Aggiornato al con n.41078 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa province autonome - Bolzano

Indietro
Legge della Provincia di Bolzano - Alto Adige 13 dicembre 2006, n. 14
Ricerca e innovazione
 

Il Consiglio Provinciale


ha approvato


Il Presidente della Provincia


promulga la seguente legge:


CAPO I
OBIETTIVI E PRINCIPI GENERALI

ARTICOLO 1
Finalità


1. La Provincia Autonoma di Bolzano, di seguito denominata Provincia, vede nella scienza, nella ricerca, nello sviluppo tecnologico e nell’innovazione un importante motore per un duraturo sviluppo economico, culturale e sociale e per migliorare la competitività e l’attrattività del territorio.
2. La Provincia promuove la ricerca di base e la ricerca applicata, che contribuiscono al progresso scientifico e non hanno immediato scopo di lucro.
Oggetto dell’agevolazione sono gli ambiti della scienza che si orientano agli standard della comunità scientifica internazionale.
3. La Provincia promuove una strategia di sviluppo territoriale basata sulla conoscenza, riconoscendo nella promozione, nella crescita e nella diffusione della ricerca e dell’innovazione uno strumento fondamentale per:
a) l’incremento della produttività delle imprese e il rafforzamento della competitività dell’economia;
b) la valorizzazione delle risorse umane e dell’occupazione in un contesto orientato al rispetto delle pari opportunità e alla promozione della responsabilità sociale delle imprese in una prospettiva di sviluppo sostenibile ed ecocompatibile.
4. La Provincia valorizza le attività di ricerca scientifica e sperimentazione, favorendo la collaborazione tra centri di ricerca interni ed esterni alla provincia di Bolzano.
5. La Provincia persegue l’obiettivo di avviare e sostenere la creazione di un contesto territoriale integrato tra impresa, ricerca e formazione, al fine di sviluppare una rete di iniziative, attività e strutture per la scienza, la ricerca e lo sviluppo, il trasferimento tecnologico e l’innovazione.
6. La Provincia valorizza la ricerca e l’innovazione ai sensi della presente legge e nel rispetto degli obiettivi strategici dell’Unione Europea. Tuttavia la Provincia si riserva di perseguire proprie strategie di ricerca.

ARTICOLO 2
Oggetto


1. La presente legge:
a) definisce il sistema provinciale della ricerca scientifica e dell’innovazione;
b) disciplina gli strumenti di programmazione, promozione e monitoraggio della Provincia nell’ambito della ricerca, dell’innovazione e del trasferimento tecnologico;
c) disciplina l’ambito delle attività meritevoli di essere sostenute e definisce i soggetti ammissibili;
d) individua le risorse finanziarie necessarie per il conseguimento delle finalità della presente legge.
2. La presente legge si orienta in base alle definizioni e ai concetti di scienza, innovazione e trasferimento tecnologico sviluppati dall’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) e applicati dall’Unione Europea, in particolare secondo le indicazioni del manuale di Oslo.

CAPO II
RICERCA E INNOVAZIONE

ARTICOLO 3
Il Sistema provinciale della ricerca scientifica


1. La Provincia promuove attività nell’ambito della ricerca scientifica nonché la


creazione di una rete di cooperazione fra i soggetti operanti nel settore della ricerca,


allo scopo di realizzare un Sistema provinciale della ricerca scientifica:
a) in costante interazione con la comunità scientifica nazionale e internazionale;
b) per ampliare e approfondire le conoscenze scientifiche, nonché per contribuire alla


soluzione di problematiche sociali, economiche, culturali e scientifiche;
c) per mirare al mantenimento e al miglioramento della qualità della vita,
della salute e dello sviluppo economico;
d) per promuovere giovani ricercatori e ricercatrici;
e) per contribuire alla veloce diffusione e utilizzo di risultati scientifici e di ricerca.
2. Ai fini della presente legge sono considerati soggetti del Sistema provinciale della ricerca scientifica:
a) le università e gli enti di ricerca pubblici e privati;
b) gli enti funzionali e strumentali della Provincia che operano nel campo della ricerca;
c) i soggetti del sistema dell’istruzione e della formazione professionale;
d) le imprese nonché altri soggetti pubblici e privati che svolgono attività di ricerca scientifica localizzate sul territorio provinciale.

