Aggiornato al con n.40567 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa regionale - Valle d'Aosta

Indietro
Legge regionale 22 luglio 2005, n. 17
Disposizioni in materia di trasporto di viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus con conducente.
 

Il Consiglio regionale ha approvato
IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE


Promulga la seguente legge


ARTICOLO 1
(Oggetto)


1. La presente legge disciplina, in armonia con quanto previsto dalla legge 11 agosto 2003, n. 218 (Disciplina dell’attività di trasporto di viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus con conducente), il trasporto di viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus con conducente.


ARTICOLO 2
(Definizioni)


1. Ai fini della presente legge, si intende per:
a) imprese esercenti servizi di noleggio di autobus con conducente, quelle che, in possesso dei requisiti relativi all’accesso alla professione di trasportatore su strada di viaggiatori, secondo quanto previsto dal decreto legislativo 22 dicembre 2000, n. 395 (Attuazione della direttiva del Consiglio dell’Unione europea n. 98/76/CE del 1° ottobre 1998, modificativa della direttiva n. 96/26/CE del 29 aprile 1996 riguardante l’accesso alla professione di trasportatore su strada di merci e di viaggiatori, nonché il riconoscimento reciproco di diplomi, certificati e altri titoli allo scopo di favorire l’esercizio della libertà di stabilimento di detti trasportatori nel settore dei trasporti nazionali ed internazionali), svolgono attività di trasporto di persone con le modalità di cui alla lettera b), utilizzando autobus rispondenti alle caratteristiche tecniche di esercizio, dei quali hanno la disponibilità;
b) servizi di noleggio di autobus con conducente, i servizi di trasporto di viaggiatori effettuati da una impresa professionale per uno o più viaggi richiesti da terzi committenti o offerti direttamente a gruppi precostituiti,
con preventiva definizione del periodo di effettuazione, della durata e dell’importo complessivo dovuto per l’impiego e l’impegno dell’autobus adibito al servizio, da corrispondere unitariamente o da frazionare tra i singoli componenti del gruppo;
c) autobus, gli autoveicoli definiti dall’articolo 54, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada);
d) disponibilità degli autobus, il legittimo possesso conseguente ad acquisto in proprietà, usufrutto, locazione con facoltà di acquisto, vendita con patto di riservato dominio.


ARTICOLO 3
(Autorizzazioni)


1. La Regione rilascia l’autorizzazione per l’attività di noleggio alle imprese in possesso dei requisiti previsti per l’esercizio della professione di trasportatore di persone che abbiano la sede legale nel territorio regionale.
2. L’impresa interessata, al fine del rilascio dell’autorizzazione di cui al comma 1, deve presentare apposita domanda alla struttura regionale competente in materia di trasporto pubblico locale, di seguito denominata struttura competente, nella quale sono indicati:
a) la denominazione aziendale;
b) la sede legale;
c) il possesso dei requisiti di onorabilità, idoneità finanziaria,
idoneità professionale e aggiornamento professionale previsti dalla normativa vigente;
d) il numero degli autobus disponibili per il servizio di noleggio e i loro estremi identificativi;
e) il numero degli eventuali autobus acquistati con contributo pubblico o cofinanziati e i loro estremi identificativi;
f) il possesso o meno dell’attestato di idoneità professionale estesa all’attività internazionale;
g) la natura giuridica del rapporto del personale in azienda;
h) il possesso del certificato di abilitazione professionale, di cui all’articolo 116, comma 8, del d.lgs. 285/1992, da parte del personale conducente;
i) il numero dei conducenti.
3. Alla domanda di cui al comma 2 è allegata:
a) per i conducenti, la dichiarazione di cui all’articolo 5, comma 2,
sottoscritta dal legale rappresentante dell’impresa, attestante la qualità di dipendente o di lavoratore con contratti temporanei consentiti dalla normativa vigente o la documentazione attestante la qualità di titolare, socio o collaboratore familiare;
b) la documentazione attestante la tipologia dei contratti collettivi di categoria applicati al personale.
4. L’autorizzazione non è soggetta a limiti territoriali, ha durata illimitata e la sua efficacia è in ogni caso subordinata alla permanenza dei requisiti di cui ai commi 2 e 3.
5. La verifica della permanenza dei requisiti di cui ai commi 2 e 3 è effettuata almeno ogni due anni.
6. L’impresa è tenuta a comunicare alla struttura competente le eventuali variazioni, rispetto ai requisiti dichiarati e previsti ai commi 2 e 3, entro quindici giorni dall’avvenuta variazione.


ARTICOLO 4
(Registro regionale delle imprese)


1. Presso la struttura competente, è istituito il registro regionale delle imprese esercenti l’attività di trasporto di viaggiatori mediante noleggio di autobus con conducente.
2. Nel registro regionale delle imprese sono inseriti i dati indicati dalle imprese autorizzate nella domanda di cui all’articolo 3.


