Aggiornato al con n.41078 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa regionale - Sicilia

Indietro
Decreto del Presidente della Regione Sicilia 5 dicembre 2009, n. 12
Regolamento di attuazione del Titolo II della legge regionale 16 dicembre 2008, n. 19, recante norme per la riorganizzazione dei Dipartimenti regionali. Ordinamento del Governo e dell’Amministrazione della Regione.
 
IL PRESIDENTE DELLA REGIONE

Visto lo Statuto della Regione;
Vista la legge regionale 29 dicembre 1962, n. 28, e successive modifiche ed integrazioni;
Vista la legge regionale 15 maggio 2000, n. 10, e successive modifiche ed integrazioni;
Vista la legge regionale 3 dicembre 2003, n. 20, ed in particolare il suo articolo 11;
Visto il contratto collettivo regionale di lavoro del personale con qualifica dirigenziale della Regione siciliana, pubblicato nel supplemento ordinario n. 2 alla Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana n. 31 del 13 luglio 2007;
Vista la legge regionale 16 dicembre 2008, n. 19, recante "Norme per la riorganizzazione dei Dipartimenti regionali. Ordinamento del Governo e dell’Amministrazione della Regione";
Vista la nota presidenziale n. 7497 del 5 novembre 2009, con la quale il Presidente della Regione siciliana ha chiesto il parere sullo schema di regolamento di attuazione dell’art. 10, comma 3, della sopracitata legge regionale n. 19/2008 al Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione siciliana, ai sensi dell’art. 17, commi 25 e 27, della legge n. 127/1997 e dell’articolo 9, comma 2, del decreto legislativo n. 373/2003;
Visto il parere n. 457/09 reso nell’adunanza del 24 novembre 2009 dal Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione siciliana - Sezione consultiva;
Vista la deliberazione della Giunta regionale n. 503 del 4 dicembre 2009;

Emana il seguente regolamento:

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEL TITOLO II DELLA LEGGE REGIONALE 16 DICEMBRE 2008, N. 19

ARTICOLO 1
Oggetto

1. Il presente regolamento disciplina le funzioni ed i compiti dei Dipartimenti regionali di cui all’articolo 8 della legge regionale 16 dicembre 2008, n. 19 e l’articolazione delle relative strutture intermedie, nel limite massimo di cui all’articolo 11 della legge regionale 3 dicembre 2003, n. 20, provvedendo altresì a individuare i principi e le modalità per il trasferimento dei compiti e delle funzioni, nel rispetto dei principi di cui all’articolo 10 della stessa legge regionale 16 dicembre 2008, n. 19.
2. Per l’effetto, il regolamento stesso ridefinisce, in fase di prima applicazione, gli ambiti organizzativi e gestionali finalizzati all’avvio della nuova organizzazione dell’Amministrazione regionale, definendo altresì idonee misure transitorie, atte ad evitare, in tale fase, soluzioni di continuità nell’esercizio delle attività dell’Amministrazione regionale.

ARTICOLO 2
Dipartimenti della Presidenza della Regione e degli Assessorati regionali

1. I Dipartimenti regionali della Presidenza della Regione e degli Assessorati regionali, nell’ambito delle attribuzioni di cui all’articolo 7 della legge regionale 16 dicembre 2008, n. 19, curano le materie sotto elencate. I relativi compiti e funzioni sono specificati all’allegato 1 del presente regolamento, unitamente alla distribuzione degli stessi tra le strutture intermedie, distinte in aree e servizi. Il Presidente della Regione può delegare agli Assessori regionali, in coerenza con le rispettive attribuzioni, la trattazione di singoli affari o di blocchi di materie attribuiti ai Dipartimenti regionali della protezione civile, della programmazione ed al Dipartimento regionale di Bruxelles e degli affari extraregionali.
A) Presidenza della Regione
- Segreteria generale: Organizzazione amministrativa generale. Direttive generali per lo svolgimento dell’azione amministrativa regionale e relativo coordinamento. Vigilanza sull’attuazione delle deliberazioni della Giunta regionale. Attività inerenti all’esercizio dei poteri previsti dalle lettere o) e p) dell’articolo 2 della legge regionale 29 dicembre 1962, n. 28, e successive modifiche ed integrazioni. Collaborazione all’attività del Presidente per quanto concerne l’esercizio delle funzioni indicate nella lettera q) del richiamato articolo 2. Ordinamento della comunicazione.
Funzione di soprintendenza di Palazzo d’Orleans e dei siti presidenziali.
- Ufficio legislativo e legale: Consulenza e assistenza legislativa e patrocinio legale. Ricorsi straordinari. Gazzetta ufficiale. Raccolta delle leggi, dei regolamenti e dei decreti presidenziali relativi ad atti di governo.
- Dipartimento regionale della protezione civile: Coordinamento della protezione civile regionale e dei servizi meteorologici.
- Dipartimento regionale della programmazione: Programmazione e coordinamento e di tutti i fondi extraregionali- gestione del Documento Unico di Programmazione.
- Dipartimento regionale di Bruxelles e degli affari extraregionali: rapporti con gli organi centrali dello Stato e di altri enti pubblici nazionali e con le istituzioni dell’Unione europea.
B) Assessorato regionale delle attività produttive Dipartimento regionale delle attività produttive: Industria. Cooperazione, escluse le attività delle cooperative edilizie. Commercio, mostre, fiere, mercati. Artigianato. Commercio con l’estero, attività promozionali all’estero e internazionalizzazione delle imprese. Vigilanza sugli enti di settore e sulle cooperative. Aiuti alle imprese. Autorizzazione e vigilanza sulle attività ricettive. Ricerca applicata ed innovazione dei processi produttivi.
C) Assessorato regionale dei beni culturali e dell’identità siciliana- Dipartimento regionale dei beni culturali e della identità siciliana:
Patrimonio archeologico, architettonico, archivistico, bibliotecario, etnoantropologico e storico-artistico. Tutela dei beni paesaggistici, naturali e naturalistici. Attività di promozione e valorizzazione delle tradizioni e dell’identità siciliana.
D) Assessorato regionale dell’economia- Dipartimento regionale del bilancio e del tesoro - Ragioneria generale della Regione: bilancio. Documenti contabili e finanziari. Documento di programmazione economico-finanziaria. Tesoro. Vigilanza enti regionali.
Coordinamento finanza pubblica. Ufficio di statistica della Regione. Controlli interni all’Amministrazione regionale di regolarità amministrativo-contabile.
Partecipazioni regionali. Liquidazione enti economici. Demanio e patrimonio immobiliare regionale.
- Dipartimento regionale delle finanze e del credito: Rapporti finanziari Stato-Regione. Entrate e riscossioni. Credito regionale. Risparmio.
E) Assessorato regionale dell’energia e dei servizi di pubblica utilità- Dipartimento regionale dell’acqua e dei rifiuti: Servizi di pubblica utilità di interesse regionale: acqua e rifiuti. Vigilanza nelle materie di competenza.
- Dipartimento regionale dell’energia: energia e fonti energetiche. Miniere, attività estrattive. Cave, torbiere e saline. Vigilanza enti di settore.
F) Assessorato regionale della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro- Dipartimento regionale della famiglia e delle politiche sociali:
Programmazione, funzionamento e qualità del sistema integrato dei servizi e degli interventi socio-assistenziali e socio-sanitari. Promozione e sostegno delle famiglie. Promozione e sostegno del terzo settore. Inclusione sociale.
Vigilanza e controllo sulle Istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza.
Servizio civile. Diritti civili. Interventi per l’immigrazione. Pari opportunità.
- Dipartimento regionale del lavoro: Lavoro. Attività ispettive e di vigilanza sul lavoro. emigrazione ed immigrazione. Cantieri di lavoro. Fondo siciliano per l’occupazione. Servizi pubblici per l’impiego. Previdenza sociale e assistenza ai lavoratori. Ammortizzatori sociali. Rapporti con gli enti pubblici relativi.
- Agenzia regionale per l’impiego, l’orientamento, i servizi e le attività formative:
Politiche attive del lavoro. Orientamento e servizi formativi e per l’impiego.
Ciapi. Incentivi per l’occupazione. Formazione in azienda e nell’ambito dei rapporti di lavoro. Tirocini e stage in azienda. Apprendistato e contratti di inserimento. Fondo per l’occupazione dei disabili. Lavori socialmente utili e workfare. Statistiche.
G) Assessorato regionale delle autonomie locali e della funzione pubblica- Dipartimento regionale della funzione pubblica e del personale: gestione del personale regionale in servizio ed in quiescenza. Formazione e qualificazione professionale del personale regionale. Trasparenza, semplificazione ed accelerazione dei procedimenti. Autoparco. Acquisizione di beni e servizi per gli uffici regionali, salva la competenza della soprintendenza di Palazzo d’Orleans e dei siti presidenziali. Attività informatiche della Regione e della Pubblica Amministrazione regionale e locale; coordinamento dei sistemi informativi.
- Dipartimento regionale delle autonomie locali: Rapporti con gli enti locali e loro consorzi, ivi inclusi i compiti di vigilanza e controllo. Finanza locale, fatte salve le competenze dell’Assessorato regionale dell’economia.
Polizia locale. Operazioni elettorali e referendarie in ambito regionale.
H) Assessorato regionale delle infrastrutture e della mobilità- Dipartimento regionale delle infrastrutture, della mobilità e dei trasporti:
lavori pubblici, con esclusione di quelli di interesse nazionale. Interventi di edilizia cooperativistica, economica e popolare o comunque sovvenzionata.
Trasporti. Programmazione, realizzazione e gestione di infrastrutture di comunicazione e trasporti. Motorizzazione civile. Espropriazione per pubblica utilità. Programmazione, realizzazione e gestione dei porti, inclusi quelli turistici. Adempimenti tecnici e controlli concernenti le opere pubbliche di competenza regionale. Vigilanza enti di settore.
I) Assessorato regionale dell’istruzione e della formazione professionale- Dipartimento regionale dell’istruzione e della formazione professionale:
funzioni e compiti regionali in materia di istruzione di ogni ordine e grado.
Formazione professionale. Assistenza scolastica ed universitaria. Ricerca scientifica. Edilizia scolastica ed universitaria. Vigilanza sugli enti di settore.
L) Assessorato regionale delle risorse agricole e alimentari- Dipartimento regionale degli interventi strutturali per l’agricoltura:
programmazione e coordinamento interventi nel settore agricolo, zootecnico, agroalimentare, rurale e forestale. lnterventi strutturali in agricoltura.
Valorizzazione settore agroalimentare. Trasformazione industriale dei prodotti agricoli. Caccia. Vigilanza enti di settore.
- Dipartimento regionale degli interventi infrastrutturali per l’agricoltura:
Interventi infrastrutturali in agricoltura. Demanio trazzerale. Usi civici.
Vigilanza enti di settore.
- Dipartimento regionale degli interventi per la pesca: Pesca.
- Dipartimento regionale Azienda regionale foreste demaniali: Demanio forestale.
M) Assessorato regionale della salute
- Dipartimento regionale per la pianificazione strategica: sanità.
Programmazione sanitaria. Gestione finanziaria del fondo sanitario. Patrimonio ed edilizia sanitaria. Assistenza sanitaria ed ospedaliera. Vigilanza sulle aziende sanitarie. Vigilanza enti di settore.
- Dipartimento regionale per le attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico: Igiene pubblica e degli alimenti. Sanità animale.
N) Assessorato regionale del territorio e dell’ambiente- Dipartimento regionale dell’ambiente: Tutela e vigilanza ambientale.
Valutazione ambientale strategica e valutazione impatto ambientale. Demanio marittimo. Difesa del suolo. Protezione del patrimonio naturale. Tutela dall’inquinamento. Parchi e riserve naturali regionali. Vigilanza sugli enti di settore.
- Dipartimento regionale dell’urbanistica: Urbanistica e pianificazione.
- Comando del corpo forestale della Regione siciliana: Corpo forestale.
O) Assessorato regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo- Dipartimento regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo: turismo.
Professioni turistiche. Promozione turistica in Italia e all’estero.
Manifestazioni ed eventi. Sport. Spettacolo. Cinema, teatri e orchestre.
Promozione attività musicali, teatrali, cinematografiche ed artistiche in genere. Vigilanza enti di settore.
2. Alle aree fanno capo funzioni strumentali di coordinamento infrassessoriale e attività serventi rispetto a quelle svolte dalle strutture di massima dimensione e dalle loro articolazioni organizzative. In ciascun servizio sono aggregate, secondo criteri di organicità e completezza, funzioni e compiti omogenei.
3. La modifica di attribuzioni fra Dipartimenti, nonché la soppressione o la creazione di strutture intermedie scaturente da modifiche alla ripartizione di funzioni e compiti tra rami di amministrazione o tra dipartimenti possono essere operate con decreto del Presidente della Regione adottato ai sensi dell’art. 11 della legge regionale 3 dicembre 2003, n. 20, nel rispetto dei limiti numerici ivi previsti, ed emanati nelle forme di cui all’art. 12, ultimo comma, dello Statuto regionale siciliano. Modifiche alla ripartizione di funzioni e compiti tra le strutture intermedie interne ad ogni singolo Dipartimento o variazioni della loro consistenza numerica possono essere operate con decreto del Presidente della Regione adottato ai sensi dell’art. 11 della legge regionale 3 dicembre 2003, n. 20, nel rispetto dei limiti ivi previsti.
4. Entro il 31 dicembre 2011, i dirigenti generali preposti ai singoli Dipartimenti provvederanno ad una rinnovata valutazione dell’articolazione organizzativa e funzionale dei Dipartimenti stessi, al fine di pervenire ad una ulteriore aggregazione delle strutture intermedie per materie omogenee e/o su base interprovinciale. Tale aggregazione dovrà comportare una riduzione delle strutture intermedie non inferiore del 20%, a seguito del trasferimento di funzioni agli enti locali, da operarsi ai sensi del titolo IV della legge regionale 15 maggio 2000, n. 10. Le modalità alla cui stregua operare la suddetta aggregazione verranno definite nelle direttive presidenziali ed assessoriali e la loro esecuzione entro il termine suddetto costituirà specifico obiettivo per i dirigenti generali.
5. In ragione dell’intervenuta aggregazione delle strutture intermedie, fermo restando l’obiettivo del contenimento della spesa pubblica, i Dirigenti generali preposti ai singoli Dipartimenti regionali saranno tenuti, entro il 31 dicembre 2013, ad operare una riduzione della spesa di parte corrente non inferiore al 20% degli stanziamenti dei relativi capitoli di spesa, fatte salve le previsioni normative vigenti in materia di spesa del personale, nonché le disposizioni poste nella stessa materia dai contratti collettivi regionali di lavoro. I Dirigenti generali sono tenuti ad osservare le direttive presidenziali ed assessoriali di cui al precedente comma 4, ove verranno altresì individuati i criteri generali sulla base dei quali operare le prescritte riduzioni.
6. Dell’andamento dell’attività di razionalizzazione dell’Amministrazione regionale è data semestralmente informazione alla Giunta regionale da parte del Segretario generale.
7. Tutte le procedure di cui ai commi precedenti si svolgono nel rispetto dell’art. 10 del vigente Contratto collettivo regionale di lavoro per l’area della dirigenza e dell’art. 7, lett. B), del vigente Contratto collettivo regionale di lavoro per il comparto.

ARTICOLO 3
Strutture aventi compiti interdipartimentali

1. Le funzioni relative alla gestione giuridica ed economica del personale in servizio ed in quiescenza, vengono esercitate per ciascun Assessorato regionale da un servizio del Dipartimento regionale della funzione pubblica e del personale, ubicato presso la sede dell’Assessorato di riferimento e funzionalmente dipendente dal Dirigente generale del Dipartimento della funzione pubblica. E’ fatto divieto di attribuire nei singoli Dipartimenti a strutture di qualsivoglia dimensione i compiti e le funzioni di cui al presente comma, ad esclusione di quanto previsto per il Dipartimento regionale della funzione pubblica e del comando del Corpo forestale della Regione siciliana.

ARTICOLO 4
Trasferimenti di funzioni e compiti

1. Entro i termini di cui al successivo articolo 6, comma 3, i Dirigenti generali interessati, preposti ai Dipartimenti istituiti in forza dell’articolo 8 della legge regionale 16 dicembre 2008, n. 19, provvedono al trasferimento di tutta la documentazione inerente a funzioni e compiti che vengono attribuiti ad altro dipartimento per effetto del presente decreto. A tal fine possono delegare, in ragione dei rispettivi ambiti di competenza i dirigenti preposti alle strutture intermedie che avevano già in carico i relativi affari.
2. Nell’effettuare i relativi trasferimenti va data assoluta priorità ai procedimenti ancora in corso e per gli stessi devono venire evidenziati nell’ambito del verbale di consegna dalla struttura cedente lo stato delle relative pratiche ed i termini perentori in procinto di scadenza, nonché ogni ulteriore dato od informazione necessari o utili alla continuità, efficienza ed efficacia dell’azione amministrativa nella materia.
3. La tempestiva ed ordinata conclusione delle procedure di trasferimento costituisce prioritario elemento di valutazione dei comportamenti organizzativi nei confronti dei dirigenti interessati.
4. Il Ragioniere generale della Regione provvederà ad adottare i provvedimenti necessari affinché sia assicurata, per le singole materie, la continuità della gestione, anche per i residui attivi e passivi, da parte delle nuove strutture competenti.

ARTICOLO 5
Coordinamento di attività e conflitti di competenza

1. Al fine di garantire l’ordinato e celere trasferimento di funzioni e compiti tra strutture dell’Amministrazione regionale in attuazione delle disposizioni di cui al Titolo II della legge regionale 16 dicembre 2008, n. 19, è costituito un Comitato tecnico, coordinato dal Presidente della Regione o da Assessore regionale a tal uopo delegato e composto dal Segretario generale, dall’Avvocato generale, dal Ragioniere generale, dal Dirigente generale del Dipartimento regionale della funzione pubblica e del personale.
Tale organismo fornirà indicazioni operative ai Dirigenti generali per la concreta attuazione delle disposizioni del presente regolamento avvalendosi dell’apporto degli stessi; a tal fine saranno adottate, ove necessarie, apposite circolari del Presidente della Regione.
2. Nei casi in cui un affare od una serie di affari, nell’ambito di un Dipartimento, non siano univocamente riconducibili alla competenza di una struttura intermedia, il Dirigente generale del Dipartimento interessato individua la struttura competente nel rispetto dei principi di completezza, efficienza ed economicità, responsabilità ed unicità dell’amministrazione, omogeneità ed adeguatezza.
3. Nei casi in cui sorgano o possano insorgere conflitti di competenza, positivi o negativi, tra Dipartimenti appartenenti allo stesso ramo dell’Amministrazione regionale, l’Assessore preposto allo stesso ramo individua la struttura di massima dimensione competente nel rispetto dei principi di cui al precedente comma.
4. Nei casi in cui sorgano o possano insorgere conflitti di competenza, positivi o negativi tra diversi rami dell’Amministrazione regionale, sugli stessi si pronunzia la Giunta regionale nel rispetto dei principi di cui al precedente comma.

ARTICOLO 6
Norme finali e transitorie

1. Con l’adozione del presente provvedimento, l’Amministrazione si avvale della potestà di cui all’articolo 41, comma 1, lett. a), del vigente Contratto collettivo regionale di lavoro per l’area della dirigenza. In particolare, i contratti dei Dirigenti generali, già preposti ai Dipartimenti previsti dall’articolo 1 della legge regionale 16 dicembre 2008, n. 19, si intendono risolti alla data dell’1 gennaio 2010.
2. I Dirigenti preposti alle strutture di massima dimensione, previste dall’articolo 8 della legge regionale 16 dicembre 2008, n. 19, sono nominati con le modalità di cui all’art. 9 della legge regionale 15 maggio 2000, n. 10, e provvedono, a loro volta, al conferimento degli ulteriori incarichi dirigenziali scaturenti dall’applicazione del presente regolamento, previa risoluzione dei precedenti contratti individuali di lavoro, ai sensi del citato articolo 41, comma 1, lett. a), del vigente Contratto collettivo regionale di lavoro per l’area della dirigenza, fatto salvo quanto specificato nei successivi commi.
3. Il trasferimento delle funzioni e delle attribuzioni dalle strutture intermedie esistenti alla data di adozione del presente regolamento alle strutture intermedie costituite in forza dello stesso è completato entro il termine del 30 aprile 2010, prorogabile per una sola volta per ulteriori giorni sessanta, con decreto del Presidente della Regione da adottarsi in presenza di motivate ragioni organizzative.
4. Per evitare soluzioni di continuità nell’esercizio delle attività dell’Amministrazione regionale, fino alla data di cui al precedente comma 3, i Dirigenti preposti alle strutture intermedie esistenti alla data di adozione del presente regolamento ed, altresì, i Dirigenti preposti alle unità operative di base, mantengono il proprio incarico - che si intende comunque prorogato - operando in via transitoria nell’ambito dei Dipartimenti istituiti ai sensi del medesimo regolamento.
5. A tal fine, entro il termine perentorio di quindici giorni dalla loro nomina, i Dirigenti generali preposti alle strutture di massima dimensione, istituite ai sensi dell’articolo 8 della legge regionale 16 dicembre 2008, n. 19, provvedono alla individuazione delle strutture intermedie delle quali si avvalgono durante la fase transitoria, dandone comunicazione all’organismo di coordinamento costituito ai sensi del precedente art. 5. La mancata individuazione di tali strutture intermedie nel termine assegnato comporta, ai sensi dell’articolo 6 della legge regionale 30 aprile 1991, n. 10, l’attribuzione in capo al Dirigente della struttura di massima dimensione della qualità di responsabile del procedimento, per tutti gli ambiti di attività affidati al Dipartimento interessato.
6. Tutte le attività da porre in essere in attuazione del presente regolamento, nonché la ripartizione del Fondo di cui all’articolo 66 del Contratto collettivo regionale di lavoro per l’area della dirigenza e del Fondo di amministrazione per il miglioramento delle prestazioni per il comparto non dirigenziale, vengono esercitate nel rispetto dei Contratto collettivo regionale di lavoro vigenti al tempo della loro effettuazione.
7. Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana ed entrerà in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione.
Palermo, 5 dicembre 2009.

