Aggiornato al con n.40616 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa regionale - Valle d'Aosta

Indietro
Legge regionale 7 dicembre 2009, n. 43
Disposizioni in materia di sostegno economico alle famiglie mediante concorso alle spese per il riscaldamento domestico.
 

Il Consiglio regionale ha approvato
IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE


Promulga la seguente legge


ARTICOLO 1
(Oggetto e finalità)


1. La presente legge disciplina le modalità di concessione di contributi annuali, forfetari, a fondo perduto finalizzati a sostenere finanziariamente le famiglie, in ragione dei sovraccosti derivanti dalle condizioni climatiche alpine, mediante concorso alle spese per il riscaldamento domestico.


ARTICOLO 2
(Soggetti beneficiari)


1. I contributi previsti dalla presente legge sono concessi alle famiglie anagrafiche che risultano residenti nel territorio regionale al 1° gennaio di ogni anno.
2. Ai fini di cui alla presente legge, per la definizione di famiglia anagrafica si prende a riferimento l’articolo 4 del decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989, n. 223 (Approvazione del nuovo regolamento anagrafico della popolazione residente).
3. In ogni caso, i contributi non possono essere concessi a più di
una famiglia anagrafica per ciascuna abitazione.


ARTICOLO 3
(Criteri per la concessione dei contributi)


1. La Giunta regionale stabilisce, sentite le Commissioni consiliari competenti, i criteri per la quantificazione e la graduazione dei contributi previsti dalla presente legge, differenziando l’entità dei medesimi con riferimento al numero dei
componenti la famiglia anagrafica, al contesto ambientale ove è
ubicata l’abitazione in cui risiedono i soggetti beneficiari e a eventuali parametri di efficienza energetica.
2. La Giunta regionale stabilisce, inoltre, sentite le Commissioni consiliari competenti, ogni altro adempimento o aspetto, anche procedimentale, necessario all’attuazione della presente legge.


ARTICOLO 4
(Procedimento)


1. La concessione dei contributi di cui alla presente legge spetta alla struttura regionale competente in materia di energia, di seguito denominata struttura competente, che verifica la sussistenza dei requisiti e dispone, con provvedimento del dirigente responsabile, la concessione o il diniego dei contributi medesimi.
2. La domanda diretta all’ottenimento dei contributi è presentata
una sola volta. I contributi sono erogati di anno in anno, salvo rinuncia del soggetto beneficiario o il venir meno dei requisiti ai quali la presente legge subordina la concessione dei medesimi.
I soggetti beneficiari sono tenuti a comunicare, senza ritardo, alla struttura competente ogni mutamento dei predetti requisiti, anche quando ciò determini la sola riduzione dell’importo dovuto.
3. Per il ricevimento delle domande e per lo svolgimento della relativa istruttoria, la struttura competente può avvalersi, in conformità alla normativa vigente, di soggetti esterni all’Amministrazione regionale.


ARTICOLO 5
(Revoca)


1. I contributi di cui alla presente legge sono revocati qualora dai controlli effettuati dalla struttura competente, anche a campione, emerga la non veridicità delle dichiarazioni rese o il mancato rispetto delle disposizioni di cui alla presente legge e di quelle attuative adottate ai sensi dell’articolo 3.
2. In caso di revoca, il contributo percepito è restituito entro sessanta giorni dalla comunicazione del relativo provvedimento, maggiorato degli interessi legali a decorrere dalla data di erogazione del contributo.


ARTICOLO 6
(Disposizioni finanziarie)


