Aggiornato al con n.40965 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa regionale - Veneto

Indietro
Legge regionale Veneto 12 agosto 2011 n. 17
Disciplina dell'attività di raccolta dei cimeli e reperti mobili della Grande Guerra
 

Il Consiglio regionale ha approvato


Il Presidente della Giunta regionale


promulgala seguente legge regionale:

ARTICOLO 1
Finalità.


1. La Regione del Veneto, ai sensi della lettera c) del comma 1, dell’articolo 261 del decreto


legislativo 15 marzo 2010, n. 66 “Codice dell’ordinamento militare”, disciplina con la presente legge


l’attività di raccolta di reperti mobili e cimeli della prima guerra mondiale.

ARTICOLO 2
Esercizio della attività di raccolta dei reperti mobili e cimeli.


1. La raccolta dei reperti mobili e cimeli della prima guerra mondiale, è soggetta ad autorizzazione


regionale.
2. La Giunta regionale, entro centoventi giorni dalla entrata in vigore della presente legge, sentita


la competente commissione consiliare, definisce il modello, i criteri, le procedure e i costi per il


rilascio dell’autorizzazione di cui al comma 1 ai soggetti che attestano idonee conoscenze dei luoghi


di esercizio della attività di raccolta dei cimeli e reperti mobili della grande guerra a fini di


sicurezza ed incolumità pubblica, nonché in materia di disciplina delle armi e in materia di tutela


dei beni culturali.
3. Agli iscritti ad associazioni storico-culturali senza fini di lucro e agli iscritti alle


associazioni combattentistiche e d’arma, l’autorizzazione è rilasciata senza oneri, su richiesta


validata dall’associazione di appartenenza.
4. La Giunta regionale revoca l’autorizzazione in caso di danneggiamento dei manufatti di cui alle


lettere a), b) e c), del comma 2, dell’articolo 255 del decreto legislativo n. 66 del 2010 e quando


siano venuti meno i requisiti di cui al comma 3 del presente articolo.
5. L’attività di raccolta dei reperti mobili e cimeli esercitata nei fondi dai rispettivi


proprietari, o da titolari di altri diritti reali di godimento, dai conduttori e loro familiari e


dagli aventi diritto di uso civico, è soggetta a comunicazione alla Giunta regionale, corredata da
autocertificazione in ordine ai titoli di disponibilità dei rispettivi fondi.

ARTICOLO 3
Disciplina dell’esercizio dell’attività di raccolta e individuazione delle aree vietate.


1. L’attività di raccolta di reperti mobili e cimeli della prima guerra mondiale ha ad oggetto i


reperti mobili e i cimeli individuabili a vista o comunque affioranti dal suolo, recuperabili con


l’uso delle mani o con il ricorso a mere movimentazioni di superficie, anche con l’utilizzo di


attrezzature atte a localizzare, individuare e rimuovere i reperti mobili e cimeli, escludendo in ogni


caso operazioni di scavo.
2. L’attività di raccolta di cui al comma 1 è vietata:
a) nelle aree archeologiche come definite ai sensi dell’articolo 101 del decreto legislativo 22


gennaio 2004, n. 42 “Codice dei beni culturali e del paesaggio ai sensi dell’articolo 10 della legge 6


luglio 2002, n. 137”;
b) nei siti individuati quali cimiteri di guerra ai sensi della legge regionale 16 dicembre 1997, n.


43 “Interventi per il censimento, il recupero e la valorizzazione di particolari beni storici,


architettonici e culturali della grande guerra”.

ARTICOLO 4
Disciplina del rinvenimento di resti umani.


1. Chiunque nell’esercizio delle attività di raccolta dei reperti mobili e cimeli rinvenga resti


umani o di incerta attribuzione è tenuto a sospendere ogni attività e a dare immediata segnalazione


alle autorità competenti, come individuate all’articolo 12 della legge regionale 4 marzo 2010, n. 18


“Norme in materia funeraria”.
2. La Giunta regionale individua entro centoventi giorni dall’entrata in vigore della presente legge


la azienda unità locale socio sanitaria (ULSS) che costituisce il centro di riferimento regionale per


la ricerca e lo studio dei resti scheletrici ai fini degli adempimenti di cui all’articolo 12 della


legge regionale 4 marzo 2010, n. 18.
3. Quanto rinvenuto unitamente ai resti umani è considerato pertinenza personale del deceduto e deve


essere consegnato alle autorità competenti.