ALLEGATO 1
ALLEGATO Ammesso al visto nell’adunanza del 17 dicembre 2009 della sezione di controllo della Corte dei conti per la Regione siciliana. Registrato al registro 1, foglio n. 127, del 17 dicembre 2009.
Strutture intermedie Assessorati e dipartimenti regionali 2010 Aree Servizi Totale strutture intermedie Presidenza della Regione Segreteria generale 2 9 11 Ufficio legislativo legale 1 9 10 Dipartimento regionale della protezione civile 1 12 13 Dipartimento regionale della programmazione 4 5 9 Dipartimento regionale di Bruxelles e degli affari extraregionali 1 4 5 Assessorato regionale delle attività produttive Dipartimento regionale delle attività produttiva 1 9 10 Assessorato regionale dei beni culturali e dell’identità siciliana Dipartimento regionale dei beni culturali e dall’identità siciliana 3 69 72 Assessorato regionale dell’economia Dipartimento regionale del bilancio e del tesoro – Ragioneria generale della Regione 1 23 24 Dipartimento regionale delle finanze e del credito 1 8 9 Assessorato regionale dell’energia e dei servizi di pubblica utilità Dipartimento regionale dell’acqua e dei rifiuti 1 5 6 Dipartimento regionale dell’energia 1 10 11 Assessorato regionale della famiglia. delle politiche sociali e del lavoro Dipartimento regionale della famiglia e delle politiche sociali 1 8 9 Dipartimento regionale del lavoro 4 22 26 Agenzia regionale per l’impiego, l’orientamento, i servizi e le attività formative 1 6 7 Assessorato regionale delle autonomie locali e della funzione pubblica Dipartimento regionale della funzione pubblica e del personale 1 20 21 Dipartimento regionale delle autonomie locali 1 5 6 Assessorato regionale delle Infrastrutture e della mobilità Dipartimento regionale delle infrastrutture, della mobilità e dei trasporti 7 47 54 Assessorato regionale dell’istruzione e della formazione professionale Dipartimento regionale dell’istruzione e della formazione professionale 2 14 16 Assessorato regionale delle risente agricole e alimentari Dipartimento regionale degli interventi strutturali per l’agricoltura 5 15 20 Dipartimento regionale degli interventi infrastrutturali per l’agricoltura 1 5 6 Dipartimento regionale degli interventi per la spesa 1 6 7 Dipartimento regionale Azienda regionale foreste demaniali 1 15 16 Assessorato regionale della salute Dipartimento regionale per la pianificazione strategica 5 10 15 Dipartimento regionale per le attività sanitarie e Osservatorio epidemiologico 5 10 15 Assessorato regionale del territorio e dell’ambiente Dipartimento regionale dell’ambiente 3 8 11 Dipartimento regionale dell’urbanistica 2 8 10 Comando del corpo forestale della Regione siciliana 2 15 17 Assessorato regionale dei turismo, dello sport e dello spettacolo Dipartimento regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo 2 18 20 Totale incarichi 61 395 456
PRESIDENZA
SEGRETERIA GENERALE
Aree
Area 1ª - Affari generali
Attività di supporto operativo al segretario generale.
Gestione risorse umane.
Controllo di regolarità amministrativa.
Segreteria comitato di coordinamento dei dipartimenti (art. 5 legge regionale n. 20/2001).
Segreteria della conferenza dei dirigenti.
Organizzazione amministrativa generale.
Relazioni sindacali e applicazione contrattualistica collettiva.
Tenuta del registro delle persone giuridiche di cui al decreto del Presidente della Repubblica 10 febbraio 2000, n. 361.
Attività di supporto, assistenza e segreteria del Comitato regionale per le comunicazioni ed altri organismi.
Ricevimento e distribuzione di tutti gli atti e/o documenti indirizzati alla Presidenza della Regione. Adempimenti ex art. 21 D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445.
Repertorio decreti.
Affari comuni delle strutture della segreteria generale e degli Uffici alle dirette dipendenze del Presidente della Regione.
Coordinamento servizi generali.
Commissariati ad acta.
Organizzazione amministrativa: adempimenti di cui al comma 2, art. 11, della legge regionale n. 20/2003.
Coordinamento degli adempimenti relativi alle previsioni ed all’assestamento del bilancio della Regione e tenuta della situazione generale delle variazioni per i capitoli della Presidenza della Regione. Rapporti con il Dipartimento regionale del bilancio e del tesoro.
Coordinamento delle proposte formative delle strutture della segreteria generale.
Protocollo informatico.
Area 2ª - Rapporti con gli organi istituzionali
Coordinamento delle attività riguardanti la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, la Conferenza unificata e la Conferenza Stato-Regioni.
Rapporti con la Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per gli affari regionali.
Referente delle Conferenze per la Presidenza della Regione e tenuta ed aggiornamento elenco referenti.
Raccordo Conferenze-Presidente della Regione (incontri istituzionali, designazioni rappresentanti ad organismi misti Stato-Regioni e relativo monitoraggio).
Smistamento e inoltro tempestivo degli atti e dei documenti relativi ai lavori delle Conferenze a tutti i rami dell’Amministrazione regionale.
Ordini del giorno delle Conferenze e adempimenti correlati anche quale supporto per l’Assessore coordinatore e/o vice coordinatore delle Commissioni della Conferenza delle Regioni.
Osservatorio dell’attività assembleare di carattere legislativo, sedute dell’A.R.S. e delle Commissioni legislative permanenti e speciali.
Informazione sull’attività dell’Assemblea regionale alle strutture della segreteria generale.
Collegamento con il centro elaborazione dati dell’Assemblea regionale.
Assistenza al Presidente della Regione nello svolgimento dell’attività assembleare.
Coordinamento degli adempimenti conseguenti all’esercizio della funzione ispettiva da parte dell’Assemblea regionale siciliana e divulgazione atti parlamentari regionali.
Predisposizione degli atti istruttori, complementari e propedeutici alla trattazione degli atti ispettivi, ivi comprese le interrogazioni e le interpellanze dirette in via esclusiva al Presidente della Regione.
Raccordo e coordinamento atti politici (ordini del giorno, mozioni, risoluzioni) concernenti adempimenti rientranti nell’ambito dell’attività amministrativa.
Coordinamento atti ispettivi nazionali interessanti i rami
dell’Amministrazione regionale.
Servizi
Servizio 1° - URP, nomine e ispezioni
Ufficio relazioni con il pubblico per la segreteria generale e gli Uffici alle dirette dipendenze dell’on. Presidente della Regione.
Ispezioni ordinarie e straordinarie nei confronti delle Amministrazioni regionali e locali; ispezioni straordinarie presso istituti, enti, aziende e fondi regionali (legge regionale n. 28/1962 e legge regionale n. 2/1978).
Attività istruttoria amministrativa propedeutica e successiva all’esercizio della competenza di cui all’art. 2, lett. e), della legge regionale n. 10/2000 da parte del Presidente della Regione.
Anagrafe patrimoniale degli amministratori, degli enti, aziende e società controllate o finanziate dalla Regione (legge regionale n. 128/82).
Nomine. Adempimenti ex art. 1, comma 8, legge regionale n. 15/93. Compensi organi collegiali.
Pubblicazione elenco previsto dall’art. 1, comma 3 della legge regionale 28 marzo 1995, n. 22, modificato dall’art. 2 della legge regionale 20 giugno 1997, n. 19.
Privacy: normativa in materia di protezione dei dati personali e pubblici uffici.
Segreteria organi collegiali.
Servizio 2° - Coordinamento attività isole minori
Attività di coordinamento di competenza della segreteria generale per le Isole minori nelle materie:
- territorio ed ambiente;
- lavori pubblici;
- turismo e trasporti;
- agricoltura e foreste;
- commercio, cooperazione e pesca;
- industria;
- beni culturali e pubblica istruzione;
- lavoro e formazione professionale;
- sanità;
- enti locali;
- famiglia.
Promozione rapporti tra isole minori e U.E.
Promozione e/o partecipazione a conferenze, congressi, tavoli tecnici a livello statale e comunitario e mediterraneo, nell’ambito di competenza.
Competenza in materia di rapporti con la U.E. trasversali alla Presidenza e agli Assessorati.
Coordinamento attività di attuazione strumenti di programmazione per lo sviluppo delle isole minori (PIT, PIR, APQ).
Elaborazione di direttive, provvedimenti e vigilanza sull’attuazione degli O.D.G. dell’A.R.S. e delle deliberazioni della Giunta regionale nell’ambito di competenza.
Raccordo con organismi comunitari, Ministeri, Amministrazioni regionali, enti locali, associazioni ed organizzazioni nazionali ed estere nell’ambito di competenza.
Attività di supporto alle amministrazioni comunali delle isole minori nei rapporti comunitari, nazionali e regionali, nell’ambito di competenza.
Coordinamento attività di redazione documenti di programmazione per lo sviluppo delle isole minori.
Coordinamento ai fini della formulazione di proposte legislative e della realizzazione di interventi in favore delle isole minori.
Servizio 3° - Amministrativo-contabile
Problematiche fiscali - Studi. Adempimenti connessi all’assolvimento degli obblighi tributari.
Versamenti IVA per la Regione siciliana.
Adempimenti inerenti i capitoli di spesa: 104004 - 104521 - 104534 - 104537.
Missioni e indennità.
Rilevazioni fenomeni di rilevanza gestionale-contabile secondo il principio della contabilità economica: collaborazione con l’Assessorato regionale bilancio e finanze.
Archivio storico.
Istruttoria e/o erogazione di contributi, spese di funzionamento e sussidi a soggetti, organismi ed enti individuati per legge.
Capitoli di spesa della segreteria generale non altrimenti assegnati;
ulteriori adempimenti contabili non espressamente attribuiti ad altra struttura o previsti da nuove previsioni normative.
Servizio 4° - Coordinamento attività sociali e culturali - Rapporti commissione paritetica - Attuazione Statuto
Attività di competenza della segreteria generale per le materie:
- beni culturali e pubblica istruzione;
- lavoro e formazione professionale;
- sanità;
- autonomie locali;
- famiglia;
- funzione pubblica.
Elaborazione di direttive, provvedimenti e vigilanza sull’attuazione degli ordini del giorno dell’Assemblea regionale e delle deliberazioni della Giunta regionale nell’ambito di competenza.
Coordinamento delle proposte per l’attuazione dello Statuto in rapporto con gli organi dello Stato e con la segreteria della commissione paritetica di cui all’art. 43 dello Statuto.
Servizio 5° - Coordinamento intersettoriale - Fondi e programmi di spesaAdempimenti intersettoriali non riconducibili ad un singolo ramo di amministrazione e relativo coordinamento.
Elaborazione di direttive generali per lo svolgimento dell’azione amministrativa regionale e vigilanza sull’attuazione degli ordini del giorno dell’Assemblea regionale e delle deliberazioni della Giunta regionale nell’ambito di competenza.
Gestione del fondo per le partecipazioni e le convenzioni di cui all’art. 88, comma 3, della legge regionale n. 2/2002.
Finanziamento del programma per opere di interesse sociale e infrastrutture primarie di cui all’art. 1, comma 6, della legge regionale n. 6/2001.
Gestione di altri fondi, piani e programmi di spesa e relativi capitoli che potranno essere attribuiti, per le materie di competenza, alla segreteria generale.
Attività di competenza della segreteria generale per le seguenti materie:
- territorio e ambiente;
- infrastrutture e mobilità, turismo, sport e spettacolo;
- energia e servizi di pubblica utilità;
- risorse agricole e alimentari.
Servizio 6° - Coordinamento attività economiche e produttive - Tutela consumatori
Attività di competenza della segreteria generale per le seguenti materie:
Turismo, e trasporti; Agricoltura e foreste; commercio, cooperazione e pesca, Industria.
Elaborazione di direttive, provvedimenti e vigilanza sull’attuazione degli ordini del giorno dell’Assemblea regionale e delle deliberazioni della Giunta regionale nell’ambito di competenza.
Tutela consumatori e utenti: rapporti con il Ministero delle attività produttive, con il Consiglio nazionale consumatori e utenti e con l’Unione europea.
Iniziative a tutela dei consumatori in collaborazione con le associazioni di utenti sul territorio.
Segreteria Consiglio regionale dei consumatori.
Servizio 7° - Coordinamento controlli di gestione
Attività di coordinamento attinente la materia dei controlli di gestione.
Rapporti con il servizio di pianificazione e controllo strategico del Presidente della Regione.
Rapporti con il Dipartimento bilancio e tesoro in materia di contabilità analitica.
Obiettivi del segretario generale.
Piano di lavoro della segreteria generale, anche finalizzato alla valutazione delle strutture e individuale.
Controllo di gestione della segreteria generale.
Servizio 8° - Forniture beni e servizi
Procedure amministrative ed adempimenti amministrativo-contabili finalizzati all’impegno delle somme e dei pagamenti.
Formulazione di richieste di pareri agli organi consultivi.
Problematiche connesse all’esecuzione dei contratti.
Problematiche di carattere generale riguardanti il dipartimento e i rapporti con altri organismi.
Controllo regolarità amministrativa degli atti per le forniture di beni e servizi.
Istruttoria in collaborazione con gli affari legali del contenzioso nelle materie di competenza.
Adempimenti amministrativo-contabili finalizzati all’impegno delle somme.
Coordinamento uffici dei consegnatari, ufficio del cassiereGestione capitoli di pertinenza.
Coordinamento, gestione ed applicazione del decreto legislativo n. 81/2008 per Palazzo d’Orlèans, parco e siti presidenziali, supporto esecutivo e procedurale al datore di lavoro, servizio di prevenzione e protezione.
Servizio 9° - Sistemi di elaborazione dati di Palazzo d’Orleans e dei siti presidenziali
Pianificazione, progettazione, coordinamento e sicurezza delle infrastrutture telematiche ed informatiche di competenza.
Gestione manutenzione hardware/software delle componenti centralizzate: server virtualizzati, unità di storage su disco e di backup dei dati.
Assistenza tecnica e manutenzione software delle postazioni di lavoro individuali e delle stampanti di rete.
Gestione e manutenzione delle applicazioni centralizzate relative ai siti internet e intranet per la Presidenza, al protocollo informatizzato e alla rilevazione presenze.
Raccordo con il Dipartimento della funzione pubblica e raccordo con altri enti e società per tutte le tematiche informatiche.
UFFICIO LEGISLATIVO E LEGALE
Posizione di collaborazione e coordinamento n. 1
Ordinamento ed organizzazione amministrativa - Beni ed attività strumentali - Attività economiche e produttive
Attività normative e consultive in materia di: Questioni istituzionali.
Organizzazione amministrativa generale. Demanio, ivi compreso il demanio marittimo, lacuale e fluviale. Usi civici. Patrimonio. Bilancio. Finanze.
Finanza locale. Contabilità. Credito e risparmio. Programmazione economica.
enti locali. Elezioni. Attività relative alla fase del procedimento legislativo successiva all’approvazione dei progetti legislativi regionali.
Agricoltura. Bonifica. Foreste. Sistemazione idraulico-forestale. Zootecnia.
Caccia. Pesca. Commercio. Cooperazione. Industria. Artigianato. Miniere e cave, comprese le acque minerali. Sono compresi gli enti operanti nel settore ed il relativo personale.
Posizione di collaborazione e coordinamento n. 2
Attività di assistenza sociale e sanitaria - Turismo - Beni culturali, ambientali e paesaggistici - Cultura - Istruzione - Lavoro
Attività normative e consultive in materia di: Sanità ed igiene pubblica.
Tutela sanitaria ambientale. Protezione civile. Osservatorio epidemiologico.
Assistenza sociale e beneficenza pubblica. Turismo ed attività alberghiera.
Sport e spettacolo. Beni culturali. Antichità ed opere artistiche. Educazione permanente e cultura. Musei e biblioteche. Accademie, enti ed istituzioni culturali. Persone giuridiche private. Istruzione ed assistenza scolastica.
Tutela del paesaggio, dell’ambiente e dei beni ambientali. Lotta all’inquinamento. Parchi e riserve. Lavoro. Formazione professionale.
Emigrazione. Previdenza e tutela sociale. Sono compresi gli enti operanti nel settore ed il relativo personale.
Posizione di collaborazione e coordinamento n. 3
Assetto del territorio - Personale
Attività normative e consultive in materia di: Acque ed acquedotti. Edilizia ed urbanistica. Lavori pubblici, servizi e forniture. Trasporti e comunicazioni. Personale dell’Amministrazione regionale in servizio ed in quiescenza. Adempimenti connessi alla procedura di controllo comunitario sugli aiuti di Stato. Sono compresi gli enti operanti nel settore ed il relativo personale.
Posizione di collaborazione e coordinamento n. 4
Contenzioso giurisdizionale
Contenzioso amministrativo, ordinario (anche del lavoro), costituzionale, pensionistico (Corte dei conti) ed attività connesse. Consulenza legale.
Posizione di collaborazione e coordinamento n. 5
Contenzioso amministrativo I
Ricorsi straordinari ed amministrativi in genere, esposti e denunce in materia di agricoltura, foreste e caccia; demanio; impiego regionale; genio civile e acque pubbliche; pubblica istruzione; provvedimenti concernenti le vittime della mafia; tutela dei beni artistici ed ambientali.
Posizione di collaborazione e coordinamento n. 6
Contenzioso amministrativo II
Ricorsi straordinari ed amministrativi, esposti e denunce in materia di edilizia ed urbanistica; espropriazione per pubblica utilità.
Posizione di collaborazione e coordinamento n. 7
Contenzioso amministrativo III
Ricorsi straordinari ed amministrativi, esposti e denunce in materia di credito e risparmio cooperazione pesca, fiere e mercati; contratti e gestione dei rapporti contrattuali, gare ed aggiudicazioni per forniture di beni e servizi; opere pubbliche, edilizia economica e popolare: enti locali ed enti ed aziende dipendenti o vigilati dall’amministrazione regionale e relativo personale; finanze compresa quella degli enti locali; industria, artigianato, commercio; lavoro, previdenza sociale e formazione professionale; servizio sanitario nazionale, compreso il personale delle A.U.S.L.
Posizione di collaborazione e coordinamento n. 8
Osservatorio dell’attività normativa ed amministrativa, statale e regionale
Verifica ipotesi di conflitto tra legislazione nazionale e competenza legislativa esclusiva della regione Sicilia - Monitoraggio giurisprudenza costituzionale - Osservatorio attività amministrativa statale e regionale per la tutela giurisdizionale delle attribuzioni regionali.
Area affari generali e comuni dell’ufficio legislativo e legale Affari generali e comuni. Raccolta delle leggi, dei regolamenti e dei decreti aventi contenuto normativo. Rapporti con le strutture amministrative della Regione siciliana ed in particolare con la segreteria generale e con il dipartimento del personale, dei servizi generali, di quiescenza, previdenza ed assistenza del personale, per gli affari relativi al personale, all’organizzazione, ai controlli interni e di gestione, alla sicurezza sul lavoro. Attività connesse con l’organizzazione ed il funzionamento della biblioteca e della emeroteca. Raccolta degli atti della Camera dei deputati, del Senato della Repubblica e dell’Assemblea regionale siciliana. Segreteria del dipartimento. Relazioni pubbliche ed informazioni. Servizi generali e comuni: ricezione atti, archivio, protocollo, copia, riproduzione, servizio commessi, portineria e concernenti l’immobile. Contabilità, economato e cassa.
Attività connesse alla gestione unificata. Spese concernenti l’attività dell’Ufficio comprese quelle relative al servizio della Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana. Controlli interni; supporto alla verifica dell’operatività delle strutture del dipartimento in termini di efficienza, anche preordinata alla valutazione delle prestazioni individuali di struttura nonché di efficacia e di efficienza dell’azione amministrativa. Supporto all’attività di pianificazione e programmazione strategica inerente le attività del dipartimento. Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
Servizio della Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana Direzione, amministrazione, redazione, distribuzione, diffusione e consultazione della Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana ed attività connesse. Gestione entrate della Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana.
Adempimenti connessi agli obblighi IVA ed alla tenuta dei libri e documenti fiscali e contabili.
DIPARTIMENTO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE
1. Area affari generali e comuni
Affari generali - Funzioni strumentali e serventi del dipartimento - Gestione risorse umane - Relazioni sindacali e applicazione contrattualistica collettiva - Ufficio relazioni con il pubblico - Servizio per adempimenti sicurezza lavoratori - Segreteria del Comitato regionale di protezione civile.
Attività del consegnatario e del cassiere. Ufficiale rogante. Controlli interni di gestione.
Coordinamento delle attività del volontariato di protezione civile - Tenuta e gestione del registro regionale delle associazioni di volontariato di P.C. - Contributi alle associazioni - Vigilanza e controllo - Promozione attività di formazione di protezione civile del volontariato e del personale interno.
Proposte formative riguardanti il personale del dipartimento.
2. Servizio emergenza
Gestione sala operativa regionale integrata siciliana e coordinamento sale operative regionali e provinciali - Procedure di allertamento e di emergenza - Coordinamento materiali, attrezzature e mezzi materiali di protezione civile - Coordinamento attività regionali in preallerta ed emergenza. Studi e ricerche sulle emergenze di protezione civile.
3. Servizio rischi idrogeologici, sanitari ed ambientali - Servizio meteorologico regionale
Previsione e prevenzione dei rischi di natura idrogeologica ed ambientale.
Linee guida e supporto alla pianificazione di allerta ed emergenza correlata ai rischi di competenza - Competenze regionali derivanti dal nuovo sistema nazionale di allerta meteorologica e di gestione dell’emergenza - Formazione specialistica dei tecnici funzionari in materia di rischio idrogeologico - Supporto alla pianificazione di emergenza e linee guida per i piani di emergenza.
4. Servizio sismico e vulcanico regionale
Individuazione, formazione e aggiornamento elenco zone sismiche - Classificazione sismica del territorio regionale - Coordinamento attività regionale di censimento rischio ed agibilità di edifici ed opere infrastrutturali di interesse strategico o rilevanti ai fini di protezione
civile - Linee guida per le verifiche tecniche dei livelli di sicurezza degli edifici - Formazione specialistica dei tecnici funzionari in materia di rischio sismico - Linee guida piani emergenza sismica.
5. Servizio regionale di P.C. per la provincia di Agrigento Previsione e prevenzione dei rischi - Promozione e supporto della pianificazione di protezione civile provinciale e comunale - Riferimento e coordinamento locale attività di volontariato. Attivazione e interventi in emergenza - Gestione delle attività post-calamità per il rientro nella normalità - Gestione e vigilanza opere pubbliche di protezione civile.
6. Servizio regionale di P.C. per la provincia di Caltanissetta Previsione e prevenzione dei rischi - Promozione e supporto della pianificazione di protezione civile provinciale e comunale - Riferimento e coordinamento locale attività di volontariato. Attivazione e interventi in emergenza - Gestione delle attività post-calamità per il rientro nella normalità - Gestione e vigilanza opere pubbliche di protezione civile.
7. Servizio regionale di P.C. per la provincia di Catania
Previsione e prevenzione dei rischi - Promozione e supporto della pianificazione di protezione civile provinciale e comunale - Riferimento e coordinamento locale attività di volontariato. Attivazione e interventi in emergenza - Gestione delle attività post-calamità per il rientro nella normalità - Gestione e vigilanza opere pubbliche di protezione civile.
Gestione e vigilanza interventi pubblici di riparazione e ricostruzione post-sisma 1990 e terremoti etnei - Attivazione ed interventi in emergenza.
Previsione e prevenzione dei rischi del vulcano Etna.
Acquisizione e gestione materiali e mezzi di protezione civile in particolare per la Sicilia orientale - Gare forniture, servizi e lavori - Attivazione ed interventi in emergenza.
8. Servizio regionale di P.C. per la provincia di Enna Previsione e prevenzione dei rischi - Promozione e supporto della pianificazione di protezione civile provinciale e comunale - Riferimento e coordinamento locale attività di volontariato. Attivazione e interventi in emergenza - Gestione delle attività post-calamità per il rientro nella normalità - Gestione e vigilanza opere pubbliche di protezione civile.
9. Servizio regionale di P.C. per la provincia di Messina Previsione e prevenzione dei rischi - Promozione e supporto della pianificazione di protezione civile provinciale e comunale - Riferimento e coordinamento locale attività di volontariato. Attivazione e interventi in emergenza - Gestione delle attività post-calamità per il rientro nella normalità - Gestione e vigilanza opere pubbliche di protezione civile.
10. Servizio regionale di P.C. per la provincia di Ragusa
Previsione e prevenzione dei rischi - Promozione e supporto della pianificazione di protezione civile provinciale e comunale - Riferimento e coordinamento locale attività di volontariato. Attivazione e interventi in emergenza - Gestione delle attività post-calamità per il rientro nella normalità - Gestione e vigilanza opere pubbliche di protezione civile.
11. Servizio regionale di P.C. per la provincia di Siracusa
Previsione e prevenzione dei rischi - Promozione e supporto della pianificazione di protezione civile provinciale e comunale - Riferimento e coordinamento locale attività di volontariato. Attivazione e interventi in emergenza - Gestione delle attività post-calamità per il rientro nella normalità - Gestione e vigilanza opere pubbliche di protezione civile.
12. Servizio regionale di P.C. per la provincia di Palermo
Previsione e prevenzione dei rischi - Promozione e supporto della pianificazione di protezione civile provinciale e comunale - Riferimento e coordinamento locale attività di volontariato. Attivazione e interventi in emergenza - Gestione delle attività post-calamità per il rientro nella normalità - Gestione e vigilanza opere pubbliche di protezione civile.
13. Servizio regionale di P.C. per la provincia di Trapani
Previsione e prevenzione dei rischi - Promozione e supporto della pianificazione di protezione civile provinciale e comunale - Riferimento e coordinamento locale attività di volontariato. Attivazione e interventi in emergenza - Gestione delle attività post-calamità per il rientro nella normalità - Gestione e vigilanza opere pubbliche di protezione civile.
DIPARTIMENTO REGIONALE DELLA PROGRAMMAZIONE
1. Area affari generali, contratti e contenzioso
- servizi comuni relativi al funzionamento degli uffici;
- protocollo centralizzato;
- gestione contabile e coordinamento proposte di bilancio;
- sicurezza sul lavoro;
- chiusura contabile misura 7.1 "Assistenza tecnica" e misura 4.04 del P.O.R. Sicilia 2000/2006;
- gestione amministrativa-contabile delle linee d’intervento dell’asse 7 P.O. FESR 2007/2013;
- ufficio del consegnatario;
- ufficio del cassiere;
- affari di carattere generale e del personale;
- contratti, contenzioso, bandi ed appalti di forniture e servizi;
- relazioni sindacali;
- supporto al capo dipartimento nella valutazione della dirigenza;
- supporto alla gestione amministrativa-contabile delle attività di assistenza tecnica dei programmi di cooperazione territoriale europea.
- attività di segreteria del dirigente generale;
- nucleo regionale di valutazione e verifica degli investimenti pubblici; 1)
- attività di segreteria del nucleo di valutazione;
- attività di supporto tecnico-amministrativo;
- rapporti con l’A.R.S., la Presidenza, la Giunta regionale;
- raccordo tecnico-operativo con gli Uffici del dipartimento programmazione e con gli altri Uffici dell’Amministrazione regionale, statale e comunitaria;
- rapporti con la Conferenza Stato-Regioni e con la Conferenza delle Regioni;
- controllo interno di gestione;
- monitoraggio e controllo delle misure 7.01 e 4.04 del P.O.R. Sicilia 2000/2006 e delle linee d’intervento del P.O. FESR 2007/2013 di competenza del dipartimento;
- monitoraggio e controllo delle linee di intervento di competenza del dipartimento appartenenti ai programmi di cooperazione territoriale europea.
2. Area coordinamento, comunicazione, assistenza tecnica
- coordinamento attività relative alla predisposizione, all’aggiornamento ed all’attuazione del documento unitario di programmazione e di altri strumenti di programmazione;
- coordinamento attività chiusura P.O.R. Sicilia 2000/2006;
- programmazione e coordinamento delle attività e delle iniziative per l’attuazione del P.O. FESR 2007/2013;
- finanza di progetto;
- raccordo con il Q.S.N. per la priorità 10 (Governance, capacità istituzionali, etc.);
- programmazione e coordinamento attuazione asse 7 P.O.R. Sicilia 2000/2006 e asse 7 P.O. FESR 2007/2013;
- attività di programmazione e di raccordo con i dipartimenti interessati, relativamente all’obiettivo specifico 7.1 del P.O. FESR 2007/2013;
- raccordo con il P.O.N. Governance e assistenza tecnica 2007-2013 e coordinamento dei progetti di assistenza tecnica dei programmi operativi nazionali ed interregionali;
- segreteria del Comitato di sorveglianza del P.O.R. 2000/2006 e del P.O. FESR 2007/2013;
- segreteria del Comitato regionale per i fondi strutturali;
- ufficio del partenariato e segreteria del forum della concertazione;
- attività di valutazione del P.O. FESR 2007/2013;
- attività di supporto per la partecipazione al Comitato di sorveglianza del Q.S.N. e del PON GAT 2007/2013;
- predisposizione ed attuazione del piano comunicazione P.O. FESR 2007/2013;
- supporto all’attuazione dei piani di comunicazione dei programmi di cooperazione territoriale europea;
- servizi della comunicazione e della promozione compresa la gestione dei contenuti dei siti internet del dipartimento e dell’U.R.P.;
- gestione biblioteca.
- Gestione del D.U.P.
3. Area controlli, legalità e sicurezza
- coordinamento controlli autorità di gestione;
- coordinamento comunicazioni delle irregolarità ai sensi del regolamento CE n. 1828/2006;
- raccordo con le istituzioni comunitarie, nazionali e regionali competenti nei sistemi di audit;
- coordinamento e programmazione degli interventi comunitari riguardanti le tematiche della sicurezza;
- coordinamento programmazione e attuazione interventi del P.O. FESR su sicurezza e legalità;
- attività di programmazione ed attuazione dell’obiettivo 7.2 del P.O. FESR 2007/2013;
- coordinamento, programmazione ed attuazione dell’A.P.Q. sicurezza e legalità per lo sviluppo "Carlo Alberto Dalla Chiesa";
- raccordo con il P.O.N. "Sicurezza per lo sviluppo del Mezzogiorno d’Italia";
- rapporti con enti ed organismi inerenti alle materie di competenza.
4. Area tecnica, sistema informativo, coordinamento monitoraggio- elaborazione, coordinamento e promozione delle attività e dei piani e progetti di sviluppo del sistema informativo dipartimentale;
- coordinamento delle attività di gestione del sistema informativo e dei relativi servizi;
- gestione del CED, delle macchine e delle attrezzature informatiche del dipartimento;
- gestione della rete informatica per il monitoraggio dei fondi comunitari;
- gestione dei servizi informatici di base (sistemi informativi, connettività ecc.) e della sicurezza della rete;
- supporto tecnico operativo agli utenti della rete;
- gestione e sviluppo del sistema informativo di monitoraggio dei Fondi strutturali (ex art. 4, legge regionale n. 32/2000);
- gestione e sviluppo tecnico informatico dei siti internet dipartimentali;
- attività concernenti sviluppo e gestione di applicazioni e prodotti software;
- banca dati progetti e programmi triennali OO.PP. degli enti locali;
- coordinamento delle attività concernenti il monitoraggio del P.O. FESR 2007/2013, del P.O.R. Sicilia 2000/2006 e dei programmi di cooperazione territoriale europea;
- verifica e coordinamento delle attività di monitoraggio degli AA.P.Q.;
- coordinamento dell’attuazione del "progetto monitoraggio regionale" e raccordo con quello nazionale.
1. Servizio programmazione e coordinamento dell’attuazione degli interventi infrastrutturali
- attività relative alla predisposizione, all’aggiornamento ed all’attuazione del documento unitario di programmazione e di altri strumenti di programmazione;
- supporto e assistenza ai responsabili di misura nella individuazione delle proposte di riprogrammazione e rimodulazione del Complemento di programmazione per la chiusura del P.O.R. Sicilia 2000/2006;
- raccordo con il Q.S.N. per le priorità 3 e 6;
- programmazione e coordinamento attuazione assi 1 e 2 del P.O. FESR 2007/2013;
- raccordo con il PON Reti e mobilità 2007/2013;
- raccordo con il POIN Energia 2007/2013;
- supporto e coordinamento utilizzo degli strumenti istituzionali previsti per lo snellimento delle procedure (conferenze di servizi, accordi di programma, sportello unico attività produttive, etc.) con riferimento ai programmi di competenza;
- attività di supporto e coordinamento di interventi comunitari e statali (AA.P.Q. ed altri strumenti d’intervento) con riferimento a: trasporti, viabilità, infrastrutture energetiche, settore idrico, dei rifiuti e della difesa del suolo;
- attività residuale gestione legge n. 64/86, FIO, completamenti e studi di fattibilità (delibera CIPE n. 70/98), aree depresse (delibera CIPE 12 luglio 1996), DUPIM-PIST Sicilia;
- attuazione interventi A.P.Q. sviluppo locale - azione isole minori (II e IV atto integrativo);
- coordinamento della programmazione ed attuazione di programmi statali attuati giusta delibera CIPE 22 marzo 2006, n. 7.
2. Servizio programmazione e coordinamento dell’attuazione delle politiche territoriali
- attività relative alla predisposizione, all’aggiornamento ed all’attuazione del documento unitario di programmazione e di altri strumenti di programmazione;
- supporto e assistenza ai responsabili di misura nella individuazione delle proposte di riprogrammazione e rimodulazione del Complemento di programmazione per la chiusura del P.O.R. Sicilia 2000/2006;
- raccordo con il Q.S.N. per le priorità 5 e 8;
- programmazione e coordinamento attuazione assi 3 e 6 del P.O. FESR 2007/2013;
- raccordo con il POIN attrattori culturali 2007/2013;
- attività inerenti alle competenze per l’attuazione dell’A.P.Q. "Riqualificazione urbana e miglioramento della qualità della vita";
- supporto e coordinamento utilizzo degli strumenti istituzionali previsti per lo snellimento delle procedure (conferenze di servizi, accordi di programma, sportello unico attività produttive, etc.) con riferimento ai programmi di competenza;
- attività di supporto e coordinamento di interventi comunitari e statali (AA.P.Q., ed altri strumenti d’intervento) con riferimento a: risorse culturali, naturali, ambientali e turismo, politiche territoriali e urbane.
3. Servizio programmazione e coordinamento dell’attuazione degli interventi riguardanti lo sviluppo imprenditoriale e locale
- attività relative alla predisposizione, all’aggiornamento ed all’attuazione del documento unitario di programmazione e di altri strumenti di programmazione;
- supporto e assistenza ai responsabili di misura nella individuazione delle proposte di riprogrammazione e rimodulazione del Complemento di programmazione per la chiusura del P.O.R. Sicilia 2000/2006;
- gestione operativa P.I.T. e P.I.R. in diretto raccordo con il nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici;
- raccordo con il Q.S.N. per le priorità 7 e 9;
- programmazione e coordinamento attuazione asse 5 del P.O. FESR 2007/2013;
- coordinamento dell’attività di VAS del P.O. FESR 2007/2013 in stretto raccordo col nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici;
- attività di supporto per i regimi d’aiuto del P.O. FESR 2007/2013;
- raccordo ed integrazione con il P.S.R. 2007/2013 e il P.O. FEP 2007/2013;
- attività di competenza regionale per la programmazione negoziata e la programmazione sub-regionale;
- programmazione e coordinamento dell’attuazione dell’A.P.Q. sviluppo locale;
- raccordo con il P.O.N. Ricerca e competitività 2007/2013 - asse competitività;
- supporto e coordinamento utilizzo degli strumenti istituzionali previsti per lo snellimento delle procedure (conferenze di servizi, accordi di programma, sportello unico delle attività produttive, etc.), con riferimento ai programmi di competenza;
- attività residuale di gestione sovvenzioni globali della programmazione comunitaria n. 94/99.
4. Servizio programmazione e coordinamento dell’attuazione degli interventi riguardanti risorse umane, ricerca, politiche trasversali- attività relative alla predisposizione, all’aggiornamento ed all’attuazione del documento unitario di programmazione e di altri strumenti di programmazione;
- supporto e assistenza ai responsabili di misura nella individuazione delle proposte di riprogrammazione e rimodulazione del Complemento di programmazione per la chiusura del P.O.R. Sicilia 2000/2006;
- coordinamento del piano d’azione per il raggiungimento degli obiettivi di servizio del Q.S.N. 2007/2013;
- raccordo con il Q.S.N. 2007/2013 per le priorità 1, 2 e 4;
- programmazione e coordinamento attuazione asse 4 del P.O. FESR 2007/2013;
- raccordo con il servizio responsabile dell’asse 6 del P.O. FESR 2007/2013 relativamente alle linee d’intervento finalizzate al miglioramento della qualità delle infrastrutture e servizi educativi e socio-sanitari;
- raccordo ed integrazione con i P.O.N. ricerca e competitività 2007/2013 - Asse ricerca, istruzione FESR e FSE, Governance e azioni di sistema;
- raccordo ed integrazione con il P.O. FSE 2007/2013;
- supporto e coordinamento utilizzo degli strumenti istituzionali previsti per lo snellimento delle procedure (conferenze di servizi, accordi di programma, sportello unico attività produttive, etc.) con riferimento ai programmi di competenza;
- raccordo con gli uffici regionali competenti per la programmazione, l’attuazione e l’aggiornamento della strategia per l’innovazione e della strategia per la società dell’informazione;
- attività di supporto e coordinamento di interventi comunitari e statali (AA.P.Q., ed altri strumenti d’intervento) relativi alla ricerca scientifica ed innovazione tecnologica, alta formazione, società dell’informazione, istruzione, formazione e politiche del lavoro, politiche sociali e pari opportunità;
- attività di coordinamento della formazione specialistica del personale;
- attività residuale di gestione delle azioni 3.3b e 3.3c del P.O.P. n. 94/99.
5. Servizio per la cooperazione territoriale europea e per la cooperazione decentrata allo sviluppo
- attività relative alla predisposizione, all’aggiornamento ed all’attuazione del documento unitario di programmazione e di altri strumenti di programmazione;
- coordinamento e chiusura del Programma Italia-Malta 2004/2006;
- programmazione, coordinamento e gestione del Programma operativo Italia-Malta 2007/2013;
- programmazione, coordinamento e gestione del Programma di cooperazione transfrontaliera Italia-Tunisia 2007/2013;
- programmazione e coordinamento degli interventi finalizzati all’attuazione della Politica europea di prossimità e dello strumento di preadesione (IPA);
- attività di coordinamento del Gruppo interdipartimentale per la cooperazione territoriale e per la partecipazione dei Dipartimenti regionali ai programmi di cooperazione transnazionali, interregionali e transfrontalieri di interesse per la Regione siciliana.
- raccordo con la CE, con lo Stato e con le Regioni con riferimento all’obiettivo "Cooperazione territoriale europea";
- attività di coordinamento dei progetti di cooperazione decentrata e solidarietà internazionale finanziati a valere sul cap. 100328 del bilancio
regionale;
- programmazione e coordinamento dell’attuazione degli interventi dell’A.P.Q. "Programma di sostegno alla cooperazione regionale" finanziato con risorse F.A.S.
DIPARTIMENTO REGIONALE DI BRUXELLES E DEGLI AFFARI EXTRAREGIONALI
Servizio 1 - Sede di Bruxelles
Raccordo con l’area affari generali del dipartimento in ordine agli adempimenti amministrativi, contabili e di bilancio. Convenzioni tirocinii.
Funzionamento della sede di Bruxelles. Rapporti con gli uffici dell’A.R.S. di Bruxelles. Interazione con la Commissione Europea: DG Regio, DG Agricoltura, DG Concorrenza, DG Impiego, DG Pesca ed altre.
Interazione con il Consiglio dei Ministri tramite Rappresentanza Permanente:
COREPER I, COREPER II, ECOFIN ed altro.
Interazione con il Comitato delle Regione: sedute plenarie, attività delle commissioni, preparazione di dossiers.
Rapporti con altre regioni italiane ed europee.
Interazione con il Parlamento europeo.
Rapporti con gli uffici di europarlamentari siciliani.
Attività delle Commissioni.
Monitoraggio Corte di giustizia europea: casi e sentenze di interesse regionale.
Monitoraggio Corte dei conti europea: casi e sentenze di interesse regionale.
Assistenza al Presidente della Regione ed agli Assessori in visita.
Assistenza a parlamentari dell’ARS in visita.
Assistenza a rappresentanti di enti locali, università, associazioni di categoria in visita.
Assistenza agli uffici regionali per risolvere criticità con uffici della Commissione.
Servizio 2 - Ufficio di Roma
Raccordo con l’area affari generali del dipartimento in ordine agli adempimenti amministrativi, contabili e di bilancio.
Attività di informazione e raccordo tra i rami dell’Amministrazione regionale, soggetti istituzionali regionali e i rami delle Amministrazioni statali.
Interazione con il CIPE.
Interazione con i singoli Ministeri.
Interazione con uffici di parlamentari siciliani.
Assistenza al Presidente della Regione in visita.
Assistenza agli Assessori regionali in visita.
Assistenza alle direzioni generali in visita.
Assistenza ai funzionari regionali in visita.
Assistenza ai rappresentanti regionali alla Conferenza Stato-Regioni.
Monitoraggio della Corte costituzionale: casi e sentenze di interesse regionale.
Monitoraggio della Corte dei conti: casi e sentenze di interesse regionale.
Servizio 3 - Sede di Palermo
Iniziative discendenti dalla partecipazione della Regione alle Associazioni internazionali di Regioni che svolgono attività internazionali in ambito mediterraneo.
Insularità e reti di regioni insulari.
Iniziative connesse alla partecipazione della Regione al Programma A.R.T. (appoggio alle reti territoriali e tematiche internazionali) anche nell’ambito
delle intese raggiunte con la Conferenza delle Regioni periferiche e marittime (CRPM) dell’U.E.
Coordinamento delle attività di cooperazione nel Mediterraneo.
Promozione di iniziative di cooperazione nel Mediterraneo.
Servizio 4 - Relazioni internazionali e diplomatiche - sede di PalermoAttività di raccordo tra l’Amministrazione regionale e il Ministero degli affari esteri, anche attraverso la rete italiana all’estero (ambasciate, consolati, istituti italiani di cultura).
Attività di raccordo tra l’Amministrazione regionale e le sedi italiane delle Istituzioni Internazionali.
Coordinamento e attività di rafforzamento della rete di intese tra la Regione siciliana ed enti omologhi stranieri.
Assistenza al Presidente della Regione nei contatti con le autorità straniere, anche in raccordo con l’Ufficio di rappresentanza e del cerimoniale.
Istituzione delle "Case Sicilia" all’estero, di cui all’art. 89 della legge regionale 26 marzo 2002, n. 2.
Coordinamento e sostegno finanziario alle iniziative culturali e commerciali, di cui ai decreti presidenziali del 22 giugno 2005 e 19 settembre 2005.
Assistenza a investitori esteri per conto della Presidenza.
Assistenza ad iniziative imprenditoriali all’estero.
Coordinamento delle attività di cooperazione nel Mediterraneo.
Promozione di iniziative di cooperazione nel Mediterraneo.
Scouting internazionale per investimenti in Sicilia.
Area 1 - Affari generali - sede di Palermo
Adempimenti amministrativi, contabili e di bilancio. Gestione del personale.
Formazione. Relazioni sindacali.
Attività di supporto per lo svolgimento delle funzioni demandate al dirigente generale.
Organizzazione amministrativa generale ed ogni altra disposizione riguardante l’organizzazione interna del dipartimento, avendo riguardo soprattutto al raccordo dell’attività degli uffici aventi sede decentrata.
Relazioni esterne e segreteria della direzione generale.
Supporto al dirigente generale, relativamente al raccordo con la struttura competente in materia di pianificazione e controllo strategico e controllo di gestione, nonché in materia di proposta per la valutazione della dirigenza, ex direttiva Assessore alla presidenza n. 2/GAB del 20 ottobre 2007.
ASSESSORATO REGIONALE DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE
DIPARTIMENTO REGIONALE DELLE ATTIVITA’ PRODUTTIVE
Area 1 - Coordinamento e pianificazione
- Predisposizione degli atti di indirizzo e coordinamento di competenza del dirigente generale - Attività di collegamento e raccordo con le aree, i servizi e le UU.OO.BB. del dipartimento.
- Disciplina comunitaria coordinamento in raccordo con i servizi competenti delle procedure in materia di normativa U.E. - programmazione - coordinamento attuazione delle linee d’intervento assegnate al dipartimento con il P.O. FESR 2007/2013.
- Supporto tecnico al coordinamento delle attività del dipartimento (previsioni di bilancio, assegnazione dei capitoli di entrata e di spesa, adempimenti conseguenti all’applicazione di norme statali e regionali).
- Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
- Elaborazione piani di azione del dipartimento in relazione alle direttive presidenziali e assessoriali e rapporti con il servizio di pianificazione e controllo strategico dell’Assessore.
- Relazioni sindacali. Applicazione contrattualistica collettiva (contratti integrativi decentrati e contratti dirigenti).
- Gestione convenzioni per la istituzione di master di eccellenza con consorzi universitari per materie di competenza del dipartimento.
- Proposte formative riguardanti il personale del dipartimento.
- Coordinamento delle attività discendenti dalla partecipazione alla Commissione AA.PP. Conferenza dei presidenti delle Regioni autonome, relazioni con le Amministrazioni centrali.
- Attività di coordinamento e proposta per le politiche attuate con fondi comunitari, nazionali (FAS, etc.) e regionali.
- Valutazione del personale del comparto dirigenziale e non- Controllo interno e di gestione.
- Monitoraggio interventi strutturali P.O. FESR 2007/2013 di competenza del dipartimento. Validazione dei dati finanziari, procedurali e fisici - Certificazione P.O. FESR 2007/2013. Previsioni di spesa. Programma dei controlli. Pista di controllo.
Area 2 - Servizi generali
- Segreteria del dirigente generale - Repertorio.
- Organizzazione e affari generali.
- Gestione delle risorse umane del Dipartimento.
- Servizi uscierili e di portineria.
- Protocollo informatico.
- Servizio spedizione.
- Gestione delle utenze.
- Attività del Consegnatario.
- Economato e cassa.
- Funzioni di documentazione e biblioteca - archivio storico.
- Servizio per adempimenti sicurezza lavoratori.
- Segreterie organi collegiali.
- Rilevazione automatizzata delle presenze.
- Gestione segnalazioni antimafia e richieste verifiche Equitalia.
- Notifica sentenze organi di giustizia amministrativa - Rapporti con organi di polizia giudiziaria.
- Ufficio gare e contratti: Predisposizione bandi di gara, esperimento gare, stipula contratti d’appalto.
- Sistema informativo, gestione e sviluppo rete informatica gestione e pubblicazioni sul sito web.
- Ufficiale rogante.
- Programmazione ed acquisto materiale informatico.
- Adempimenti connessi al responsabile degli acquisti di beni e servizi per il dipartimento.
Servizi
1 - Servizio promozione dello sviluppo industriale
- Gestione di interventi cofinanziati dalla U.E.
- Attività relativa all’attuazione dei PIT, di contratti di programma o altri atti di programmazione negoziata, nelle materie di competenza.
- Interventi regionali per gli investimenti produttivi e per i servizi alle PMI (art. 32, legge regionale n. 15/93).
- Fondi IRFIS.
- Prestiti partecipativi; Competenze regionali in materia di interventi nazionali (legge n. 488/92 - Industria; legge n. 215/92, etc.).
- Problematiche concernenti il trasferimento di interventi agevolativi dallo Stato.
2 - Servizio distretti tecnologici e produttivi - Osservatorio P.M.I. - Attività di ricerca
- Attività connessa all’attuazione della disciplina in materia di distretti produttivi; osservatorio P.M.I.
- Distretti tecnologici.
- Sistemi di qualità e interventi in favore delle PMI finalizzati all’aumento di competitività.
- Aiuti ricerca e sviluppo alle P.M.I.
- Aiuti cofinanziati con fondi regionali nazionali e comunitari.
3 - Servizio incentivi alle imprese
- Gestione degli interventi cofinanziati dalla U.E.
- Attività relativa all’attuazione dei P.I.T., di contratti di programma o altri atti di programmazione negoziata, nelle materie di competenza.
- Agevolazioni per l’innovazione tecnologica, alla ricerca ed al trasferimento tecnologico.
- Problematiche residue interventi straordinari: consolidamento debiti a breve, contributi su danni alluvionali.
- Attività proprie della segreteria tecnica istituita con legge regionale n. 11/94.
- Attività istruttoria dei progetti per lo sviluppo dell’imprenditoria giovanile di cui alla legge n. 236/93 e alla legge n. 95/95.
- Sostegno alla imprenditorialità giovanile, femminile e del terzo settore.
- Completamento degli interventi di cui alla ex legge n. 37/78 e successive modifiche ed integrazioni sull’occupazione giovanile.
- Completamento delle attività relative agli incentivi industriali di cui alla legge n. 64/86.
- Attività istruttoria dei progetti di cui alla legge n. 135/98.
- Contributo in conto interessi previsto dall’art. 31 della legge regionale n. 34/88.
- Agevolazioni creditizie; interventi finanziari a sostegno delle P.M.I. e delle società cooperative, gestione fondi unici; consorzi fidi.
- Incentivazioni turistico-alberghiero regionali, statali e comunitarie.
- Credito alberghiero legge regionale nn. 46/67 - 32/72 - 78/86.
- Credito alberghiero legge regionale n. 32/2000.
- Gestione contributi comunitari.
- Contributi statali - CIPE.
- Contributi ex art. 16 legge regionale n. 27/96.
4 - Servizio ispettivo e di vigilanza enti e cooperative- Controllo e vigilanza sull’attività svolta dai consorzi ASI.
- Controllo e vigilanza previsti da norme di legge sull’attività svolta dagli enti di settore (esame atti deliberativi e bilanci) e predisposizione di eventuali note circolari finalizzate a fornire chiarimenti o uniformare i comportamenti sulle materie soggette a controllo e vigilanza.
- Ispezioni ordinarie e straordinarie alle cooperative (servizio ispettivo).
- Vigilanza sull’adempimento degli obblighi degli enti gestori previsti in convenzione.
- Schedario, scioglimenti semplici e rapporti con le Prefetture, tribunali dell’Isola ed uffici ministeriali; attività di riscossione oneri a carico delle cooperative; vigilanza sugli atti delle cooperative; tenuta elenchi revisori e società di revisione; commissione regionale della cooperazione e rapporti con organismi di rappresentanza; formazione.
- Liquidazioni coatte amministrative ed altre attività correlate.
- Vigilanza sull’attività delle camere di commercio, industria, artigianato ed agricoltura; vigilanza altri enti.
5 - Insediamenti produttivi
- Aree attrezzate per insediamenti artigianali, mercati.
- Contributi spese di funzionamento per le A.S.I.
- Contributi per spese di gestione diretta ed indiretta delle infrastrutture delle A.S.I.
- Espropri di aree nei consorzi per le A.S.I.: finanziamento in c/anticipazione finalizzato all’acquisizione di nuove aree.
- Finanziamento delle opere infrastrutturali nelle aree industriali.
- Interventi per la manutenzione straordinaria delle opere nelle A.S.I.
- Interventi comunitari e statali a sostegno delle aree attrezzate.
6 - Commercio
- Disciplina del commercio ed urbanistica commerciale; contributi a sostegno del commercio; vigilanza sui mercati.
- Interventi comunitari e statali a sostegno del commercio.
- Piano triennale per la rete di distribuzione carburanti.
- Concessioni di impianti di distribuzione di oli minerali e carburanti di ogni tipo e gestione delle attività connesse e conseguenti.
- Competenze delegate dallo Stato in materia di distribuzione carburanti.
- Depositi commerciali e autorizzazioni di impianti privati.
- Banca dati per la gestione delle tasse di concessione governativa regionale per i depositi, gli impianti privati e di distribuzione di carburanti.
- Irrogazioni di sanzioni amministrative con esclusione della fase di recupero.
- Gestione capitolo 343309 somme da devolvere ai comuni pari al 15% del gettito derivante dalle sanzioni amministrative pecuniarie di cui all’ art. 12 della legge regionale n. 28 del 1999.
- Applicazione del sistema sanzionatorio previsto dalla legge n. 689 del 1981 nelle materie di competenza del dipartimento.
- Gestione capitolo 342518 spese di trasporto, consegna custodia ed eventuale alienazione o distruzione dei beni confiscati.
- Decentramento amministrativo connesso alla rete di distribuzione dei carburanti ed alle attività e compiti relativi.
- Osservatorio regionale per la distribuzione di oli minerali e carburanti di ogni tipo.
- Commissione carburanti e gestione segreteria.
7 - Artigianato
- Disciplina attività artigiane; segreteria C.R.A.; interventi contributivi a sostegno dell’artigianato; interventi comunitari e statali a sostegno dell’artigianato.
8 - Internalizzazione delle imprese
- Attività di supporto per la definizione del PRINT e del "Piano di azione"
in materia di internazionalizzazione delle imprese.
- Programmazione e attuazione degli interventi comunitari in materia di internazionalizzazione delle imprese.
- Disciplina e coordinamento attività promozionali; attività promozionali altri enti e relativa attività contributiva; calendario regionale mostre e fiere.
ASSESSORATO REGIONALE DEI BENI CULTURALI E DELL’IDENTITA’ SICILIANA
DIPARTIMENTO REGIONALE DEI BENI CULTURALI E DELL’IDENTITA’ SICILIANA
Area affari generali
Segreteria del dirigente generale.
Gestione delle risorse umane.
Rilevazione automatizzata delle presenze.
Consegnatario - Servizi di cassa.
Relazione sindacali e applicazione contrattualistica collettiva.
Rapporti con il dipartimento regionale del bilancio e tesoro.
Ufficio relazioni con il pubblico.
Attività e funzioni di documentazione e biblioteca.
Protocollo informatico - Repertorio decreti - Archivio storico.
Segreterie organi collegiali.
Servizio sicurezza luoghi di lavoro ed adempimenti. decreto legislativo n. 81/2008.
Proposte formative riguardanti il personale del dipartimento.
Rapporti con le Istituzioni comunitarie. Controlli interni di gestione.
Rapporti con il servizio di pianificazione e di controllo strategico dell’Assessore.
Controlli interni; supporto alla verifica dell’operatività delle strutture del dipartimento in termini di efficienza, anche preordinata alla valutazione delle prestazioni individuali di struttura nonché di efficacia e di efficienza dell’azione amministrativa. Supporto all’attività di pianificazione e programmazione strategica inerente le attività del dipartimento. Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza 1. Tutela ed acquisizione
Tutela del paesaggio, dei beni naturali e naturalistici, paesistici, architettonici ed urbanistici, archeologici, etnoantropologici, storici, artistici ed iconografici, bibliografici ed archivistici, pianificazione paesistica, prestazione civile, catalogazione ed acquisizione ed espropriazione dei beni culturali.
2. Patrimonio archeologico, architettonico, archivistico, bibliografico, etnoantropologico e storico-artistico
Conservazione, gestione, restauro del patrimonio culturale, programmazione, monitoraggio e valutazione degli inteventi strutturali. Interventi comunitari.
3. Promozione e valorizzazione
Promozione e fruizione dei beni e delle attività delle istituzioni culturali, teatrali, musicali e di educazione permanente. Attività di promozione e valorizzazione delle tradizioni e dell’identità siciliana. Interventi comunitari.
4. Servizio ispettivo
Ricerca scientifica e studi specifici, riesame dei pareri tecnici degli uffici periferici del dipartimento, ispezioni ordinarie e straordinarie.
5. Servizio museografico
Gestione territoriale separata delle realtà museografiche e galleristiche.
6. Servizio architettura e urbanistica contemporanee
Promozione della qualità del progetto e dell’opera architettonica e urbanistica, catalogazione. Interesse artistico, protezione del patrimonio archeologico o culturale, interventi comunitari, piano annuale per l’architettura contemporanea.
7. Servizio arte contemporanea
Eventi, attività di ricognizione e catalogazione del patrimonio pubblico d’arte contemporaneo, offerta culturale, vigilanza. Linee guida per la valorizzazione delle espressioni artistiche contemporanee. Convenzioni, piano regionale per l’arte contemporanea, convenzioni per la cura e la gestione di raccolte pubbliche di opere d’arte.
STRUTTURE PERIFERICHE
1. Area del Centro regionale per la progettazione, il restauro e per le scienze naturali ed applicate ai beni culturali di Palermo.
2. Area del Centro regionale per l’inventario, la catalogazione e la documentazione grafica, fotografica, aerofotografica, audio-visiva di Palermo e filmoteca regionale siciliana.