ARTICOLO 5
(Disposizioni concernenti i conducenti)


1. I conducenti dei mezzi adibiti al servizio di noleggio di autobus con conducente possono essere lavoratori dipendenti, lavoratori assunti con contratto a termine o altre tipologie contrattuali per lavoro temporaneo consentite dalla normativa vigente, titolari, soci o collaboratori familiari
di imprese titolari delle relative autorizzazioni.
2. La qualità di dipendente o di lavoratore con contratto di prestazioni di lavoro temporaneo è attestata mediante dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, resa dal legale rappresentante dell’impresa ai sensi dell’articolo 36 della legge regionale 2 luglio 1999, n. 18 (Nuove disposizioni in materia di procedimento amministrativo, di diritto di accesso ai documenti amministrativi e di dichiarazioni sostitutive. Abrogazione della legge regionale 6 settembre 1991, n. 59), dalla quale, nel caso di lavoratore dipendente, risultino, altresì, gli estremi della registrazione a libro matricola e il rispetto dei contratti collettivi di categoria. Tale documentazione deve essere in possesso del dipendente e del lavoratore in servizio. La qualità di titolare, socio o collaboratore familiare deve risultare dall’iscrizione nel registro delle imprese.


ARTICOLO 6
(Documento fiscale)


1. L’impresa è tenuta a compilare per ogni servizio di noleggio il documento fiscale di cui all’articolo 7 della l. 218/2003.


ARTICOLO 7
(Disposizioni concernenti i mezzi destinati al servizio)


1. L’impresa deve destinare al servizio di noleggio con conducente a mezzo autobus mezzi risultanti dal registro regionale di cui all’articolo 4, di vetustà non superiore a dodici anni, revisionati e muniti di cronotachigrafo funzionante ed estintore omologato.
2. L’impresa deve conservare a bordo dei veicoli l’autorizzazione di cui all’articolo 3, il documento fiscale di cui all’articolo 6, la carta di circolazione e il certificato di abilitazione professionale del conducente di cui all’articolo 3, comma 2, lettera h).


ARTICOLO 8
(Attività di noleggio di autobus acquistati con contributo pubblico)


1. È vietato l’utilizzo, anche occasionale, per l’attività di noleggio, di autobus acquistati con contributo pubblico anche in data anteriore all’entrata in vigore della presente legge.
2. In deroga a quanto stabilito al comma 1, l’uso di autobus acquistati con contributo pubblico è consentito unicamente in situazioni di emergenza che richiedano la temporanea sostituzione di servizi di trasporto pubblico locale, di norma effettuati con mezzi ferroviari, funivie o funicolari.
3. L’autorizzazione di cui all’articolo 29 della legge regionale 1° settembre 1997, n. 29 (Norme in materia di servizi di trasporto pubblico di linea), non può essere concessa per gli autobus destinati al servizio di linea acquistati con contributo pubblico.


ARTICOLO 9
(Disposizioni in materia di contabilità)


1. Le imprese che svolgono sia servizi di trasporto pubblico locale sia attività di noleggio sono tenute ad adottare un regime di contabilità separata tra le diverse attività.


ARTICOLO 10
(Obblighi dei conducenti)


1. I conducenti degli autobus in servizio di noleggio hanno l’obbligo di:


a) esibire ad ogni richiesta degli agenti incaricati della sorveglianza sulla circolazione stradale i documenti inerenti all’attività in esercizio;
b) effettuare i servizi richiesti dagli agenti della forza pubblica per ragioni di ordine pubblico e di sicurezza dei cittadini;
c) non chiedere compensi ai passeggeri dell’autoveicolo;
d) non interrompere il servizio o modificare il percorso, salvo che su richiesta dell’utente o nei casi di accertata forza maggiore o di evidente pericolo.


ARTICOLO 11
(Sanzioni)


1. L’esercizio dell’attività di noleggio in assenza dell’autorizzazione di cui all’articolo 3 comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro da euro 500 a euro 3.000.
2. L’inosservanza delle disposizioni di cui all’articolo 7, comma 1, comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro da euro 500 a euro 3.000.
3. L’inosservanza degli obblighi di cui agli articoli 7, comma 2, e 10, comma 1, lettera a), comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro da euro 200 a euro 1.500.
4. L’inosservanza degli obblighi di cui all’articolo 10, comma 1, lettere b), c) e d), comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro da euro 200 a euro 2.000.


ARTICOLO 12
(Applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie)


1. Per l’applicazione delle sanzioni amministrative di cui all’articolo 11, si osservano le disposizioni di cui alla legge 24 novembre 1981, n. 689 (Modifiche al sistema penale), da ultimo modificata dal decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.
2. Competente all’irrogazione delle sanzioni amministrative di cui all’articolo 11 è il Presidente della Regione, sulla base degli accertamenti e delle contestazioni effettuate dai funzionari, ufficiali e agenti dello Stato, della Regione e dei Comuni.
3. I proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie di cui all’articolo 11 sono introitati sul capitolo 7700 (Proventi pene pecuniarie per contravvenzioni) del bilancio regionale.


