Aggiornato al con n.41351 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa regionale - Calabria

Indietro
Legge regionale 26 febbraio 2010, n. 10
Bilancio di previsione della Regione Calabria per l’anno finanziario 2010 e bilancio pluriennale per il triennio 2010/2012
 

Il Consiglio regionale ha approvato


IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE


promulga la seguente legge


ARTICOLO 1
(Bilancio di competenza -Stato di previsione dell’entrata e della spesa)


1. È approvato in euro 9.224.776.658,48 lo stato di previsione di competenza delle unità previsionali di base dell’entrata della Regione per l’anno finanziario 2010, al netto delle contabilità speciali, annesso alla presente legge (tabella A – 2^ colonna).
2. È approvato in euro 3.825.965.000,00 lo stato di previsione di competenza del totale delle contabilità speciali dell’entrata della Regione per l’anno finanziario 2010, annesso alla presente legge (tabella A – 2^ colonna - riga contabilità speciali).
3. È autorizzato l’accertamento dei tributi e delle altre entrate per l’anno 2010.
4. È approvato in euro 9.224.776.658,48 lo stato di previsione di competenza delle unità previsionali di base della spesa della Regione per l’anno finanziario 2010, al netto delle contabilità speciali, annesso alla presente legge (tabella B – 2^ colonna).
5. È approvato in euro 3.825.965.000,00 lo stato di previsione di competenza del totale delle contabilità speciali della spesa della Regione per l’anno finanziario 2010, annesso alla presente legge (tabella B – 2^ colonna - riga contabilità speciali).
6. È autorizzata l’assunzione di impegni entro i limiti degli stanziamenti dello stato di previsione di cui ai precedenti commi 4 e 5.


ARTICOLO 2
(Bilancio di cassa - Stato di previsione dell’entrata e della spesa)


1. È approvato in euro 11.663.795.175,67 lo stato di previsione di cassa delle unità previsionali di base dell’entrata della Regione per l’anno finanziario 2010, al netto delle contabilità speciali, annesso alla presente legge (tabella A – 3^ colonna).
2. È approvato in euro 4.112.883.248,92 lo stato di previsione di cassa del totale delle contabilità speciali dell’entrata della Regione per l’anno finanziario 2010, annesso alla presente legge (tabella A – 3^ colonna – riga contabilità speciali).
3. Sono autorizzate le riscossioni ed il versamento dei tributi e delle entrate per l’anno 2010.
4. È approvato in euro 10.858.221.754,30 lo stato di previsione di cassa delle unità previsionali di base della spesa della Regione per l’anno finanziario 2010, al netto delle contabilità speciali, annesso alla presente legge (tabella B – 3^ colonna).
5. È approvato in euro 4.325.568.393,94 lo stato di previsione di cassa del totale delle contabilità speciali della spesa della Regione per l’anno finanziario 2010, annesso alla presente legge (tabella
B – 3^ colonna – riga contabilità speciali).
6. È autorizzato il pagamento delle spese entro i limiti degli stanziamenti dello stato di previsione di cui ai precedenti commi 4 e 5.


ARTICOLO 3
(Residui attivi e passivi presunti)


1. È approvato in euro 6.222.397.515,56 il totale dei residui attivi presunti delle unità previsionali di base al 1° gennaio 2010, al netto delle contabilità speciali, di cui al conto annesso alla presente legge (tabella A – 1^ colonna ).
2. È approvato in euro 286.918.248,92 il totale dei residui attivi presunti delle contabilità speciali al 1° gennaio 2010, di cui al conto annesso alla presente legge (tabella A – 1^ colonna - riga contabilità speciali).
3. È approvato in euro 2.411.217.208,75 il totale dei residui passivi presunti delle unità previsionali di base al 1° gennaio 2010, al netto delle contabilità speciali, di cui al conto annesso alla presente legge ( tabella B – 1^ colonna).
4. È approvato in euro 499.603.393,94 il totale dei residui passivi presunti delle contabilità speciali al 1° gennaio 2010, di cui al conto annesso alla presente legge (tabella B – 1^ colonna - riga contabilità speciali).


ARTICOLO 4
(Residui perenti)


1. L’importo complessivo presunto degli impegni di spesa regolarmente assunti negli esercizi precedenti, in perenzione amministrativa alla chiusura dell’esercizio 2010 a norma dell’articolo 52, commi 3 e 4, della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8, è pari ad euro 471.830.370,65, di cui euro 197.644.413,37 di parte corrente ed euro 274.185.957,28 di parte in conto capitale.
2. L’importo complessivo da iscrivere nelle apposite UPB dello stato di previsione della spesa 8.3.01.01 (parte corrente) e 8.03.01.02 (parte in conto capitale), relativo ai residui in perenzione amministrativa che si prevede possano essere reclamati dai creditori nel corso dell’esercizio finanziario 2010, è determinato in euro 358.591.081,16 - di cui euro 150.209.754,16 (capitolo 7003101) di parte corrente ed euro 208.381.327,53 di parte in conto capitale (7003201).
3. La copertura finanziaria della spesa di cui al precedente comma è garantita da quota parte del saldo finanziario positivo (avanzo d’amministrazione).