1. Servizio biblioteca centrale della Regione siciliana di Palermo.
2. Servizio biblioteca regionale di Catania.
3. Servizio biblioteca regionale di Messina.
4. Servizio biblioteca-museo regionale "Luigi Pirandello" di Agrigento.
5. Servizio della Soprintendenza per i beni culturali ed ambientali di Agrigento.
6. Servizio per i beni architettonici, paesaggistici, naturali e naturalistici di Agrigento.
7. Servizio per i beni storico-artistici, etnoantropologici, librari e archivistici di Agrigento.
8. Servizio per i beni archeologici di Agrigento.
9. Servizio della Soprintendenza per i beni culturali ed ambientali di Caltanissetta.
10. Servizio per i beni architettonici, paesaggistici, naturali e naturalistici di Caltanissetta.
11. Servizio per i beni storico-artistici, etnoantropologici, librari e archivistici di Caltanissetta.
12. Servizio per i beni archeologici di Caltanissetta.
13. Servizio della Soprintendenza per i beni culturali ed ambientali di Catania.
14. Servizio per i beni architettonici, paesaggistici, naturali e naturalistici di Catania.
15. Servizio per i beni storico-artistici, etnoantropologici, librari e archivistici di Catania.
16. Servizio per i beni archeologici di Catania.
17. Servizio della Soprintendenza per i beni culturali ed ambientali di Enna.
18. Servizio per i beni architettonici, paesaggistici, naturali e naturalistici di Enna.
19. Servizio per i beni storico-artistici, etnoantropologici, librari e archivistici di Enna.
20. Servizio per i beni archeologici di Enna.
21. Servizio della Soprintendenza per i beni culturali ed ambientali di Messina.
22. Servizio per i beni architettonici, paesaggistici, naturali e naturalistici di Messina.
23. Servizio per i beni storico-artistici, etnoantropologici, librari e archivistici di Messina.
24. Servizio per i beni archeologici di Messina.
25. Servizio della Soprintendenza per i beni culturali ed ambientali di Palermo.
26. Servizio per i beni architettonici, paesaggistici, naturali e naturalistici di Palermo.
27. Servizio per i beni storico-artistici, etnoantropologici, librari e archivistici di Palermo.
28. Servizio per i beni archeologici di Palermo.
29. Servizio della Soprintendenza per i beni culturali ed ambientali di Ragusa.
30. Servizio per i beni architettonici, paesaggistici, naturali e naturalistici di Ragusa.
31. Servizio per i beni storico-artistici, etnoantropologici, librari e archivistici di Ragusa.
32. Servizio per i beni archeologici di Ragusa.
33. Servizio della Soprintendenza per i beni culturali ed ambientali di Siracusa.
34. Servizio per i beni architettonici, paesaggistici, naturali e naturalistici di Siracusa.
35. Servizio per i beni storico-artistici, etnoantropologici, librari e archivistici di Siracusa.
36. Servizio per i beni archeologici di Siracusa.
37. Servizio della Soprintendenza per i beni culturali ed ambientali di Trapani.
38. Servizio per i beni architettonici, paesaggistici, naturali e naturalistici di Trapani.
39. Servizio per i beni storico-artistici, etnoantropologici, librari e archivistici di Trapani.
40. Servizio per i beni archeologici di Trapani.
41. Servizio della Soprintendenza del mare.
42. Servizio per i beni archeologici, storico-artistici e demo antropologici del mare.
43. Servizio per i beni culturali e naturalistici del mare.
44. Servizio museo regionale "Agostino Pepoli" di Trapani.
45. Servizio museo interdisciplinare di Catania.
46. Servizio museo "Palazzo Mirto" di Palermo.
47. Servizio Casa-museo Uccello di Palazzolo Acreide.
48. Servizio museo archeologico regionale di Agrigento.
49. Servizio museo regionale della ceramica di Caltagirone.
50. Servizio museo archeologico regionale di Gela.
51. Servizio museo archeologico regionale "Luigi Bernabò Brea" di Lipari.
52. Servizio museo regionale di Messina.
53. Servizio museo archeologico regionale "Antonino Salinas" di Palermo.
54. Servizio museo archeologico regionale della Villa Imperiale del Casale di Piazza Armerina.
55. Servizio museo archeologico regionale "Paolo Orsi" di Siracusa.
56. Servizio museo regionale del carretto e naturalistico di Terrasini.
57. Servizio museo regionale di arte moderna e contemporanea.
58. Servizio galleria regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis di Palermo.
59. Servizio galleria regionale di Palazzo Bellomo di Siracusa.
60. Servizio parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi di Agrigento.
61. Servizio parco archeologico di Naxos.
62. Servizio parco archeologico di Selinunte e Cave di Cusa.
ASSESSORATO REGIONALE DELL’ECONOMIA
DIPARTIMENTO REGIONALE DEL BILANCIO E DEL TESORO RAGIONERIA GENERALE DELLA REGIONE
Aree
Area servizi generali
Organizzazione e affari generali. Gestione della posta in entrata, assegnazione e protocollo informatico. Repertorio. Archivio storico. Affari legali. Ufficio relazioni con il pubblico. Proposte formative riguardanti il personale del dipartimento. Segreteria organi collegiali. Servizi uscierili e di portineria. Servizio spedizione. Acquisto di beni e servizi. Gestione delle utenze. Gestione del centro stampa. Attività del consegnatario. Funzioni di documentazione e biblioteca. Servizio per adempimenti sicurezza lavoratori.
Ufficiale rogante.
Segreteria del ragioniere generale della Regione. Attività di supporto al ragioniere generale. Attività di coordinamento dell’attività del dipartimento (previsioni di bilancio, assegnazione dei capitoli di entrata e di spesa, adempimenti conseguenti all’applicazione di norme statali e regionali).
Valutazione del personale del comparto dirigenziale e non. Elaborazione piani di azione del Dipartimento in relazione alle direttive presidenziali e assessoriali e rapporti con il servizio di pianificazione e controllo strategico dell’Assessore. Relazioni sindacali. Applicazione contrattualistica collettiva (contratti integrativi decentrati e contratti dirigenti). Gestione risorse umane. Coordinamento delle strutture regionali per l’attività di emissione del giudizio di rating. Operazioni finanziarie (mutui, prestiti, altre operazioni finanziarie) e relative entrate.
Cura dell’attuazione del controllo di gestione con l’ausilio del SIGdG nel Dipartimento regionale bilancio e tesoro - Ragioneria generale della Regione.
Monitoraggio interventi strutturali P.O. FESR 2007/2013 di competenza del dipartimento. Validazione dei dati finanziari, procedurali e fisici. Controlli in loco - Certificazione P.O. FESR 2007/2013. Previsioni di spesa. Programma dei Controlli. Pista di controllo. Certificazione e rendicontazione Autorità di Pagamento P.O.R. 2000/2006. Controlli in loco - Monitoraggio semestrale A.P.Q. ed altri interventi extra-regionali - Rendicontazione A.P.Q. e altri interventi extra regionali.
Servizi
1. Servizio monitoraggio e controllo spesa pubblica
Programma di analisi e valutazione della spesa delle Amministrazioni regionali. Attuazione articolo 27 della legge regionale n. 23/2002 in materia di controllo e monitoraggio della spesa pubblica. Patto di stabilità. Analisi e monitoraggio dei flussi di bilancio e predisposizione di dati ed elementi per i documenti di finanza pubblica.
2. Servizio bilancio e programmazione
Predisposizione del bilancio di previsione annuale e pluriennale della Regione e relative note di variazione - Rendiconto generale e provvedimenti di assestamento - Variazioni di bilancio; elaborazione e coordinamento degli schemi di legge finanziaria, dei provvedimenti ad essa collegati e degli altri
provvedimenti legislativi di finanza pubblica - Riscontro delle coperture finanziarie dei provvedimenti legislativi e coordinamento delle attività di verifica tecnica della quantificazione degli oneri - Coordinamento della contabilità economica per centri di costo - Attività di rilevazione, analisi, verifica e valutazione dei costi ai fini della programmazione finanziaria e di bilancio e della predisposizione del progetto di bilancio di previsione anche sulla base degli elementi forniti dalle ragionerie centrali operanti presso gli Assessorati regionali - Gestione delle variazioni di cassa - Iscrizione in bilancio e variazioni relative al Complemento di programmazione - Gestione dei fondi globali - Coordinamento e gestione accrediti delle somme versate presso la Tesoreria unica nazionale - Ripartizione fondi salario accessorio previsti nei CCRL dell’area dirigenziale e non - Variazioni connesse ai CCRL del personale - Compatibilità economica e finanziaria previste dalle ipotesi di CCRL - Entrate regionali e capitoli relativi all’Agenzia regionale per i rifiuti e le acque - Fondo di rotazione.
3. Servizio bilancio - Fondo sanitario
Predisposizione dei documenti finanziari - Previsioni, variazioni, consuntivi e disegni di legge relativi all’amministrazione della sanità - Vigilanza enti ed aziende sottoposti a tutela dell’Assessorato della sanità.
4. Servizio tesoro
Gestione di cassa (Servizio di cassa regionale, ammissione a pagamento dei titoli di spesa ed ammissione degli ordinativi su R.S.F.; Depositi provvisori e contabilità speciale - Anticipazioni di cassa; Contributi S.S.N. ed altre competenze residuali; Fermi amministrativi e pignoramenti; Indagini della magistratura e della polizia giudiziaria) - Gestione di tesoreria (Servizio di cassa e tesoreria di enti ed aziende regionali; Tesoreria unica regionale;
Tesoreria nazionale; Conti correnti postali; Conto riassuntivo del tesoro e situazione e previsione trimestrale di cassa da inviare al Ministero dell’economia) - Garanzie e fondi di rotazione - Conti giudiziali - Entrate del tesoro; Recuperi e rimborsi; Previsione e consuntivo relativi alle entrate del tesoro.
5. Servizio vigilanza
Servizio ispettivo e coordinamento dell’attività normativa e di indirizzo delle ragionerie centrali. Vigilanza spesa delegata. Proposte relative alle nomine e alle designazioni in consigli, comitati e commissioni. Anagrafe degli incarichi. Vigilanza enti, aziende ed istituti regionali sottoposti a controllo e tutela dei competenti Assessorati regionali. Attività di indirizzo in materia amministrativo-contabile; controllo dell’attività sindacale e di revisione. Formazione dei componenti degli organi di controllo.
6. Servizio statistica ed analisi economica
Predisposizione del D.P.E.F. e di altri documenti economico - statistici - Attività di studio e documentazione statistica propedeutica alla redazione dei documenti finanziari del dipartimento - Rapporti con il SISTAN e produzione di indagini statistiche e documenti a prevalente contenuto economico e sociale ed inerenti il settore agricolo - Attività divulgativa e fornitura dati ad utenti esterni - Attività di formazione in materia statistica - Osservatorio finanziario sulla finanza pubblica regionale e locale - Conti consolidati della P.A. in Sicilia - Coordinamento statistico regionale - Redazione e aggiornamento del programma statistico regionale.
7. Servizio patrimonio
Adempimenti connessi all’attuazione dell’articolo 9 della legge regionale n. 17/2004 e successive modifiche ed integrazioni - Adempimenti derivanti dai contratti per la costituzione del Fondo comune di investimento immobiliare della Regione siciliana.
8. Servizio demanio
Gestione del demanio e del patrimonio immobiliare della Regione. Costruzione, ristrutturazione e manutenzione beni demaniali. Contratti di locazione di immobili, sedi di uffici dell’Amministrazione regionale. Gestione alloggi popolari e per le forze dell’ordine. Sistemazioni locative per gli Uffici regionali. Attività progettuali e propedeutiche all’intervento degli Uffici tecnici. Acquisizione pareri tecnici.
9. Servizio partecipazioni e liquidazioni
Monitoraggio e gestione delle partecipazioni azionarie possedute interamente o parzialmente dalla Regione - Elaborazione e diffusione delle direttive per il coordinamento delle partecipazioni - Mappatura delle anagrafiche delle partecipazioni gestite dalla Regione e supervisione degli organi societari - Esercizio dei diritti dell’azionista nelle società partecipate - Gestione dei processi di dismissione e di privatizzazione, compresa la relativa attività istruttoria e preparatoria - Gestione della banca dati sulle società e sulle partecipazioni - Partecipazione e coordinamento dei gruppi di studio sulle partecipazioni regionali e sulle privatizzazioni - Adempimenti relativi a nomine, designazioni, proposte di nomine e di designazioni riguardanti organi di amministrazione attiva, consultiva e di controllo delle società partecipate dalla Regione - Problematiche relative al riassetto societario per adeguamento a nuove normative o propedeutico alla dismissione o liquidazione - Liquidazione delle partecipazioni, delle Aziende autonome di soggiorno e turismo e dell’Ente acquedotti siciliani.
10. Servizio informatica
Attuazione del codice dell’Amministrazione digitale nel dipartimento - Pianificazione, governance e gestione del portafoglio progetti afferenti il dipartimento relativi al sistema informativo dipartimentale - Gestione degli utenti e dei sistemi del dipartimento - Sicurezza informatica e sviluppo dei servizi che utilizzano la rete del dipartimento - Supporto a tutta l’Amministrazione regionale nell’utilizzazione del sistema informativo per il controllo di gestione - Cura della formazione del personale destinato all’utilizzazione del SICdG - Utilizzazione trasversale del patrimonio informativo delle diverse basi di dati presenti nel dipartimento per una migliore lettura delle attività dell’Amministrazione regionale a supporto della programmazione e della rendicontazione economica, finanziaria, sociale e delle altre politiche pubbliche attuate - Ricognizione e gestione del patrimonio dipartimentale dei beni e dei servizi infotelematici.
11. Servizio coordinamento della finanza pubblica regionaleAnalisi e studio della documentazione comunitaria, statale e regionale.
Predisposizione di note e circolari nelle materie di competenza. Rapporti con le autorità di gestione e con le autorità di pagamento dei programmi operativi. Supporto al ragioniere generale nei rapporti con le agenzie di rating per la parte di competenza del servizio. Elaborazione di report sullo stato di attuazione dei Programmi operativi regionali. Supporto al ragioniere generale nei comitati di sorveglianza ed analisi delle procedure scritte. Cura della parte del DPEF relativo alla finanza pubblica. Relazioni con gli uffici di gestione e di monitoraggio del dipartimento. Supporto all’Assessore per il coordinamento delle risorse regionali ed extra-regionali. Coordinamento del
programma attuativo FAS e cura degli adempimenti inerenti gli obblighi di monitoraggio e valutazione del Programma. Coordinamento delle iniziative necessarie per la costruzione degli Accordi di programma quadro, laddove previsti. Cura della corretta applicazione della normativa in caso di utilizzo di strumenti di attuazione diretta. Cura dei rapporti con il comitato di sorveglianza del programma. Utilizzo del sistema informatizzato di raccolta ed elaborazione dei dati contabili.
Ragionerie centrali
Ragioneria centrale presidenza, autonomie locali e funzione pubblica
Controllo e registrazione degli atti degli uffici alle dirette dipendenze del Presidente, degli uffici di diretta collaborazione del Presidente, degli uffici della Presidenza della Regione e degli uffici dell’Assessorato delle autonomie locali e della funzione pubblica.
Ragioneria centrale attività produttive
Controllo e registrazione atti degli uffici del relativo Assessorato.
Ragioneria centrale beni culturali ed identità siciliana
Controllo e registrazione degli atti degli uffici del relativo Assessorato.
Ragioneria centrale economia
Controllo e registrazione degli atti degli uffici del relativo Assessorato.
Ragioneria centrale energia e servizi di pubblica utilità
Controllo e registrazione degli atti degli uffici del relativo Assessorato.
Ragioneria centrale famiglia, politiche sociali e lavoro
Controllo e registrazione degli atti degli uffici del relativo Assessorato.
Ragioneria centrale infrastrutture e mobilità
Controllo e registrazione degli atti degli uffici del relativo Assessorato.
Ragioneria centrale istruzione e formazione
Controllo e registrazione degli atti degli uffici del relativo Assessorato.
Ragioneria centrale risorse agricole e alimentari
Controllo e registrazione degli atti degli uffici del relativo Assessorato.
Ragioneria centrale salute
Controllo e registrazione degli atti degli uffici del relativo Assessorato.
Ragioneria centrale territorio e ambiente
Controllo e registrazione degli atti degli uffici del relativo Assessorato.
Ragioneria centrale turismo, sport e spettacolo
Controllo e registrazione degli atti degli uffici del relativo Assessorato.
DIPARTIMENTO REGIONALE DELLE FINANZE E DEL CREDITO
1. Area di coordinamento: Organizzazione e affari generali
- Contrattazione collettiva decentrata integrativa e relazioni sindacali.
- Attività di segreteria del dirigente generale e del dipartimento.
- Coordinamento tematiche di carattere generale, contabile e finanziario.
- Coordinamento attività di valutazione del personale di qualifica dirigenziale e non dirigenziale in sinergia con l’unità di Staff 0.01.
- Destinazione delle risorse umane alle strutture del dipartimento - N.O. a trasferimenti - Organigramma.
- Assetto organizzativo delle strutture del dipartimento - Funzionigramma.
- Incarichi dirigenziali.
- Adempimenti connessi alle autorizzazioni per l’indennità di presenza ex art. 16, legge regionale n. 10/2000, lavoro straordinario, e relative decretazioni.
- Programmazione ed attuazione di percorsi specialistici di formazione e aggiornamento del personale.
- Affari connessi ai percorsi formativi proposti dall’Area
interdipartimentale formazione e qualificazione professionale del personale regionale.
- Gestione pratiche di competenza relative al personale in servizio presso l’area di coordinamento.
- Gestione della biblioteca, acquisto pubblicazioni e rinnovo abbonamenti.
- Semplificazione e trasparenza limitatamente alla competenza in atto attribuita al dipartimento.
- Assegnazione posta, protocollazione e smistamento ai servizi.
- Gestione servizi uscierili e spedizione.
- Ufficio relazioni con il pubblico.
- Monitoraggio bisogni dei clienti - Customer satisfaction.
- Avvio atti alla firma del dirigente generale.
- Supporto e coordinamento delle attività inerenti alla programmazione strategica.
- Individuazione obiettivi dirigenziali e attività di monitoraggio direttiva annuale assessoriale.
- Attività di raccordo tra il dirigente generale e le strutture organizzative del dipartimento, in relazione ai compiti istituzionali ascritti alle stesse.
- Studio e revisione di documenti programmatici (DPEF), normativi (disegni di legge, circolari, ecc.), contabili e di valutazione (rating) previsti da norme di legge.
- Rapporti, per conto del dirigente generale, con l’on. Assessore e gli uffici di diretta collaborazione dello stesso.
- Attività connesse agli adempimenti discendenti dall’espletamento di incarichi per conto dell’Amministrazione.
- Coordinamento dei contenuti elaborati dalle strutture del dipartimento da pubblicare nel sito internet della Regione.
- Tenuta ed aggiornamento repertorio decreti del dirigente generale del dipartimento.
- Tenuta ed aggiornamento banca dati dipartimentale degli incarichi conferiti al personale con qualifica dirigenziale.
- Attività di coordinamento per le operazioni di ingegneria finanziaria anche in relazione a fondi ed iniziative di natura extraregionale.
- Monitoraggio interventi strutturali P.O. FESR 2007/2013 di competenza del dipartimento.
- Validazione dati finanziari, procedurali e fisici. Controlli in loco.
- Certificazione P.O. FESR 2007/2013. Previsioni di spesa. Programma e pista di controllo.
- Attività di monitoraggio e relativa validazione al sistema informativo.
- Cura dell’attuazione del controllo di gestione con l’ausilio del sistema
informativo del controllo di gestione in uso ai Dipartimenti regionali.
Servizi
Servizio 1. Rapporti finanziari Stato-Regione
- Esame degli effetti di tutte le norme e provvedimenti statali che influenzano le competenze e le spettanze finanziarie regionali ed eventuale proposizione di questioni di legittimità costituzionale e di conflitti di attribuzione.
- Attività di collaborazione con gli organi di indirizzo politico finalizzata anche alla predisposizione di schemi normativi (compresa l’attività inerente al processo di revisione statutaria ed alla determinazione delle norme di attuazione in materia finanziaria).
- Raccordo e coordinamento con le Amministrazioni regionali competenti delle questioni attinenti alle conferenze di cui al decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281 e successive modifiche.
- Problematiche inerenti all’attuazione del federalismo fiscale e decreti attuativi, con riferimento anche agli ordinamenti finanziari delle Regioni e degli enti locali.
- Analisi degli atti, dei provvedimenti amministrativi statali e della giurisprudenza costituzionale in materia tributaria che influenzano le competenze e le spettanze tributarie regionali.
- Richiesta restituzione di entrate spettanti alla Regione siciliana ed indebitamente incamerate dallo Stato.
- Corrispondenza con gli organi finanziari statali ed eventuale proposizione di conflitti di attribuzione in essa insorti.
- Proposte modificative ed istitutive di capitoli ed articoli del bilancio regionale.
- Rapporti finanziari con lo Stato di natura pregressa (individuazione poste creditorie e debitorie Stato/Regione).
- Collaborazione con il servizio studi e politiche fiscali per le analisi di competenza di quest’ultimo.
- Esame dei disegni di legge governativi depositati in Commissione bilancio dell’A.R.S.
Servizio 2. Rapporti con gli intermediari della riscossione delle tasse automobilistiche e di altre entrate. Rapporti con A.R.T.A. e con altre Amministrazioni regionali in materia di demanio marittimo
- Gestione dei rapporti pregressi con l’Automobil Club d’Italia (A.C.I.).
- Gestione dei rapporti pregressi con la S.I.A.E.
- Gestione dei rapporti con la società Poste italiane per la distribuzione dei valori bollati.
- Gestione dei rapporti con gli intermediari della riscossione delle tasse automobilistiche (tabaccai e agenzie).
- Vigilanza sulle entrate derivanti dalle riscossioni di tasse automobilistiche.
- Rapporti con l’Assessorato regionale territorio e ambiente e con altre Amministrazioni regionali in materia di demanio marittimo.
- Gestione dei rapporti con altri intermediari della riscossione dell’imposta di bollo e delle tasse sulle concessioni governative.
- Collaborazione con il servizio studi e politiche fiscali per le analisi di competenza di quest’ultimo.
- Chiusura dei rapporti pregressi amministrativi e contenziosi con l’ex Sicilcassa per la tenuta e la distribuzione di valori bollati.
Servizio 3. Entrate erariali e proprie
- Esame e monitoraggio della normativa di settore, in particolare del processo di riforma delle normative fiscali e delle modalità di riscossione dei tributi diretti e indiretti.
- Attività di vigilanza sulle entrate e sui capitoli amministrati dal servizio. Predisposizione dei documenti contabili e rapporti con gli organi istituzionali.
- Elaborazione e predisposizione di proposte normative, istitutive e modificative di tributi propri.
- Gestione dei tributi propri diretti e indiretti in relazione alle competenze del dipartimento nei singoli tributi, in raccordo con le amministrazioni cointeressate.
- Acquisizione e controllo di coerenza interna dei dati necessari per la compilazione del rendiconto annuale della Regione, relativamente ai versamenti mediante F24 e adozione dei provvedimenti di competenza del servizio.
- Gestione dei capitoli di spesa amministrati, con particolare riguardo alle aperture di credito a favore dei funzionari delegati ai rimborsi d’imposte ed esame delle relative certificazioni.
- Gestione delle entrate extratributarie derivanti dall’irrogazione di sanzioni amministrative.
- Collaborazione con il servizio studi e politiche fiscali per le analisi di competenza di quest’ultimo.
- Per la parte di competenza, ricezione conti giudiziali presentati dai concessionari della riscossione, risoluzione delle relative problematiche e successivo inoltro agli uffici competenti per il riscontro.
Servizio 4. Studi e politiche fiscali
- Esame di proposte normative di carattere fiscale, anche ai fini della verifica della compatibilità con le norme comunitarie.
- Rapporti con i competenti servizi della Commissione europea, delle altre istituzioni comunitarie e dello Stato, in raccordo con l’Ufficio legislativo e legale e con gli altri servizi dell’Assessorato bilancio e finanze per le materie di rispettiva competenza.
- Analisi della normativa fiscale, in particolare del processo della fiscalità di vantaggio e predisposizione di eventuali proposte.
- Individuazione delle "best practices" e predisposizione, in raccordo con i competenti servizi del Dipartimento finanze e credito, di proposte normative finanziarie per la creazione di un sistema fiscale di vantaggio sui tributi di spettanza regionale, tale da contribuire allo sviluppo imprenditoriale siciliano.
- Gestione di una banca dati normativa informatica sugli interventi agevolativi e sulla fiscalità di vantaggio alle imprese.
- Raccordo con le competenti Amministrazioni finanziarie per l’acquisizione sistematica dei dati-informazioni sulle entrate necessari, sia alla relativa vigilanza sia alla formulazione delle strategie ai fini delle politiche fiscali, ascritte alle competenze proprie e degli altri servizi del dipartimento.
- Collaborazione con il Servizio rapporti finanziari Stato-Regione ai fini delle quantificazioni delle entrate e degli oneri conseguenti alla attuazione del federalismo fiscale.
- Esame di proposte normative di carattere fiscale.
Servizio 5. Riscossione
- Relazioni esterne e convenzioni con le società pubbliche della riscossione.
- Erogazione remunerazione per l’attività di riscossione coattiva e di altri emolumenti spettanti all’agente della riscossione.
- Determinazione dell’anticipazione sulle riscossioni ex sac, a carico dell’agente della riscossione, ai sensi dell’art. 9 del decreto legislativo 28 marzo 1997, n. 79.
- Regolazioni contabili per i compensi sulle riscossioni spontanee spettanti all’agente della riscossione e per il recupero delle effettuate anticipazioni.
- Eliminazione dei residui attivi ex art. 9, legge regionale n. 21/2003.
- Monitoraggio dell’andamento delle riscossioni, attraverso riunioni mensili con l’Agenzia delle entrate e la Serit Sicilia S.p.A.
- Esame e valutazione dei dati relativi in ordine all’applicazione degli strumenti normativi previsti per il potenziamento dell’attività di riscossione coattiva.
- Periodiche relazioni all’on. Assessore sull’andamento complessivo della riscossione coattiva.
- Riunioni quadrimestrali con Riscossione Sicilia S.p.A. per il controllo sull’efficacia e l’efficienza dell’attività della società. Redazione verbali delle riunioni.
- Regolazioni contabili afferenti all’attività di riscossione.
- Proposte normative in materia di riscossione.
- Gestione dei capitoli assegnati al servizio e relative previsioni di competenza e di cassa.
- Rapporti con gli uffici regionali per la riscossione coattiva delle entrate della Regione.
- Trattazione delle problematiche afferenti aspetti applicativi della riforma della riscossione in Sicilia ed esame delle sentenze, ricorsi ed esposti in materia di riscossione.
- Rapporti pregressi con il concessionario Montepaschi Serit S.p.A.- Adempimenti di ordine legale, amministrativo e giudiziario concernenti i rapporti con i cessati agenti della riscossione dei tributi in regime esattoriale e commissariale.
- Esame e definizione dei ricorsi ex art. 85 del D.P.R. n. 43/88, art. 27 della legge regionale n. 35/90 ed ex art. 1, commi 426 e 426 bis della legge 30 dicembre 2004, n. 311.
- Adempimenti connessi alle procedure di informatizzazione dei ricorsi e gestione dell’archivio.
- Rapporti con la Corte dei conti, l’Avvocatura dello Stato e l’Agenzia delle entrate in materia di ricorsi ex art. 85, D.P.R. n. 43/88, art. 27 della legge regionale n. 35/90 ed ex art. 1, commi 426 e 426 bis della legge 30 dicembre 2004, n. 311.
- Recupero dei crediti derivanti da sentenze di condanna della Corte dei conti, limitatamente alle competenze del Dipartimento finanze e credito.
- Attività connesse all’atto di transazione stipulato in vigenza dell’art. 3, comma 3, del decreto legislativo n. 138/2002, abrogato dall’art. 151 del decreto legislativo 9 gennaio 2006, n. 5, ed eventuali adempimenti per la transazione fiscale ex art. 182 della legge fallimentare.
- Rapporti con l’Agenzia delle entrate connessi al protocollo di intesa stipulato con il Dipartimento finanze e credito in materia di riscossione dei tributi di spettanza regionale, in previsione della stipula di una convenzione.
- Controllo degli adempimenti sull’anagrafe tributaria dei comuni e relativi aggiornamenti.
- Interrogazioni parlamentari in materia di riscossione dei tributi.
- Rapporti con le ragionerie provinciali dello Stato per le problematiche connesse al controllo delle contabilità rese dall’agente della riscossione.
- Trattazione delle problematiche afferenti aspetti applicativi della riforma della riscossione in Sicilia.
Servizio 6. Credito e risparmio
- Affari connessi alla realizzazione delle iniziative in materia di fondi chiusi previste dalla normativa regionale.
- Studio e gestione di eventuali altre forme di intervento nel settore del credito.
- Gestione delle competenze in ordine all’attività svolta dalla SGR Cape-Regione siciliana.
- Studio ed eventuale elaborazione di proposte finalizzate alla individuazione di nuove strategie nella politica del credito in Sicilia.
- Gestione dei capitoli assegnati al servizio e relative previsioni di competenza e di cassa.
- Collaborazione con il Servizio studi e politiche fiscali per le analisi di competenza di quest’ultimo.
- Analisi e gestione dei procedimenti relativi a costituzioni, modifiche statutarie, cessioni, fusioni, scissioni, liquidazioni e scioglimento degli organi di amministrazione e controllo delle aziende di credito regionali.
- Tenuta albo regionale delle aziende di credito e relativa attività di aggiornamento.
- Istituzione e definizione dei procedimenti relativi ai requisiti di onorabilità, professionalità, ed indipendenza degli esponenti aziendali.
- Gestione archivio elettronico degli organi sociali (procedura OR.SO).
- Affari connessi all’osservatorio dei prodotti e servizi bancari sulla base dei flussi informatici PUMA, BASTRA e relazione annuale.
Servizio 7. Agevolazioni nelle operazioni creditizie di garanzia- Adempimenti connessi al Fondo di garanzia, al rafforzamento delle linee di credito e al funzionamento degli interventi di cui alla legge regionale n. 11/2005 e s.m.i.
- Predisposizione e definizione degli atti afferenti le agevolazioni creditizie dei consorzi di garanzia fidi.
- Gestione dei capitoli assegnati al servizio e relative previsioni di competenza e di cassa.
- Attività di controllo sui confidi di cui agli artt. 5 e 14 della legge regionale n. 11/2005 e s.m.i.
- Gestione dei Fondi comunitari di cui all’asse 5 - obiettivo operativo 5.1.3 del FESR 2007/2013.
- Collaborazione con il Servizio studi e politiche fiscali per le analisi di competenza di quest’ultimo.
- Adempimenti connessi all’attività del sistema FIDIWEB.
- Aggiornamenti contenuti pagine web del sito Assessorato per le competenze ascrivibili ad attività del servizio.
- Attività connesse alle procedure per la certificazione di qualità del servizio 8 F.
- Attività connesse in materia di formazione del personale per le competenze ascrivibili ad attività del servizio.
- Adempimenti connessi al controllo interno sulle attività del servizio.
- Comunicazione istituzionale per le competenze ascrivibili ad attività del servizio.
- Rapporti con soggetto gestore.
- Predisposizione bandi.
- Adempimenti connessi al Fondo di controgaranzia di cui alla legge regionale n. 11/2005 e s.m.i.
- Rapporti con il Ministero dell’economia e delle finanze - Dipartimento della ragioneria generale dello Stato - Ispettorato generale per i rapporti finanziari con l’Unione europa (I.G.R.U.E.).
- Rapporti con l’Ufficio di monitoraggio e controllo (U.M.C.).
- Partecipazione al comitato di sorveglianza su delega del dirigente generale.
- Implementazione del sistema informatico CARONTE.
- Rapporti con l’Autorità di certificazione.
- Rapporti con gli istituti bancari.
- Rapporti con l’autorità di gestione.
Servizio 8. Informatica
- Coordinamento delle attività legate allo sviluppo e gestione del sistema informativo interno.
- Interoperabilità con i sistemi informativi delle amministrazioni finanziarie centrali.
- Rapporti con le società di cui all’art. 78 della legge regionale n. 6/2001.
- Analisi funzionale delle procedure da informatizzare.
- Presa in carico delle procedure informatizzate da Sicilia e-Innovazione.
- Interventi gestionali per il dipartimento relativi al software IRIDE.
- Servizi amministrativi e logistici inerenti il sistema informativo del dipartimento.
ASSESSORATO REGIONALE DELL’ENERGIA E DEI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITA’
DIPARTIMENTO REGIONALE DELL’ACQUA E DEI RIFIUTI
Area affari generali
Organizzazione e affari generali. Gestione della posta in entrata,
assegnazione e protocollo informatico. Repertorio. Archivio storico.
Ufficio relazioni con il pubblico.
Proposte formative riguardanti il personale del dipartimento. Segreteria organi collegiali.
Servizi uscierili e di portineria. Servizio spedizione.
Acquisto di beni e servizi. Gestione delle utenze. Attività del consegnatario.
Funzioni di documentazione e biblioteca. Servizio per adempimenti sicurezza lavoratori. Ufficiale rogante.
1. Servizio regolazione acque
- creazione e la diffusione della cultura dell’acqua per un uso responsabile e sostenibile della risorsa idrica, in quanto bene pubblico primario e fattore fondamentale di civiltà e di sviluppo, secondo criteri di solidarietà ed in funzione di obiettivi di salvaguardia dei diritti delle future generazioni e dell’integrità del patrimonio ambientale;
- elaborazione ed attuazione di programmi per la conoscenza e la verifica dello stato qualitativo e quantitativo delle acque superficiali e sotterranee e delle misure necessarie alla tutela quali-quantitativa del sistema idrico;
- miglioramento della qualità delle acque, anche sotto il profilo igienico-sanitario, attraverso l’adozione di misure per la prevenzione e la riduzione dell’inquinamento, nonché per la conservazione, il riciclo, il riutilizzo e il risparmio delle risorse idriche;
- sviluppare e sostenere azioni per la gestione integrata quali-quantitativa
delle risorse idriche;
- controllare e regolare il servizio reso dai gestori del sistema idrico
integrato anche sovrambito;
- pianificazione e assegnazione delle risorse idriche fra i settori
idropotabile, agricolo e industriale;
- attuazione degli interventi di A.P.Q. relativi ai vari settori di
pertinenza idrica (potabile, irriguo, industriale, fognario depurativo,
trattamento delle acque e riuso del refluo);
- misura 1.05 programmi ambito locale FEOGA del complemento di programmazione P.O.R. Sicilia 2000/2006;
- misura 1.04 programmi di ambito locale FESR compresa nel compl.to programm.ne P.O.R. Sicilia 2000/2006;
- misura 1.02 programmi di ambito locale FESR compresa nel compl.to programm.ne P.O.R. Sicilia 2000/2006;
- piano regionale acquedotti;
- piano per la dissalazione;
- gestione dissalatori e relative condotte;
- piani d’ambito;
- regolamento servizio idrico integrato e PARF;
- rilascio autorizzazioni allo scarico.
- vigilanza e controllo sugli enti di settore ivi inclusi, per le materie di competenza, gli enti locali.
2. Servizio osservatorio delle acque
- registrazione attraverso la rete di osservazione dei parametri
idrometeoclimatici;
- misurazione dei deflussi nei bacini idrografici, delle portate delle
sorgenti, delle gallerie e dei pozzi;
- elaborazione del bilancio idrologico per i bacini idrografici dell’Isola al fine di valutare disponibilità idriche per le utilizzazioni potabili, irrigue ed industriali;
- pubblicazione sistematica degli elementi osservati ed elaborati, nonché di bollettini mensili sulle portate delle sorgenti, degli invasi, e punti d’acqua più significativi;
- rilascio dei pareri di compatibilità idrologica sulle domande di grande derivazione e sui progetti di opere civili idrauliche e assetto del territorio;
- controllo e vigilanza sulle grandezze idrologiche al fine di prevenire situazioni di rischio in occasione di eventi e situazioni eccezionali, piene, riduzione delle risorse idriche superficiali e profonde;
- attuazione artt. 3 ed 8 del decreto legislativo n. 275/93;
- attuazione legge n. 267/98;
- P.O.R. Sicilia 2000/2006 - Sottomisura 1.01.C;
- attività di coordinamento e/o approvvigionamento idropotabile delle isole minori e rapporti con i competenti Ministeri e loro Organi decentrati.
Programmi assegnazione risorse idropotabili;
- vigilanza e controllo sugli enti di settore ivi inclusi, per le materie di competenza dipartimentale, gli enti locali.
3. Servizio infrastrutture per le acque
- gestione delle grandi infrastrutture irrigue (esercizio e manutenzione delle dighe e dei grandi adduttori a valle delle dighe);
- programmazione, progettazione e realizzazione di nuovi interventi;
- controllo delle dinamiche dei prezzi;
- tenuta dei rapporti con il registro italiano dighe;
- coordinamento ed assistenza ai consorzi di bonifica relativamente alla programmazione e realizzazione di infrastrutture irrigue ed alla gestione delle opere;
- D.P.R. n. 1363/59;
- legge n. 584/94;
- legge n. 166/02.
4. Servizio osservatorio sui rifiuti
- pubblicizzazione e diffusione con cadenza periodica della conoscenza delle condizioni di svolgimento dei servizi al fine di garantire la massima trasparenza;
- individuazione di situazioni di criticità ed irregolare funzionamento dei servizi di gestione integrata dei rifiuti, o di inosservanza delle normative vigenti in materia di tutela dei consumatori;
- definizione degli indici di produttività per la valutazione economica dei servizi resi dai soggetti gestori dei servizi di gestione dei rifiuti urbani;
- definizione dei parametri di valutazione delle politiche tariffarie in
materia di servizio di gestione dei rifiuti urbani;
- pronuncia in merito al rispetto dei parametri di qualità del servizio reso all’utente ferme restando le competenze degli enti preposti alla vigilanza sui servizi e alla tutela della salute dei cittadini;
- verifica dei costi di recupero e smaltimento;
- controllo delle condizioni di svolgimento dei servizi e di accesso e di corretta fruizione degli stessi da parte degli utenti, anche con riferimento alle singole voci di costo e al fine di garantire eguaglianza di condizioni nella erogazione dei vari servizi, tenendo conto delle esigenze degli utenti, ivi comprese le fasce più deboli, e garantendo altresì il rispetto dell’ambiente, della sicurezza degli impianti e della salute degli addetti e dei cittadini; vigilanza e controllo sugli enti di settore ivi inclusi, per le materie di competenza dipartimentale, gli enti locali;
- promozione della gestione integrata dei rifiuti, intesa come il complesso delle attività volte ad ottimizzare il riutilizzo, il riciclaggio, il recupero e lo smaltimento dei rifiuti;
- incentivazione alla riduzione della produzione dei rifiuti ed al recupero degli stessi;
- predisposizione, l’adozione e l’aggiornamento, sentiti le Province ed i comuni, dei piani regionali di gestione dei rifiuti;
- regolamentazione delle attività di gestione dei rifiuti, ivi compresa la raccolta differenziata dei rifiuti urbani, anche pericolosi, con l’obiettivo prioritario della separazione dei rifiuti di provenienza alimentare, degli scarti di prodotti vegetali e animali, o comunque ad alto tasso di umidità, dai restanti rifiuti;
- misura 1.14 del P.O.R. Sicilia 2000/2006;
- attuazione decreto legislativo n. 152/06;
- attuazione decreto legislativo n. 22/1997, art. 17, comma 12;
- autorizzazione art. 29, decreto legislativo n. 22/1997.
5. Servizio rifiuti e bonifiche
- predisposizione, l’adozione e l’aggiornamento, sentiti le Province ed i comuni, dei piani regionali di gestione dei rifiuti;
- regolamentazione delle attività di gestione dei rifiuti, ivi compresa la raccolta differenziata dei rifiuti urbani, anche pericolosi, con l’obiettivo prioritario della separazione dei rifiuti di provenienza alimentare, degli scarti di prodotti vegetali e animali, o comunque ad alto tasso di umidità, dai restanti rifiuti;
- elaborazione, l’approvazione e l’aggiornamento dei piani per la bonifica di aree inquinate;
- approvazione dei progetti di nuovi impianti per la gestione dei rifiuti, anche pericolosi, e l’autorizzazione alle modifiche degli impianti esistenti;
- autorizzazione all’esercizio delle operazioni di smaltimento e di recupero dei rifiuti, anche pericolosi;
- attività in materia di spedizioni transfrontaliere dei rifiuti che il
regolamento CEE n. 259/93 attribuisce alle autorità competenti di spedizione e di destinazione;
- delimitazione, in deroga all’ambito provinciale, degli àmbiti ottimali per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati;
- elaborazione delle linee guida ed i criteri per la predisposizione e
l’approvazione dei progetti di bonifica e di messa in sicurezza, nonché l’individuazione delle tipologie di progetti non soggetti ad autorizzazione;
- definizione dei contenuti della relazione da allegare alla comunicazione di cui agli articoli 31, 32 e 33;
- definizione dei criteri per l’individuazione, da parte delle Province,
delle aree non idonee alla localizzazione degli impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti;
- definizione dei criteri per l’individuazione dei luoghi o impianti adatti allo smaltimento e la determinazione, nel rispetto delle norme tecniche di cui all’articolo 18, comma 2, lettera a), di disposizioni speciali per rifiuti di tipo particolare;
- A.P.Q. per le miniere saline;
- attuazione artt. 27 e 28 del decreto legislativo n. 22/97;
- attuazione artt. 208 e 210 del decreto legislativo n. 152/2006;
- attuazione legge n. 388/2000;
- attuazione D.M. n. 468/2001;
- attuazione misura 1.15 del P.O.R. Sicilia 2000/2006.
DIPARTIMENTO REGIONALE DELL’ENERGIA
1. Area affari generali
Repertorio e raccolta decreti, circolari ed atti generali.
Assegnazione della corrispondenza alle strutture.
Gestione risorse umane.
Relazioni sindacali.
Attivazione di provvedimenti disciplinari e adempimenti connessi alle relative sanzioni.
Programmazione, gestione e monitoraggio delle attività di formazione ed aggiornamento professionale del personale tecnico e amministrativo.
Referente formativo.
Predisposizione schema di previsione delle entrate e delle spese del
Dipartimento per la formazione del bilancio della Regione e relative
variazioni su proposta dei servizi.
Materie non attribuibili perché non omogenee a quelle di altri servizi.
Servizi uscierili e di portineria. Servizio spedizione.
Acquisto di beni e servizi. Gestione delle utenze. Gestione del Centro stampa.
Attività del consegnatario. Economato e cassa. Funzioni di documentazione e biblioteca. Servizio per adempimenti sicurezza lavoratori. Ufficiale rogante.
URP.
Attività di collegamento tra i centri di responsabilità amministrativa.
Attività di segreteria e supporto organi consultivi e dipartimentali.
Banca dati e gestione tasse di concessione governativa regionale inerenti ai provvedimenti di competenza del dipartimento.
Servizi
Servizio 1 - Pianificazione e programmazione energetica
Attuazione indirizzi di politica energetica.
Gestione, monitoraggio, implementazione, aggiornamento del Piano energetico-ambientale regionale.
Rapporti con l’autorità per l’energia elettrica ed il gas e con l’Autorità garante delle concorrenza e del mercato, nel settore dell’energia.
Rapporti extraregionali.
Rapporti Stato-Regione.
Partecipazione alla stipula di intese istituzionali. Accordi di programma e strumenti di programmazione negoziata in materia energetica.
Studi e ricerche in materia energetica, convenzioni con le società partecipate e con gli enti di ricerca, gestione rapporti con centri di competenza
territoriale per l’innovazione energetica.
Elaborazione schemi disciplinari tipo.
Attività di indirizzo nei confronti di enti territoriali, Uffici periferici
della Regione, energy manager in materia di risparmio ed efficienza
energetica, certificazione energetica, verifiche termiche, ecc.
Gestione del bilancio, verifica ed accertamento dei residui.
Servizio 2 - Osservatorio regionale e ufficio statistico per l’energia
Raccolta e aggiornamento dei dati e delle informazioni che attengono alla produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione e uso finale dell’energia e la loro elaborazione su base provinciale e regionale.
Diffusione di informazioni di natura tecnico-economica nel campo dell’energia.
Realizzazione e gestione del catasto energetico per l’edilizia.
Rapporti con il servizio statistico regionale.
Implementazione e gestione del Sistema informativo per l’energia.
Conoscenza e rappresentazione cartografica degli impianti (termoelettrici, eolici, a biomasse, termovalorizzatori, installazioni di produzione e raffinazione, rigassificatori) delle reti tecnologiche (elettrodotti,
metanodotti, oleodotti) e di tutte le infrastrutture di trasporto,
distribuzione e vendita inerenti il settore energetico presenti nel territorio della regione siciliana.
Monitoraggio dello stato del sistema energetico nella regione Sicilia e nelle isole minori.
Elaborazione dei dati energetici, utili per la programmazione ed a supporto delle scelte strategiche da adottare per il miglioramento del sistema.
Organizzazione del sistema di gestione dei dati necessari per la raccolta, l’individuazione geografica, la caratterizzazione, l’elaborazione ed il controllo delle certificazioni energetiche in edilizia.
Servizio 3 - Autorizzazioni e concessioni
Autorizzazione alla costruzione e all’esercizio di impianti di produzione di energia, ivi incluse quelle per centrali strategiche per la sicurezza della rete di trasmissione nazionale.
Autorizzazioni per stabilimenti di raffinazione, petrolchimici, terminali di rigassificazione, biocarburanti.
Autorizzazioni inerenti i depositi costieri.
Procedimenti autorizzativi in materia di impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e da cogenerazione.
Intese su opere di rete e su impianti inerenti i procedimenti di competenza statale.
Irrogazione sanzioni amministrative con esclusione della fase di recupero.
Servizio 4 - Gestione P.O.R. e finanziamenti
Partecipazione alla programmazione e gestione di interventi comunitari relativi allo sviluppo della rete gasiera, delle fonti rinnovabili, del
risparmio ed efficienza energetica, reti di distribuzione dell’energia
elettrica, rifiuti, certificazione energetica, biocombustibili, mobilità
sostenibile.
Partecipazione alla programmazione e gestione di interventi statali e cofinanziamenti regionali, ivi inclusa la gestione di accordi di programmi quadro inerenti la materia energetica.
Monitoraggio, rendicontazione e predisposizione di atti necessari per la trattazione del contenzioso nelle materie di competenza.
Problematiche connesse o complementari alle materie di competenza. Elaborazione di relazioni e proposte per la predisposizione di documenti programmatori regionali, nazionali e comunitari, nelle materie di competenza.
Attività relativa all’attuazione di contratti di programma o altri atti di
programmazione negoziata, nelle materie di competenza.
Predisposizione di atti relativi alle materie poste all’ordine del giorno
della Conferenza Stato-Regioni, nelle materie di competenza.
Servizio 5 - Distretto minerario di Caltanissetta
Il servizio svolge i compiti di cui all’art. 2 della legge regionale n. 35/60 ei limiti della competenza territoriale delle province di Caltanissetta, Agrigento ed Enna previsti dall’art. 5 della stessa legge.
Applicazione delle leggi minerarie e dei relativi regolamenti, nonché
l’applicazione delle leggi e regolamenti riguardanti la polizia mineraria e la sicurezza dl lavoro nei settori di competenza: miniere, ricerche minerarie, cave, impianti di arricchimenti di trasformazione di sostanze minerarie e lavori di scvo in sotterraneo non aventi finalità minerarie.
Applicazione delle norme sulla prevenzione degli infortuni e sull’igiene dl lavoro regolamentate tra l’altro dal decreto legislativo n. 81/08, decreto legislativo n. 758/94 e decreto legislativo n. 624/96.
Vigilanza sulla applicazione delle norme suddette e accertamento di eventuali responsabilità di carattere penale; accertamenti sulle attività abusive di cava e successivi adempimenti nella qualità di polizia giudiziaria.
Vigilanza sull’andamento generale dell’attività mineraria con relative
ispezioni, verifiche di impianti elettrici, rilascio di nulla osta per impiego esplosivi.
Istruttoria e rilascio delle autorizzazioni per l’esercizio delle attività
estrattive; istruttoria istanze per il rilascio di permessi di ricerca e
concessioni di sostanze minerali di 1ª categoria.
Adempimenti di competenza previsti dalla legge regionale n. 127/80.
Controllo pagamento del canone annuo e superficiario, sui permessi di ricerca e concessioni minerarie.
Servizio 6 - Distretto minerario di Catania
Il Servizio svolge i compiti di cui all’art. 2 della legge regionale n. 35/60 nei limiti della competenza territoriale delle province di Catania, Messina, Siracusa e Ragusa previsti dall’art. 5 della stessa legge.
Applicazione delle leggi minerarie e dei relativi regolamenti, nonché
l’applicazione delle leggi e regolamenti riguardanti la polizia mineraria e la sicurezza del lavoro nei settori di competenza: miniere, ricerche minerarie, cave, impianti di arricchimenti di trasformazione di sostanze minerarie e lavori di scavo in sotterraneo non aventi finalità minerarie.
Applicazione delle norme sulla prevenzione degli infortuni e sull’igiene del lavoro regolamentate tra l’altro dal decreto legislativo n. 81/08, decreto legislativo n. 758/94 e decreto legislativo n. 624/96.
Vigilanza sulla applicazione delle norme suddette e accertamento di eventuali responsabilità di carattere penale; accertamenti sulle attività abusive di cava e successivi adempimenti nella qualità di polizia giudiziaria.
Vigilanza sull’andamento generale dell’attività mineraria con relative
ispezioni, verifiche di impianti elettrici, rilascio di nulla osta per impiego esplosivi.
Istruttoria e rilascio delle autorizzazioni per l’esercizio delle attività
estrattive; istruttoria istanze per il rilascio di permessi di ricerca e
concessioni di sostanze minerali di 1ª categoria.
Adempimenti di competenza previsti dalla legge regionale n. 127/80.
Controllo pagamento del canone annuo e superficiario, sui permessi di ricerca e concessioni minerarie.
Servizio 7 - Distretto minerario di Palermo
Il Servizio svolge i compiti di cui all’art. 2 della legge regionale n.35/60 nei limiti della competenza territoriale delle province di Palermo e Trapani, previsti dal successivo art. 5 della stessa legge.
Applicazione delle leggi minerarie e dei relativi regolamenti, nonché
l’applicazione delle leggi e regolamenti riguardanti la polizia mineraria e la sicurezza del lavoro nei settori di competenza: miniere, ricerche minerarie, cave, impianti di arricchimenti di trasformazione di sostanze minerarie e lavori di scavo in sotterraneo non aventi finalità minerarie.
Applicazione delle norme sulla prevenzione degli infortuni e sull’igiene del lavoro regolamentate tra l’altro dal decreto legislativo n. 81/08, decreto legislativo n. 758/94 e decreto legislativo n. 624/96.
Vigilanza sulla applicazione delle norme suddette e accertamento di eventuali responsabilità di carattere penale; accertamenti sulle attività abusive di cava e successivi adempimenti nella qualità di polizia giudiziaria.
Vigilanza sull’andamento generale dell’attività mineraria con relative
ispezioni, verifiche di impianti elettrici, rilascio di nulla osta per impiego esplosivi.
Istruttoria e rilascio delle autorizzazioni per l’esercizio delle attività
estrattive; istruttoria istanze per il rilascio di permessi di ricerca e
concessioni di sostanze minerali di 1ª categoria.
Adempimenti di competenza previsti dalla legge regionale n. 127/80.
Controllo pagamento del canone annuo e superficiario, sui permessi di ricerca e concessioni minerarie.
Servizio 8 - Ufficio regionale per gli idrocarburi e la geotermia (URIG)Istruttoria e proposte di provvedimenti inerenti la prospezione, la ricerca, la coltivazione, lo stoccaggio di idrocarburi liquidi, gassosi e gas diversi e geotermia.
Concessioni di vettoriamento gas.
Procedure espropriative connesse al rilascio di provvedimenti autorizzativi e controllo delle royalties.
Approvazione del progetto, dichiarazione di pubblica utilità e procedure espropriative per la realizzazione delle reti di trasporto gas anche di importazione (non di concessione) - art. 2 decreto legislativo n. 164/2000.
Funzioni di polizia giudiziaria ai sensi dell’ art. 5, comma 2, del D.P.R. n. 128/59, per tali compiti applica le procedure di cui al decreto legislativo n. 758/94 (Modificazione alla disciplina sanzionatoria in materia di lavoro).
Attività di vigilanza sulla concessione off-shore per conto del Ministero per le attività produttive (legge n. 613/67; D.P.R. n. 886/79; decreto legislativo n. 625/96).
Applicazione del decreto legislativo n. 81/08.
Applicazione della legge regionale n. 14/2000 - Disciplina della prospezione, della ricerca , della coltivazione, del trasporto e dello stoccaggio di idrocarburi liquidi e gassosi e delle risorse geotermiche nella Regione siciliana. Attuazione della direttiva n. 94/92 CEE.
Attività di controllo sui disciplinari relativi ai provvedimenti di competenza.
Applicazione della legge n. 186/68 - Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni e impianti elettrici ed elettronici legge n. 186/68.
Applicazione D.M. 22 gennaio 2008, n. 37.
Applicazione del D.P.R. n. 462/01 - Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazione e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi
Applicazione del D.P.R. n. 128/59 - Norme di polizia delle miniere e delle cave.
Applicazione del decreto legislativo n. 624/96 - Attuazione della direttiva n. 92/91 CEE relativa alla sicurezza e la salute dei lavoratori nelle industrie estrattive per trivellazione e della direttiva n. 92/104 CEE relativa alla sicurezza e la salute dei lavoratori nelle industrie estrattive a cielo aperto o sotterraneo.
Raccolta, elaborazione dei dati statistici mensili ed annuali relativi alla ricerca e la coltivazione di idrocarburi e trasmissioni al Ministero per le attività produttive, all’ISTAT ed al Banco di Sicilia.
Proposte tecniche per la predisposizione di contratti, convenzioni, etc., aventi rilevanza esterna.
Servizio 9 - Servizio geologico e geofisico
Il servizio svolge i compiti di cui all’art. 3 della legge regionale n. 35/60.
Studi e ricerche geologiche, giacimentologiche e geomorfologiche del territorio.
Studio dei giacimenti sotto l’aspetto geologico.
Cura la raccolta dei minerali e delle rocce e l’ordinamento degli stessi in collezione per i bisogni del servizio e, a richiesta degli organi regionali.
Studio, ricerca e consulenza su questioni di geologia regionale e geologia applicata per conto e nell’interesse dell’Amministrazione regionale.
Collaborazione con i distretti minerari e con altri corpi tecnici della
Regione e dello Stato per la risoluzione dei problemi connessi all’attività mineraria e quelli geologici in generale che spesso riguardano emergenze quali frane, crolli ecc.;
Rilievi topografici a mezzo GPS per la localizzazione georeferenziata delle singole attività estrattive per il catasto Cave, nonché a supporto degli uffici minerari del dipartimento.
Realizzazione e aggiornamento del catasto delle cave al fine di realizzare cartografie tematiche e Web-Gis.
Adempimenti di competenza connessi alla legge regionale n. 127/80.
Attività legate a convenzioni con enti di ricerca.
Studi e ricerche geotecniche, geofisiche e vìbrometrìa.
Informatizzazione delle cartografie applicate alla geologia.
Piani regionali per i materiali lapidei e di pregio e materiali di cava (Piano Cave) in raccordo con il Servizio attività tecnica - Ispettiva e risorse minerarie.
Servizio 10 - Attività tecnica e risorse minerarie
Attuazione degli indirizzi di politica mineraria.
Adempimenti previsti dalle leggi regionali nn. 54/56, 127/80, 19/95 e 14/2000.
Piani regionali per i materiali lapidei e di pregio e materiali di cava (Piano Cave) in raccordo con il servizio geologico e geofisico.
Definizione delle procedure in materia mineraria e di polizia amministrativa dei servizi.
Adempimenti previsti dalla vigente normativa mineraria.
Provvedimenti per la promozione, incentivazione e pianificazione dell’attività mineraria e dei materiali da cava discendenti da leggi regionali e leggi statali ed iniziative comunitarie (PIR).
Attività inerenti i provvedimenti delle sostanze minerali di prima categoria (ex art. 2, legge regionale 1 ottobre 1956, n. 54) comprese acque minerali, termali e di sorgente.
Predisposizione memorie utili alla trattazione ricorsi gerarchici in materia di cave e miniere.
Segreteria Consiglio regionale delle miniere.
Predisposizione dei criteri generali in materia di canoni minerari e royalties.
Competenze delegate dallo Stato.
Coordinamento delle attività connesse con la gestione dei siti minerari dismessi.