ARTICOLO 4
Il Sistema provinciale dell’innovazione


1. La Provincia promuove l’innovazione delle imprese, la cooperazione tra imprese e tra queste e i soggetti pubblici e privati che operano nel campo della ricerca e della formazione, al fine di creare il Sistema provinciale dell’innovazione, della ricerca applicata e dello sviluppo.
2. Ai fini della presente legge sono considerati soggetti del Sistema provinciale dell’innovazione:
a) le imprese, singole o associate;
b) i soggetti del sistema dell’istruzione e della formazione professionale;
c) i centri di competenza riconosciuti dalla Provincia in base a criteri da definire con regolamento di esecuzione;
d) la società Techno Innovation South Tyrol (TIS), i parchi scientifici e tecnologici e gli incubatori d’impresa;
e) gli enti e le organizzazioni pubblici e privati.

ARTICOLO 5
Consulta per la ricerca scientifica e l’innovazione


1. La Provincia costituisce la Consulta per la ricerca scientifica e l’innovazione.
2. Il compito della Consulta consiste nell’elaborazione di proposte di linee guida e di priorità per l’incentivazione della scienza e dell’innovazione, che verranno utilizzate per la redazione del piano pluriennale provinciale per la ricerca scientifica e l’innovazione.
3. La Consulta esprime un parere sul piano pluriennale provinciale per la ricerca scientifica e l’innovazione.
4. La Consulta potrà presentare proposte per il rafforzamento del sistema - Alto Adige nell’ambito di cooperazioni internazionali nella ricerca e nella tecnologia. La Consulta potrà inoltre proporre interventi o programmi atti a promuovere l’attività di ricerca e di innovazione della Provincia.
5. La Consulta è composta da:
a) il Presidente/la Presidente della Provincia;
b) gli assessori/le Assessore competenti per la ricerca scientifica e l’innovazione;
c) una persona esperta su designazione della Libera Università di Bolzano;
d) una persona esperta su designazione dell’Accademia Europea;
e) una persona esperta su designazione del Centro di sperimentazione agraria e forestale Laimburg;
f) una persona esperta su designazione della società TIS;
g) una persona esperta su designazione dell’Istituto per lo sviluppo economico della


Camera di Commercio di Bolzano;
h) una persona esperta su designazione dell’Istituto per la promozione dei lavoratori;
i) quattro persone esperte su designazione delle organizzazioni dei diversi settori


economici;
j) due persone esperte su designazione delle organizzazioni sindacali più


rappresentative a livello provinciale;
k) due persone esperte su designazione del Consorzio dei Comuni dell’Alto Adige;
l) quattro persone esperte su designazione della Giunta provinciale.
6. Gli enti e le organizzazioni di cui al comma 5, lettere da c) a k), propongono per


ogni nomina due persone. La Giunta provinciale sceglie i componenti della Consulta sulla


base delle proposte pervenute.
7. Nella composizione della Consulta occorre garantire una rappresentanza equilibrata di


genere. Chi ha diritto di proporre nominativi per una nomina deve sempre proporre sia una candidata sia un candidato.
8. La Consulta viene nominata dalla Giunta provinciale e rimane in carica per la durata della legislatura.
9. La presidenza della Consulta viene assunta dal/dalla Presidente della Provincia oppure da un Assessore/una Assessora da questo/questa delegato/delegata.
10. La segreteria della Consulta viene affidata a una delle ripartizioni competenti per la ricerca scientifica e l’innovazione.
11. La Consulta può emanare un proprio regolamento di gestione.
12. La Consulta viene informata sui programmi annuali e sull’attuazione di progetti di ricerca, di sviluppo e di trasferimento tecnologico, su programmi di creazione di cluster, sull’attuazione di programmi europei e su ogni altra attività che la Giunta provinciale riterrà utile per il conseguimento degli obiettivi individuati dagli strumenti di programmazione previsti dalla presente legge.