1. L’onere complessivo derivante dall’applicazione della presente
legge è determinato in euro 17.700.000 a decorrere dall’anno 2010.
2. Con riferimento al bilancio pluriennale della Regione per il triennio 2009/2011 l’onere di cui al comma 1 trova copertura nello
stato di previsione della spesa negli obiettivi programmatici 2.2.2.15. (Interventi nel settore delle risorse energetiche) e 2.1.6.01. (Consulenze, incarichi e studi) e al finanziamento si provvede:
a) per l’anno 2010 mediante la riduzione degli stanziamenti iscritti nel bilancio pluriennale della Regione per il triennio 2009/2011 nei seguenti obiettivi programmatici:
1) 1.3.1. (Funzionamento dei servizi regionali), al capitolo 39090 (Compensazione credito I.V.A. relativa alle attività commerciali della Regione) per euro 900.000;
2) 2.1.4.02. (Partecipazioni azionarie e conferimenti), al capitolo 35620 (Spese per la costituzione del fondo di dotazione della Finaosta S.p.A. per gli interventi della gestione speciale) per euro 13.000.000 e al capitolo 35625 (Trasferimento ai fondi di
rotazione Finaosta) per euro 200.000;
3) 2.1.5. (Programmi di informatizzazione di interesse regionale),
al capitolo 21881 (Spese per la gestione della distribuzione dei
generi contingentati e per i relativi sistemi informatici) per euro 710.000;
4) 2.2.2.14. (Interventi nel settore dei trasporti), al capitolo 68095 (Spese per la manutenzione straordinaria del collegamento
tramviario Cogne-Eaux froides-Plan Praz) per euro 2.000.000;
5) 2.2.2.15. (Interventi nel settore delle risorse energetiche), al capitolo 33793 (Spese per il funzionamento del centro di osservazione avanzato sulle energie di flusso e sull’energia di rete in ordine all’applicazione della normativa sul rendimento energetico nell’edilizia) per euro 440.000;
6) 3.1. (Fondi globali), al capitolo 69000 (Fondo globale per il finanziamento di spese correnti) per euro 450.000 a valere sull’accantonamento previsto al punto B.2.1 (Riforma dell’organizzazione turistica regionale) dell’allegato n. 1 al bilancio stesso;
b) per l’anno 2011 mediante l’iscrizione di una maggiore entrata
di euro 17.700.000 sul capitolo 01405 (Quote fisse di ripartizione
sul gettito dell’imposta di fabbricazione sulla benzina, sugli oli da gas per autotrazione e sui gas petroliferi liquefatti per autotrazione di cui all’art. 4 ultimo comma della Legge 26 novembre 1981, n. 690) del bilancio pluriennale della Regione per il triennio 2009/2011.
3. Con riferimento al bilancio di previsione della Regione per il
triennio 2010/2012 l’onere di cui al comma 1 trova copertura nello
stato di previsione della spesa nelle unità previsionali di base
1.11.7.10 (Interventi per l’attuazione degli strumenti di pianificazione energetico ambientale) e 1.3.1.13. (Consulenze,
studi e collaborazioni tecniche) e al finanziamento si provvede
mediante l’utilizzo delle risorse iscritte nell’UPB 1.16.2.10 (Fondo globale di parte corrente) a valere sull’apposito accantonamento previsto al punto E.4. (Sostegno economico alle famiglie mediante concorso alle spese per il riscaldamento domestico) dell’allegato 2/A del medesimo bilancio.
4. Per l’applicazione della presente legge, la Giunta regionale è autorizzata ad apportare, con propria deliberazione, su proposta
dell’assessore regionale competente in materia di bilancio, le occorrenti variazioni di bilancio.


ARTICOLO 7
(Disposizioni transitorie e finali)


1. I contributi di cui alla presente legge sono concessi a partire
dall’anno 2010.
2. In sede di prima applicazione, in relazione ai contributi previsti per l’anno 2010, la Giunta regionale tiene conto esclusivamente del criterio relativo al numero dei componenti la famiglia anagrafica di cui all’articolo 3, comma 1.


Formula Finale:
La presente legge sarà pubblicata sul Bollettino ufficiale della Regione.
È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione autonoma Valle d'Aosta.
Aosta, 7 dicembre 2009.
Il Presidente
ROLLANDIN



STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

Groups of Companies in the European Company Law - Annullato
Milano, 17 aprile 2020, Università degli Studi di Milano Sala Napoleonica
ore 09:00Sala Napoleonica - Sant'Antoniovia Sant'Antonio, 10/12, 20122 MilanoIl diritto d’impresa nell’Unione ...
I segreti dell’ex cliente (conferimento dell’incarico art 23) aspetto deontologici e disciplinari
Napoli, 21 gennaio 2020, nuovo palazzo di giustizia di Napoli
ore 11,00 - 13,30 - sala MetaforaSaluti istituzionaliAvv. Antonio tafuriPresidente dell’ordine degli ...
XXXIV Convegno annuale dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti
Bergamo, venerdì 15 e sabato 16 novembre 2019
Eguaglianza e discriminazioni nell’epoca contemporaneaPrima sessione: Discriminazioni di genereVenerdì ...
Il rapporto di lavoro dopo il Jobs Act: un mosaico di discipline
Roma, 9-16-23-30 ottobre 2015 e 6-13 novembre 2015, Teatro Manzoni
Venerdì 9 ottobre 2015 “Il contratto a tutele crescenti” Prof. Avv. Arturo MARESCA, Ordinario di Diritto ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Formulario degli atti notarili 2014
A. Avanzini, L. Iberati, A. Lovato, UTET Giuridica, 2014
Il formulario soddisfa le esigenze pratiche del notaio, poiché consente di individuare, mediante una ...
Atti e procedure della Polizia municipale
E. Fiore, Maggioli Editore, 2014
Il manuale insegna ad individuare le corrette procedure per l'accertamento degli illeciti sia amministrativi ...
Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
     Tutti i LIBRI >