ASSESSORATO REGIONALE DELLA FAMIGLIA, DELLE POLITICHE SOCIALI E DEL LAVORO
DIPARTIMENTO DELLA FAMIGLIA E DELLE POLITICHE SOCIALI
Area 1 - Affari generali, coordinamento, programmazione e controllo Coordinamento delle tematiche generali di amministrazione. Attuazione dell’organizzazione amministrativa. Segreteria del dirigente generale.
Supporto all’attività inerente la programmazione strategica finanziaria e operativa. Bilancio e monitoraggio dei flussi e dei fabbisogni finanziari.
Relazioni esterne. Attività di comunicazione istituzionale e gestione del sito web. Repertorio decreti. Registro dei pareri e delle circolari. Raccordi interdipartimentali ed interistituzionali.
Raccordi con organismi nazionali e comunitari per l’integrazione con i programmi interistituzionali e multilivello. Partecipazione alla conferenza delle regioni e delle province autonome, alla conferenza unificata e alla conferenza stato regioni per le materie di pertinenza. Controlli interni e di gestione. Rendicontazione dei progetti finanziati dal P.O. FSE e dal P.O. FESR. Controllo delle spese sostenute per le operazioni finanziate con i fondi comunitari e nazionali e regionali.
Monitoraggio sulle operazioni finanziate dal PO FS e dal P.O. FESR.
Piste di controllo e verifica di sistema delle attività inerenti la programmazione e gestione dei fondi comunitari e nazionali. Controlli di primo livello. Servizi generali del Dipartimento. Ufficio relazione con il pubblico.
Servizio del consegnatario, economato e cassa. Ufficiale rogante, servizio di vigilanza centralino e portierato. Spedizione posta. Protocollo informatico.
Biblioteca. Informatizzazione uffici e gestione centro elaborazione dati.
decreto legislativo n. 81/2008. Prevenzione degli infortuni e sicurezza nei luoghi di lavoro.
Aggiornamento e formazione della dirigenza e personale del comparto. Monitoraggio legislativo,
circolari e pareri nelle materie di pertinenza. Rapporti con il servizio di pianificazione e di controllo strategico dell’Assessore. Controlli interni; supporto alla verifica dell’operatività delle strutture del Dipartimento in termini di efficienza, anche preordinata alla valutazione delle prestazioni individuali di struttura nonché di efficacia e di efficienza dell’azione amministrativa.
Supporto all’attività di pianificazione e programmazione strategica inerente le attività del Dipartimento. Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
Servizio 1 - Gestione Fondi U.E. e FAS - Fondi e programmi di spesa extraregionaliAttività di coordinamento attuativo dei programmi per l’utilizzo delle risorse del Fondo aree sottoutilizzate (FAS) . Rapporti con le Autorità di gestione del P.O. FESR e del PO FSE, con Amministrazioni statali e con l’Unione europea. Coordinamento per l’attuazione degli interventi comunitari e delle relative procedure, di concerto con le altre strutture del dipartimento competenti per materia. Comunicazione delle direttive, regolamenti e decisioni dell’Unione europea nonché delle richieste di adempimenti provenienti dalle Autorità di gestione dei programmi comunitari. Coordinamento degli altri interventi cofinanziati dall’Unione europea.
Servizio 2 - Coordinamento dei distretti e servizi socio-sanitari (legge n. 328/2000 ecc.) - IPAB
Interventi di studio ricerca sui sistemi e sui servizi socio-assistenziali e socio-sanitari.
Modalità, strumenti di indirizzo, azioni di accompagnamento e assistenza tecnica per la gestione unitaria del sistema dei distretti socio-sanitari e per la verifica sull’attuazione della legge n. 328/00. Progetti sperimentali. Gestione del Fondo nazionale delle politiche sociali.
Accreditamento, autorizzazione, vigilanza e monitoraggio sulla qualità del sistema integrato degli interventi e dei servizi socio-assistenziali e socio-sanitari. Sistema informativo regionale integrato socio-sanitario (S.I.R.I.S.). Albo delle istituzioni socio-assistenziali previsto dalla legge regionale n. 22/1986 e connessa attività di vigilanza. Sostegno tecnico e segreteria della Cabina di regia (D.P. Reg. 4 novembre 2002, par. 8.5.). Piani per la formazione e l’aggiornamento del personale addetto alle attività sociali. Comunicazione e informazione nelle materie di pertinenza.
Servizio 3 - Terzo settore, volontariato, servizio civilePromozione, valorizzazione e sostegno delle
organizzazioni del terzo settore.
Funzionamento del tavolo permanente del terzo settore. Albo delle organizzazioni di volontariato, riconoscimento delle persone giuridiche private e connessa attività di vigilanza. Attuazione delle competenze in materia di servizio civile nazionale; gestione albo regionale degli enti del servizio civile e accreditamento degli enti. Valutazione, monitoraggio e verifica dei progetti. Informazione e sensibilizzazione territoriale, formazione degli operatori. Accordi di programma Quadro (A.P.Q.).
Servizio 4 - Interventi abitativi e alloggi sociali, abbattimento barriere architettoniche e investimenti a sostegno delle politiche socio-assistenzialiAttuazione interventi finanziati con
fondi comunitari, nazionali e regionali per le materie di competenza. Interventi abitativi a favore delle famiglie e per gli alloggi sociali. Programmi ed attività di spesa in conto capitale per interventi di carattere strutturale e/o residenziale connessi al funzionamento del sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali. Interventi per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Interventi in conto capitale per strutture socio-assistenziali, a favore dei soggetti pubblici e privati aventi diritto.
Servizio 5 - Anziani - disabilità - nuove povertà - settore penitenziario e post-penitenziario - pari opportunità. Assistenza, enti di culto, particolari situazioni di bisognoAttuazione interventi finanziati con fondi comunitari e nazionali per le materie di competenza.
Interventi trasversali, anche di ordine finanziario, a sostegno di percorsi di inclusione ed integrazione sociale rivolti all’area della disabilità e della non autosufficienza, delle dipendenze patologiche, delle nuove povertà e del settore penitenziario e post-penitenziario.
Interventi per la promozione e l’attuazione delle pari opportunità.
Interventi finanziari straordinari in favore di istituzioni pubbliche e private di assistenza ed enti di culto. Provvidenze assistenziali in favore dei cittadini in particolari situazioni di bisogno (legge regionale n. 65/53).
Servizio 6 - Politiche familiari, giovanili e per la tutela dei minoriAttuazione degli interventi dalla legge regionale n. 10/2003 e dalla legislazione regionale e nazionale in materia di politica familiare e dell’area materno infantile. Attuazione interventi finanziati con fondi comunitari e nazionali per le materie di competenza. Funzionamento Osservatorio permanente sulla famiglia. Albo delle associazioni di solidarietà familiare. Consultori familiari pubblici e privati convenzionati.
Comunità alloggio per minori sottoposti a provvedimenti dell’Autorità giudiziaria minorile.
Interventi trasversali per l’integrazione, la promozione ed il sostegno della condizione giovanile.
Affido, adozioni nazionali ed internazionali. Interventi di carattere trasversale per la tutela la promozione e il sostegno della condizione minorile. Iniziative di carattere innovativo e sperimentale, per il contrasto alle forme di abuso e maltrattamento dei minori realizzate mediante
l’utilizzo delle tecnologie informatiche, dei servizi di rete e del sistema mass-mediatico.
Servizio 7 - Interventi per l’immigrazione
Inclusione sociale degli immigrati - Integrazione e formazione - Censimento del fenomeno in rapporto alla provenienza comunitaria ed extracomunitaria - Mediazione culturale - Raccordi interdipartimentali e interistituzionali regionali, nazionali, comunitari e internazionali. Accordi e convenzioni con organismi pubblici e del privato sociale.
Servizio 8 - Ufficio per la solidarietà alle vittime del crimine organizzato legge regionale n. 20/99.
Attuazione degli interventi previsti dalla legge regionale n. 20/99. Misure di solidarietà in favore delle vittime di atti criminosi e dei loro familiari.
Interventi in favore di soggetti danneggiati a seguito di atti estorsivi e di vittime dell’usura.
Misure di sostegno alle associazioni antiracket riconosciute e dalle altre Istituzioni impegnate nella lotta ai fenomeni delle estorsioni e dell’usura. Interventi per la formazione e la informazione.
Rimborso oneri fiscali agli imprenditori che denunciano richieste estorsive - art. 3 legge regionale n. 15/08. Interventi per le vittime del dovere o caduti nell’adempimento di atti eroici.