CAPO III
STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E DI ORGANIZZAZIONE

ARTICOLO 6
Piano pluriennale provinciale per la ricerca scientifica e l’innovazione


1. La Giunta provinciale delibera il piano pluriennale provinciale per la ricerca scientifica e l’innovazione, che definisce gli indirizzi e le priorità di promozione e che costituisce la base del sistema di incentivazione.
2. La Giunta provinciale delibera annualmente il programma provinciale per la ricerca scientifica e l’innovazione.
3. I programmi devono attenersi alle linee di azione prioritarie del piano pluriennale per la ricerca scientifica e l’innovazione. Essi sono strutturati in modo da consentire una valutazione secondo le linee di indirizzo stabilite dalla Consulta per la ricerca scientifica e l’innovazione. I programmi indicano le priorità e i requisiti per gli interventi a favore delle attività di sviluppo della ricerca, dell’innovazione e del trasferimento tecnologico nonché gli stanziamenti messi a disposizione dalla Giunta provinciale.

ARTICOLO 7
Comitato tecnico


1. L’Assessore/L’Assessora competente o gli assessori/le Assessore competenti in materia istituiscono d’intesa il comitato tecnico nel quale sono nominate persone, di cui almeno una su proposta delle associazioni di categoria, di comprovata qualificazione ed esperienza. Il comitato è composto da un massimo di sette membri. Il comitato tecnico ha i seguenti compiti:
a) valutazione di tutti i progetti presentati in base alla presente legge, compresi quelli finanziati dalla fondazione di cui all’articolo 8;
b) supporto nella predisposizione del piano pluriennale provinciale per la ricerca scientifica e l’innovazione;
c) supporto nell’elaborazione dei programmi annuali di cui all’articolo 6, comma 2;
d) supporto nel riferire annualmente alla Giunta provinciale sul raggiungimento degli obiettivi di programma e dei progetti messi a bando.
2. Per la valutazione tecnica dei progetti di ricerca e innovazione e di richieste di finanziamento, il comitato viene integrato da ulteriori esperti per lo specifico settore, scelti tra persone di comprovata qualificazione ed esperienza.
3. I progetti e i finanziamenti sono approvati con deliberazione della Giunta provinciale.

ARTICOLO 8
Fondazione per la ricerca scientifica e l’innovazione


1. La Giunta provinciale è autorizzata a istituire una fondazione per la ricerca scientifica e l’innovazione.
2. La fondazione persegue lo scopo di far confluire mezzi finanziari per l’attuazione delle misure della presente legge.
3. La Giunta provinciale approva lo statuto della fondazione. Lo statuto deve prevedere


