
complessivamente di 7 unità, una per ogni stabilimento; le attività
sinora svolte dal predetto personale, nonché quelle relative ai
lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria disposti con
ordinanza n. 138 in data 15 giugno 2009 del Soggetto vicario del
Sottosegretario, fanno capo ai rispettivi Commissari ad acta,
nominati ai sensi dell'art. 2 dell'ordinanza del Presidente del
Consiglio dei Ministri n. 3693 del 16 luglio 2008, ai quali é
attribuita, con decorrenza dalla data di pubblicazione della presente
ordinanza, in relazione alle maggiori responsabilità derivanti
dall'effettuazione dei lavori di straordinaria manutenzione disposti
sugli impianti, un compenso forfettario mensile onnicomprensivo pari a 250 ore di lavoro straordinario diurno, in relazione al grado o
alla qualifica rivestita, in sostituzione di quello attualmente in
godimento, e ad esclusione del trattamento economico di missione da corrispondersi a norma di legge. Gli oneri di cui al presente
articolo sono a carico della contabilità speciale intestata al capo
della Missione tecnico operativa.


Art. 3.
1. Considerate l'interconnessione funzionale dei siti e degli
impianti del complessivo sistema di gestione dei rifiuti urbani della
regione Campania, e la riscontrata presenza di figure professionali
specializzate nell'ambito degli impianti medesimi, in riferimento al
quadro esigenziale proprio del termovalorizzatore di Acerra, i
Commissari ad acta responsabili degli STIR operanti nella regione
Campania sono autorizzati a disporre, sentite le organizzazioni
sindacali ed acquisito il consenso dei dipendenti interessati,
l'effettuazione della prestazione lavorativa delle occorrenti unità
di personale presso il predetto termovalorizzatore.


Art. 4.
1. All'art. 1, comma 2 dell'ordinanza del Presidente del Consiglio
dei Ministri n. 3792 del 24 luglio 2009, le parole «premio di
produzione» sono sostituite dalle parole «premio di risultato», e, le
parole «impiegati negli STIR» sono sostituite dalle seguenti:
«dipendenti dei commissari ad acta di cui all'ordinanza del
Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3693 del 16 luglio 2008».
2. All'art. 1 dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei
Ministri n. 3682 del 10 giugno 2008, dopo il comma 6-bis, é aggiunto il seguente comma: «6-ter. Ai soggetti titolari di contratto di consulenza ai sensi del comma 6-bis del presente articolo é attribuito, per il servizio prestato nella regione Campania, ove non
residenti nella medesima regione, il trattamento di missione dal
luogo di residenza. Gli oneri di cui al presente comma gravano sulle
pertinenti contabilità speciali.».
3. All'art. 3 dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei
Ministri n. 3756 del 15 aprile 2009, dopo il comma 16-bis, é
aggiunto il seguente comma: «16-ter. Ai soggetti titolari di
contratto di collaborazione coordinata e continuativa ovvero di
consulenza ai sensi dei commi 13 e 16 del presente articolo é
attribuito, per il servizio prestato nella regione Campania, ove non
residenti nella medesima regione, il trattamento di missione dal
luogo di residenza. Gli oneri di cui al presente comma gravano sulle
pertinenti contabilità speciali».


Art. 5.
1. All'art. 3, comma 1 dell'ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3730 del 7 gennaio 2009, dopo le parole «un rappresentante del comune di Acerra,» sono inserite le parole: «un rappresentante del comune di San Felice a Cancello».


Art. 6.
1. In relazione a quanto disposto dall'art. 4, comma 2, del
decreto-legge 6 novembre 2008, n. 172, convertito con modificazioni dalla legge 30 dicembre 2008, n. 210, ed, in particolare, laddove si prevede che i comuni che si avvalgono del Consorzio unico delle province di Napoli e Caserta limitatamente alla raccolta differenziata devono affidare, entro sette giorni dalla data di entrata in vigore del citato decreto, il predetto servizio alla
società che svolge il servizio di raccolta dei rifiuti urbani,
mediante una estensione del contratto già in essere e con il
contestuale trasferimento ai gestori del servizio del personale
dipendente del Consorzio unico utilizzato presso i medesimi comuni,
le amministrazioni comunali interessate provvedono al predetto
affidamento del servizio di raccolta differenziata, entro e non oltre
il 15 settembre 2009, fermo quanto disposto dall'art. 4, comma 3, del decreto-legge 6 novembre 2008, n. 172, convertito con modificazioni dalla legge 30 dicembre 2008, n. 210.
La presente ordinanza sarà pubblicata nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 28 agosto 2009
Il Presidente: Berlusconi



STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

Groups of Companies in the European Company Law - Annullato
Milano, 17 aprile 2020, Università degli Studi di Milano Sala Napoleonica
ore 09:00Sala Napoleonica - Sant'Antoniovia Sant'Antonio, 10/12, 20122 MilanoIl diritto d’impresa nell’Unione ...
I segreti dell’ex cliente (conferimento dell’incarico art 23) aspetto deontologici e disciplinari
Napoli, 21 gennaio 2020, nuovo palazzo di giustizia di Napoli
ore 11,00 - 13,30 - sala MetaforaSaluti istituzionaliAvv. Antonio tafuriPresidente dell’ordine degli ...
XXXIV Convegno annuale dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti
Bergamo, venerdì 15 e sabato 16 novembre 2019
Eguaglianza e discriminazioni nell’epoca contemporaneaPrima sessione: Discriminazioni di genereVenerdì ...
Il rapporto di lavoro dopo il Jobs Act: un mosaico di discipline
Roma, 9-16-23-30 ottobre 2015 e 6-13 novembre 2015, Teatro Manzoni
Venerdì 9 ottobre 2015 “Il contratto a tutele crescenti” Prof. Avv. Arturo MARESCA, Ordinario di Diritto ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Guida pratica al Processo Telematico aggiornata al D.L. n. 90/2014
P. Della Costanza, N. Gargano, Giuffrè Editore, 2014
Piano dell'opera- La digitalizzazione dell’avvocatura oltre l’obbligatorietà- Cos’è il processo telematico- ...
Formulario degli atti notarili 2014
A. Avanzini, L. Iberati, A. Lovato, UTET Giuridica, 2014
Il formulario soddisfa le esigenze pratiche del notaio, poiché consente di individuare, mediante una ...
     Tutti i LIBRI >