DIPARTIMENTO REGIONALE DEL LAVORO
1. Area - Affari generali - Risorse gestionali e servizi- Formulazione di programmi annuali dipartimentali e verifica sulla loro esecuzione, nonché predisposizione la valutazione sui risultati
gestionali conseguiti da ciascuna struttura.
- Predisposizione di programmi, monitoraggi e consuntivi di spesa inerenti il funzionamento del dipartimento da confrontare con il bilancio.
- Gestione a regime del sistema informativo - nodo regionale - (datawarehouse, server centrale e connettività) dell’Assessorato, sulla cui architettura cui vengono installate le procedure dei servizi per l’impiego e dei servizi ispettivi.
- Gestione fornitori di beni e servizi del settore.
- Rapporti statistici di utilizzo delle risorse per la definizione degli standards.
- Erogazione di beni e servizi alle strutture del dipartimento sulla scorta di programmi annuali.
- Acquisizione diretta o autorizzazione ad approvvigionamenti decentralizzati.
- Raccolta dei dati inerenti i consumi tramite il sistema informativo.
- Coordinamento delle azioni dei sistemi informativi di supporto ai servizi per l’impiego e dei sistemi informativi di supporto all’attività di tutela e ispettiva, nell’utilizzo del nodo regionale
(BCNL) dell’Assessorato.
- Risponde del monitoraggio sull’utilizzo delle risorse economiche per le attività programmate.
- Procedimenti relativi alla legislazione regionale di bilancio.
- Procedimenti di concertazione con le organizzazioni di settore, del quadro normativo inerente la materia di lavoro e formazione con supporto alla Commissione regionale per l’impiego.
- Affari legali.
- Predisposizione della bozza di bilancio, variazioni di bilancio erogazione ordini di accreditamento, pagamenti.
- Repertorio dei decreti assessoriali, direttoriali o dirigenziali relativi al dipartimento.
- Risponde degli adempimenti contabili e delle erogazioni..
- Analisi dell’impatto delle norme sulla struttura organizzativa dell’Assessorato.
- Predisposizione di protocolli per il monitoraggio della qualità dei servizi erogati e verifica della attuazione e dei risultati secondo standard di confronto con altre Regioni.
- Monitoraggio dei rapporti con l’utenza.
- Rilevazione delle valutazioni dei cittadini sui servizi resi dalla struttura del dipartimento.
Collegamento con gli organi di informazione per le materie di interesse dell’Amministrazione.
- Somministrazione di questionari di valutazione in tutta la struttura dipartimentale.
- Ricezione dei reclami e contatto con l’utenza (URP).
- Risorse umane. Affari generali. Rapporti con le organizzazioni sindacali.
Attività di ricerca e proposizione legislativa. Segreteria del dirigente generale. Servizio fax.
Servizio sicurezza luoghi di lavoro ed adempimenti.
decreto legislativo n. 81/2008. Proposte formative. Repertorio decreti.
Archivio attività del consegnatario e del cassiere. Ufficiale rogante.
- Controlli interni; supporto alla verifica dell’operatività delle strutture del dipartimento in termini di efficienza, anche preordinata alla valutazione delle prestazioni individuali di struttura nonché di efficacia e di efficienza dell’azione amministrativa. Supporto all’attività di pianificazione e programmazione strategica inerente le attività del dipartimento. Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
2. Area per i servizi per l’impiego, per la formazione professionale e per le politiche attive del lavoro
- Azione di raccordo fra il Ministero, le strutture regionali e dipartimentali operanti in materia di servizi per l’impiego, curando le interazioni e l’integrazione con altri enti o organizzazioni e che si occupano di lavoro e formazione professionale.
- Azione di raccordo fra il dipartimento dell’istruzione e della formazione professionale e le strutture regionali dipartimentali operanti in materia, curando l’informazione, le interazioni, l’integrazione, l’armonizzazione, l’adempimento ed il rispetto della normativa in materia.
- Azione di raccordo fra il dipartimento Agenzia regionale per l’impiego e la formazione professionale e le strutture regionali dipartimentali operanti in materia di P.A.L., curando l’informazione, le interazioni, l’integrazione, l’armonizzazione, l’adempimento ed il rispetto della normativa in materia di misure di politica attiva del lavoro.
- Azione di raccordo fra l’Assessorato regionale delle attività produttive e le strutture regionali dipartimentali operanti in materia di attività produttive, curando l’informazione, le interazioni, l’integrazione, l’armonizzazione, l’adempimento ed il rispetto della normativa in materia per i compiti affidati agli UPL dalla normativa nazionale.
- Analisi dei fenomeni lavorativi e occupazionali sul territorio regionale in stretta collaborazione con l’Area sistemi informativi di supporto ai servizi per l’impiego.
- Produzione di documentazione per la armonizzazione degli interventi in materia di "servizi per l’impiego" e produzione di documentazione in materia di contratti di lavoro certificati, in stretta collaborazione con il Servizio sistemi informativi di supporto ai servizi per l’impiego.
- Coordinamento dei servizi URL, UPL e dei CPI, e rilevazione dei dati di attività di questi ultimi in stretta collaborazione con il Servizio sistemi informativi di supporto ai servizi per l’impiego.
- Promozione di interventi in ambito regionale per la applicazione alle norme in materia di lavoro
con azione propulsiva tesa alla armonizzazione dei servizi erogati territorialmente all’utenza.
- Promozione dei "servizi per l’impiego" mediante sistematiche visite e rilevazioni nelle sedi degli URL e UPL, predisponendo rapporti informativi periodici sullo stato attuazione.
- Risponde della attuazione "dei servizi per l’impiego", esercitando le necessarie azioni di coordinamento.
3. Area per gli interventi di tutela e per i servizi ispettivi alla formazione professionale e alle politiche attive del lavoro- Azione di raccordo fra il Ministero e le strutture regionali operanti in materia di tutela dei lavoratori, curando le interazioni e l’integrazione con altri enti (INPS, INAIL etc.) e organizzazioni (datoriali e paritetiche) o forze dell’ordine che si occupano di tutela del lavoro.
- Azione di raccordo fra il Dipartimento dell’istruzione e della formazione professionale e le strutture regionali operanti in materia di tutela e di vigilanza, curando l’informazione, le interazioni e l’integrazione con altri enti o organizzazioni o forze dell’ordine che si occupano di vigilanza sulla formazione professionale.
- Azione di raccordo fra il Dipartimento Agenzia regionale per l’impiego e le strutture regionali dipartimentali, operanti in materia di tutela e di vigilanza, curando l’informazione, le interazioni e l’integrazione con altri enti o organizzazioni o forze dell’ordine che si occupano di vigilanza sulla erogazione delle misure di politica attiva del lavoro.
- Analisi dei fenomeni di lavoro irregolare sul territorio regionale, in stretta collaborazione con
il Servizio sistemi informativi di supporto all’attività ispettiva, proposta di interventi conseguenti.
- Predisposizione di documentazione e procedure per la armonizzazione degli interventi in materia di tutela dei lavoratori, in stretta collaborazione con il Servizio sistemi informativi di supporto all’attività ispettiva.
- Coordinamento degli IRL e IPL, rilevazione dei dati di attività e delle tipologie di violazione riscontrate nella attività ispettiva nonché dell’ammontare delle entrate conseguenti ai procedimenti sanzionatori, in stretta collaborazione con il Servizio sistemi informativi di supporto all’attività ispettiva.
- Risponde della attuazione dei servizi di tutela ed ispettivi, esercitando le necessarie azioni di coordinamento.
4. Area - Sistemi informativi di supporto ai servizi per l’impiego (SISSI) ed all’attività ispettiva (SISAI)
- Sviluppo della rete informatica per gli URL, UPL e CPI, predisponendo i necessari progetti per la rete locale (LAN) e per la connettività al nodo regionale.
- Sviluppo delle attività connesse alla installazione del nodo regionale (borsalavoro) e alla adozione delle procedure informatiche ministeriali o delle procedure personalizzate per la regione Sicilia, alla messa a regime della BCNL.
- Sviluppo, aggiornamento e verifica di utilizzo delle procedure informatiche per la gestione dell’attività dei servizi per l’impiego e della gestione dei servizi formativi, nelle sedi periferiche, in collaborazione con l’area interdipartimentale dei servizi per l’impiego.
- Sviluppo delle procedure informatiche per la gestione del personale impegnato nei servizi per l’impiego.
- Sviluppo della personalizzazione del portale web dedicato ai servizi per l’impiego e alla formazione professionale, curando le procedure di competenza per la borsalavoro (BCNL) e le procedure connesse alla informatizzazione dei rapporti con i cittadini.
- Aggiornamento del portale e alimentazione dei contenuti con documentazione, legislazione e argomenti correlati alla materia giuslavoristica e alle notizie in tema di lavoro.
- Vigilanza sul corretto utilizzo delle procedure informatiche e delle attrezzature dedicate per tutte le sedi dei centri per l’impiego, degli UPL e URL.
- Sviluppo, coordinamento e gestione di ogni altra procedura necessaria ai Centri per l’impiego, UPL e URL o alle strutture dipartimentali che si avvalgono di essi.
- Sviluppo della rete informatica per gli Ispettorati del lavoro, predisponendo i necessari progetti per la rete locale (LAN) e per la connettività al nodo regionale.
- Sviluppo, aggiornamento e verifica dell’utilizzo delle procedure informatiche per la gestione dell’attività ispettiva negli IRL, IPL e CPI di concerto con l’area interdipartimentale ispettiva.
- Sviluppo, aggiornamento e verifica dell’utilizzo delle procedure informatiche per la gestione del personale impegnato in attività ispettiva, di concerto con l’area interdipartimentale.
- Sviluppo del portale web dedicato all’attività ispettiva e ai rapporti con i cittadini in materia di tutela del lavoro.
- Aggiornamento del portale e alimentazione dei contenuti con documentazione, legislazione e argomenti correlati alla materia giuslavoristica.
- Vigilanza sul corretto utilizzo delle procedure informatiche e delle attrezzature dedicate per tutte le sedi aventi personale ispettivo.
- Sviluppo delle procedure, di concerto con le esattorie, per l’acquisizione dei risultati economici dell’attività sanzionatoria.
- Sviluppo coordinamento e gestione ogni altra procedura necessaria all’attività ispettiva o alle strutture dipartimentali che si avvalgono delle strutture ispettive.
1. Servizio interventi per il lavoro - Cantieri di lavoro e Fondo siciliano per l’occupazione - Ammortizzatori sociali
- Erogazione di benefici e provvidenze, discendenti dalla applicazione di norme di settore, regionali e/o statali.
- Adempimenti relativi alla gestione amministrativa e contabile dei lavoratori in ASU, in PUC presenti nella struttura del dipartimento in collaborazione con l’area per le risorse umane.
- Rendiconti e accreditamenti relativi alle cooperative dell’ex art. 23 in favore dei servizi UPL;
Adempimenti relativi alla gestione amministrativa e contabile degli interventi discendenti dai contenuti degli artt. 9 e 10 legge regionale n. 27/91 in favore dei beneficiari.
- Collocamento dello spettacolo.
- Promozione opportunità di lavoro in ambito comunitario.
- Azioni tecniche ed amministrative, anche di carattere normativo, per gli interventi che vengono effettuati a carico del Fondo siciliano per l’occupazione.
- Gestione amministrativa e contabile del Fondo siciliano per l’occupazione.
- Finanziamento a comuni ed enti per l’esecuzione di cantieri di lavoro per non occupati.
- Gestione dei collaudatori esterni e dei rendiconti finali.
- Ammortizzatori sociali.
2. Servizio emigrazione ed immigrazione
- Interventi previsti dalle norme in favore dei lavoratori siciliani all’estero e dei lavoratori
stranieri in Sicilia.
- Anagrafe dei lavoratori emigrati, delle associazioni, degli enti e delle rispettive attività.
- Erogazione di provvidenze o interventi finalizzati alla promozione culturale e al godimento di benefici diretti sia ai singoli o a forme associative.
- Interventi istituzionali in favore delle comunità di lavoratori immigrati, con provvidenze o altri benefici, nonché gestione dell’anagrafe.
3. Servizio - Ufficio regionale del lavoro
- Istruzione delle richieste di mobilità ai sensi della legge n. 223/1991 per l’erogazione dei sussidi, indennità ed altre provvidenze concernenti ammortizzatori sociali.
- Promozione dei "servizi per l’impiego", mediante sistematiche visite e rilevazioni nei centri per l’impiego e negli UPL di competenza, predisposizione di rapporti informativi sullo stato attuazione, azione propulsiva per armonizzazione dei servizi erogati territorialmente all’utenza.
- Coordinamento ed armonizzazione delle attività decentrate dai dipartimenti regionali in materia di formazione e di politiche attive del lavoro, mediante sistematiche visite e rilevazioni nei centri per l’impiego e negli UPL di competenza, predisposizione di rapporti informativi sugli adempimenti espletati.
- Armonizzazione dell’attività e della documentazione in uso negli Uffici provinciali e azione di supporto nella predisposizione di documentazione in materia di contratti di lavoro certificati.
- Rilevazione dei dati di attività e le tipologie occupazionali.
- Promozione di tutti gli interventi per dare applicazione alle norme in materia di lavoro.
4. Servizio Ispettorato regionale del lavoro
Azione di raccordo, per le province di competenza fra le struttura regionale in materia di tutela dei lavoratori, curando le interazioni e l’integrazione con altri enti o organizzazioni o forze dell’ordine che si occupano della materia.
- Predisposizione per le province di competenza programmi annuali di intervento, coordinamento territoriale dei procedimenti.
- Analisi dei fenomeni di lavoro irregolare per le province di competenza.
- Trattazione per le province di competenza , dei ricorsi che vengono indirizzati alla direzione del lavoro, in applicazione del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276.
- Supporto nella predisposizione di documentazione in materia di tutela dei lavoratori.
- Coordinamento e armonizzazione, per le province di competenza, dell’attività degli ispettorati provinciali e dei nuclei ispettivi, mediante sistematiche visite e rilevazioni nei Centri per l’impiego e negli IPL, predisposizione di rapporti informativi sugli adempimenti espletati.
- Rilevazione, per le province di competenza, dei dati di attività e le tipologie di violazione.
5. Servizio Ufficio provinciale del lavoro di Agrigento
6. Servizio Ufficio provinciale del lavoro di Caltanissetta
7. Servizio Ufficio provinciale del lavoro di Catania
8. Servizio Ufficio provinciale del lavoro di Enna
9. Servizio Ufficio provinciale del lavoro di Messina
10. Servizio Ufficio provinciale del lavoro di Palermo
11. Servizio Ufficio provinciale del lavoro di Ragusa
12. Servizio Ufficio provinciale del lavoro di Siracusa
13. Servizio Ufficio provinciale del lavoro di Trapani
Competenze:
- Svolgimento delle attività di istituto secondo la programmazione dipartimentale.
- Compiti delegati dal Dipartimento Agenzia per l’impiego.
- Compiti delegati dal Dipartimento formazione professionale per monitoraggio e verifica della attività formativa.
- Albo delle cooperative e compiti discendenti dalla applicazione del decreto legislativo n. 220/2002, monitoraggio dei Centri per l’impiego - ex SS.CC.ICA - che svolgono i compiti derivanti dalla applicazione del decreto legislativo n. 297/02.
- Tentativo di conciliazione fra lavoratore e datore di lavoro.
- Effettuazione con l’Ispettorato provinciale del lavoro di azioni congiunte in azioni di vigilanza in materia di lavoro, di formazione e di erogazioni in favore dei datori di lavoro, nonché ogni
altra funzione discendente dalla normativa statale e regionale.
14. Servizio Ispettorato provinciale del lavoro di Agrigento
15. Servizio Ispettorato provinciale del lavoro di Caltanissetta
16. Servizio Ispettorato provinciale del lavoro di Catania
17. Servizio Ispettorato provinciale del lavoro di Enna
18. Servizio Ispettorato provinciale del lavoro di Messina
19. Servizio Ispettorato provinciale del lavoro di Palermo
20. Servizio Ispettorato provinciale del lavoro di Ragusa
21. Servizio Ispettorato provinciale del lavoro di Siracusa
22. Servizio Ispettorato provinciale del lavoro di Trapani
Competenze:
Attività di istituto secondo la programmazione dipartimentale.
- Compiti di vigilanza delegati dal Dipartimento Agenzia per l’impiego e dal Dipartimento formazione, d’intesa con strutture presenti presso l’Ufficio provinciale del lavoro.
- Compiti di vigilanza tecnica previsti dalle norme vigenti in materia di sicurezza sul lavoro, di concerto con ASL, ISPESL, INAIL e con le FF.OO.
- Compiti di vigilanza amministrativa previsti dalle norme vigenti in materia di lavoro, previdenza ed assistenza, di concerto con gli enti previdenziali e assicurativi e con le FF.OO.
- Accertamenti, inchieste amministrative relative ad infortuni sul lavoro su delega dell’Autorità giudiziaria.
- Compiti di rendicontazione contabile discendenti da normative comunitarie.
- Coordinamento provinciale della attività dei nuclei ispettivi istituiti presso i Centri per l’impiego.