ARTICOLO 5
(Utilizzo del saldo finanziario presunto alla chiusura dell’esercizio 2009)


1. La quota del saldo finanziario presunto alla chiusura dell’esercizio finanziario 2009 applicata al bilancio di previsione 2010, determinata in euro 3.702.088.946,24, è utilizzata per come di seguito specificato:
- per euro 3.250.116.536,31 per la reiscrizione in bilancio delle economie di spesa dell’esercizio 2009 finanziate con fondi assegnati con vincolo di destinazione così come indicato nella parte A dell’allegato 1 al bilancio;
- per euro 358.591.081,69 per la copertura dei residui perenti così come indicato nella parte B dell’allegato 1 al bilancio;
- per euro 93.381.328,24 per la copertura di spese finanziate con la quota di disponibilità residua, così come indicato nella parte C dell’allegato 1 al bilancio.


ARTICOLO 6
(Autorizzazione al ricorso all’indebitamento)


1. Ai sensi dell’articolo 26 della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8, la Giunta regionale è autorizzata a contrarre nell’anno 2010 mutui o a ricorrere a prestiti obbligazionari, con oneri a carico del bilancio regionale, per la copertura del disavanzo finanziario dell’anno 2010 nell’importo massimo di euro 211.407.933,48, per le finalità indicate nell’apposito allegato n. 3 «Elenco delle spese iscritte nel bilancio di previsione 2010 da finanziarsi con mutuo o altre forme di indebitamento».
Nella predetta somma sono compresi gli importi relativi alle operazioni di indebitamento autorizzate nell’esercizio precedente con lo stesso articolo 6, comma 1, della legge di bilancio, ma non perfezionate ai sensi dell’articolo 27, commi 4 e 5, della legge regionale di contabilità.
2. I mutui o prestiti obbligazionari di cui al precedente comma per spese di investimento a carico del bilancio regionale saranno contratti, per una durata massima di anni trenta subordinatamente al verificarsi delle condizioni di volta in volta ritenute necessarie, ai sensi di quanto disposto dall’articolo 27, commi 3, 4 e 5, della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8.
3. Gli oneri di ammortamento dei mutui decorrono dal 1° gennaio 2011 e gli oneri relativi trovano copertura nello stanziamento di cui all’UPB 1.2.04.09 dello stato di previsione della spesa del bilancio pluriennale 2011-2013. Per gli anni successivi al 2013 le rate di ammortamento trovano copertura nei bilanci relativi.
4. I mutui autorizzati con legge regionale negli anni precedenti e non perfezionati nel corso dei medesimi anni possono essere stipulati nel corso dell’esercizio finanziario 2010.


ARTICOLO 7
(Fondo di riserva per spese obbligatorie e d’ordine)


1. Il fondo di riserva per spese obbligatorie e d’ordine, ai sensi dell’articolo 18 della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8, è iscritto nello stato di previsione della spesa all’UPB 8.2.01.01, ed è determinato per l’esercizio finanziario 2010 in euro 19.710.965,90.
2. Sono considerate obbligatorie e d’ordine le spese specificate nell’elenco allegato al documento tecnico che accompagna il bilancio di previsione annuale.


ARTICOLO 8
(Fondo di riserva per spese impreviste)


1. Il fondo di riserva per spese impreviste, ai sensi dell’articolo 19 della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8, è iscritto nello stato di previsione della spesa all’UPB 8.2.01.02, ed è determinato per l’esercizio finanziario 2010 in euro 500.000,00.


ARTICOLO 9
(Fondo di riserva di cassa)


1. Il fondo di riserva di cassa, ai sensi dell’articolo 20 della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8, è iscritto nello stato di previsione della spesa all’UPB 8.2.01.03, ed è determinato per l’esercizio finanziario 2010 in euro 350.000.000,00.


ARTICOLO 10
(Quadro generale riassuntivo)


1. È approvato il quadro generale riassuntivo dell’entrata e della spesa del bilancio di competenza e di cassa della Regione per l’anno finanziario 2010, annesso alla presente legge, ai sensi
dell’articolo 14, comma 1, lettera a), della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8.


ARTICOLO 11
(Classificazione dell’entrata e della spesa)


1. Le entrate della Regione sono classificate secondo quanto previsto dall’articolo 11 della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8. Le categorie e le unità previsionali di base delle entrate sono approvate nell’ordine e con la denominazione indicate nel relativo stato di previsione (tabella A).
2. Le spese della Regione sono classificate secondo quanto previsto dall’articolo 12 della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8. Le aree di intervento, i livelli programmatici di intervento, le funzioni obiettivo e le unità previsionali di base sono approvati nell’ordine e con la denominazione indicati nel relativo stato di previsione (tabella B).