la nomina degli organi della fondazione da parte della Giunta provinciale.
4. Lo statuto deve inoltre prevedere che per la nomina del consiglio di amministrazione della fondazione sia garantita una rappresentanza equilibrata di genere. Chi ha diritto di proporre nominativi per una nomina deve sempre proporre sia una candidata sia un candidato.
5. L’amministrazione e la gestione della fondazione è affidata, in proporzione ai finanziamenti di cui è dotata la fondazione, a un consiglio di amministrazione composto da cinque persone, di cui almeno due persone esperte designate dalle organizzazioni dei diversi settori economici.
6. Il consiglio di amministrazione viene nominato dalla Giunta provinciale e rimane in carica per la durata della legislatura.
7. La Giunta provinciale è autorizzata ad assegnare mezzi finanziari per la costituzione del patrimonio della fondazione e per i successivi incrementi dello stesso. Alla costituzione del patrimonio e ai successivi incrementi possono partecipare anche altri soggetti pubblici o privati.
8. La Giunta provinciale è inoltre autorizzata a concedere contributi annuali a carico del bilancio provinciale per l’amministrazione e la gestione della fondazione.
9. La spesa per i contributi di cui al comma 8 nonché per i successivi incrementi del patrimonio istitutivo di cui al comma 7 è autorizzata con la legge finanziaria annuale. La Giunta provinciale può destinare quote del fondo di rotazione di cui alla legge provinciale 15 aprile 1991, n. 9, nei limiti dei relativi rientri, all’incremento del patrimonio della fondazione. In tali casi gli importi in questione affluiscono al bilancio provinciale con vincolo di destinazione e le relative entrate e corrispondenti spese sono iscritte nel bilancio provinciale con le modalità di cui all’articolo 23 della legge provinciale 29 gennaio 2002, n. 1.
10. La fondazione promuove la ricerca scientifica e l’innovazione con l’utile netto del capitale della fondazione stessa e tramite la partecipazione diretta al capitale di rischio di una società fondata da più aziende e/o da un fondo locale di partecipazione azionaria, la quale abbia come scopo lo sviluppo e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi. Le partecipazioni dirette di capitale non possono superare il 30 per cento del capitale della società.

ARTICOLO 9
Azioni per la promozione della ricerca scientifica


1. La Provincia, in coerenza con il piano pluriennale per la ricerca scientifica e l’innovazione e nel rispetto dell’ordinamento comunitario, promuove lo sviluppo e l’internazionalizzazione della ricerca mediante:
a) finanziamento di prestazioni già fornite o da fornire nei settori della scienza e della ricerca;
b) intese e accordi di programma con università e altri enti di ricerca pubblici e privati;
c) indizione di bandi per il finanziamento di progetti di ricerca scientifica;
d) incentivazione alla partecipazione a programmi europei e nazionali di ricerca scientifica;
e) finanziamento o cofinanziamento di convegni, fiere, conferenze e specifiche iniziative di formazione;
f) promozione di giovani ricercatori e ricercatrici e in particolare promozione del genere sottorappresentato;
g) promozione di progetti per la comunicazione scientifica;
h) istituzione di premi, borse di studio e contributi individuali per ricerca.

ARTICOLO 10
Azioni per la promozione dell’innovazione


1. La Provincia promuove, nel rispetto delle norme sugli aiuti di Stato, lo sviluppo


dell’innovazione, con particolare riguardo alle piccole e medie imprese, mediante:
a) aiuti alle imprese per progetti di ricerca e sviluppo, formazione e consulenza in cooperazione con istituti di ricerca nazionali ed esteri;
b) stipulazione di convenzioni tra i soggetti del sistema provinciale della ricerca e


dell’innovazione e i soggetti operanti nel settore della ricerca e dell’innovazione a


livello statale e internazionale;
c) finanziamento di progetti di ricerca applicata finalizzati allo sviluppo di


tecnologie e processi innovativi;
d) sostegno di progetti di ricerca e sviluppo delle imprese attraverso il finanziamento


del distacco temporaneo di personale dalle università e dagli enti di ricerca, nonché concessione di premi per l’assunzione nelle imprese di personale altamente qualificato;
e) concessione di contributi per la promozione di attività imprenditoriali nonché di “spin off” attuati da università, strutture di ricerca, imprese o da altri enti appositamente costituiti;
f) svolgimento di iniziative mirate alla realizzazione di brevetti;
g) indizione di bandi per il finanziamento di progetti di innovazione, ricerca e sviluppo;
h) promozione della partecipazione a programmi europei e attuazione di programmi europei;
i) individuazione, sviluppo e sostegno finanziario di cluster e di altre forme di collaborazione tra imprese con particolare riguardo alle imprese leader;
j) partecipazione a capitale di rischio oppure a fondi per la prestazione di garanzie a favore di imprese innovative di nuova costituzione;
k) partecipazione al capitale e alle spese di gestione per parchi tecnologici, incubatori d’impresa, centri di competenza e altri enti finalizzati alla promozione della ricerca e dell’innovazione;
l) attuazione di iniziative, studi e ricerche per la promozione dell’innovazione.