AGENZIA PER L’IMPIEGO, L’ORIENTAMENTO, I SERVIZI E LE ATTIVITA’ FORMATIVE
1. Area "Affari generali e programmazione"
Gestione delle risorse umane e finanziarie.
Programmazione, comunicazione, relazione con il pubblico
Valutazione di processo, controlli e monitoraggio delle misure del P.O.R. Sicilia.
Organizzazione e affari generali. Gestione della posta in entrata,
assegnazione e protocollo informatico. Repertorio. Archivio storico.
Proposte formative riguardanti il personale del Dipartimento. Segreteria organi collegiali. Servizi uscierili e di portineria. Servizio spedizione.
Acquisto di beni e servizi. Gestione delle utenze. Attività del consegnatario.
Ufficiale rogante.
Funzioni di documentazione e biblioteca.
Servizio per adempimenti sicurezza lavoratori.
Coordinamento dell’attività ispettiva e di vigilanza.
Servizio I - "Servizi per l’impiego, incontro domanda/offerta di lavoro e processi evolutivi del
mercato del lavoro"
Servizi per l’impiego, sportelli multifunzionali (misura 3.01 P.O.R.).
Portale del lavoro, banche dati e servizi informatici.
Sportello informazione su domanda/offerta di lavoro.
Ufficio selezione e colloqui.
Osservatorio delle professioni e dei mestieri e analisi delle competenze professionali.
Ufficio di impatto della legislazione.
Servizio II - "Politiche attive del lavoro"
Ufficio incentivi all’occupazione aggiuntiva.
Ufficio piani di inserimento professionale dei giovani e mobilità interregionale.
Ufficio tirocini formativi e di orientamento e nuove esperienze lavorative.
Supporto agli organi istituzionali.
Ufficio politiche sperimentali dell’occupazione, programmazione negoziata e nuovi bacini d’impiego.
Ufficio rendicontazione politiche attive.
Ufficio rendicontazione legge regionale 7 agosto 1997, n. 30.
Servizio III - "Inserimento lavorativo di fasce deboli e marginali"
Segreteria del Comitato del fondo regionale per l’occupazione dei disabili e interventi per l’inserimento mirato delle fasce deboli.
Servizio IV - "Progettazione e gestione delle attività formative e di orientamento"
Ufficio progettazione degli interventi formativi.
Osservatorio dei servizi formativi e controllo CIAPI.
Ufficio di coordinamento delle attività di orientamento.
Ufficio per la formazione in azienda e nell’ambito dei rapporti di lavoro.
Servizio V - "Attività socialmente utili e workfare"
Attività socialmente utili.
Ufficio anagrafe e banche dati A.S.U.
Ufficio attuazione misure di stabilizzazione dei lavoratori in A.S.U.
Ufficio rendicontazione A.S.U. e workfare.
Servizio VI - "Apprendistato"
Ufficio apprendistato
Ufficio di coordinamento delle attività formative nell’apprendistato.
Ufficio rendicontazione apprendistato.
Ufficio statistiche del lavoro.

ASSESSORATO REGIONALE DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA
DIPARTIMENTO REGIONALE DELLE AUTONOMIE LOCALI
Area 1 - Affari generali, relazioni esterne e comunicazione
Coordinamento delle tematiche generali di amministrazione. Attuazione dell’organizzazione amministrativa. Bilancio e monitoraggio dei flussi e dei fabbisogni finanziari. Relazioni esterne e segreteria del dirigente generale.
Iniziative di coordinamento, informazione e comunicazione. Coordinamento delle informazioni del sito
web. Protocollo, archivio, repertorio decreti. Registro dei pareri e delle circolari. Coordinamento delle attività di monitoraggio legislativo. Attività di rilievo generale del dipartimento non riconducibili alla competenza delle singole strutture. Circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
Gestione delle risorse umane. Rilevazione automatizzata presenze. Attività del consegnatario e del cassiere. Relazioni sindacali. Ufficio relazioni con il pubblico. Segreterie organi collegiali.
Servizio sicurezza luoghi di lavoro ed adempimenti. Decreto legislativo n. 81/2008. Ufficiale rogante. Controlli interni; supporto alla verifica dell’operatività delle strutture del dipartimento in termini di efficienza, anche preordinata alla valutazione delle prestazioni individuali di struttura nonché di efficacia e di efficienza dell’azione amministrativa. Supporto all’attività di
pianificazione e programmazione strategica inerente le attività del dipartimento. Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
Servizio 1 - Assetto istituzionale e territoriale degli enti locali Orientamento ed indirizzi generali sull’assetto istituzionale e sul funzionamento degli organi degli enti locali e delle
relative forme associative. Procedimenti di commissariamento straordinario conseguenti a sfiducia, dimissioni, decadenza degli amministratori nonchè di annullamento di operazioni elettorali. Attività di supporto istruttorio all’Organo politico per l’adozione del provvedimento di rimozione degli amministratori locali.
Polizia locale. Centro regionale di formazione per la Polizia municipale:
vigilanza, controllo e finanziamento. Istituzione di nuovi comuni e/o circoscrizioni. Variazioni territoriali, attivazione della connessa procedura referendaria e sistemazione dei rapporti patrimoniali pendenti. Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
Servizio 2 - Assetto organizzativo e funzionale degli enti localiOrientamento ed indirizzi generali in materia di assetto organizzativo e di personale degli enti locali e delle relative forme associative. Procedure concorsuali. Attuazione delle disposizioni normative e contrattuali in materia di pubblico impiego locale. Processi di riforma, di decentramento e di conferimento di funzioni agli enti locali e relativi raccordi interdipartimentali ed interistituzionali. Raccordi con organismi istituzionali nazionali e comunitari, la artecipazione alla Conferenza delle Regioni e delle province autonome, la Conferenza unificata e la Conferenza Stato-Regioni per le materie di pertinenza e relativi raccordi interdipartimentali ed interni. Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
Servizio 3 - Vigilanza e controllo degli enti locali - Ufficio ispettivoVigilanza e controllo sugli organi e sull’attività ispettiva degli enti locali e delle relative forme associative fatti salvi gli ambiti di vigilanza settoriale propri di altri rami e/o organi dell’Amministrazione regionale.
Interventi ispettivi e sostitutivi: istruttoria preventiva, attuazione e comunicazioni interne e/o interdipartimentali alle altre strutture interessate per i profili e le iniziative di competenza.
Monitoraggi ed elaborazioni sullo svolgimento, sui flussi e sugli esiti dell’attività ispettiva e sostitutiva.
Servizio 4 - Finanza locale
Orientamento ed indirizzi in materia di attività finanziaria degli enti locali. Trasferimenti a carico del fondo globale a sostegno delle Autonomie locali. Interventi finanziari in favore degli
enti locali e delle relative forme associative. Interventi finanziari relativi al personale della polizia municipale. Flussi informativi e monitoraggio sui tributi locali e sull’attività finanziaria degli enti locali e delle relative forme associative. Segreteria della Conferenza Regione-Autonomie locali.
Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
Servizo 5 - Ufficio elettorale
Servizio elettorale. Adempimenti di natura tecnico-legislativa, di studio, di indirizzo, di consulenza interni ed interdipartimentali. Organizzazione delle elezioni regionali, provinciali e comunali. Adempimenti amministrativi e contabili. Pubblicazione risultati elettorali. Anagrafe degli amministratori locali. Statistiche. Contenzioso e verifica elettorale. Consultazioni referendarie e procedure connesse. Adempimenti contabili connessi all’organizzazione delle elezioni. Acquisiti e forniture. Rapporti con gli enti locali. Consultazioni referendarie. Contenzioso e verifiche.
Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.

DIPARTIMENTO REGIONALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA E DEL PERSONALE
Area
1 - Affari generali del dipartimento
Segreteria del dirigente generale.
Gestione delle risorse umane del dipartimento.
Relazioni sindacali e applicazione contrattualistica collettiva.
Rapporti con il dipartimento regionale del bilancio e tesoro.
Attività e funzioni di documentazione e biblioteca.
Protocollo informatico - Repertorio decreti - Archivio storico.
Rapporti con il servizio di pianificazione e di controllo strategico dell’Assessore.
Rapporti con le Istituzioni comunitarie.
Ufficiale rogante.
Ufficio del consegnatario.
Attività di tutela della salute e sicurezza del personale regionale:
Coordinamento regionale. Servizio sicurezza luoghi di lavoro ed adempimenti decreto legislativo n.
81/2008.
Coordinamento e supporto dei servizi di prevenzione e protezione dell’Amministrazione regionale.
Informazione ai SS.PP. sugli aggiornamenti tecnici e normativi.
Predisposizione di studi e linee guida, formulazione di proposte ed atti di indirizzo in materia.
Monitoraggio e propulsione dell’attività di prevenzione e protezione nelle sedi e negli ambienti di lavoro dell’Amministrazione regionale. Attività di informazione, formazione ed aggiornamento in
materia.
Controlli interni; supporto alla verifica dell’operatività delle strutture del dipartimento in termini di efficienza, anche preordinata alla valutazione delle prestazioni individuali di struttura nonché di efficacia e di efficienza dell’azione amministrativa. Supporto all’attività di pianificazione e programmazione strategica inerente le attività del dipartimento. Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
Servizi
1 - Gestione giuridica del personale regionale in servizio - Reclutamento del personale - Ruolo unico dirigenza e banche dati
Gestione giuridica del personale a tempo indeterminato e determinato della Presidenza della Regione
e dell’Assessorato regionale delle autonomie locali e della funzione pubblica.
Mobilità.
Predisposizione delle linee guida gestionali nonché di proposte ed atti di indirizzo per l’applicazione delle normative vigenti, iniziative relazionali finalizzate al chiarimento interpretativo delle normative afferenti alla tipologia dei lavoratori.
Relazioni con gli istituti previdenziali ed assicurativi, formulazione e proposizione di circolari
ed atti normativi.
Coordinamento e supporto per gli aspetti di competenza alle strutture competenti in materia di
personale situati presso gli Assessorati regionali.
Relazioni con l’ARAN Sicilia in merito agli aspetti relativi alla contrattazione collettiva.
Reclutamento personale.
Rilevazione automatizzata delle presenze.
Adempimenti relativi all’anagrafe patrimoniale di cui all’art. 21 della legge regionale n. 10/2000.
Aggiornamento e tenuta del ruolo unico della dirigenza.
Banche dati del personale in servizio presso l’Amministrazione regionale.
2 - Gestione economica del personale regionale in servizio
Gestione economica del personale a tempo indeterminato e determinato della Presidenza della Regione
e dell’Assessorato regionale delle autonomie locali e della funzione pubblica.
Coordinamento e supporto per gli aspetti di competenza alle strutture competenti in materia di
personale situati presso gli Assessorati regionali.
Predisposizione delle linee guida gestionali nonché di proposte e atti di indirizzo per
l’applicazione univoca di tutti i rami dell’Amministrazione delle normative vigenti, iniziative
relazionali finalizzate al chiarimento interpretativo delle disposizioni riguardanti il trattamento
economico del personale.
Relazioni con l’ARAN Sicilia in merito agli aspetti economici relativi alla contrattazione
collettiva.
3 - Coordinamento e vigilanza sulla gestione del fondo per il trattamento di quiescenza e di
buonuscita del personale regionale Coordinamento delle attività amministrative del Fondo.
Emanazione direttive generali sulle disposizioni contrattuali e normative aventi riflesso sulle
materie di competenza del Fondo per garantirne uniformità di azione.
Vigilanza sul corretto funzionamento del Fondo in relazione ai fini istituzionali.
Verifica documenti contabili del Fondo.
Vigilanza sulla contribuzione previdenziale del personale di cui all’art. 10, comma 1, della legge
regionale 9 maggio 1986, n. 21.
4 - Gestione del contenzioso del lavoro - Ufficio unico per i procedimenti disciplinari
Coordinamento amministrativo contenzioso del lavoro ed attività di conciliazione.
Istruttoria dei procedimenti disciplinari nei confronti del personale gestito dalla Presidenza.
Definizione dei procedimenti disciplinari relativi ai dipendenti degli altri rami
dell’Amministrazione.
Proposte di definizione dei procedimenti disciplinari e proposte di sanzione disciplinare. Proposte
di irrogazione misure cautelari.
Proposte di trasferimenti ai sensi dell’art. 21, comma 10, legge regionale 15 maggio 2000, n. 10.
Proposte di trasferimenti, sospensioni ed estinzione del rapporto di lavoro ai sensi della legge 27
marzo 2001, n. 97.
Trasmissione dati alla Commissione di trasparenza e Garanzia delle PP.AA.
Circolari e direttive per il coordinamento e regolazione procedura disciplinare nei riguardi di
tutti i rami dell’Amministrazione regionale.
Codice di comportamento dei dipendenti.
Attuazione CC.CC.RR.L. per la parte di competenza.
5 - Trasparenza e semplificazione
Attuazione normativa sulla trasparenza dell’azione amministrativa regionale.
U.R.P.
Rapporti con le Amministrazioni locali al fine del necessario coordinamento per la corretta
applicazione della vigente normativa sulla trasparenza dell’azione amministrativa; connessa attività
di impulso e relativo controllo sullo stato di attuazione delle conseguenti direttive.
Segreteria Commissione di garanzia.
Privacy: normativa in materia di protezione dei dati personali e pubblici uffici.
Coordinamento e attività di indirizzo delle iniziative di semplificazione amministrativa; gestione amministrativa; semplificazioni e aspetti organizzativi e procedimentali; snellimento adempimenti amministrativi.
Analisi e verifica dell’impatto della regolazione: consultazione organizzazioni di rappresentanza delle categorie economiche, produttive e professionali.
Rapporti con i referenti dipartimentali per le proposte di semplificazione.
Individuazione provvedimenti immediatamente operativi direttamente applicabili e proposte di semplificazione legislativa, anche attraverso testi unici
settoriali. Semplificazione del linguaggio.
Rapporti con le Organizzazioni di rappresentanza degli interessi diffusi.
Tutela interessi diffusi ex art. 30, comma 3, legge regionale n. 6/1997.
6 - Provveditorato e servizi generali
Coordinamento attività di acquisizione di beni e servizi per il funzionamento degli uffici dell’amministrazione regionale.
Gestione e forniture di beni e servizi riguardanti l’Assessorato regionale delle autonomie locali e
della funzione pubblica e la Presidenza della Regione, fatte salve le funzioni della soprintendenza
della Regione.
Gestione forniture beni e servizi [e lavori in economia] dell’Assessorato regionale delle attività
produttive, dell’Assessorato regionale dei beni culturali e dell’identità siciliana,
dell’Assessorato regionale dell’economia, dell’Assessorato regionale dell’energia e dei servizi di
pubblica utilità, dell’Assessorato regionale della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro,
dell’Assessorato regionale delle infrastrutture e della mobilità, dell’Assessorato regionale
dell’istruzione e della formazione professionale, dell’Assessorato regionale delle risorse agricole
e alimentari, dell’Assessorato regionale della salute, dell’Assessorato regionale del territorio e
dell’ambiente, dell’Assessorato regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo.
7 - Attività informatica della regione e della pubblica amministrazione regionale e coordinamento
dei sistemi informativi
Coordinamento dei Sistemi informativi regionali, secondo quanto previsto dall’art. 78 della legge
regionale 3 maggio 2001, n. 6, al fine di favorire lo scambio di informazioni con lo Stato e le
Amministrazioni evitando duplicazioni di interventi e di costi.
Predisposizione di norme e criteri in tema di pianificazione, progettazione, realizzazione,
gestione, mantenimento e sicurezza dei sistemi informativi automatizzati dell’Amministrazione
regionale e delle loro interconnessioni, nonché della loro qualità e relativi aspetti organizzativi.
Atti di indirizzo e controllo sull’attività informatica negli enti sottoposti a vigilanza e sugli
enti locali.
Attività di pianificazione per l’informatizzazione dei vari servizi ed uffici regionali.
Realizzazione e gestione di un sistema informativo per il controllo di gestione.
Gestione del sito ufficiale della Regione siciliana, con particolare riguardo alla divulgazione di
atti e documenti di pubblica utilità.
Promozione della diffusione dell’innovazione tecnologica nell’Amministrazione regionale.
Indirizzi e direttive per la predisposizione di piani di formazione del personale in materia di
sistemi informativi automatizzati.
8 - Formazione e qualificazione professionale del personale regionaleOrganizzazione diretta ed
indiretta di corsi di formazione e riqualificazione professionale ed aggiornamento della dirigenza e
del personale regionale.
Formazione permanente.
Acquisto e fornitura di pubblicazioni per l’aggiornamento del personale del Dipartimento.
9 - Autoparco regionale
Servizi di autovettura con conducente assegnati in permanenza secondo i criteri indicati dalla
Giunta di Governo.
Servizio di auto blindata per le personalità sotto tutela.
Servizio di mobilità urbana organizzata per la distribuzione della posta degli uffici regionali.
Servizi di mobilità urbana ed extraurbana per gli uffici regionali che ne facciano richiesta.
Servizio di trasporto merci per la consegna di materiale destinato agli uffici regionali.
Servizi di mobilità per esigenze di rappresentanza.
Acquisizione, gestione e mantenimento degli automezzi costituenti il parco auto regionale.
10 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale delle attività
produttive
11 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale dei beni culturali e
dell’identità siciliana
12 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale dell’economia
13 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale dell’energia e dei
servizi di pubblica utilità
14 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale della famiglia, delle
politiche sociali e del lavoro
15 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale delle infrastrutture e
della mobilità
16 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale dell’istruzione e
della formazione professionale
17 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale delle risorse agricole
e alimentari
18 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale della salute
19 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale del territorio e
dell’ambiente, fatta eccezione per il personale del corpo forestale regionale
20 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale del turismo, dello
sport e dello spettacolo

