Aggiornato al con n.41351 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa regionale - Marche

Indietro
Legge regionale 26 febbraio 2008, n. 4
Trasferimento ai Comuni di alloggi di edilizia sovvenzionata realizzati ai sensi dell'art. 7 della legge 30 marzo 1998, n. 61 "Conversione in legge con modificazioni del decreto legge 30 gennaio 1998, n. 6 recante ulteriori interventi urgenti in favore delle zone terremotate"
 
Il Consiglio regionale ha approvato.
IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Promulga la seguente legge

ARTICOLO 1
Disposizioni relative agli alloggi di edilizia sovvenzionata di cui all’articolo 7della legge 61/1998)

1. Le disposizioni della presente legge riguardano gli alloggi di cui al piano straordinario previsto dall’articolo 7 della legge 30 marzo 1998, n. 61 (Conversione in legge, con modificazioni, del decreto legge 30 gennaio 1998, n. 6, recante ulteriori interventi urgenti in favore delle zone terremotate delle regioni Marche e Umbria e di altre zone colpite da eventi calamitosi), finalizzato all’acquisto, costruzione, recupero di ulteriori unità abitative di edilizia sovvenzionata per soddisfare le esigenze temporanee delle famiglie coinvolte negli eventi sismici del 1997.
2. Gli alloggi di cui alla presente legge, se di proprietà dell’ERAP, una volta cessate le esigenze di sistemazione temporanea dei nuclei familiari terremotati e detratta la quota necessaria a soddisfare il fabbisogno di edilizia residenziale pubblica nel territorio comunale, sono trasferiti in proprietà ai Comuni in cui sono ubicati, con oneri a carico dei Comuni medesimi.

ARTICOLO 2
(Destinazione degli alloggi)

1. I Comuni utilizzano gli alloggi di cui all’articolo 1 per le seguenti finalità:
a) politiche di reinserimento abitativo nelle aree soggette a calo demografico e invecchiamento della popolazione mediante locazione a canone concordato ai sensi dell’articolo 2, comma 3, della legge 9 dicembre 1998, n. 431 (Disciplina delle locazioni e del rilascio di immobili adibiti ad uso abitativo) o la destinazione a particolari categorie sociali;
b) fini sociali, culturali o di ricerca scientifica;
c) fini ricreativi di interesse pubblico o altre finalità pubbliche;
d) alienazione con procedure ad evidenza pubblica, salva la priorità nella cessione spettante a coloro che ne fanno uso legittimo, in base a contratto di affitto, di concessione o comodato e che risultino in possesso dei requisiti per essere assegnatari di alloggi di edilizia residenziale pubblica.
2. Le finalità di cui alle lettere b) e c) del comma 1 possono essere perseguite mediante convenzione con la Comunità montana, con l’Università, con l’ente parco, con altri enti pubblici e con associazioni o organismi senza fini di lucro.
3. Qualora necessario, prima di disporre le alienazioni di cui alla lettera d) del comma 1, i Comuni dispongono il passaggio degli alloggi al patrimonio disponibile.

ARTICOLO 3
(Procedure per l’attuazione)

1. I Comuni interessati individuano gli alloggi e propongono all’approvazione della Giunta regionale un prospetto contenente il numero e l’ubicazione degli alloggi da destinare a ciascuna delle finalità di cui all’articolo 2 e la motivazione delle scelte. Al prospetto è allegata la documentazione relativa agli alloggi.
2. Il prezzo di alienazione degli alloggi di cui all’articolo 2, comma 1, lettera d), viene determinato ai sensi dell’articolo 20 septiesdecies, commi 4 e 5, della legge regionale 16 dicembre 2005, n. 36 (Riordino del sistema regionale delle politiche abitative).
3. Le somme provenienti dall’alienazione sono utilizzate dai Comuni per la realizzazione o il recupero di alloggi di edilizia sovvenzionata o agevolata, per opere pubbliche, per interventi di riqualificazione urbana.

Formula Finale:
La presente legge è pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge della regione Marche.
Data ad Ancona, addì 26 febbraio 2008


STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

IL DUBBIO RAZIONALE E LA SUA PROGRESSIVA SCOMPARSA NEL GIUDIZIO PENALE
Roma, 11 luglio 2022, in diretta facebook
11 luglio 2022in diretta facebookIntervengono:Avv. Antonino Galletti, Presidente del Consiglio dell'Ordine ...
FORMAZIONE INTEGRATIVA IN MATERIA DI DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI
Milano, giovedì 15, 22, 29 settembre e 6 ottobre 2022, piattaforma Zoom meeting
4 incontrigiovedì 15, 22, 29 settembre e 6 ottobre 2022 dalle 14.30 alle 18.30 su piattaforma ZoomDestinatariMediatori ...
XXXVI CONVEGNO ANNUALE DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI COSTITUZIONALISTI “LINGUA LINGUAGGI DIRITTI”
Messina e Taormina, giovedì 27, venerdì 28 e sabato 29 ottobre 2022
giovedì 27, venerdì 28 e sabato 29 ottobre 2022Università degli Studi di Messina, Aula Magna Rettorato, ...
LA FORMAZIONE DELL’AVVOCATO DEI GENITORI NEI PROCEDIMENTI MINORILI E DI FAMIGLIA
Napoli, 13 Ottobre 2022, Sala “A. Metafora”
Webinar su piattaforma CISCO WEBEX del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoliore 15.00 - 18.00Giovedì ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Manuale di diritto amministrativo 2014
F. Caringella, Dike Giuridica Editrice, 2014
Nel corso dell'ultimo anno le incessanti fatiche della giurisprudenza hanno dato vitalità all'introduzione, ...
Formulario degli atti notarili 2014
A. Avanzini, L. Iberati, A. Lovato, UTET Giuridica, 2014
Il formulario soddisfa le esigenze pratiche del notaio, poiché consente di individuare, mediante una ...
Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
     Tutti i LIBRI >