Aggiornato al con n.39759 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa nazionale - Leggi - Comunitarie

Indietro
Legge 21 novembre 2014, n. 181
Ratifica ed esecuzione del Protocollo aggiuntivo (n. 2) all'Accordo sulla sede tra il Governo della Repubblica italiana e l'Istituto universitario europeo, con Allegato, fatto a Roma il 22 giugno 2011.
 
La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Promulga
la seguente legge:

Art. 1
Autorizzazione alla ratifica
1. Il Presidente della Repubblica e' autorizzato a ratificare il Protocollo aggiuntivo (n. 2) all'Accordo sulla sede tra il Governo della Repubblica italiana e l'Istituto universitario europeo, con Allegato, fatto a Roma il 22 giugno 2011.

Art. 2
Ordine di esecuzione
1. Piena ed intera esecuzione e' data al Protocollo di cui all'articolo 1, a decorrere dalla data della sua entrata in vigore, in conformita' a quanto disposto dall'articolo 8 del Protocollo stesso.
Art. 3
Copertura finanziaria
1. Per l'attuazione della presente legge e' autorizzata la spesa di euro 30.000 a decorrere dall'anno 2014. Al relativo onere si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale 2014-2016, nell'ambito del programma «Fondi di riserva e speciali» della missione «Fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno 2014, allo scopo parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo al Ministero degli affari esteri.
2. Il Ministro dell'economia e delle finanze e' autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.
Art. 4
Entrata in vigore
1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara' inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.
Data a Roma, addi' 21 novembre 2014

NAPOLITANO

Presidente del Consiglio dei ministri
Renzi
Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale
Gentiloni Silveri
Visto, il Guardasigilli
Orlando

Allegato
PROTOCOLLO AGGIUNTIVO (N. 2) ALL'ACCORDO SULLA SEDE TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E L'ISTITUTO UNIVERSITARIO EUROPEO
Il Governo della Repubblica Italiana
e
L'Istituto Universitario Europeo

Vista la Convenzione relativa alla creazione dell'Istituto Universitario Europeo, firmata a Firenze il 19 aprile 1972;
Viste le modifiche alla predetta Convenzione apportate con la Convenzione di revisione del 18 giugno e del 17 settembre 1992;
Visto il Protocollo sui privilegi e le immunita' dell'Istituto Universitario Europeo allegato alla Convenzione del 19 aprile 1972;
Visto l'Accordo di Sede tra il Governo della Repubblica Italiana e l'Istituto Universitario Europeo, firmato a Roma il 10 luglio 1975;
Visto lo Scambio di Note tra il Governo della Repubblica Italiana e l'Istituto Universitario Europeo per la modifica degli articoli 10, 11 e 14 dell'Accordo del 10 luglio 1975, firmato a Firenze il 25 marzo 1976;
Visto il Protocollo aggiuntivo all'Accordo di sede, firmato a Firenze il 13 dicembre 1985;
Visto il Verbale di consegna all'Istituto Universitario Europeo di Firenze relativo alla porzione dell'immobile denominato «Villa il Poggiolo» - FIB0801 del 13 gennaio 2011, intervenuto tra l'Agenzia del Demanio - Filiale Toscana e Umbria - sede di Firenze e l'Istituto Universitario di Firenze Prot. N. 2011/148/R.I. (qui di seguito denominato «Verbale di consegna»);
Considerato che l'Istituto Universitario Europeo e le Comunita' Europee hanno concluso un contratto avente per oggetto il deposito presso l'Istituto degli Archivi Storici dell'Unione Europea e la loro apertura al pubblico tramite l'Istituto Universitario Europeo;
Considerato inoltre che l'Istituto Universitario Europeo, nell'ambito delle finalita' di cui alla precitata Convenzione, ha intensificato le proprie attivita', anche in seguito all'adesione alla Convenzione istitutiva di nuovi Stati membri dell'Unione Europea;
Considerato che l'Atto Finale annesso alla Convenzione relativa alla creazione dell'Istituto Universitario Europeo, firmata a Firenze il 19 aprile 1972, prevede alla Dichiarazione II B che il Governo italiano provvedera' per gli alloggi per i ricercatori dell'Istituto;
Desiderosi di definire le modalita' di applicazione necessarie al compimento della missione dell'Istituto Universitario Europeo;

Hanno convenuto
le seguenti disposizioni:
Art. 1.
Le disposizioni degli articoli 3, 4, 5, 6, 7 dell'Accordo di Sede tra il Governo della Repubblica Italiana e l'Istituto Universitario Europeo (di seguito denominato l'istituto), firmato a Roma il 10 luglio 1975, si applicano in ogni loro parte anche agli immobili di cui al successivo articolo 2, ad eccezione delle disposizioni di cui all'articolo 6 dell'Accordo di sede, che non si applicano agli immobili citati all'articolo 2, comma 1, lettera e) e comma 2 del presente Protocollo aggiuntivo.
Art. 2.
1. Il Governo della Repubblica Italiana mette gratuitamente a disposizione dell'Istituto, i seguenti immobili:
a) Il complesso immobiliare denominato Villa Schifanoia, sito in Firenze, Via Boccaccio dal n. 115 al n. 123;
b) Il terreno di collegamento tra Villa Schifanoia e la sede denominata Badia Fiesolana;
c) Il complesso immobiliare denominato Villa Salviati, sito in Firenze, Via Salviati n. 5 e 7, Via Faentina n. 261 e Via Bolognese n. 156 che sara' utilizzato dall'Istituto quale sede degli Archivi Storici dell'Unione Europea e per attivita' istituzionali dell'istituto;
d) Porzione dell'immobile demaniale denominato «Villa il Poggiolo» - Piazza Edison, 11 - 50133 Firenze, cosi' come descritta nel Verbale di consegna e nell'allegata planimetria catastale (allegato 1);
e) L'immobile sito in Fiesole, localita' Pian del Mugnone, Via Faentina 94b.
2. L'Istituto dispone inoltre dell'immobile sito in via Faentina 384/a, finanziato in parte tramite il fondo di riserva pensioni del personale dell'IUE.