ARTICOLO 5
Obblighi di informazione.


1. Il titolare dell’autorizzazione alla raccolta dei reperti mobili e cimeli di cui alla presente


legge è tenuto a:
a) trasmettere alla Giunta regionale una relazione annuale dei luoghi visitati, con segnalazione dei


siti giudicati di particolare interesse per il ritrovamento di reperti mobili e cimeli della prima


guerra mondiale;
b) segnalare con tempestività alla Giunta regionale, con coordinate geografiche e con gli eventuali


mezzi di rappresentazione disponibili, ritrovamenti di manufatti quali quelli illustrati alla lettera


c), del comma 2, dell’articolo 255 del decreto legislativo n. 66 del 2010.

ARTICOLO 6
Attività di vigilanza e sanzioni.


1. Chiunque effettui attività di raccolta di reperti mobili o cimeli senza essere in possesso della


autorizzazione di cui all’articolo 2 è punito con la sanzione amministrativa da euro 500,00 a euro


5.000,00.
2. Chiunque effettui attività di raccolta di reperti mobili o cimeli in violazione dell’articolo 3,


comma 1, è punito con la sanzione amministrativa da euro 100,00 a euro 1.000,00.
3. Chiunque in possesso di autorizzazione, effettui attività di raccolta di reperti mobili o cimeli


nei luoghi vietati alla raccolta ai sensi dell’articolo 3, comma 2, è punito con la sanzione


amministrativa da euro 500,00 a euro 5.000,00.
4. Fatte salve le sanzioni penali, di cui al Capo II del Titolo IV del Libro II del Codice Penale,


chiunque, a seguito del rinvenimento di
resti umani o di incerta attribuzione, non provveda agli adempimenti di cui all’articolo 4 della


presente legge, è punito con la sanzione amministrativa da euro 500,00 a euro 5.000,00, nonché con la


revoca della autorizzazione o il diniego del suo rilascio.
5. All’esercizio delle funzioni di vigilanza e alla irrogazione delle sanzioni amministrative


pecuniarie provvedono, ai sensi delle legge regionale 28 gennaio 1977, n. 10 “Disciplina e delega


delle funzioni inerenti all’applicazione delle sanzioni amministrative di competenza regionale”, i


comuni nei rispettivi ambiti territoriali, nonché, previa stipula di apposita convenzione, il Corpo


Forestale dello Stato.


Formula Finale:
La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione veneta. E’ fatto obbligo a


chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione veneta.


Venezia, 12 agosto 2011



STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

Groups of Companies in the European Company Law - Annullato
Milano, 17 aprile 2020, Università degli Studi di Milano Sala Napoleonica
ore 09:00Sala Napoleonica - Sant'Antoniovia Sant'Antonio, 10/12, 20122 MilanoIl diritto d’impresa nell’Unione ...
I segreti dell’ex cliente (conferimento dell’incarico art 23) aspetto deontologici e disciplinari
Napoli, 21 gennaio 2020, nuovo palazzo di giustizia di Napoli
ore 11,00 - 13,30 - sala MetaforaSaluti istituzionaliAvv. Antonio tafuriPresidente dell’ordine degli ...
XXXIV Convegno annuale dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti
Bergamo, venerdì 15 e sabato 16 novembre 2019
Eguaglianza e discriminazioni nell’epoca contemporaneaPrima sessione: Discriminazioni di genereVenerdì ...
Il rapporto di lavoro dopo il Jobs Act: un mosaico di discipline
Roma, 9-16-23-30 ottobre 2015 e 6-13 novembre 2015, Teatro Manzoni
Venerdì 9 ottobre 2015 “Il contratto a tutele crescenti” Prof. Avv. Arturo MARESCA, Ordinario di Diritto ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Guida pratica al Processo Telematico aggiornata al D.L. n. 90/2014
P. Della Costanza, N. Gargano, Giuffrè Editore, 2014
Piano dell'opera- La digitalizzazione dell’avvocatura oltre l’obbligatorietà- Cos’è il processo telematico- ...
Sicurezza sul lavoro. Responsabilità. Illeciti e Sanzioni
P. Rausei, IPSOA, 2014
Il volume fornisce una analisi puntuale, schematica e sistematica, dell’attuale quadro sanzionatorio ...
     Tutti i LIBRI >