ARTICOLO 11
Creazione di istituzioni e fondazioni per la ricerca


1. La Provincia può istituire e finanziare nuovi istituti di ricerca e servizi di supporto scientifico che riguardino settori di ricerca rilevanti per la scienza e l’economia in provincia di Bolzano.
2. La Provincia può partecipare all’istituzione e al sostegno di fondazioni orientate a un sostegno duraturo e mirato della ricerca di base e applicata ovvero al sostegno dell’innovazione.

ARTICOLO 12
Forme di agevolazione


1. Per l’attuazione degli interventi indicati all’articolo 10 la Provincia utilizza i seguenti strumenti oppure combinazioni degli stessi:
a) contributi in conto capitale;
b) contributi in conto interessi;
c) finanziamenti a tasso agevolato;
d) agevolazioni e rimborsi tributari e fiscali, compreso l’abbattimento delle aliquote principali e addizionali;
e) garanzie per operazioni creditizie e partecipazione a fondi di garanzia;
f) partecipazione alla costituzione di fondi per il sostegno alla capitalizzazione delle imprese;
g) costituzione, partecipazione e finanziamento di strutture pubbliche, private o miste;
h) altre forme di intervento individuate e definite dalla Giunta provinciale.

ARTICOLO 13
Soggetti beneficiari


1. Ai sensi della presente legge e in conformità alla disciplina comunitaria, sono soggetti beneficiari:
a) le imprese singole o associate;
b) le università e i centri di ricerca pubblici e privati dotati di personalità giuridica;
c) gli investitori istituzionali e le società finanziarie di sviluppo;
d) le cooperative di garanzia collettiva fidi e i loro consorzi;
e) i parchi scientifici e tecnologici e gli incubatori d’impresa;
f) le persone fisiche e giuridiche che intendano avviare nuove attività imprenditoriali;
g) le forme associative e consortili fra i soggetti sopra indicati;
h) gli enti locali e altri enti pubblici;
i) le società di servizi alle imprese esercenti attività di innovazione, formazione e ricerca;
j) i soggetti del sistema dell’istruzione e della formazione.
2. I soggetti beneficiari devono svolgere attività economiche o di ricerca sul territorio provinciale.

ARTICOLO 14
Monitoraggio e valutazione


1. Le ripartizioni provinciali competenti provvedono, direttamente o attraverso un’apposita convenzione con uno o più soggetti qualificati, a raccogliere sistematicamente i dati riguardanti l’entità e la tipologia degli investimenti nella ricerca e nello sviluppo effettuati da imprese e da altri soggetti di diritto pubblico e privato nonché gli indicatori circa l’efficienza e l’efficacia dei programmi e dei progetti di ricerca e innovazione realizzati nel territorio provinciale.
2. I dati sono resi pubblici e divulgati periodicamente.
3. I risultati del monitoraggio sono per la Provincia strumento utile per l’elaborazione delle proprie politiche strategiche di pianificazione e guida nell’ambito della ricerca e dell’innovazione.
4. La valutazione dell’attività di ricerca scientifica è data dalla possibilità di diffusione e divulgazione dei risultati di ricerca su riviste tecniche rinomate a livello internazionale o su altre riviste specifiche del settore di ricerca e dall’effettiva applicazione di detti risultati nel ciclo economico.
5. Tutti i beneficiari degli interventi di cui alla presente legge, pubblici e privati, sono tenuti a fornire le informazioni necessarie all’espletamento delle attività previste ai commi precedenti.