Art. 3.
Ad una successiva intesa tra le Autorita' italiane e l'Istituto e' demandata la disciplina applicabile ad ulteriori immobili, diversi da quelli menzionati all'articolo 2, che l'Istituto utilizza per esigenze istituzionali.

Art. 4.
1. Il Governo della Repubblica Italiana provvede alla sistemazione degli immobili di cui al precedente articolo 2 ed alle forniture di attrezzature e mobilio, conformemente a quanto stabilito nell'Allegato all'Accordo di sede firmato il 10 luglio 1975 (lettera B: Immobili che devono essere messi a disposizione dell'Istituto - lettera D: Primo equipaggiamento di mobili e di attrezzature didattiche degli edifici).
2. La manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili di cui al precedente comma e le relative spese sono a carico del Governo della Repubblica Italiana conformemente a quanto e' disposto dall'Accordo di Sede all'articolo 1, comma 2.

Art. 5.
In materia di esenzioni fiscali si applicano le disposizioni degli articoli 9, 10, 11 e 12 dell'Accordo di Sede firmato a Roma il 10 luglio 1975. A maggior chiarimento si precisa che l'esenzione comprende le imposte di registro, ipotecarie e catastali, le imposte di bollo sugli atti e sui contratti, le accise e relative addizionali sull'energia elettrica, l'accisa sui combustibili e sul gas naturale consumati dall'Istituto per i soli usi istituzionali.

Art. 6.
Al Presidente dell'Istituto, organo che dirige l'Istituto ed ha l'incarico di amministrarlo e assicurare la rappresentanza giuridica di quest'ultimo, saranno accordati i privilegi e le immunita', le esenzioni e le facilitazioni concesse agli Ambasciatori, Capi di missione diplomatica.

Art. 7.
1. Il presente Protocollo aggiuntivo non puo' essere interpretato in modo tale da modificare la Convenzione relativa alla creazione dell'Istituto universitario europeo, firmata a Firenze il 19 aprile 1972 con allegato Protocollo, l'Accordo di sede, firmato a Roma il 10 luglio 1975 ed il Protocollo aggiuntivo all'accordo di sede, firmato a Firenze il 13 dicembre 1985.
2. Nei casi in cui il presente Protocollo aggiuntivo non prevede disposizioni specifiche, si applicano la Convenzione e il Protocollo del 1972.

Art. 8.
Il presente Protocollo aggiuntivo entrera' in vigore alla data in cui le Parti si saranno reciprocamente notificate di aver adempiuto tutte le formalita' previste nei rispettivi ordinamenti.
Fatto a Roma, addi' 22 giugno 2011, in duplice esemplare in lingua italiana ed inglese, ciascun testo facente fede.

(G.U. n. 289 del 13 dicembre 2014)


STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

Groups of Companies in the European Company Law - Annullato
Milano, 17 aprile 2020, Università degli Studi di Milano Sala Napoleonica
ore 09:00Sala Napoleonica - Sant'Antoniovia Sant'Antonio, 10/12, 20122 MilanoIl diritto d’impresa nell’Unione ...
I segreti dell’ex cliente (conferimento dell’incarico art 23) aspetto deontologici e disciplinari
Napoli, 21 gennaio 2020, nuovo palazzo di giustizia di Napoli
ore 11,00 - 13,30 - sala MetaforaSaluti istituzionaliAvv. Antonio tafuriPresidente dell’ordine degli ...
XXXIV Convegno annuale dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti
Bergamo, venerdì 15 e sabato 16 novembre 2019
Eguaglianza e discriminazioni nell’epoca contemporaneaPrima sessione: Discriminazioni di genereVenerdì ...
Il rapporto di lavoro dopo il Jobs Act: un mosaico di discipline
Roma, 9-16-23-30 ottobre 2015 e 6-13 novembre 2015, Teatro Manzoni
Venerdì 9 ottobre 2015 “Il contratto a tutele crescenti” Prof. Avv. Arturo MARESCA, Ordinario di Diritto ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Guida pratica al Processo Telematico aggiornata al D.L. n. 90/2014
P. Della Costanza, N. Gargano, Giuffrè Editore, 2014
Piano dell'opera- La digitalizzazione dell’avvocatura oltre l’obbligatorietà- Cos’è il processo telematico- ...
Formulario degli atti notarili 2014
A. Avanzini, L. Iberati, A. Lovato, UTET Giuridica, 2014
Il formulario soddisfa le esigenze pratiche del notaio, poiché consente di individuare, mediante una ...
     Tutti i LIBRI >