Aggiornato al con n.40062 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa regionale - Umbria

Indietro
Legge regionale 7 febbraio 2005, n.3
«Perimetrazione definitiva dell’Area naturale protetta “Parco del Monte Subasio”».
 

Il Consiglio regionale ha approvato
IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE


Promulga la seguente legge


Articolo 1
(Perimetrazione definitiva dell’Area naturale protetta Parco del Monte Subasio)


1. La perimetrazione definitiva dell’Area naturale protetta Parco del Monte Subasio, ai
sensi dell’articolo 12, comma 7 della legge regionale 3 marzo 1995, n. 9, è rappresentata
dalla cartografia a scala 1:25.000 di cui alla tavola A allegata alla presente legge.


ARTICOLO 2
(Tutela delle aree escluse dall’Area naturale protetta Parco del Monte Subasio)


1. Le aree escluse dalla perimetrazione provvisoria dell’Area naturale protetta Parco del
Monte Subasio individuata dall’articolo 25, comma 2, della legge regionale 3 marzo 1995, n. 9, sono rappresentate dalla cartografia in scala 1:25.000 di cui alla tavola B allegata alla presente legge.
2. Tali aree sono classificate aree boscate, comprensive delle relative radure, ai sensi
dell’art. 15 della legge regionale 24 marzo 2000, n. 27 e ne seguono la relativa disciplina.


NOTE (AL TESTO DELLA LEGGE)
Nota all’art. 1:
- Il testo dell’art. 12, comma 7, della legge regionale 3 marzo 1995, n. 9, recante “Tutela
dell'ambiente e nuove norme in materia di Aree naturali protette in adeguamento alla
legge 6 dicembre 1991, n. 394 e alla legge 8 giugno 1990, n. 142” (in S.O. n. 1 al B.U.R.
15 marzo 1995, n. 13), è il seguente:
«Art. 12 Piano dell'Area naturale protetta.
Omissis.
7. Il piano dell'Area naturale protetta può contenere la proposta di modifica della perimetrazione provvisoria stabilita dalla legge istitutiva ed, in ipotesi di accoglimento di
tale proposta, la nuova perimetrazione è approvata con legge regionale.
Omissis.».
Note all’art. 2:
- Il testo dell’art. 25, comma 2, della legge regionale 3 marzo 1995, n. 9 (si veda la nota
all’art. 1), è il seguente:
«Art. 25 Istituzione delle Aree naturali protette regionali.
Omissis.
2. Le perimetrazioni provvisorie, a scala 1:25000, per ciascuna delle suddette Aree naturali protette sono rappresentate nelle cartografie allegate alla presente legge.
Omissis.».
- Il testo dell’art. 15 della legge regionale 24 marzo 2000, n. 27, recante “Piano urbanistico territoriale” (in S.O. al B.U.R. 31 maggio 2000, n. 31), come modificato dall’art. 50 della legge regionale 19 novembre 2001, n. 28 (in S.O. n. 1 al B.U.R. 28
novembre 2001, n. 58), è il seguente:
«Art. 15 Aree boscate.
1. Per la definizione di aree boscate si fa riferimento alla definizione dell'art. 5 della legge regionale 19 novembre 2001, n. 28.
2. Le aree boscate e quelle dove il bosco è parzialmente o totalmente distrutto da incendi, alluvioni o frane sono ulteriormente disciplinate dal PTCP quale piano paesistico - ambientale, ai fini della tutela e salvaguardia dell'estensione della superficie boscata e delle relative radure perimetrali o interne, fermo restando il divieto assoluto di nuovi interventi edilizi.
3. I comuni recepiscono nel PRG parte strutturale, le perimetrazioni delle aree boscate in conformità alla definizione di cui al comma 1 ed alla disciplina del PTCP, ed individuano, nelle aree extraurbane, una fascia di transizione in cui l'attività edilizia è limitata agli interventi di cui all'art. 31, lett. a), b), c) e d) della legge 5 agosto 1978, n. 457.
4. La Regione destina risorse finanziarie per valorizzare le fasce di transizione circostanti il bosco al fine di assicurare un adeguato reddito ai coltivatori che ne riconvertano l'uso per produzioni ecocompatibili.
5. Le aree boscate non sono computabili ai fini dell'applicazione della densità edilizia prevista per le zone agricole dall'art. 8 della legge regionale 2 settembre 1974, n. 53, e successive modificazioni ed integrazioni.
6. Nelle aree boscate sono consentiti gli interventi sul patrimonio edilizio esistente ai sensi dell'art. 8 dalla legge regionale 2 settembre 1974, n. 53 e successive modificazioni ed integrazioni.
7. Nelle aree boscate e nelle fasce di transizione è consentita altresì la realizzazione di infrastrutture a rete e puntuali di rilevante interesse pubblico, qualora sia dimostrata l'impossibilità di soluzioni alternative, nonché le opere di sistemazione idraulica e forestale e gli interventi previsti dalla legge regionale 3 gennaio 2000, n. 2, con le modalità ivi indicate.
8. Gli impianti di arboricoltura da legno, gli imboschimenti ed i rimboschimenti sono individuati dalla Giunta regionale su apposita cartografia.».
Formula Finale:
La presente legge regionale sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione.
È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione Umbria.Data a Perugia, addì 7 febbraio 2005
LORENZETTI



STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

Groups of Companies in the European Company Law - Annullato
Milano, 17 aprile 2020, Università degli Studi di Milano Sala Napoleonica
ore 09:00Sala Napoleonica - Sant'Antoniovia Sant'Antonio, 10/12, 20122 MilanoIl diritto d’impresa nell’Unione ...
I segreti dell’ex cliente (conferimento dell’incarico art 23) aspetto deontologici e disciplinari
Napoli, 21 gennaio 2020, nuovo palazzo di giustizia di Napoli
ore 11,00 - 13,30 - sala MetaforaSaluti istituzionaliAvv. Antonio tafuriPresidente dell’ordine degli ...
XXXIV Convegno annuale dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti
Bergamo, venerdì 15 e sabato 16 novembre 2019
Eguaglianza e discriminazioni nell’epoca contemporaneaPrima sessione: Discriminazioni di genereVenerdì ...
Il rapporto di lavoro dopo il Jobs Act: un mosaico di discipline
Roma, 9-16-23-30 ottobre 2015 e 6-13 novembre 2015, Teatro Manzoni
Venerdì 9 ottobre 2015 “Il contratto a tutele crescenti” Prof. Avv. Arturo MARESCA, Ordinario di Diritto ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Atti e procedure della Polizia municipale
E. Fiore, Maggioli Editore, 2014
Il manuale insegna ad individuare le corrette procedure per l'accertamento degli illeciti sia amministrativi ...
Formulario degli atti notarili 2014
A. Avanzini, L. Iberati, A. Lovato, UTET Giuridica, 2014
Il formulario soddisfa le esigenze pratiche del notaio, poiché consente di individuare, mediante una ...
     Tutti i LIBRI >