CAPO IV
SOSTEGNO DI CLUSTER, CENTRI DI COMPETENZA E COOPERAZIONE FRA IMPRESE

ARTICOLO 15
Interventi a favore della cooperazione tra imprese


1. Allo scopo di aumentare la concorrenzialità delle imprese, la Provincia favorisce un modello di sviluppo basato sulla cooperazione tecnologica e in particolare sulla formazione di cluster.
2. A tale scopo la Provincia provvede ad individuare le procedure e i criteri di individuazione dei cluster nonché le linee di indirizzo per la definizione dei cluster tematici.
1. 3. Al fine di promuovere processi di aggregazione e cooperazione tra imprese, la Provincia concede aiuti per la realizzazione di cluster che abbiano la finalità di migliorare e rinnovare prodotti, servizi, processi produttivi e organizzativi o programmi di crescita dimensionale, nonché centri di competenza che possano stabilmente fornire servizi per la diffusione di innovazione tecnica e organizzativa alle imprese associate


2.
4. La Giunta provinciale individua e censisce i centri di competenza di cui all’articolo 4 ai fini dell’accesso alle agevolazioni previste dalla presente legge.
3.
5. La Giunta provinciale è autorizzata a partecipare tramite le scuole professionali all’istituzione, al finanziamento e alla gestione dei centri di competenza di cui all’articolo 4, anche mediante l’acquisto di quote di capitale.

ARTICOLO 16
Programmi europei e internazionali

1. 1. Il piano pluriennale per la ricerca scientifica e l’innovazione e i programmi annuali si orientano in base alle strategie dell’Unione europea e dei programmi di ricerca europei nonché agli orientamenti dei fondi strutturali europei.
2.
3. 2. La Provincia sostiene la partecipazione di istituti di ricerca e di imprese locali a programmi di rilevanza europea.
4.
5. 3. La Provincia è autorizzata a finanziare iniziative contenute in programmi di intervento approvati dalla Commissione Europea e a prefinanziare le quote di contributo comunitarie e nazionali previste dagli stessi programmi.
6.
7. 4. Viene ottimizzata l’offerta di servizi di consulenza sulle possibilità di sostegno regionale ed europeo degli investimenti di ricerca e innovazione.

ARTICOLO 17
TIS - Techno Innovation South Tyrol


1. Al comma 1 dell’articolo 7 della legge provinciale 12 dicembre 1997, n. 17, nella versione modificata con l’articolo 6 della legge provinciale 23 dicembre 2005, n. 13, le parole: “nonché a cambiare la denominazione sociale in "Techno Innovation Alto Adige"” sono sostituite dalle parole: “nonché a cambiare la denominazione sociale in "Techno Innovation South Tyrol (TIS )"”.

CAPO V
DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI

ARTICOLO 18
Regolamento di esecuzione


1. Con regolamento di esecuzione sono stabiliti i contenuti tecnici, l’entità degli


aiuti, i beneficiari, i requisiti d’accesso e le sanzioni.


ARTICOLO 19
Tutela dei dati


1. I membri di ogni gruppo tecnico e organo e gli esperti sono tenuti, a tutela degli interessi degli istituti di ricerca e di coloro che presentano domande di agevolazione, a mantenere la riservatezza sulle informazioni di cui vengano a conoscenza nell’espletamento delle loro funzioni, in particolar modo nelle attività di consulenza e di valutazione.

ARTICOLO 20
Modifica della legge provinciale 23 aprile 1992, n. 10, recante “Riordinamento della struttura dirigenziale della Provincia Autonoma di Bolzano”


1. Il punto 40 dell’allegato A della legge provinciale 23 aprile 1992, n. 10, e successive modifiche, è così sostituito:
„40 Diritto allo studio, università e ricerca scientifica - università e ricerca scientifica
- diritto allo studio nelle scuole per l’infanzia, elementari, secondarie, professionali, negli istituti superiori, a livello universitario e postuniversitario - orientamento scolastico e professionale.”