ARTICOLO 13
(Sospensione e revoca dell’autorizzazione)


1. Per le violazioni delle disposizioni di cui agli articoli 7 e 10 l’autorizzazione è sospesa:
a) da un minimo di venti ad un massimo di quaranta giorni, sulla base del numero delle violazioni sanzionate nel corso dell’anno. Il numero minimo delle violazioni da prendere a riferimento è di quattro per le aziende con un numero di autobus disponibili da uno a cinque. Tale numero aumenta di una unità ogni cinque autobus in più disponibili, fino ad un massimo di dieci violazioni;
b) da un minimo di trenta ad un massimo di sessanta giorni per le imprese che, nel corso di un anno, commettono almeno due violazioni gravi indipendentemente dal numero degli autobus disponibili ai sensi dell’articolo 1 del decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti dell’11 marzo 2004 (Parametri di riferimento per la determinazione da parte delle singole regioni della misura delle sanzioni pecuniarie in relazione alla gravità delle infrazioni commesse nonché dei casi in cui è consentito procedere alla sospensione o alla revoca dell’autorizzazione, in attuazione dell’art. 3, della L. 11 agosto 2003, n. 218), dovendosi intendere per violazione grave quella sanzionata ai sensi dell’articolo 11 della presente legge in misura superiore alla metà del massimo edittale previsto.
2. L’autorizzazione è revocata quando l’impresa:
a) effettua il servizio nonostante la sospensione dell’autorizzazione;
b) vìola le disposizioni di cui all’articolo 9;
c) nell’arco di cinque anni, incorre in un provvedimento di sospensione per un periodo complessivamente superiore a centottanta giorni.


ARTICOLO 14
(Disposizioni transitorie)


1. Le autorizzazioni comunali già rilasciate, alla data di entrata in vigore della presente legge, per l’attività di noleggio di autobus con conducente restano valide non oltre i dodici mesi successivi alla predetta data.
2. Entro il termine di dodici mesi di cui al comma 1, i Comuni comunicano ai titolari delle imprese la data di scadenza delle autorizzazioni rilasciate;
le imprese interessate, per continuare a svolgere l’attività, devono essere in possesso dell’autorizzazione di cui all’articolo 3; in mancanza, si applicano le sanzioni di cui all’articolo 11, comma 1.
3. In deroga a quanto stabilito dall’articolo 7, comma 1, gli autobus destinati al servizio di noleggio con conducente già immatricolati alla data di entrata in vigore della presente legge possono raggiungere una vetustà superiore a dodici anni, ma non superiore a quindici.


ARTICOLO 15
(Dichiarazione d’urgenza)


1. La presente legge è dichiarata urgente ai sensi dell’articolo 31,
comma terzo, dello Statuto speciale per la Valle d’Aosta ed entrerà in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino ufficiale della Regione.


Formula Finale:
è fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come
legge della Regione autonoma Valle d'Aosta.
Aosta, 22 luglio 2005.
Il Presidente
CAVERI



STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

Groups of Companies in the European Company Law - Annullato
Milano, 17 aprile 2020, Università degli Studi di Milano Sala Napoleonica
ore 09:00Sala Napoleonica - Sant'Antoniovia Sant'Antonio, 10/12, 20122 MilanoIl diritto d’impresa nell’Unione ...
I segreti dell’ex cliente (conferimento dell’incarico art 23) aspetto deontologici e disciplinari
Napoli, 21 gennaio 2020, nuovo palazzo di giustizia di Napoli
ore 11,00 - 13,30 - sala MetaforaSaluti istituzionaliAvv. Antonio tafuriPresidente dell’ordine degli ...
XXXIV Convegno annuale dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti
Bergamo, venerdì 15 e sabato 16 novembre 2019
Eguaglianza e discriminazioni nell’epoca contemporaneaPrima sessione: Discriminazioni di genereVenerdì ...
Il rapporto di lavoro dopo il Jobs Act: un mosaico di discipline
Roma, 9-16-23-30 ottobre 2015 e 6-13 novembre 2015, Teatro Manzoni
Venerdì 9 ottobre 2015 “Il contratto a tutele crescenti” Prof. Avv. Arturo MARESCA, Ordinario di Diritto ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Guida pratica al Processo Telematico aggiornata al D.L. n. 90/2014
P. Della Costanza, N. Gargano, Giuffrè Editore, 2014
Piano dell'opera- La digitalizzazione dell’avvocatura oltre l’obbligatorietà- Cos’è il processo telematico- ...
Atti e procedure della Polizia municipale
E. Fiore, Maggioli Editore, 2014
Il manuale insegna ad individuare le corrette procedure per l'accertamento degli illeciti sia amministrativi ...
     Tutti i LIBRI >