ASSESSORATO REGIONALE DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITA’
DIPARTIMENTO REGIONALE DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITA’ E DEI TRASPORTI
Area 1 - Di diretta collaborazione al dirigente generale - Coordinamento Segreteria del dirigente
generale.
Relazione sindacali.
Contrattualistica collettiva dirigenziale.
Ufficio relazioni con il pubblico.
Repertorio.
Acquisizione degli elementi di risposta all’attività ispettiva dell’A.R.S.
Predisposizione degli atti di indirizzo e coordinamento di competenza del dirigente generale -
Attività di collegamento e raccordo con le aree, i servizi e le UU.OO.BB. del dipartimento.
Controlli interni; supporto alla verifica dell’operatività delle strutture del dipartimento in
termini di efficienza, anche preordinata alla valutazione delle prestazioni individuali di struttura
nonché di efficacia e di efficienza dell’azione amministrativa.
Supporto all’attività di pianificazione e programmazione strategica inerente le attività del
dipartimento.
Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
Area 2 - Programmazione e monitoraggio
Monitoraggio ed aggiornamento della programmazione dipartimentale Monitoraggio e controllo misure
P.O.R. Sicilia e P.O. FESR Sicilia 2007/2013.
Predisposizione certificazioni di spesa P.O.R. Sicilia e P.O. FESR Sicilia 2007/2013.
Monitoraggio degli accordi di programma quadro. Attività di coordinamento e raccordo con i servizi e
le UU.OO.BB. del dipartimento, per ciò che attiene alla programmazione comunitaria ed agli Accordi
di programma quadro.
Predisposizione, di concerto con le altre strutture del dipartimento ed in raccordo con il
dipartimento regionale programmazione, dei documenti programmatici derivanti da disposizioni
nazionali, regionali e comunitarie.
Predisposizione certificazione spesa Fondi comunitari.
Coordinamento controlli di 1° livello effettuati dagli uffici del Genio civile dell’isola per le
misure comunitarie di competenza del dipartimento.
Valutazione della dirigenza - Contrattazioni decentrate area della dirigenza.
Verifica stati d’avanzamento dei piani di lavoro.
Raccolta trasmissione degli atti della Conferenza Stato-Regione e della conferenza unificata.
Predisposizione degli elementi per la formazione e variazione del bilancio.
Rapporti con il bilancio - Monitoraggio della gestione delle risorse finanziarie e dei residui
passivi.
Area 3 - Affari generali
Gestione risorse umane - cassa - protocollo informatico - archivio storico - consegnatario -
segreterie organi collegiali - Ufficio spedizione. Rilevazione automatizzata delle presenze.
Gestione segnalazioni antimafia e richieste DURC, Equitalia, SINAP, CIG.
Notifica sentenze organi di giustizia amministrativa. Rapporti con organi di Polizia giudiziaria.
Ufficio gare e contratti. Predisposizione bandi di gara, esperimento gare, stipula contratti
d’Appalto ufficiale rogante.
Sistema informativo, gestione e sviluppo rete informatica gestione e pubblicazioni sul sito Web.
Programmazione ed acquisto materiale informatico.
Procedure di gare per l’esecuzione di lavori finanziati dall’Amministrazione regionale.
Adempimenti funzionario delegato.
Adempimenti connessi al responsabile degli acquisti di beni e servizi per il dipartimento.
Albo dei comitati, commissioni e collegi operanti nei dipartimenti; tenuta elenchi incarichi
conferiti dall’Amministrazione a funzionari e soggetti esterni.
Area 4 - Piano regionale dei trasporti
Monitoraggio ed aggiornamento del piano regionale dei trasporti e dei relativi piani attuativi, in
sintonia con il piano generale dei trasporti (P.G.T.).
Monitoraggio delle diverse modalità di trasporto finalizzato alla razionalizzazione del sistema del
trasporto pubblico in Sicilia tendente alla migliore mobilità dei cittadini, con contenimento dei
costi per le diverse modalità di trasporto.
Rilevazione della domanda di mobilità e dei flussi di traffico. Programmazione triennale per la
regolamentazione dei servizi di trasporto pubblico locale, in raccordo con i competenti servizi del
Dipartimento. Studio dei piani urbani di mobilità (P.U.M.) redatti dai comuni e dei piani di bacino
redatti dalle Province.
Analisi di settore con l’obiettivo dell’individuazione delle problematiche concernenti la mobilità
ed il traffico, con riferimento anche ai P.U.M. previsti dal piano generale dei trasporti.
Attività di individuazione dei sistemi integrati di trasporto, con riferimento alla mobilità di
persone e cose, con l’obiettivo di pervenire alla definizione di "bacini di traffico".
Programmazione intermodale dell’offerta di trasporto collettivo e determinazione dei servizi minimi,
in raccordo con i competenti servizi del dipartimento.
Programmazione anche oraria dei collegamenti tra i principali snodi del trasporto pubblico
collettivo (aeroporti, stazioni ferroviarie marittime ed autobus) fra i principali centri dell’Isola
e con le isole minori. Protezione civile e mobilitazione. Raccordo con il Dipartimento regionale
della protezione civile per l’immediata utilizzazione in emergenza di tutte le possibilità di
trasporto. Attività di supporto agli organi istituzionali preposti al miglioramento ed alla
razionalizzazione del trasporto delle merci (Consulta regionale dell’autotrasporto).
Coordinamento interventi Reti Ten T.
Statistica e osservatorio dei trasporti.
Contenzioso di settore.
Area 5 - Coordinamento uffici motorizzazione civile
Monitoraggio delle attività tecniche e tecnico-amministrative degli uffici provinciali della
motorizzazione civile.
Predisposizione di circolari e di direttive atte a garantire l’uniformità dell’operato di carattere
finanziario amministrativo degli uffici provinciali della motorizzazione civile.
Informazione e diramazione agli uffici della Motorizzazione civile delle disposizioni emanate dal
Ministero delle infrastrutture. Vigilanza ed attività ispettiva.
Procedure finalizzate all’attuazione delle disposizioni contenute nel decreto legislativo n.
296/2000.
Interventi mirati al miglioramento degli standards organizzativi ed operativi degli uffici M.C.T.C.
nella Regione anche in coerenza con le disposizioni contenute nel decreto legislativo n. 296/2000.
Attuazione competenze derivanti dal D.P.R. 11 luglio 1980, n. 753, con riguardo agli impianti a fune
(USTIF). Attivazione degli sportelli telematiciAttività finalizzata al miglioramento della
funzionalità delle stazioni di controllo. Monitoraggio dei capitoli di spesa e di entrata con
particolare attenzione a questi ultimi per le competenze di cui all’articolo 4 della legge regionale
n. 10/99. Formazione e riqualificazione del personale addetto alle operazioni tecniche, anche ai
sensi degli artt. 81 e 121 del codice della strada.
Programmazione ed erogazione delle risorse per il funzionamento degli uffici provinciali della M.C.
Esame e rendiconti delle Motorizzazioni civili.
Esame e rendicontazione dei bollettini di C.C.P. intestati al Dipartimento trasporti e comunicazioni
per il pagamento dei diritti sulle operazioni tecniche della M.C. progetto patentino - coordinamento
corsi presso le scuole per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida del ciclomotore.
Area 6 - Servizi tecnici generali - attività per la sicurezza nei cantieri temporanei e mobili
Adempimenti tecnici ed amministrativi comuni all’attuazione delle norme in materia di prevenzione e
infortuni, sicurezza ed igiene del lavoro. Servizio di prevenzione e protezione dell’Assessorato
regionale infrastrutture e relativa attività di coordinamento interdipartimentale e degli uffici
periferici. Gestione amministrativa per la manutenzione degli immobili sede dell’Assessorato
regionale infrastrutture ed uffici periferici, attività tecnica per gli interventi di adeguamento in
materia di sicurezza e prevenzione infortuni. Adempimenti comuni all’attuazione di cui all’art. 26
decreto legislativo n. 81/2008 e funzioni di coordinamento. Rapporti con il medico competente e
gestione della sorveglianza sanitaria, rapporti con le OO.SS., coordinamento e gestione della
squadra interdipartimentale di emergenza e primo soccorso dell’Assessorato, attività di formazione
ed
informazione del personale dell’Assessorato regionale e degli uffici periferici in materia di
sicurezza, prevenzione infortuni ed igiene del lavoro. Adempimenti connessi con l’attuazione delle
norme in materia di sicurezza nei cantieri temporanei e mobili (decreto legislativo n. 81/2008, tit.
IV) - Rapporti con enti, Università, Regioni, Stato e Comunità europea, progettazione della
sicurezza nei cantieri per i lavori pubblici ed attività di consulenza relative alla predisposizione
del PSC nonché per la verifica e validazione e funzioni di supporto ai R.U.P. per l’attività di
responsabile dei lavori per i lavori pubblici gestiti dall’Assessorato. Supporto alla formazione
professionale specifica in materia di sicurezza nei cantieri temporanei e mobili (decreto
legislativo n. 81/2008) per il personale tecnico della Regione siciliana in accordo con la
Presidenza della Regione.
Coordinamento in materia di sicurezza, prevenzione infortuni ed igiene del lavoro, sicurezza nei
cantieri temporanei e mobili, manutenzione ordinaria e straordinaria, risparmio energetico e lavori
pubblici presso gli uffici del Genio civile dell’isola.
Coordinamento piani sicurezza uffici della motorizzazione civile. Contenzioso di settore.
Area 7 - Coordinamento attività tecniche coordinamento uffici del Genio civile dell’isola, prezzario
unico regionale, commissione regionale LL.PP.
Rapporti con l’autorità di vigilanza e l’osservatorio LL.PP.Coordinamento servizi ispettivi
richiesti dall’osservatorio LL.PP. e/o dall’autorità di vigilanza sui LL.PP. ai sensi dell’art. 3
della legge regionale n. 7/02; Verifiche degli adempimenti previsti dai protocolli sottoscritti con
l’autorità di vigilanza e osservatorio regionale.
Conferenza permanente degli ingegneri capo degli uffici del Genio civile per il coordinamento delle
procedure e l’omologazione dei provvedimenti di competenza. Coordinamento delle attività degli
uffici del Genio civile secondo le direttive della conferenza speciale degli ingegneri capo.
Adempimenti connessi in materia di protezione civile in raccordo con il Dipartimento regionale della
protezione civile. Attività di coordinamento delle funzioni di supporto della delibera di G.R.
304/2000. Coordinamento attività del Dipartimento con particolare riferimento all’uniformità delle
procedure alla programmazione degli interventi in materia di lavori pubblici ai sensi della legge
109/94 nel testo coordinato con le leggi regionali n. 7/02 e n. 7/03 e ss.mm.e ii., rapporti con
l’Unione europea, con lo Stato e con le altre Regioni italiane per le questioni tecniche.
Attività di coordinamento relativamente alla normativa sismica, edilizia sismica degli uffici del
Genio civile della Regione siciliana e degli enti locali in ambito regionale. Attività tecnica di
supporto, ricerca e proposizione legislativa in materia di tutela del vincolo sismico, rapporti con
le Regioni, Stato, enti statali e Comunità Europea.
Prezzario unico regionale per le OO.PP.
Rilevamento costi settori LL.PP.;
Adempimenti articolo 8 legge regionale 16/05;
Commissione consultiva per la redazione del prezziario unico regionale.
Commissione regionale dei lavori pubblici
Servizio 1 - Autotrasporto persone
Attività concernenti le autolinee in concessione, le autolinee granturismo e le autolinee nazionali
ed internazionali.
Contributi per l’esercizio e l’investimento a favore delle aziende concessionarie delle autolinee
per il trasporto pubblico locale.
Vigilanza e sicurezza esercizio autolinee in concessione di competenza regionale e degli enti
locali. Determinazione tariffe.
Supporto per le attività concernenti la programmazione intermodale dell’offerta di trasporto
collettivo e determinazione del livello dei servizi minimi.
Attivazione delle procedure per l’affidamento concorsuale delle autolinee.
Attività diretta all’individuazione di sistemi di controllo della qualità del servizio.
Gestione ed esercizio delle autolinee extraurbane regionali, comprese quelle in concessione
all’Azienda siciliana trasporti ed autolinee di competenza statale (attività già di competenza della
ex direzione compartimentale M.C.T.C.). Partecipazione alle riunioni istruttorie regionali e
comunali.
Sopralluogo tecnico ai fini della sicurezza di esercizio ai sensi del D.P.R. n. 735/80. relativo
all’istituzione ed alle modifiche delle linee extraurbane.
Verifica chilometrica relativa alle linee extraurbane regionali. Emissione del disciplinare di
concessione ed eventuali modifiche allo stesso. Approvazione dei prospetti orari.
Censimento e controllo annuale delle istanze di proroga. Emissione delle proroghe annuali relative
alle linee ordinarie regionali. Gestione del parco rotabile delle ditte concessionarie delle
autolinee regionali. Autorizzazione monoagente. Autorizzazione posti in piedi. Parere preventivo e
partecipazione alle riunioni istruttorie delle autolinee ordinarie e di granturismo statali.
Partecipazione alle commissioni miste con i paesi non aderenti alla Comunità
europea autolinee ordinarie e di granturismo statali.
Linee di granturismo regionali. Emissione delle proroghe delle linee di granturismo interregionali.
Emissione dei disciplinari di concessione di autolinee di competenza statale ordinarie, di
granturismo, internazionali ed approvazione dei relativi prospetti orari.
Gestione del parco rotabile delle ditte concessionarie delle autolinee interregionali internazionali
e di granturismo regionale.
Rilascio degli attestati di capacità professionale ai sensi del D.M. n. 448/91. Attuazione D.P.R. 11
luglio 1980 n. 753. Miglioramento e razionalizzazione autonoleggio con relativo riordino di settore.
Attivazione leggi di settore con particolare riferimento al pagamento dei contributi per le spese di
gestione dell’autoveicolo ai tassisti ed ai noleggiatori di autovetture con sosta in piazza.
Attuazione programmi triennali per la regolamentazione dei servizi di trasporto pubblico locale.
Segreteria commissione ex art. 7, legge regionale n. 68/83. Determinazione annuale costi standard ex
legge regionale 68/83. Autorizzazioni relative al noleggio autobus con conducente. Attività relativa
alla tenuta del registro regionale ex legge n. 218/2003. Contenzioso di settore.
Servizio 2 - Trasporto regionale aereo, marittimo, ferroviario Trasporti aerei. Oneri di servizio
pubblico e continuità territoriale - regime tariffario - attivazioni di settore. Collegamenti aerei
con le isole minori della Sicilia.
Attuazione competenze derivanti dal D.P.R. 11 luglio 1980 n. 753, relativamente alle infrastrutture
del settore aeroportuale.
Attuazione della programmazione e della erogazione delle risorse per il potenziamento delle
infrastrutture in materia di trasporto aereo misure - P.O.R. Sicilia - APQ trasporto aereo. P.O.
FESR Sicilia 2007-2013)Attivazione per diversificazione dei servizi aerei e ricerca nuovi
collegamenti. Supporto, per la parte di competenza, per le attività connesse alla predisposizione
della documentazione per il comitato di sorveglianza ed eventuali proposte di modifica al
Complemento di programmazioneTrasporti marittimi. Collegamenti con le isole minori. Obblighi di
servizio pubblico. Regime tariffario. Attività finalizzata alla ottimizzazione dei servizi di
collegamento marittimo con particolare riguardo all’attuazione del decreto legislativo 296/2000,
anche in relazione alla stipula dei contratti di servizio di cui alla legge regionale n. 12/2000.
Determinazione costi standards.Attuazione della programmazione e dell’erogazione delle risorse in
materia di trasporto marittimo. Supporto all’area II per le attività concernenti la programmazione
intermodale dell’offerta di trasporto collettivo e determinazione del livello dei servizi minimi.
Supporto, per la parte di competenza, per le attività connesse alla partecipazione al gruppo di
lavoro trasporti - QCS Regioni obiettivo 1 2000/2006 e all’attuazione del programma operativo
nazionale trasporti.
Supporto per le attività concernenti la programmazione intermodale dell’offerta di trasporto
collettivo e determinazione del livello dei servizi minimi.
Trasporto ferroviario regionale, locale e di lunga percorrenza. Adempimenti connessi all’attuazione
del decreto legislativo 422/97 e successive modifiche ed integrazioni.
Attività istituzionale relativa al regime tariffario regionale e ferroviario.
Attuazione competenze derivanti dal D.P.R. 11 luglio 1980, n. 753, relativamente ai sistemi di
trasporto rapido di massa a guida vincolata nelle aree urbane ed al sistema di trasporto
ferroviario. supporto all’area II per le attività concernenti la programmazione intermodale
dell’offerta di trasporto collettivo e determinazione del livello dei servizi minimi.
Contenzioso di settore.
Attuazione della programmazione e della erogazione delle risorse per il potenziamento delle
infrastrutture degli interventi in materia di trasporto ferroviario misure - P.O.R. Sicilia - APQ -
P.O. FESR Sicilia 2007-2013).
Programmi di iniziativa comunitaria (PIC) - Reg. CEE n. 1260/99 capo III.
Servizio 3 - Edilizia varia e abusivismo edilizioEdilizia per enti di culto. Edilizia per enti
morali. Edilizia militare (caserme).
Abusivismo edilizio. Edilizia scolastica ed universitaria. Edilizia rurale.
Opere di risanamento Messina e Ortigia.
Violazioni normativa sismica.
Decreti art. 25 legge 64/74.
Servizio 4 - Gestione patrimonio abitativo - Contributi, politiche urbane e abitative
Canoni alloggi. Assegnazione alloggi popolari e sanatoria (leggi regionali n. 1/92 e n. 11/02).
Piani di vendita e cessioni alloggi. Legge regionale n. 12/52 - Legge regionale 15/86. Interventi di
manutenzione alloggi popolari.
Opere di urbanizzazione a servizio degli alloggi popolari. Misure di sostegno per l’accesso alle
abitazioni in locazione legge 431/98 art. 11. Contributi a privati per calamità naturali.
Concessione di contributo annuale a favore di associazioni di inquilini ed assegnatari di alloggi
popolari. Programmazione di interventi di edilizia residenziale agevolata e sovvenzionata.
Riqualificazione e rigenerazione urbana. Programmi innovativi in ambito urbano. Programmi di
sperimentazione edilizia. Adempimenti connessi all’attuazione delle misure per interventi
comunitari, (P.O.R. Sicilia 2000/2006 e P.O. FESR Sicilia 2007-2013) e altre risorse assegnate.
Programmazione di interventi in attuazione di accordi di programma quadro.
Programmi PRUUST e PIC Urban.
Servizio 5 - Infrastrutture marittime e portuali
Opere marittime e portuali comprese quelle previste dalle leggi regionali n. 56/76, n. 34/77, n.
34/78. Opere portuali legge n. 64/86. Programmazione annuale e triennale delle opere marittime e
portuali. Rapporti con le capitanerie di porto e con l’ufficio del Genio civile opere marittime.
Adempimenti connessi con la programmazione e l’utilizzo di fondi extraregionali (attuazione degli
interventi dell’APQ per il trasporto marittimo). Adempimenti connessi all’attuazione delle misure
per interventi comunitari (P.O.R. Sicilia 2000/2006 e P.O. FESR Sicilia 2007-2013) e altre risorse
assegnate.
Porti turistici. Studi e programmazione della portualità. Attuazione piano di sviluppo nautica da
diporto. Misura 4.20 P.O.R. Sicilia azione A. Gestione competenze residue misure 3.3 POP 90/93.
Gestione competenze residue misure 2.2 POP 94/99. Gestione competenze residue misure 2.3 POP 94/99.
Gestione competenze residue porti turistici. Monitoraggio P.I.M. analisi e studio percorsi
turistici.
Servizio 6 - Infrastrutture viarie, logistica e trasporto merci (interporti ed autoporti), parcheggi
e mobilità urbana - Sicurezza stradale Adempimenti connessi con la programmazione e l’utilizzo di
fondi extraregionali (attuazione degli interventi dell’APQ per le infrastrutture stradali).
Adempimenti connessi all’attuazione delle misure per interventi comunitari (P.O.R. Sicilia 2000/2006
e P.O. FESR Sicilia 2007-2013) e altre risorse assegnate. Adempimenti connessi all’attuazione della
misura 6.01 del P.O.R. Sicilia 2000/2006. POP 94/99 (Misura 3.6). Adempimenti connessi
all’attuazione della misura 6.01 del P.O.R. Sicilia 2000/2006 "Bando strade" (gestione risorse
liberate). Interventi concernenti la viabilità di cui alla legge n. 730/86, FIO 1986 e QCS 89/93.
Programmi di spesa regionali. Viabilità esterna comunale e intercomunale e provinciale. Opere
stradali ex legge n. 64/86. Autostrade e viabilità veloce. Trasporti eccezionali. Classificazione e
declassificazione strade, concessioni ed opere stradali. Opere di viabilità interna e servizi di
sottosuolo. Rapporti con l’ANAS e con il Consorzio autostrade siciliane.
Iniziative indirizzate al sostegno ed alla riqualificazione dell’autotrasporto in Sicilia.
Interventi di riqualificazione dell’autotrasporto delle merci ed attivazione delle procedure per
l’attivazione delle risorse finanziarie di cui all’art. 134 della legge n. 338/2000 e dell’articolo
36 della legge regionale n. 6/2001. Analisi della compatibilità finanziaria e del quadro normativo
nazionale e comunitario. Impiego delle risorse finanziarie di cui alla legge n. 448/2001 art. 52 e
della legge obiettivo. Procedure per la realizzazione della rete delle aree autoportuali in Sicilia.
Supporto all’area II per le attività concernenti la pianificazione regionale di settore. Attuazione
legge regionale 5 luglio 2004, n. 11 (bonus ambientale - registro delle imprese).
Piani urbani parcheggi ex legge 22/87. Programmi urbani parcheggi ex legge 122/89 in coerenza con i
piani urbani del traffico. Circolazione e traffico.
Autorizzazioni limitazione traffico isole minori. Piste ciclabili ex legge 208/91. Piano riparto
regionale per finanziamenti di piste ciclabili ex legge 366/98. Attività programmatoria relativa
alle piste ciclabili nel contesto di una valorizzazione di tale tipologia di mobilità, largamente
diffusa in ambito europeo, anche al livello extraurbano. Attivazioni di settore concernenti
esecuzione d’opere ex finanziamenti regionali, extraregionali e comunitari.
Piano nazionale della sicurezza stradale e relativi programmi annuali di attuazione. Monitoraggio
per la gestione del programma d’azione comunitario 1997/2001 per la sicurezza stradale.
Definizione delle procedure concorsuali o programmatorie per l’allocazione delle risorse che
ricadono nel territorio di propria competenza. Centro di monitoraggio regionale per la sicurezza
stradale. Contenzioso di settore.
Servizio 7 - Assetto del territorio
Esecuzione di opere pubbliche relative ad opere stradali, edili ed acquedottistiche nelle zone
colpite da eventi calamitosi. Esecuzione di lavori di carattere urgente ed inderogabile, dipendenti
da necessità di pubblico interesse derivante da eventi calamitosi. Esecuzione di opere per il
consolidamento ed il trasferimento di abitati situati in zone franose.
Interventi per l’esecuzione di opere ordinarie e straordinarie nell’ambito degli ecosistemi
fluviali, sdemanializzazione. Interventi diretti ad eliminare situazioni di rischio connesse con le
condizioni del suolo o in dipendenza di grave dissesto idrogeologico. Interventi urgenti conseguenti
agli eventi alluvionali dei mesi di settembre-dicembre 93 diretti alla salvaguardia della pubblica e
privata incolumità. Demanio idrico.
Leggi speciali: provvidenze per i danni causati dalle alluvioni del 13 marzo 1995 nelle province di
Enna e Caltanissetta. Provvidenze a favore di immobili distrutti o dichiarati inagibili da eventi
franosi nel primo quadrimestre 1994 province di Messina, Agrigento, Caltanissetta e Palermo.
Attuazione delle provvidenze disposte dalla legge 27 aprile 1978, n. 394 a favore delle popolazioni
della provincia di Messina colpita dal terremoto dell’aprile 1978.
Interventi a favore dei sinistrati della città di Agrigento (rione Addolorata). Provvedimenti in
favore di proprietari di immobili siti in località Timpone dell’oro di Marsala - contrada Amabilina,
danneggiati o distrutti dal movimento franoso di dicembre 1996. Leggi speciali con le quali sono
stati erogati fondi a tutti i comuni della Sicilia per la realizzazione di opere pubbliche.
Servizio 8 - Risorse idriche e regime delle acque Adempimenti di cui al piano regolatore generale
degli acquedotti, connessi con il T.U. 11/12/1933 n. 1775 sulle acque. Adempimenti di cui alla legge
n. 36/1994 (legge Galli) connessi con il T.U. 11 dicembre 1933, n. 1775 sulle acque. Adempimenti ex
autorità di bacino (decreto legislativo n. 275/93), limitatamente alle piccole derivazioni (cfr.
art. 7, comma 3 - lett. m, legge regionale n. 19/2005). Autorizzazione alle ricerche idriche di cui
al T.U. 11 dicembre 1933, n. 1775 sulle acque. Concessioni e controlli delle derivazioni di acque
pubbliche. Impianti elettrici di cui al T.U. 11 dicembre 1933, n. 1775 e al decreto legislativo 29
dicembre 2003, n. 387. Reti idriche interne (Misure 1.2 e 1.3 del POP 90/93 e misura 3.1 del POP
94/99). FIO 86/89 - Fondi FERS non inclusi nei programmi operativi. Opere di ricerca, presa ed
utilizzazione delle acque. Interventi di cui alle leggi 26/88, 67/88, 34/78 T.U. 218/78, art. 38
legge regionale 4/2003 (ex Agensud), delibera di Giunta regionale n. 320 del 23 ottobre 2003 (ex Casmez), legge 64/86 e aree depresse.
Reti idriche interne (interventi in esubero rispetto alle esigenze di rendicontazione comunitaria ex misura 3.1 del POP 94/99). Sistemi idrici, interventi nel Mezzogiorno diretti a fronteggiare l’emergenza idrica.
Servizio 9 - Ufficio espropriazioni e vigilanza entiVigilanza II.AA.CC.PP.. Vigilanza consorzio autostrade siciliane. Vigilanza AST. Adempimenti espropriativi di competenza del dipartimento.
Attività di studio, progettazione, di direzione lavori e accessorie art. 17 commi 10 e 11 della legge 109/94. Affidamento incarichi di collaudo.
Istituzione albo. Aggiornamento albo dei collaudatori e dei progettisti e direttori dei lavori.
Fondo di rotazione art. 17 bis legge n. 109/94. Rapporti con enti territoriali. Controversie Servizio 10 - Adempimenti tecnici e connessi controlli sulle opere di competenza dei dipartimenti dell’Assessorato dell’economia e della Presidenza della Regione
Assessorato regionale dell’economia- Dipartimento regionale del bilancio e del tesoro - Ragioneria generale della Regione;
- Dipartimento regionale delle finanze e del credito.
Presidenza della Regione- Segreteria generale;
- Dipartimento regionale della programmazione;
- Dipartimento regionale di Bruxelles e degli affari extraregionali;
- Dipartimento regionale della protezione civile.
Attività di vigilanza ed ispettiva ai sensi dell’art. 3 della legge regionale n. 7/2002 su indicazione dell’osservatorio regionale LL.PP. e dell’autorità di vigilanza per le opere di competenza.
Pareri sulle parcelle professionali di pubblici funzionari, relativamente alle opere sulle quali viee svolta l’attività di vigilanza.
Pareri sulla congruità prezzi di forniture di beni e servizi per conto di tutti gli uffici della Regione.
Congruità della spesa.
Elaborazione di perizie tecniche, di consistenza e stato d’uso ed estimative, congruità prezzo di acquisto e canoni di locazione, afferenti ad immobili di proprietà di terzi a vario titolo utilizzati o da utilizzare per finalità Governative.
Pareri tecnici ed attività di vigilanza o alta sorveglianza sugli interventi di edilizia demanialeAdempimenti residui sulle opere previste dall’art. 2 del D.L. 1 febbraio 1988, n. 19 convertito con modifiche dalla legge 28 marzo 1988, n. 99 (Decreto Sicilia)
Servizio 11 - Adempimenti tecnici e connessi controlli sulle opere di competenza dei dipartimenti dell’Assessorato della salute
Assessorato regionale della salute- Dipartimento regionale per la
pianificazione strategica;
- Dipartimento regionale per le attività sanitarie e osservatorio epidemiologico.
Attività di vigilanza ed ispettiva ai sensi dell’art.3 della legge regionale 7/2002 su indicazione
dell’osservatorio regionale LL.PP. e dell’autorità di vigilanza per le opere di competenza.
Pareri sulle parcelle professionali di pubblici funzionari, relativamente alle opere sulle quali
viene svolta l’attività di vigilanza.
Pareri tecnici ed attività di vigilanza o alta sorveglianza sugli immobili del fondo FIPRS, e su
quelli connessi a finanziamenti extraregionali.
Servizio 12 - Adempimenti tecnici e connessi controlli sulle opere di competenza dei dipartimenti
dell’Assessorato del territorio e dell’ambienteAssessorato regionale territorio e dell’ambiente
- Dipartimento regionale dell’ambiente;
- Dipartimento regionale dell’urbanistica;
- Comando del corpo forestale della Regione siciliana;
- Dipartimento regionale azienda regionale foreste demaniali.
Attività di vigilanza ed ispettiva ai sensi dell’art. 3 della legge regionale n. 7/2002 su
indicazione dell’osservatorio regionale LL.PP. e dell’autorità di vigilanza per le opere di
competenza.
Pareri sulle parcelle professionali di pubblici funzionari, relativamente alle opere sulle quali
viene svolta l’attività di vigilanza.
Servizio 13 - Adempimenti tecnici e connessi controlli sulle opere di competenza dei dipartimenti
dell’Assessorato delle risorse agricole ed alimentari
Assessorato regionale delle risorse agricole e alimentari- Dipartimento regionale degli interventi
strutturali per l’agricoltura;
- Dipartimento regionale degli interventi infrastrutturali per l’agricoltura;
- Dipartimento regionale degli interventi per la pesca.
Attività di vigilanza ed ispettiva ai sensi dell’art. 3 della legge regionale n. 7/2002 su
indicazione dell’osservatorio regionale LL.PP. e dell’autorità di vigilanza per le opere di
competenza.Pareri sulle parcelle professionali di pubblici funzionari, relativamente alle
opere sulle quali viene svolta l’attività di vigilanza.
Servizio 14 - Adempimenti tecnici e connessi controlli sulle opere di competenza dei dipartimenti dell’Assessorato degli Assessorati - della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro - dell’istruzione e formazione professionale - delle autonomie locali e della funzione pubblica
Assessorato regionale della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro- Dipartimento regionale della famiglia e delle politiche sociali;
- Dipartimento regionale del lavoro;
- Agenzia regionale per l’impiego, l’orientamento, i servizi e le attività formative.
Assessorato regionale dell’istruzione e formazione professionale - Dipartimento regionale
dell’istruzione e della formazione professionale.
Assessorato regionale delle autonomie locali e della funzione pubblica- Dipartimento regionale
della funzione pubblica e del personale;
- Dipartimento regionale delle autonomie locali.
Attività di vigilanza ed ispettiva ai sensi dell’art. 3 della legge regionale 7/2002 su indicazione
dell’osservatorio regionale LL.PP. e dell’autorità di vigilanza per le opere di competenza.
Pareri sulle parcelle professionali di pubblici funzionari, relativamente alle opere sulle quali
viene svolta l’attività di vigilanza.
Servizio 15 - Adempimenti tecnici e connessi controlli sulle opere di competenza dei dipartimenti
degli Assessorati - delle attività produttive - dei beni culturali e dell’identità siciliana - del
turismo, dello sport e dello spettacoloAssessorato regionale delle attività produttive-
Dipartimento regionale delle attività produttive.
Assessorato regionale dei beni culturali e dell’identità siciliana- Dipartimento regionale dei beni
culturali e dell’identità siciliana.
Assessorato regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo- Dipartimento regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo.
Attività di vigilanza ed ispettiva ai sensi dell’art. 3 della legge regionale 7/2002 su indicazione dell’osservatorio regionale LL.PP. e dell’autorità di vigilanza per le opere di competenza.
Pareri sulle parcelle professionali di pubblici funzionari, relativamente alle opere sulle quali viene svolta l’attività di vigilanza.
Servizio 16 - Adempimenti tecnici e connessi controlli sulle opere di competenza dei dipartimenti dell’Assessorato dell’energia e dei servizi di pubblica utilità
Assessorato regionale dell’energia e dei servizi di pubblica utilità- Dipartimento regionale dell’acqua e dei rifiuti;
- Dipartimento regionale dell’energia.
Attività di vigilanza ed ispettiva ai sensi dell’art. 3 della legge regionale n. 7/2002 su indicazione dell’osservatorio regionale LL.PP. e dell’autorità di vigilanza per le opere di competenza.
Pareri sulle parcelle professionali di pubblici funzionari, relativamente alle opere sulle quali viene svolta l’attività di vigilanza.
Servizio 17 - Adempimenti tecnici e connessi controlli sulle opere di competenza dei dipartimenti dell’Assessorato delle infrastrutture e mobilità
Assessorato regionale delle infrastrutture e della mobilità
- Dipartimento regionale delle infrastrutture, della mobilità e dei trasporti.
Attività di vigilanza ed ispettiva ai sensi dell’art. 3 della legge regionale . 7/2002 su indicazione dell’osservatorio regionale LL.PP. e dell’autorità di vigilanza per le opere di competenza.
Pareri sulle parcelle professionali di pubblici funzionari, relativamente alle opere sulle quali viene svolta l’attività di vigilanza.
Servizio 18 - Progettazione e direzione dei lavori di competenza regionale, manutenzione del demanio regionale
Progettazione, direzione dei lavori e contabilità dei lavori di competenza regionale e degli interventi di manutenzione, ristrutturazione ed adeguamento degli immobili del demanio regionale;
Progettazione, direzione dei lavori e contabilità dei lavori, ove richiesto, di competenza del dipartimento regionale delle infrastrutture, della mobilità e dei trasporti.
Consulenze tecniche su richiesta degli uffici regionali.
Servizio 19 - Contratti e gestione amministrativa LL.PP. - Attività tecniche Palazzo d’Orleans e siti presidenzialiProcedure negoziali o di gara per affidamento di LL.PP. e delle forniture di beni
e servizi. Gestione amministrativa LL.PP.: procedure amministrative e controllo regolarità amministrativa degli atti per i LL.PP. e conseguenti adempimenti amministrativi e contabili finalizzati all’impegno delle somme.
Gestione capitoli di pertinenza.
Problematiche connesse all’esecuzione dei contratti. Adempimenti consequenziali riguardanti liti, arbitraggi e risarcimenti.
Gestione tecnica di Palazzo d’Orleans e dei siti presidenziali.
Programmazione, coordinamento, esecuzione e controllo delle attività di progettazione, direzione
contabilità e collaudo lavori, dell’attività di consulenza tecnica e dell’attività di gestione
tecnica di Palazzo d’Orlèans e dei siti presidenziali.
Supporto tecnico per le forniture di beni e di servizi.
Archivi tecnici e mappe tematiche.
Direttive ai responsabili dei siti e controllo atti.
Servizio 20 - Sezione centrale d’urgenza
Compiti ed attribuzioni relativi all’espletamento di gare d’appalto nonché di coordinamento delle
attività delle sezioni provinciali come previsto all’articolo 7-ter della legge n. 109/1994, così
come introdotto dall’articolo 5, comma 1, della legge regionale n. 7/2002.
Servizi periferici
N. 1 - Servizio ufficio del Genio civile di Agrigento
N. 2 - Servizio ufficio del Genio civile di Caltanissetta
N. 3 - Servizio ufficio del Genio civile di Catania
N. 4 - Servizio ufficio del Genio civile di Enna
N. 5 - Servizio ufficio del Genio civile di Messina
N. 6 - Servizio ufficio del Genio civile di Ragusa
N. 7 - Servizio ufficio del Genio civile di Siracusa
N. 8 - Servizio ufficio del Genio civile di Palermo
N. 9 - Servizio ufficio del Genio civile di Trapani
N. 10 - Servizio provinciale dell’Urega di Agrigento
N. 11 - Servizio provinciale dell’Urega di Caltanissetta
N. 12 - Servizio provinciale dell’Urega di Catania
N. 13 - Servizio provinciale dell’Urega di Enna
N. 14 - Servizio provinciale dell’Urega di Messina
N. 15 - Servizio provinciale dell’Urega di Ragusa
N. 16 - Servizio provinciale dell’Urega di Palermo
N. 17 - Servizio provinciale dell’Urega di Siracusa
N. 18 - Servizio provinciale dell’Urega di Trapani
N. 19 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Agrigento
N. 20 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Caltanissetta
N. 21 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Enna
N. 22 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Catania
N. 23 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Messina
N. 24 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Ragusa
N. 25 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Siracusa
N. 26 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Palermo
N. 27 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Trapani
DIPARTIMENTO REGIONALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA E DEL PERSONALE
Area
1 - Affari generali del dipartimento
Segreteria del dirigente generale.
Gestione delle risorse umane del dipartimento.
Relazioni sindacali e applicazione contrattualistica collettiva.
Rapporti con il dipartimento regionale del bilancio e tesoro.
Attività e funzioni di documentazione e biblioteca.
Protocollo informatico - Repertorio decreti - Archivio storico.
Rapporti con il servizio di pianificazione e di controllo strategico
dell’Assessore.
Rapporti con le Istituzioni comunitarie.
Ufficiale rogante.
Ufficio del consegnatario.
Attività di tutela della salute e sicurezza del personale regionale:
Coordinamento regionale. Servizio sicurezza luoghi di lavoro ed adempimenti decreto legislativo n. 81/2008.
Coordinamento e supporto dei servizi di prevenzione e protezione
dell’Amministrazione regionale.
Informazione ai SS.PP. sugli aggiornamenti tecnici e normativi.
Predisposizione di studi e linee guida, formulazione di proposte ed atti di indirizzo in materia.
Monitoraggio e propulsione dell’attività di prevenzione e protezione nelle sedi e negli ambienti di lavoro dell’Amministrazione regionale. Attività di informazione, formazione ed aggiornamento in materia.
Controlli interni; supporto alla verifica dell’operatività delle strutture del dipartimento in termini di efficienza, anche preordinata alla valutazione delle prestazioni individuali di struttura nonché di efficacia e di efficienza dell’azione amministrativa. Supporto all’attività di pianificazione e
programmazione strategica inerente le attività del dipartimento. Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
Servizi
1 - Gestione giuridica del personale regionale in servizio - Reclutamento del personale - Ruolo unico dirigenza e banche dati
Gestione giuridica del personale a tempo indeterminato e determinato della Presidenza della Regione e dell’Assessorato regionale delle autonomie locali e della funzione pubblica.
Mobilità.
Predisposizione delle linee guida gestionali nonché di proposte ed atti di indirizzo per l’applicazione delle normative vigenti, iniziative relazionali finalizzate al chiarimento interpretativo delle normative afferenti alla
tipologia dei lavoratori.
Relazioni con gli istituti previdenziali ed assicurativi, formulazione e
proposizione di circolari ed atti normativi.
Coordinamento e supporto per gli aspetti di competenza alle strutture competenti in materia di personale situati presso gli Assessorati regionali.
Relazioni con l’ARAN Sicilia in merito agli aspetti relativi alla
contrattazione collettiva.
Reclutamento personale.
Rilevazione automatizzata delle presenze.
Adempimenti relativi all’anagrafe patrimoniale di cui all’art. 21 della legge regionale n. 10/2000.
Aggiornamento e tenuta del ruolo unico della dirigenza.
Banche dati del personale in servizio presso l’Amministrazione regionale.
2 - Gestione economica del personale regionale in servizio
Gestione economica del personale a tempo indeterminato e determinato della Presidenza della Regione e dell’Assessorato regionale delle autonomie locali e della funzione pubblica.
Coordinamento e supporto per gli aspetti di competenza alle strutture competenti in materia di personale situati presso gli Assessorati regionali.
Predisposizione delle linee guida gestionali nonché di proposte e atti di indirizzo per l’applicazione univoca di tutti i rami dell’Amministrazione delle normative vigenti, iniziative relazionali finalizzate al chiarimento interpretativo delle disposizioni riguardanti il trattamento economico del personale.
Relazioni con l’ARAN Sicilia in merito agli aspetti economici relativi alla contrattazione collettiva.
3 - Coordinamento e vigilanza sulla gestione del fondo per il trattamento di quiescenza e di buonuscita del personale regionale
Coordinamento delle attività amministrative del Fondo.
Emanazione direttive generali sulle disposizioni contrattuali e normative aventi riflesso sulle materie di competenza del Fondo per garantirne
uniformità di azione.
Vigilanza sul corretto funzionamento del Fondo in relazione ai fini
istituzionali.
Verifica documenti contabili del Fondo.
Vigilanza sulla contribuzione previdenziale del personale di cui all’art. 10, comma 1, della legge regionale 9 maggio 1986, n. 21.
4 - Gestione del contenzioso del lavoro - Ufficio unico per i procedimenti disciplinari
Coordinamento amministrativo contenzioso del lavoro ed attività di
conciliazione.
Istruttoria dei procedimenti disciplinari nei confronti del personale gestito dalla Presidenza.
Definizione dei procedimenti disciplinari relativi ai dipendenti degli altri rami dell’Amministrazione.
Proposte di definizione dei procedimenti disciplinari e proposte di sanzione disciplinare. Proposte di irrogazione misure cautelari.
Proposte di trasferimenti ai sensi dell’art. 21, comma 10, legge regionale 15 maggio 2000, n. 10. Proposte di trasferimenti, sospensioni ed estinzione del rapporto di lavoro ai sensi della legge 27 marzo 2001, n. 97.
Trasmissione dati alla Commissione di trasparenza e Garanzia delle PP.AA.
Circolari e direttive per il coordinamento e regolazione procedura
disciplinare nei riguardi di tutti i rami dell’Amministrazione regionale.
Codice di comportamento dei dipendenti.
Attuazione CC.CC.RR.L. per la parte di competenza.
5 - Trasparenza e semplificazione
Attuazione normativa sulla trasparenza dell’azione amministrativa regionale.
U.R.P.
Rapporti con le Amministrazioni locali al fine del necessario coordinamento per la corretta applicazione della vigente normativa sulla trasparenza dell’azione amministrativa; connessa attività di impulso e relativo controllo sullo stato di attuazione delle conseguenti direttive.
Segreteria Commissione di garanzia.
Privacy: normativa in materia di protezione dei dati personali e pubblici uffici.
Coordinamento e attività di indirizzo delle iniziative di semplificazione amministrativa; gestione amministrativa; semplificazioni e aspetti organizzativi e procedimentali; snellimento adempimenti amministrativi.
Analisi e verifica dell’impatto della regolazione: consultazione
organizzazioni di rappresentanza delle categorie economiche, produttive e professionali.
Rapporti con i referenti dipartimentali per le proposte di semplificazione.
Individuazione provvedimenti immediatamente operativi direttamente applicabili e proposte di semplificazione legislativa, anche attraverso testi unici
settoriali. Semplificazione del linguaggio.
Rapporti con le Organizzazioni di rappresentanza degli interessi diffusi.
Tutela interessi diffusi ex art. 30, comma 3, legge regionale n. 6/1997.
6 - Provveditorato e servizi generali
Coordinamento attività di acquisizione di beni e servizi per il funzionamento degli uffici dell’amministrazione regionale.
Gestione e forniture di beni e servizi riguardanti l’Assessorato regionale delle autonomie locali e della funzione pubblica e la Presidenza della Regione, fatte salve le funzioni della soprintendenza della Regione.
Gestione forniture beni e servizi [e lavori in economia] dell’Assessorato regionale delle attività produttive, dell’Assessorato regionale dei beni culturali e dell’identità siciliana, dell’Assessorato regionale dell’economia, dell’Assessorato regionale dell’energia e dei servizi di pubblica utilità, dell’Assessorato regionale della famiglia, delle politiche sociali e del
lavoro, dell’Assessorato regionale delle infrastrutture e della mobilità, dell’Assessorato regionale dell’istruzione e della formazione professionale, dell’Assessorato regionale delle risorse agricole e alimentari, dell’Assessorato regionale della salute, dell’Assessorato regionale del territorio e dell’ambiente, dell’Assessorato regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo.
7 - Attività informatica della regione e della pubblica amministrazione regionale e coordinamento dei sistemi informativi
Coordinamento dei Sistemi informativi regionali, secondo quanto previsto dall’art. 78 della legge regionale 3 maggio 2001, n. 6, al fine di favorire lo scambio di informazioni con lo Stato e le Amministrazioni evitando duplicazioni di interventi e di costi.
Predisposizione di norme e criteri in tema di pianificazione, progettazione, realizzazione, gestione, mantenimento e sicurezza dei sistemi informativi automatizzati dell’Amministrazione regionale e delle loro interconnessioni, nonché della loro qualità e relativi aspetti organizzativi.
Atti di indirizzo e controllo sull’attività informatica negli enti sottoposti a vigilanza e sugli enti locali.
Attività di pianificazione per l’informatizzazione dei vari servizi ed uffici regionali.
Realizzazione e gestione di un sistema informativo per il controllo di
gestione.
Gestione del sito ufficiale della Regione siciliana, con particolare riguardo alla divulgazione di atti e documenti di pubblica utilità.
Promozione della diffusione dell’innovazione tecnologica nell’Amministrazione regionale.
Indirizzi e direttive per la predisposizione di piani di formazione del
personale in materia di sistemi informativi automatizzati.
8 - Formazione e qualificazione professionale del personale regionale Organizzazione diretta ed indiretta di corsi di formazione e riqualificazione professionale ed aggiornamento della dirigenza e del personale regionale.
Formazione permanente.
Acquisto e fornitura di pubblicazioni per l’aggiornamento del personale del Dipartimento.
9 - Autoparco regionale
Servizi di autovettura con conducente assegnati in permanenza secondo i criteri indicati dalla Giunta di Governo.
Servizio di auto blindata per le personalità sotto tutela.
Servizio di mobilità urbana organizzata per la distribuzione della posta degli uffici regionali.
Servizi di mobilità urbana ed extraurbana per gli uffici regionali che ne facciano richiesta.
Servizio di trasporto merci per la consegna di materiale destinato agli uffici regionali.
Servizi di mobilità per esigenze di rappresentanza.
Acquisizione, gestione e mantenimento degli automezzi costituenti il parco auto regionale.
10 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale delle attività produttive
11 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale dei beni culturali e dell’identità siciliana
12 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale dell’economia
13 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale dell’energia e dei servizi di pubblica utilità
14 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro
15 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale delle infrastrutture e della mobilità
16 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale dell’istruzione e della formazione professionale
17 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale delle risorse agricole e alimentari
18 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale della salute
19 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale del territorio e dell’ambiente, fatta eccezione per il personale del corpo forestale regionale
20 - Gestione giuridica ed economica del personale dell’Assessorato regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo
ASSESSORATO REGIONALE DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITA’
DIPARTIMENTO REGIONALE DELLE INFRASTRUTTURE E DELLA MOBILITA’ E DEI TRASPORTI
Area 1 - Di diretta collaborazione al dirigente generale - Coordinamento
Segreteria del dirigente generale.
Relazione sindacali.
Contrattualistica collettiva dirigenziale.
Ufficio relazioni con il pubblico.
Repertorio.
Acquisizione degli elementi di risposta all’attività ispettiva dell’A.R.S.
Predisposizione degli atti di indirizzo e coordinamento di competenza del
dirigente generale - Attività di collegamento e raccordo con le aree, i servizi e le UU.OO.BB. del dipartimento.
Controlli interni; supporto alla verifica dell’operatività delle strutture del dipartimento in termini di efficienza, anche preordinata alla valutazione delle prestazioni individuali di struttura nonché di efficacia e di efficienza dell’azione amministrativa.
Supporto all’attività di pianificazione e programmazione strategica inerente le attività del dipartimento.
Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
Area 2 - Programmazione e monitoraggio
Monitoraggio ed aggiornamento della programmazione dipartimentale onitoraggio e controllo misure P.O.R. Sicilia e P.O. FESR Sicilia 2007/2013.
Predisposizione certificazioni di spesa P.O.R. Sicilia e P.O. FESR Sicilia 2007/2013.
Monitoraggio degli accordi di programma quadro. Attività di coordinamento e raccordo con i servizi e le UU.OO.BB. del dipartimento, per ciò che attiene alla programmazione comunitaria ed agli Accordi di programma quadro.
Predisposizione, di concerto con le altre strutture del dipartimento ed in raccordo con il dipartimento regionale programmazione, dei documenti programmatici derivanti da disposizioni nazionali, regionali e comunitarie.
Predisposizione certificazione spesa Fondi comunitari.
Coordinamento controlli di 1° livello effettuati dagli uffici del Genio civile dell’isola per le misure comunitarie di competenza del dipartimento.
Valutazione della dirigenza - Contrattazioni decentrate area della dirigenza.
Verifica stati d’avanzamento dei piani di lavoro.
Raccolta trasmissione degli atti della Conferenza Stato-Regione e della conferenza unificata.
Predisposizione degli elementi per la formazione e variazione del bilancio.
Rapporti con il bilancio - Monitoraggio della gestione delle risorse
finanziarie e dei residui passivi.
Area 3 - Affari generali
Gestione risorse umane - cassa - protocollo informatico - archivio storico - consegnatario - segreterie organi collegiali - Ufficio spedizione. Rilevazione automatizzata delle presenze.
Gestione segnalazioni antimafia e richieste DURC, Equitalia, SINAP, CIG.
Notifica sentenze organi di giustizia amministrativa. Rapporti con organi di Polizia giudiziaria.
Ufficio gare e contratti. Predisposizione bandi di gara, esperimento gare, stipula contratti d’Appalto ufficiale rogante.
Sistema informativo, gestione e sviluppo rete informatica gestione e
pubblicazioni sul sito Web.
Programmazione ed acquisto materiale informatico.
Procedure di gare per l’esecuzione di lavori finanziati dall’Amministrazione regionale.
Adempimenti funzionario delegato.
Adempimenti connessi al responsabile degli acquisti di beni e servizi per il dipartimento.
Albo dei comitati, commissioni e collegi operanti nei dipartimenti; tenuta elenchi incarichi conferiti dall’Amministrazione a funzionari e soggetti esterni.
Area 4 - Piano regionale dei trasporti