ARTICOLO 12
(Bilancio pluriennale)


1. È approvato il bilancio pluriennale della Regione per l’arco di tempo relativo agli anni 2010/2012 allegato al bilancio annuale, ai sensi dell’articolo 4 della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8.


ARTICOLO 13
(Autorizzazione alle variazioni al bilancio)


1. La Giunta regionale, nel corso dell’esercizio finanziario 2010, è autorizzata ad effettuare variazioni al bilancio di previsione in conformità alle disposizioni di cui all’articolo 23, comma 2, della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8.
2. Gli Enti, le Aziende e le Agenzie regionali sono autorizzati ai sensi dell’articolo 57, comma 6, della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8 ad effettuare variazioni ai rispettivi bilanci nel corso dell’esercizio, nei casi previsti dal secondo comma dell’articolo 23 della stessa legge, in quanto compatibili, e previa comunicazione alle strutture regionali competenti.


ARTICOLO 14
(Erogazione al Consiglio regionale)


1. I fondi iscritti all’UPB 1.1.01.01 dello stato di previsione della spesa, pari ad euro 72.500.000,00, sono messi a disposizione del bilancio del Consiglio regionale.


ARTICOLO 15
(Allegati del bilancio)


1. Sono approvati i seguenti allegati:
- Allegato n. 1, concernente l’elenco delle spese finanziate in tutto o in parte con la disponibilità costituita dal saldo finanziario positivo (articolo 13, comma 2, della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8);
- Allegato n. 2, concernente il prospetto che mette a rapporto, per unità previsionale di base, gli stanziamenti di competenza relativi alle entrate derivanti da assegnazioni statali e comunitarie, con i correlati stanziamenti di competenza relativi alla spesa (articolo 14, comma 1, lettera a), della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8);
- Allegato n. 3, concernente l’elenco delle spese per investimento a carico del bilancio regionale da finanziare con mutuo o con altre forme di indebitamento ai sensi degli articoli 26 e 27 della legge regionale 4 febbraio 2002, n. 8;
- Allegato n. 4, contenente la nota dimostrativa degli oneri ed impegni finanziari derivanti dalla sottoscrizione di strumenti finanziari ai sensi dell’articolo 14, comma 2, lettera d), della legge
regionale 4 febbraio 2002, n. 8.


ARTICOLO 16
(Pubblicazione)


1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.


Formula Finale:
La presente legge è pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo, a chiunque spetti, di osservarla e di farla osservare come legge della Regione Calabria.
Catanzaro 26 febbraio 2010 – Loiero


ALLEGATO 1
ALLEGATO Bilancio di previsione della Regione Calabria per l’anno finanziario2010 e bilancio
pluriennale per il triennio 2010/2012.
(L’allegato in oggetto non è acquisito nel sito)



STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

IL DUBBIO RAZIONALE E LA SUA PROGRESSIVA SCOMPARSA NEL GIUDIZIO PENALE
Roma, 11 luglio 2022, in diretta facebook
11 luglio 2022in diretta facebookIntervengono:Avv. Antonino Galletti, Presidente del Consiglio dell'Ordine ...
FORMAZIONE INTEGRATIVA IN MATERIA DI DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI
Milano, giovedì 15, 22, 29 settembre e 6 ottobre 2022, piattaforma Zoom meeting
4 incontrigiovedì 15, 22, 29 settembre e 6 ottobre 2022 dalle 14.30 alle 18.30 su piattaforma ZoomDestinatariMediatori ...
XXXVI CONVEGNO ANNUALE DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI COSTITUZIONALISTI “LINGUA LINGUAGGI DIRITTI”
Messina e Taormina, giovedì 27, venerdì 28 e sabato 29 ottobre 2022
giovedì 27, venerdì 28 e sabato 29 ottobre 2022Università degli Studi di Messina, Aula Magna Rettorato, ...
LA FORMAZIONE DELL’AVVOCATO DEI GENITORI NEI PROCEDIMENTI MINORILI E DI FAMIGLIA
Napoli, 13 Ottobre 2022, Sala “A. Metafora”
Webinar su piattaforma CISCO WEBEX del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoliore 15.00 - 18.00Giovedì ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Guida pratica al Processo Telematico aggiornata al D.L. n. 90/2014
P. Della Costanza, N. Gargano, Giuffrè Editore, 2014
Piano dell'opera- La digitalizzazione dell’avvocatura oltre l’obbligatorietà- Cos’è il processo telematico- ...
Atti e procedure della Polizia municipale
E. Fiore, Maggioli Editore, 2014
Il manuale insegna ad individuare le corrette procedure per l'accertamento degli illeciti sia amministrativi ...
Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
     Tutti i LIBRI >