ARTICOLO 21
Disposizioni finanziarie e variazione di bilancio


1. Le spese per l’attuazione degli interventi previsti dalla presente legge, ad eccezione di quelli di cui all’articolo 8, sono stabilite con legge finanziaria annuale distintamente per la ricerca scientifica e per l’innovazione.
2. Fermo restando il totale complessivo della spesa autorizzata per l’anno finanziario 2006 per l’applicazione della legislazione vigente, sono apportate le seguenti modifiche compensative alle autorizzazioni di spesa di cui all’articolo 1, tabella A, della legge provinciale 23 dicembre 2005, n. 13:
n. 66 - 1.000.000 euro
n. 68 + 1.000.000 euro.
3. Nello stato di previsione della spesa del bilancio per l’anno finanziario 2006 sono introdotte le seguenti variazioni:
UPB in diminuzione:
UPB 09120 - Assegni a favore delle famiglie
- 1.000.000 euro
UPB 04230 - Ricerca scientifica universitaria
- 1.500.000 euro


UPB in aumento:
UPB 09140 - Interventi per il sostegno alle famiglie
+ 1.000.000 euro
UPB 19215 - Interventi per innovazione, ricerca e sviluppo
+ 1.500.000 euro.

ARTICOLO 22
Notifica alla Commissione Europea


1. 1. L’entità degli aiuti concessi in base alla presente legge è stabilita con delibera della Giunta provinciale, che viene notificata alla Commissione Europea ai sensi degli articoli 87 e 88 del Trattato che istituisce la Comunità europea. Tali aiuti potranno essere erogati solo dopo la comunicazione dell’esito positivo dell’esame da parte della Commissione Europea.


ARTICOLO 23
Entrata in vigore


1. 1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo alla data della sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione.


Formula Finale:
La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo


a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Provincia.
Bolzano, 13 dicembre 2006
IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA
L. DURNWALDER



STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

IL DUBBIO RAZIONALE E LA SUA PROGRESSIVA SCOMPARSA NEL GIUDIZIO PENALE
Roma, 11 luglio 2022, in diretta facebook
11 luglio 2022in diretta facebookIntervengono:Avv. Antonino Galletti, Presidente del Consiglio dell'Ordine ...
FORMAZIONE INTEGRATIVA IN MATERIA DI DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI
Milano, giovedì 15, 22, 29 settembre e 6 ottobre 2022, piattaforma Zoom meeting
4 incontrigiovedì 15, 22, 29 settembre e 6 ottobre 2022 dalle 14.30 alle 18.30 su piattaforma ZoomDestinatariMediatori ...
XXXVI CONVEGNO ANNUALE DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI COSTITUZIONALISTI “LINGUA LINGUAGGI DIRITTI”
Messina e Taormina, giovedì 27, venerdì 28 e sabato 29 ottobre 2022
giovedì 27, venerdì 28 e sabato 29 ottobre 2022Università degli Studi di Messina, Aula Magna Rettorato, ...
LA FORMAZIONE DELL’AVVOCATO DEI GENITORI NEI PROCEDIMENTI MINORILI E DI FAMIGLIA
Napoli, 13 Ottobre 2022, Sala “A. Metafora”
Webinar su piattaforma CISCO WEBEX del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoliore 15.00 - 18.00Giovedì ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Sicurezza sul lavoro. Responsabilità. Illeciti e Sanzioni
P. Rausei, IPSOA, 2014
Il volume fornisce una analisi puntuale, schematica e sistematica, dell’attuale quadro sanzionatorio ...
Formulario degli atti notarili 2014
A. Avanzini, L. Iberati, A. Lovato, UTET Giuridica, 2014
Il formulario soddisfa le esigenze pratiche del notaio, poiché consente di individuare, mediante una ...
Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
     Tutti i LIBRI >