Monitoraggio ed aggiornamento del piano regionale dei trasporti e dei relativi piani attuativi, in sintonia con il piano generale dei trasporti (P.G.T.).
Monitoraggio delle diverse modalità di trasporto finalizzato alla
razionalizzazione del sistema del trasporto pubblico in Sicilia tendente alla migliore mobilità dei cittadini, con contenimento dei costi per le diverse modalità di trasporto.
Rilevazione della domanda di mobilità e dei flussi di traffico. Programmazione triennale per la regolamentazione dei servizi di trasporto pubblico locale, in raccordo con i competenti servizi del Dipartimento. Studio dei piani urbani di mobilità (P.U.M.) redatti dai comuni e dei piani di bacino redatti dalle Province.
Analisi di settore con l’obiettivo dell’individuazione delle problematiche concernenti la mobilità ed il traffico, con riferimento anche ai P.U.M.
previsti dal piano generale dei trasporti.
Attività di individuazione dei sistemi integrati di trasporto, con riferimento alla mobilità di persone e cose, con l’obiettivo di pervenire alla definizione di "bacini di traffico".
Programmazione intermodale dell’offerta di trasporto collettivo e
determinazione dei servizi minimi, in raccordo con i competenti servizi del dipartimento.
Programmazione anche oraria dei collegamenti tra i principali snodi del trasporto pubblico collettivo (aeroporti, stazioni ferroviarie marittime ed autobus) fra i principali centri dell’Isola e con le isole minori. Protezione civile e mobilitazione. Raccordo con il Dipartimento regionale della protezione civile per l’immediata utilizzazione in emergenza di tutte le possibilità di trasporto. Attività di supporto agli organi istituzionali
preposti al miglioramento ed alla razionalizzazione del trasporto delle merci
(Consulta regionale dell’autotrasporto).
Coordinamento interventi Reti Ten T.
Statistica e osservatorio dei trasporti.
Contenzioso di settore.
Area 5 - Coordinamento uffici motorizzazione civile
Monitoraggio delle attività tecniche e tecnico-amministrative degli uffici
provinciali della motorizzazione civile.
Predisposizione di circolari e di direttive atte a garantire l’uniformità
dell’operato di carattere finanziario amministrativo degli uffici provinciali
della motorizzazione civile.
Informazione e diramazione agli uffici della Motorizzazione civile delle
disposizioni emanate dal Ministero delle infrastrutture. Vigilanza ed attività
ispettiva.
Procedure finalizzate all’attuazione delle disposizioni contenute nel decreto
legislativo n. 296/2000.
Interventi mirati al miglioramento degli standards organizzativi ed operativi
degli uffici M.C.T.C. nella Regione anche in coerenza con le disposizioni
contenute nel decreto legislativo n. 296/2000.
Attuazione competenze derivanti dal D.P.R. 11 luglio 1980, n. 753, con
riguardo agli impianti a fune (USTIF). Attivazione degli sportelli telematici
Attività finalizzata al miglioramento della funzionalità delle stazioni di
controllo. Monitoraggio dei capitoli di spesa e di entrata con particolare
attenzione a questi ultimi per le competenze di cui all’articolo 4 della legge
regionale n. 10/99. Formazione e riqualificazione del personale addetto alle
operazioni tecniche, anche ai sensi degli artt. 81 e 121 del codice della
strada.
Programmazione ed erogazione delle risorse per il funzionamento degli uffici
provinciali della M.C. Esame e rendiconti delle Motorizzazioni civili.
Esame e rendicontazione dei bollettini di C.C.P. intestati al Dipartimento
trasporti e comunicazioni per il pagamento dei diritti sulle operazioni
tecniche della M.C. progetto patentino - coordinamento corsi presso le scuole
per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida del ciclomotore.
Area 6 - Servizi tecnici generali - attività per la sicurezza nei cantieri
temporanei e mobili
Adempimenti tecnici ed amministrativi comuni all’attuazione delle norme in
materia di prevenzione e infortuni, sicurezza ed igiene del lavoro. Servizio
di prevenzione e protezione dell’Assessorato regionale infrastrutture e
relativa attività di coordinamento interdipartimentale e degli uffici
periferici. Gestione amministrativa per la manutenzione degli immobili sede
dell’Assessorato regionale infrastrutture ed uffici periferici, attività
tecnica per gli interventi di adeguamento in materia di sicurezza e
prevenzione infortuni. Adempimenti comuni all’attuazione di cui all’art. 26
decreto legislativo n. 81/2008 e funzioni di coordinamento. Rapporti con il
medico competente e gestione della sorveglianza sanitaria, rapporti con le
OO.SS., coordinamento e gestione della squadra interdipartimentale di
emergenza e primo soccorso dell’Assessorato, attività di formazione ed
informazione del personale dell’Assessorato regionale e degli uffici
periferici in materia di sicurezza, prevenzione infortuni ed igiene del
lavoro. Adempimenti connessi con l’attuazione delle norme in materia di
sicurezza nei cantieri temporanei e mobili (decreto legislativo n. 81/2008,
tit. IV) - Rapporti con enti, Università, Regioni, Stato e Comunità europea,
progettazione della sicurezza nei cantieri per i lavori pubblici ed attività
di consulenza relative alla predisposizione del PSC nonché per la verifica e
validazione e funzioni di supporto ai R.U.P. per l’attività di responsabile
dei lavori per i lavori pubblici gestiti dall’Assessorato. Supporto alla
formazione professionale specifica in materia di sicurezza nei cantieri
temporanei e mobili (decreto legislativo n. 81/2008) per il personale tecnico
della Regione siciliana in accordo con la Presidenza della Regione.
Coordinamento in materia di sicurezza, prevenzione infortuni ed igiene del
lavoro, sicurezza nei cantieri temporanei e mobili, manutenzione ordinaria e
straordinaria, risparmio energetico e lavori pubblici presso gli uffici del
Genio civile dell’isola.
Coordinamento piani sicurezza uffici della motorizzazione civile. Contenzioso
di settore.
Area 7 - Coordinamento attività tecniche coordinamento uffici del Genio civile
dell’isola, prezzario unico regionale, commissione regionale LL.PP.
Rapporti con l’autorità di vigilanza e l’osservatorio LL.PP.
Coordinamento servizi ispettivi richiesti dall’osservatorio LL.PP. e/o
dall’autorità di vigilanza sui LL.PP. ai sensi dell’art. 3 della legge
regionale n. 7/02; Verifiche degli adempimenti previsti dai protocolli
sottoscritti con l’autorità di vigilanza e osservatorio regionale.
Conferenza permanente degli ingegneri capo degli uffici del Genio civile per
il coordinamento delle procedure e l’omologazione dei provvedimenti di
competenza. Coordinamento delle attività degli uffici del Genio civile secondo
le direttive della conferenza speciale degli ingegneri capo. Adempimenti
connessi in materia di protezione civile in raccordo con il Dipartimento
regionale della protezione civile. Attività di coordinamento delle funzioni di
supporto della delibera di G.R. 304/2000. Coordinamento attività del
Dipartimento con particolare riferimento all’uniformità delle procedure alla
programmazione degli interventi in materia di lavori pubblici ai sensi della
legge 109/94 nel testo coordinato con le leggi regionali n. 7/02 e n. 7/03 e
ss.mm.e ii., rapporti con l’Unione europea, con lo Stato e con le altre
Regioni italiane per le questioni tecniche.
Attività di coordinamento relativamente alla normativa sismica, edilizia
sismica degli uffici del Genio civile della Regione siciliana e degli enti
locali in ambito regionale. Attività tecnica di supporto, ricerca e
proposizione legislativa in materia di tutela del vincolo sismico, rapporti
con le Regioni, Stato, enti statali e Comunità Europea.
Prezzario unico regionale per le OO.PP.
Rilevamento costi settori LL.PP.;
Adempimenti articolo 8 legge regionale 16/05;
Commissione consultiva per la redazione del prezziario unico regionale.
Commissione regionale dei lavori pubblici
Servizio 1 - Autotrasporto persone
Attività concernenti le autolinee in concessione, le autolinee granturismo e
le autolinee nazionali ed internazionali.
Contributi per l’esercizio e l’investimento a favore delle aziende
concessionarie delle autolinee per il trasporto pubblico locale.
Vigilanza e sicurezza esercizio autolinee in concessione di competenza
regionale e degli enti locali. Determinazione tariffe.
Supporto per le attività concernenti la programmazione intermodale
dell’offerta di trasporto collettivo e determinazione del livello dei servizi
minimi.
Attivazione delle procedure per l’affidamento concorsuale delle autolinee.
Attività diretta all’individuazione di sistemi di controllo della qualità del
servizio.
Gestione ed esercizio delle autolinee extraurbane regionali, comprese quelle
in concessione all’Azienda siciliana trasporti ed autolinee di competenza
statale (attività già di competenza della ex direzione compartimentale
M.C.T.C.). Partecipazione alle riunioni istruttorie regionali e comunali.
Sopralluogo tecnico ai fini della sicurezza di esercizio ai sensi del D.P.R.
n. 735/80. relativo all’istituzione ed alle modifiche delle linee extraurbane.
Verifica chilometrica relativa alle linee extraurbane regionali. Emissione del
disciplinare di concessione ed eventuali modifiche allo stesso. Approvazione
dei prospetti orari.
Censimento e controllo annuale delle istanze di proroga. Emissione delle
proroghe annuali relative alle linee ordinarie regionali. Gestione del parco
rotabile delle ditte concessionarie delle autolinee regionali. Autorizzazione
monoagente. Autorizzazione posti in piedi. Parere preventivo e partecipazione
alle riunioni istruttorie delle autolinee ordinarie e di granturismo statali.
Partecipazione alle commissioni miste con i paesi non aderenti alla Comunità
europea autolinee ordinarie e di granturismo statali.
Linee di granturismo regionali. Emissione delle proroghe delle linee di
granturismo interregionali.
Emissione dei disciplinari di concessione di autolinee di competenza statale
ordinarie, di granturismo, internazionali ed approvazione dei relativi
prospetti orari.
Gestione del parco rotabile delle ditte concessionarie delle autolinee
interregionali internazionali e di granturismo regionale.
Rilascio degli attestati di capacità professionale ai sensi del D.M. n.
448/91. Attuazione D.P.R. 11 luglio 1980 n. 753. Miglioramento e
razionalizzazione autonoleggio con relativo riordino di settore. Attivazione
leggi di settore con particolare riferimento al pagamento dei contributi per
le spese di gestione dell’autoveicolo ai tassisti ed ai noleggiatori di
autovetture con sosta in piazza. Attuazione programmi triennali per la
regolamentazione dei servizi di trasporto pubblico locale. Segreteria
commissione ex art. 7, legge regionale n. 68/83. Determinazione annuale costi
standard ex legge regionale 68/83. Autorizzazioni relative al noleggio autobus
con conducente. Attività relativa alla tenuta del registro regionale ex legge
n. 218/2003. Contenzioso di settore.
Servizio 2 - Trasporto regionale aereo, marittimo, ferroviario
Trasporti aerei. Oneri di servizio pubblico e continuità territoriale - regime
tariffario - attivazioni di settore. Collegamenti aerei con le isole minori
della Sicilia.
Attuazione competenze derivanti dal D.P.R. 11 luglio 1980 n. 753,
relativamente alle infrastrutture del settore aeroportuale.
Attuazione della programmazione e della erogazione delle risorse per il
potenziamento delle infrastrutture in materia di trasporto aereo misure -
P.O.R. Sicilia - APQ trasporto aereo. P.O. FESR Sicilia 2007-2013)
Attivazione per diversificazione dei servizi aerei e ricerca nuovi
collegamenti. Supporto, per la parte di competenza, per le attività connesse
alla predisposizione della documentazione per il comitato di sorveglianza ed
eventuali proposte di modifica al Complemento di programmazione
Trasporti marittimi. Collegamenti con le isole minori. Obblighi di servizio
pubblico. Regime tariffario. Attività finalizzata alla ottimizzazione dei
servizi di collegamento marittimo con particolare riguardo all’attuazione del
decreto legislativo 296/2000, anche in relazione alla stipula dei contratti di
servizio di cui alla legge regionale n. 12/2000. Determinazione costi
standards.
Attuazione della programmazione e dell’erogazione delle risorse in materia di
trasporto marittimo. Supporto all’area II per le attività concernenti la
programmazione intermodale dell’offerta di trasporto collettivo e
determinazione del livello dei servizi minimi.
Supporto, per la parte di competenza, per le attività connesse alla
partecipazione al gruppo di lavoro trasporti - QCS Regioni obiettivo 1
2000/2006 e all’attuazione del programma operativo nazionale trasporti.
Supporto per le attività concernenti la programmazione intermodale
dell’offerta di trasporto collettivo e determinazione del livello dei servizi
minimi.
Trasporto ferroviario regionale, locale e di lunga percorrenza. Adempimenti
connessi all’attuazione del decreto legislativo 422/97 e successive modifiche
ed integrazioni.
Attività istituzionale relativa al regime tariffario regionale e ferroviario.
Attuazione competenze derivanti dal D.P.R. 11 luglio 1980, n. 753,
relativamente ai sistemi di trasporto rapido di massa a guida vincolata nelle
aree urbane ed al sistema di trasporto ferroviario. supporto all’area II per
le attività concernenti la programmazione intermodale dell’offerta di
trasporto collettivo e determinazione del livello dei servizi minimi.
Contenzioso di settore.
Attuazione della programmazione e della erogazione delle risorse per il
potenziamento delle infrastrutture degli interventi in materia di trasporto
ferroviario misure - P.O.R. Sicilia - APQ - P.O. FESR Sicilia 2007-2013).
Programmi di iniziativa comunitaria (PIC) - Reg. CEE n. 1260/99 capo III.
Servizio 3 - Edilizia varia e abusivismo edilizio
Edilizia per enti di culto. Edilizia per enti morali. Edilizia militare
(caserme).
Abusivismo edilizio. Edilizia scolastica ed universitaria. Edilizia rurale.
Opere di risanamento Messina e Ortigia.
Violazioni normativa sismica.
Decreti art. 25 legge 64/74.
Servizio 4 - Gestione patrimonio abitativo - Contributi, politiche urbane e
abitative
Canoni alloggi. Assegnazione alloggi popolari e sanatoria (leggi regionali n.
1/92 e n. 11/02). Piani di vendita e cessioni alloggi. Legge regionale n.
12/52 - Legge regionale 15/86. Interventi di manutenzione alloggi popolari.
Opere di urbanizzazione a servizio degli alloggi popolari. Misure di sostegno
per l’accesso alle abitazioni in locazione legge 431/98 art. 11. Contributi a
privati per calamità naturali. Concessione di contributo annuale a favore di
associazioni di inquilini ed assegnatari di alloggi popolari. Programmazione
di interventi di edilizia residenziale agevolata e sovvenzionata.
Riqualificazione e rigenerazione urbana. Programmi innovativi in ambito
urbano. Programmi di sperimentazione edilizia. Adempimenti connessi
all’attuazione delle misure per interventi comunitari, (P.O.R. Sicilia
2000/2006 e P.O. FESR Sicilia 2007-2013) e altre risorse assegnate.
Programmazione di interventi in attuazione di accordi di programma quadro.
Programmi PRUUST e PIC Urban.
Servizio 5 - Infrastrutture marittime e portuali
Opere marittime e portuali comprese quelle previste dalle leggi regionali n.
56/76, n. 34/77, n. 34/78. Opere portuali legge n. 64/86. Programmazione
annuale e triennale delle opere marittime e portuali. Rapporti con le
capitanerie di porto e con l’ufficio del Genio civile opere marittime.
Adempimenti connessi con la programmazione e l’utilizzo di fondi
extraregionali (attuazione degli interventi dell’APQ per il trasporto
marittimo). Adempimenti connessi all’attuazione delle misure per interventi
comunitari (P.O.R. Sicilia 2000/2006 e P.O. FESR Sicilia 2007-2013) e altre
risorse assegnate.
Porti turistici. Studi e programmazione della portualità. Attuazione piano di
sviluppo nautica da diporto. Misura 4.20 P.O.R. Sicilia azione A. Gestione
competenze residue misure 3.3 POP 90/93. Gestione competenze residue misure
2.2 POP 94/99. Gestione competenze residue misure 2.3 POP 94/99. Gestione
competenze residue porti turistici. Monitoraggio P.I.M. analisi e studio
percorsi turistici.
Servizio 6 - Infrastrutture viarie, logistica e trasporto merci (interporti ed
autoporti), parcheggi e mobilità urbana - Sicurezza stradale
Adempimenti connessi con la programmazione e l’utilizzo di fondi
extraregionali (attuazione degli interventi dell’APQ per le infrastrutture
stradali). Adempimenti connessi all’attuazione delle misure per interventi
comunitari (P.O.R. Sicilia 2000/2006 e P.O. FESR Sicilia 2007-2013) e altre
risorse assegnate. Adempimenti connessi all’attuazione della misura 6.01 del
P.O.R. Sicilia 2000/2006. POP 94/99 (Misura 3.6). Adempimenti connessi
all’attuazione della misura 6.01 del P.O.R. Sicilia 2000/2006 "Bando strade"
(gestione risorse liberate). Interventi concernenti la viabilità di cui alla
legge n. 730/86, FIO 1986 e QCS 89/93. Programmi di spesa regionali. Viabilità
esterna comunale e intercomunale e provinciale. Opere stradali ex legge n.
64/86. Autostrade e viabilità veloce. Trasporti eccezionali. Classificazione e
declassificazione strade, concessioni ed opere stradali. Opere di viabilità
interna e servizi di sottosuolo. Rapporti con l’ANAS e con il Consorzio
autostrade siciliane.
Iniziative indirizzate al sostegno ed alla riqualificazione dell’autotrasporto
in Sicilia. Interventi di riqualificazione dell’autotrasporto delle merci ed
attivazione delle procedure per l’attivazione delle risorse finanziarie di cui
all’art. 134 della legge n. 338/2000 e dell’articolo 36 della legge regionale
n. 6/2001. Analisi della compatibilità finanziaria e del quadro normativo
nazionale e comunitario. Impiego delle risorse finanziarie di cui alla legge
n. 448/2001 art. 52 e della legge obiettivo. Procedure per la realizzazione
della rete delle aree autoportuali in Sicilia. Supporto all’area II per le
attività concernenti la pianificazione regionale di settore. Attuazione legge
regionale 5 luglio 2004, n. 11 (bonus ambientale - registro delle imprese).
Piani urbani parcheggi ex legge 22/87. Programmi urbani parcheggi ex legge
122/89 in coerenza con i piani urbani del traffico. Circolazione e traffico.
Autorizzazioni limitazione traffico isole minori. Piste ciclabili ex legge
208/91. Piano riparto regionale per finanziamenti di piste ciclabili ex legge
366/98. Attività programmatoria relativa alle piste ciclabili nel contesto di
una valorizzazione di tale tipologia di mobilità, largamente diffusa in ambito
europeo, anche al livello extraurbano. Attivazioni di settore concernenti
esecuzione d’opere ex finanziamenti regionali, extraregionali e comunitari.
Piano nazionale della sicurezza stradale e relativi programmi annuali di
attuazione. Monitoraggio per la gestione del programma d’azione comunitario
1997/2001 per la sicurezza stradale.
Definizione delle procedure concorsuali o programmatorie per l’allocazione
delle risorse che ricadono nel territorio di propria competenza. Centro di
monitoraggio regionale per la sicurezza stradale. Contenzioso di settore.
Servizio 7 - Assetto del territorio
Esecuzione di opere pubbliche relative ad opere stradali, edili ed
acquedottistiche nelle zone colpite da eventi calamitosi. Esecuzione di lavori
di carattere urgente ed inderogabile, dipendenti da necessità di pubblico
interesse derivante da eventi calamitosi. Esecuzione di opere per il
consolidamento ed il trasferimento di abitati situati in zone franose.
Interventi per l’esecuzione di opere ordinarie e straordinarie nell’ambito
degli ecosistemi fluviali, sdemanializzazione. Interventi diretti ad eliminare
situazioni di rischio connesse con le condizioni del suolo o in dipendenza di
grave dissesto idrogeologico. Interventi urgenti conseguenti agli eventi
alluvionali dei mesi di settembre-dicembre 93 diretti alla salvaguardia della
pubblica e privata incolumità. Demanio idrico.
Leggi speciali: provvidenze per i danni causati dalle alluvioni del 13 marzo
1995 nelle province di Enna e Caltanissetta. Provvidenze a favore di immobili
distrutti o dichiarati inagibili da eventi franosi nel primo quadrimestre 1994
province di Messina, Agrigento, Caltanissetta e Palermo. Attuazione delle
provvidenze disposte dalla legge 27 aprile 1978, n. 394 a favore delle
popolazioni della provincia di Messina colpita dal terremoto dell’aprile 1978.
Interventi a favore dei sinistrati della città di Agrigento (rione
Addolorata). Provvedimenti in favore di proprietari di immobili siti in
località Timpone dell’oro di Marsala - contrada Amabilina, danneggiati o
distrutti dal movimento franoso di dicembre 1996. Leggi speciali con le quali
sono stati erogati fondi a tutti i comuni della Sicilia per la realizzazione
di opere pubbliche.
Servizio 8 - Risorse idriche e regime delle acque
Adempimenti di cui al piano regolatore generale degli acquedotti, connessi con
il T.U. 11/12/1933 n. 1775 sulle acque. Adempimenti di cui alla legge n.
36/1994 (legge Galli) connessi con il T.U. 11 dicembre 1933, n. 1775 sulle
acque. Adempimenti ex autorità di bacino (decreto legislativo n. 275/93),
limitatamente alle piccole derivazioni (cfr. art. 7, comma 3 - lett. m, legge
regionale n. 19/2005). Autorizzazione alle ricerche idriche di cui al T.U. 11
dicembre 1933, n. 1775 sulle acque. Concessioni e controlli delle derivazioni
di acque pubbliche. Impianti elettrici di cui al T.U. 11 dicembre 1933, n.
1775 e al decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387. Reti idriche interne
(Misure 1.2 e 1.3 del POP 90/93 e misura 3.1 del POP 94/99). FIO 86/89 - Fondi
FERS non inclusi nei programmi operativi. Opere di ricerca, presa ed
utilizzazione delle acque. Interventi di cui alle leggi 26/88, 67/88, 34/78
T.U. 218/78, art. 38 legge regionale 4/2003 (ex Agensud), delibera di Giunta
regionale n. 320 del 23 ottobre 2003 (ex Casmez), legge 64/86 e aree depresse.
Reti idriche interne (interventi in esubero rispetto alle esigenze di
rendicontazione comunitaria ex misura 3.1 del POP 94/99). Sistemi idrici,
interventi nel Mezzogiorno diretti a fronteggiare l’emergenza idrica.
Servizio 9 - Ufficio espropriazioni e vigilanza enti
Vigilanza II.AA.CC.PP.. Vigilanza consorzio autostrade siciliane. Vigilanza
AST. Adempimenti espropriativi di competenza del dipartimento.
Attività di studio, progettazione, di direzione lavori e accessorie art. 17
commi 10 e 11 della legge 109/94. Affidamento incarichi di collaudo.
Istituzione albo. Aggiornamento albo dei collaudatori e dei progettisti e
direttori dei lavori. Fondo di rotazione art. 17 bis legge n. 109/94. Rapporti
con enti territoriali. Controversie
Servizio 10 - Adempimenti tecnici e connessi controlli sulle opere di
competenza dei dipartimenti dell’Assessorato dell’economia e della Presidenza
della Regione
Assessorato regionale dell’economia
- Dipartimento regionale del bilancio e del tesoro - Ragioneria generale
della Regione;
- Dipartimento regionale delle finanze e del credito.
Presidenza della Regione
- Segreteria generale;
- Dipartimento regionale della programmazione;
- Dipartimento regionale di Bruxelles e degli affari extraregionali;
- Dipartimento regionale della protezione civile.
Attività di vigilanza ed ispettiva ai sensi dell’art. 3 della legge regionale
n. 7/2002 su indicazione dell’osservatorio regionale LL.PP. e dell’autorità di
vigilanza per le opere di competenza.
Pareri sulle parcelle professionali di pubblici funzionari, relativamente alle
opere sulle quali viene svolta l’attività di vigilanza.
Pareri sulla congruità prezzi di forniture di beni e servizi per conto di
tutti gli uffici della Regione.
Congruità della spesa.
Elaborazione di perizie tecniche, di consistenza e stato d’uso ed estimative,
congruità prezzo di acquisto e canoni di locazione, afferenti ad immobili di
proprietà di terzi a vario titolo utilizzati o da utilizzare per finalità
Governative.
Pareri tecnici ed attività di vigilanza o alta sorveglianza sugli interventi
di edilizia demaniale
Adempimenti residui sulle opere previste dall’art. 2 del D.L. 1 febbraio 1988,
n. 19 convertito con modifiche dalla legge 28 marzo 1988, n. 99 (Decreto
Sicilia)
Servizio 11 - Adempimenti tecnici e connessi controlli sulle opere di
competenza dei dipartimenti dell’Assessorato della salute
Assessorato regionale della salute
- Dipartimento regionale per la pianificazione strategica;
- Dipartimento regionale per le attività sanitarie e osservatorio
epidemiologico.
Attività di vigilanza ed ispettiva ai sensi dell’art.3 della legge regionale
7/2002 su indicazione dell’osservatorio regionale LL.PP. e dell’autorità di
vigilanza per le opere di competenza.
Pareri sulle parcelle professionali di pubblici funzionari, relativamente alle
opere sulle quali viene svolta l’attività di vigilanza.
Pareri tecnici ed attività di vigilanza o alta sorveglianza sugli immobili del
fondo FIPRS, e su quelli connessi a finanziamenti extraregionali.
Servizio 12 - Adempimenti tecnici e connessi controlli sulle opere di
competenza dei dipartimenti dell’Assessorato del territorio e dell’ambiente
Assessorato regionale territorio e dell’ambiente
- Dipartimento regionale dell’ambiente;
- Dipartimento regionale dell’urbanistica;
- Comando del corpo forestale della Regione siciliana;
- Dipartimento regionale azienda regionale foreste demaniali.
Attività di vigilanza ed ispettiva ai sensi dell’art. 3 della legge regionale
n. 7/2002 su indicazione dell’osservatorio regionale LL.PP. e dell’autorità di
vigilanza per le opere di competenza.
Pareri sulle parcelle professionali di pubblici funzionari, relativamente alle
opere sulle quali viene svolta l’attività di vigilanza.
Servizio 13 - Adempimenti tecnici e connessi controlli sulle opere di
competenza dei dipartimenti dell’Assessorato delle risorse agricole ed
alimentari
Assessorato regionale delle risorse agricole e alimentari
- Dipartimento regionale degli interventi strutturali per l’agricoltura;
- Dipartimento regionale degli interventi infrastrutturali per l’agricoltura;
- Dipartimento regionale degli interventi per la pesca.
Attività di vigilanza ed ispettiva ai sensi dell’art. 3 della legge regionale
n. 7/2002 su indicazione dell’osservatorio regionale LL.PP. e dell’autorità di
vigilanza per le opere di competenza.
Pareri sulle parcelle professionali di pubblici funzionari, relativamente alle
opere sulle quali viene svolta l’attività di vigilanza.
Servizio 14 - Adempimenti tecnici e connessi controlli sulle opere di
competenza dei dipartimenti dell’Assessorato degli Assessorati - della
famiglia, delle politiche sociali e del lavoro - dell’istruzione e formazione professionale - delle autonomie locali e della funzione pubblica
Assessorato regionale della famiglia, delle politiche sociali e del lavoro- Dipartimento regionale della famiglia e delle politiche sociali;
- Dipartimento regionale del lavoro;
- Agenzia regionale per l’impiego, l’orientamento, i servizi e le attività formative.
Assessorato regionale dell’istruzione e formazione professionale
- Dipartimento regionale dell’istruzione e della formazione professionale.
Assessorato regionale delle autonomie locali e della funzione pubblica
- Dipartimeno regionale della funzione pubblica e del personale;
- Dipartimento regionale delle autonomie locali.
Attività di vigilanza ed ispettiva ai sensi dell’art. 3 della legge regionale 7/2002 su indicazione dell’osservatorio regionale LL.PP. e dell’autorità di vigilanza per le opere di competenza.
Pareri sulle parcelle professionali di pubblici funzionari, relativamente alle opere sulle quali viene svolta l’attività di vigilanza.
Servizio 15 - Adempimenti tecnici e connessi controlli sulle opere di
competenza dei dipartimenti degli Assessorati - delle attività produttive - dei beni culturali e dell’identità siciliana - del turismo, dello sport e dello spettacolo
Assessorato regionale delle attività produttive
- Dipartimento regionale delle attività produttive.
Assessorato regionale dei beni culturali e dell’identità siciliana
- Dipartimento regionale dei beni culturali e dell’identità siciliana.
Assessorato regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo
- Dipartimento regionale del turismo, dello sport e dello spettacolo.
Attività di vigilanza ed ispettiva ai sensi dell’art. 3 della legge regionale 7/2002 su indicazione dell’osservatorio regionale LL.PP. e dell’autorità di vigilanza per le opere di competenza.
Pareri sulle parcelle professionali di pubblici funzionari, relativamente alle opere sulle quali viene svolta l’attività di vigilanza.
Servizio 16 - Adempimenti tecnici e connessi controlli sulle opere di
competenza dei dipartimenti dell’Assessorato dell’energia e dei servizi di pubblica utilità
Assessorato regionale dell’energia e dei servizi di pubblica utilità
- Dipartimento regionale dell’acqua e dei rifiuti;
- Dipartimento regionale dell’energia.
Attività di vigilanza ed ispettiva ai sensi dell’art. 3 della legge regionale
n. 7/2002 su indicazione dell’osservatorio regionale LL.PP. e dell’autorità di
vigilanza per le opere di competenza.
Pareri sulle parcelle professionali di pubblici funzionari, relativamente alle
opere sulle quali viene svolta l’attività di vigilanza.
Servizio 17 - Adempimenti tecnici e connessi controlli sulle opere di
competenza dei dipartimenti dell’Assessorato delle infrastrutture e mobilità
Assessorato regionale delle infrastrutture e della mobilità
- Dipartimento regionale delle infrastrutture, della mobilità e dei trasporti.
Attività di vigilanza ed ispettiva ai sensi dell’art. 3 della legge regionale
n. 7/2002 su indicazione dell’osservatorio regionale LL.PP. e dell’autorità di
vigilanza per le opere di competenza.
Pareri sulle parcelle professionali di pubblici funzionari, relativamente alle
opere sulle quali viene svolta l’attività di vigilanza.
Servizio 18 - Progettazione e direzione dei lavori di competenza regionale,
manutenzione del demanio regionale
Progettazione, direzione dei lavori e contabilità dei lavori di competenza
regionale e degli interventi di manutenzione, ristrutturazione ed adeguamento
degli immobili del demanio regionale;
Progettazione, direzione dei lavori e contabilità dei lavori, ove richiesto,
di competenza del dipartimento regionale delle infrastrutture, della mobilità
e dei trasporti.
Consulenze tecniche su richiesta degli uffici regionali.
Servizio 19 - Contratti e gestione amministrativa LL.PP. - Attività tecniche
Palazzo d’Orleans e siti presidenziali
Procedure negoziali o di gara per affidamento di LL.PP. e delle forniture di
beni e servizi. Gestione amministrativa LL.PP.: procedure amministrative e
controllo regolarità amministrativa degli atti per i LL.PP. e conseguenti
adempimenti amministrativi e contabili finalizzati all’impegno delle somme.
Gestione capitoli di pertinenza.
Problematiche connesse all’esecuzione dei contratti. Adempimenti
consequenziali riguardanti liti, arbitraggi e risarcimenti.
Gestione tecnica di Palazzo d’Orleans e dei siti presidenziali.
Programmazione, coordinamento, esecuzione e controllo delle attività di
progettazione, direzione contabilità e collaudo lavori, dell’attività di
consulenza tecnica e dell’attività di gestione tecnica di Palazzo d’Orlèans e dei siti presidenziali.
Supporto tecnico per le forniture di beni e di servizi.
Archivi tecnici e mappe tematiche.
Direttive ai responsabili dei siti e controllo atti.
Servizio 20 - Sezione centrale d’urgenza
Compiti ed attribuzioni relativi all’espletamento di gare d’appalto nonché di coordinamento delle attività delle sezioni provinciali come previsto
all’articolo 7-ter della legge n. 109/1994, così come introdotto dall’articolo
5, comma 1, della legge regionale n. 7/2002.
Servizi periferici
N. 1 - Servizio ufficio del Genio civile di Agrigento
N. 2 - Servizio ufficio del Genio civile di Caltanissetta
N. 3 - Servizio ufficio del Genio civile di Catania
N. 4 - Servizio ufficio del Genio civile di Enna
N. 5 - Servizio ufficio del Genio civile di Messina
N. 6 - Servizio ufficio del Genio civile di Ragusa
N. 7 - Servizio ufficio del Genio civile di Siracusa
N. 8 - Servizio ufficio del Genio civile di Palermo
N. 9 - Servizio ufficio del Genio civile di Trapani
N. 10 - Servizio provinciale dell’Urega di Agrigento
N. 11 - Servizio provinciale dell’Urega di Caltanissetta
N. 12 - Servizio provinciale dell’Urega di Catania
N. 13 - Servizio provinciale dell’Urega di Enna
N. 14 - Servizio provinciale dell’Urega di Messina
N. 15 - Servizio provinciale dell’Urega di Ragusa
N. 16 - Servizio provinciale dell’Urega di Palermo
N. 17 - Servizio provinciale dell’Urega di Siracusa
N. 18 - Servizio provinciale dell’Urega di Trapani
N. 19 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Agrigento
N. 20 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Caltanissetta
N. 21 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Enna
N. 22 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Catania
N. 23 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Messina
N. 24 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Ragusa
N. 25 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Siracusa
N. 26 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Palermo
N. 27 - Servizio provinciale motorizzazione civile di Trapani
ASSESSORATO REGIONALE DELL’ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE
DIPARTIMENTO REGIONALE DELL’ ISTRUZIONE E DELLA FORMAZIONE PROFESSIONALE
1. Area affari generali
Servizi generali al relativi al funzionamento del dipartimento;
Acquisizione beni e servizi;
Sicurezza sui luoghi di lavoro;
Smaltimento differenziato rifiuti speciali;
Adempimenti connessi con la funzione di cassiere;
Assolvimento delle funzioni afferenti all’ufficio del consegnatario;
Formazione del personale;
Servizi uscerili e di portineria;
Servizio di spedizione;
Istituto superiore di giornalismo;
Riconoscimento personalità giuridica e fondazioni;
Tutela e vigilanza su istituti pubblici di educazione femminile;
Utenze;
Spese legali, liti e arbitraggi;
Attività di gestione dell’assistenza tecnica tecnica P.O. FSE Sicilia
2007/2013;
Attività connessa ai nuclei tecnici di valutazione;
Attività strumentali e serventi la struttura - organizzazione del lavoro -
Sicurezza nei luoghi di lavoro;
Assistenza tecnica e nuclei di valutazione;
Segreteria del comitato di sorveglianza FSE;
Segreteria del dirigente generale;
Esame atti sottoposti alla firma del dirigente generale;
Coordinamento predisposizione previsione di bilancio e relativi assestamenti
in conformità alle scelte di programmazione nei vari settori;
Contrattualizzazione dirigenza;
Attività di supporto per la valutazione della dirigenza;
Attività di supporto per la valutazione del personale del comparto;
Contrattazioni sindacali;
Gestione risorse umane;
Predisposizione dei documenti di programmazione strategica in raccordo con il
SEPICOS;
Attività serventi la struttura (posta in entrata, repertori, registro pareri);
Valutazione del personale, relazioni sindacali;
Segreteria del dirigente generale e del comitato di sorveglianza;
2. Area coordinamento per le politiche di coesione
Impostazione degli atti di programmazione generali della Regione e, d’intesa
con le amministrazioni regionali di settore, dei programmi di intervento
regionali, nazionali e comunitari;
Attività di programmazione delle linee di intervento della pubblica
Istruzione;
Predisposizione e revisioni periodiche della programmazione operativa del POR;
Supporto e verifica dell’attuazione delle linee d’intervento del P.O.R.(anche
in relazione alle attività dei dipartimenti coinvolti nella
programmazione/attuazione), finalizzate in particolare alla predisposizione
delle relazioni sulle modalità ed i tempi di attuazione dei programmi;
Coordinamento dell’attuazione e delle eventuali riprogrammazioni;
Verifica degli atti di programmazione, avvisi e bandi, predisposti dagli
centri di programmazione e gestione;
Supporto all’AdG nell’attivazione e gestione del Board di coordinamento e nei
rapporti con la Commissione europea e le amministrazioni centrali coinvolte.
L’area svolge, altresì, il ruolo di ufficio competente per le linee
d’intervento di specifica competenza del dipartimento formazione professionale
ed in particolare:
- stipula e gestione dei contratti per l’attuazione delle linee di intervento
di specifica competenza del dipartimento;
- attuazione delle linee di intervento e verifica della consegna dei beni o
della prestazione dei servizi oggetto della linea di intervento.
In materia di comunicazione e valutazione P.O.R.FSE
Impostazione dell’attività di valutazione.
Coordinamento delle attività di valutazione previste dagli orientamenti del
piano di valutazione del P.O.R. FSE così come presentato al CdS del 13 marzo
2008.
Relazioni operative con l’unità responsabile nella Regione siciliana del piano
di valutazione unitario dei fondi e del FAS.
Partecipazione ai lavori dello steering group del piano (denominato gruppo di
pilotaggio per la valutazione del POR) assicurando l’organizzazione degli
incontri e predisponendo la documentazione necessaria. Nello specifico si fa
presente che i compiti di questo gruppo di pilotaggio , in base al piano di
valutazione, si riferiscono a:
- assicurare il coordinamento della valutazione a valere sul P.O.R. FSE con
la valutazione della politica regionale unitaria;
- individuare e selezionare gli oggetti della valutazione e formulare le
domande;
- aggiornare il Piano di valutazione del P.O.R. FSE;
- assicurare interesse per le valutazioni;
- sovrintendere gli aspetti metodologici delle attività valutative;
- definire i contenuti tecnici del bando e del capitolato per la selezione
del valutatore indipendente e di eventuali altri soggetti professionali
coinvolti negli esercizi di valutazione;
- garantire che le valutazioni siano realizzate nel rispetto dei tempi
stabiliti nel piano di valutazione e tenendo conto delle scadenze poste dalla
Commissione europea;
- assicurare che i risultati della valutazione siano diffusi ed
effettivamente utilizzati;
- attuazione, coordinamento e verifica delle attività riportate nel piano di
comunicazione (approvato dalla Commissione europea in data 22 agosto 2008) ed
è referente dei lavori del gruppo di coordinamento previsti dal piano stesso;
- assicurare la promozione del P.O.R. nel suo complesso nonché delle
iniziative/interventi cofinanziate dal programma stesso;
- garantire la raccolta, la selezione e la diffusione delle informazioni
contenute nel piano di comunicazione;
- predisporre la redazione di notizie e testi per i prodotti informativi;
- creare il collegamento, anche telematico, con tutti i punti locali di
informazione e di assistenza tecnica;
- assicurare il collegamento tecnico con tutti i soggetti fornitori di beni e
servizi relativi al piano di comunicazione;
- programmazione generale;
- programmazione interventi settoriali;
- valutazione e comunicazione.
1. Servizio programmazione per gli interventi in materia di formazione
professionale
Predisposizione ed adozione dei bandi relativi all’ambito formazione
professionale, finanziati dall’Unione europea.
Predisposizione ed adozione dei bandi relativi all’ambito formazione
professionale, finanziati a valere delle risorse regionali e nazionali.
Selezione, valutazione ed ammissione a finanziamento dei progetti relativi
all’ambito formazione professionale, finanziati dall’Unione europea.
Selezione, valutazione ed ammissione a finanziamento dei progetti relativi
all’ambito formazione professionale, finanziati a valere delle risorse
regionali e nazionali.
Programmazione comunitaria.
Programmazione regionale e nazionale.
2. Servizio programmazione per gli interventi post diploma e post università
Predisposizione ed adozione dei bandi relativi all’ambito dell’istruzione post
diploma e post università, finanziati dall’Unione europea.
Predisposizione ed adozione dei bandi relativi all’ambito dell’istruzione,
finanziati a valere delle risorse regionali e nazionali.
Selezione, valutazione ed ammissione a finanziamento dei progetti relativi
all’ambito dell’istruzione, finanziati dall’Unione europea.
Selezione, valutazione ed ammissione a finanziamento dei progetti relativi
all’ambito dell’istruzione, finanziati a valere delle risorse regionali e
nazionali.
Programmazione interventi comunitari post diploma e post università.
Programmazione regionale e nazionale post diploma e post università.
3. Servizio gestione per gli interventi in materia di formazione professionale
Attuazione dei programmi di intervento finanziati con risorse comunitarie.
Attuazione dei programmi di intervento finanziati con risorse nazionali.
Attuazione dei programmi di intervento finanziati con risorse regionali.
Attuazione programmi di intervento comunitari.
Attuazione programmi di intervento regionali e nazionali.
4. Servizio gestione per gli interventi in materia di istruzione scolastica ed
universitaria
Attuazione dei programmi di intervento finanziati con risorse comunitarie, in
materia di formazione tecnica superiore e formazione universitaria.
Attuazione dei programmi di intervento finanziati con risorse nazionali in
materia di formazione tecnica superiore e formazione universitaria.
Attuazione dei programmi di intervento finanziati con risorse regionali, in
materia di formazione tecnica superiore e formazione universitaria.
Contributi alle università - Accademie di belle arti e conservatori di musica
statali.
Attuazione programmi di intervento comunitari in materia di formazione tecnica
superiore - Formazione universitaria - Formazione superiore integrata.
Attuazione programmi di intervento regionali e nazionali: Università -
Accademie di belle arti e conservatori di musica statali.
5. Servizio sistema informativo e accreditamento
Procedure di accreditamento degli enti di formazione operanti in Sicilia in
base alla legge nazionale e regionale.
Informatizzazione delle procedure e degli uffici.
Collegamento con i Sistemi statistici regionali , nazionali ISTAT SISTAN ISFOL
e dell’Unione europea.
Monitoraggio e valutazione dell’impatto delle progettualità finanziate
(placement).
Gestione del sistema informativo e placement.
Procedure di accreditamento degli enti, conformemente alla normativa nazionale
e regionale in materia.
6. Servizio rendicontazione.
Verifica dei piani finanziari dei progetti finanziati nell’ambito del P.O. FSE
2007/2013.
Verifiche di ammissibilità della spesa.
Verifica dei rendiconti delle spese inviati dai soggetti destinatari dei
finanziamenti nell’ambito del P.O. 2007/2013.
Rendicontazione legge regionale 27/91.
Rendicontazione legge 24/76.
Rendicontazione altri interventi finanziati da leggi regionali e nazionali.
Revisioni contabili.
Controllo revisioni uffici periferici.
Rendicontazioni iniziative comunitarie.
Rendicontazioni iniziative finanziate da leggi regionali e nazionali.
7. Servizio monitoraggio e controlli di 1° livello
Realizzazione e coordinamento dei controlli di primo livello.
Verifica della corretta applicazione della normativa, della corretta
esecuzione delle procedure e della rispondenza ai criteri di selezione
approvati.
Realizza le verifiche amministrative sulle spese di volta in volta comunicate
come "certificabili" dall’UOP, assicurando:
- un controllo totale sul 100% delle spese sostenute per l’azione finanziata;
- un controllo sui costi reali od entro i limiti delle forfetizzazioni
ammesse;
- un controllo sui documenti giustificativi della spesa.
Realizza le verifiche anche nei casi in cui l’autorità di gestione è
beneficiaria delle operazioni (art. 13.5 Reg. CE 1828/2006).
Effettua le verifiche in loco delle operazioni, sulla base del piano dei
controlli, sulla base di un programma di controlli elaborato tenendo conto
dell’analisi dei rischi rivista annualmente.
Cura il raccordo con le istituzioni competenti concernente i controlli ed il
coordinamento per la comunicazione all’OLAF previste dagli articoli 28 e 30
del regolamento n. 1828/2006 - per il tramite della Presidenza della Regione
siciliana, dipartimento regionale della programmazione, area controlli,
legalità e sicurezza che le trasmette alla Presidenza del Consiglio dei
Ministri.
Cura, attraverso la redazione di apposite piste di controllo, la verifica di
sistema delle attività inerenti la programmazione e gestione del P.O.R. FSE
Sicilia.
Coordinamento delle attività di monitoraggio svolte dai dipartimenti che
afferiscono al FSE.
Monitoraggio degli interventi finanziati dall’Unione europea.
Controlli di 1° livello.
8. Servizio contenzioso e recupero crediti
Provvede a raccogliere i documenti di controllo sulle operazioni finanziate
che presentino irregolarità.
Provvede sulla base delle valutazioni relative alla irregolarità riscontrata
(sistemica, isolata, sospetto di frode, ecc.) a determinare l’impatto
finanziario della stessa.
Intraprende le più opportune azioni correttive.
Valuta la necessità di procedere ad una comunicazione all’ufficio controlli I
livello che definisce le comunicazioni OLAF.
Predispone i rapporti per l’avvocatura distrettuale dello Stato per consentire
la costituzione in giudizio.
Svolge le azioni necessarie per il recupero dei crediti vantati dal
Dipartimento istruzione e formazione professionale.
Contenzioso.
Recupero crediti.
9. Servizio scuola dell’infanzia ed istruzione di ogni ordine e grado statali
Attività connesse al funzionamento amministrativo e contabile delle
istituzioni scolastiche.
Assegnazione ai centri provinciali per l’istruzione degli adulti.
Nomina collegi dei revisori dei conti delle istituzioni scolastiche.
Contributi a favore delle istituzioni scolastiche.
Manutenzione ordinaria scuola dell’obbligo.
Contributo per la formazione civile degli alunni.
Organi collegiali della scuola a livello regionale e locale.
Obbligo d’istruzione legge finanziaria anno 2007, 624 dell’art. 1 della legge
27 dicembre 2006, n. 296.
Percorsi sperimentali di istruzione e formazione professionale.
Percorsi sperimentali di istruzione e formazione tipologia A.
Percorsi sperimentali di istruzione e formazione tipologia B.
Rendicontazione percorsi sperimentali.
Piano regionale di dimensionamento.
Revisione reti scolastiche.
Promozione e formazione permanente degli adulti.
Legge regionale n. 6/2000 - "Provvedimenti per l’autonomia delle istituzioni
scolastiche statali e delle istituzioni scolastiche regionali.
Educazione permanente (centri EDA). Attività in collaborazione con i centri di
istruzione per gli adulti. Comitato regionale educazione degli adulti.
Interventi a supporto dell’autonomia scolastica.
Attuazione del titolo V della Costituzione. Conferenza unificata. Ambiti
interessati al trasferimento: strutture amministrative periferiche del MPI;
personale docente ed ATA per i diversi ordini e gradi scolastici; beni
strumentali; risorse di funzionamento per le istituzioni scolastiche e per le
strutture amministrative.
Formazione aggiornamento e perfezionamento del personale della scuola di ogni
ordine e grado.
Scuole statali di ogni ordine e grado.
Aggiornamento - Sperimentazione - Organi collegiali - Attività musicali -
Ricerca educativa - Legge regionale n. 20/99.
Sistemi integrati istruzione e formazione professionale.
10. Scuola dell’infanzia ed istruzione di ogni ordine e grado non statali
Adempimenti connessi al riconoscimento e alla revoca della parità scolastica
ex legge n. 62/2000 e legge n. 27/2006.
Elenco regionale scuole non paritarie.
Anagrafe delle scuole non paritarie.
Adempimenti connessi alla vigilanza nei confronti delle istituzioni
scolastiche non statali operanti nel territorio della Regione siciliana per
l’accertamento dei requisiti previsti dalla legge n. 62/2000 per il
riconoscimento della parità scolastica.
Vigilanza, ai sensi del D.P.R. 14 maggio 1985, n. 246 e del decreto
legislativo 16 aprile 1994, n. 297, sulle istituzioni legalmente riconosciute
operanti in Sicilia ex C.M. 377/87, nonché sulle accademie delle belle arti e
sugli istituti musicali pareggiati.
Competenze legate al funzionamento amministrativo e didattico nonché gestione
del personale docente e non docente delle istituzioni scolastiche regionali
paritarie (istituti regionali pareggiati e sezioni di scuola materna
regionale); vigilanza sulle stesse; erogazione in loro favore delle somme a
valere dei capitoli del bilancio regionale.
Erogazione contributi alle scuole primarie paritarie convenzionate ai sensi
della direttiva prot. n. 637/P del 6 agosto 2008 recante istruzioni in materia
di convenzioni con le scuole suddette ai sensi dell’art. 1-bis, comma 6 del
decreto legge 5 dicembre 2005, n. 250 convertito con modificazioni dalla legge
3 febbraio 2006, n. 27.
Adozione degli atti necessari per il mantenimento delle scuole dell’infanzia
non statali a valere del bilancio regionale.
Scuole dell’infanzia regionali - Istruzione non statale di ogni ordine e grado.
Istituti regionali pareggiati.
11. Servizio ricerca scientifica e tecnologica - Politiche di decentramento
universitario - Consorzi universitari
Ricerca scientifica e tecnologica - Interventi regionali, nazionali e
comunitari.
Promozione, programmazione e gestione delle risorse regionali, nazionale e
comunitarie afferenti alla ricerca scientifica e tecnologica.
Politiche di decentramento universitario - Consorzi universitari.
Assegnazioni alle università siciliane per incentivare la mobilità del
personale docente universitario.
Contributi ai consorzi universitari costituiti tra enti pubblici ed operanti
nei comuni, che non siano sedi di atenei universitari destinati alla gestione
dei corsi di laurea o sezioni staccate di corsi di laurea e/o corsi di studi
universitari e che non fruiscono di appositi finanziamenti statali.
Contributo alla provincia di Enna al fine di acquisire o realizzare strutture,
apparati tecnologici e didattici per il funzionamento del IV polo
universitario con sede ad Enna.
Contributo alla provincia regionale di Agrigento per la realizzazione del polo
distaccato dell’università di Palermo.
Contributo al consorzio universitario per l’ateneo della Sicilia occidentale e
del Bacino del Mediterraneo di Trapani per iniziative di alta formazione
destinata con particolare riguardo agli studenti delle isole minori della
Sicilia.
Contributo al consorzio per la formazione, ricerca università per il
Mediterraneo per il raggiungimento dei propri fini istituzionali.
12. Servizio edilizia scolastica ed universitaria
Edilizia scolastica
Esecuzione dei programmi d’intervento a finanziamento statale ed a
finanziamento regionale - Verifica, vigilanza e controllo sulla realizzazione
delle opere programmate - interventi surrogatori.
Attuazione dei progetti finanziati dall’Unione europea.
Predisposizione criteri e modalità per la concessione di contributi e
finanziamenti.
Integrazione mutui.
Statistica strutture e popolazione scolastica.
Anagrafe edilizia scolastica.
Edilizia Universitaria
Esecuzione dei programmi d’intervento a finanziamento statale ed a
finanziamento regionale - Verifica, vigilanza e controllo sulla realizzazione
delle opere programmate - Interventi surrogatori.
Attuazione dei progetti finanziati dall’Unione europea.
Predisposizione criteri e modalità per la concessione di contributi e
finanziamenti.
Acquisto e restauro di edifici monumentali.
Arredi e attrezzature.
Statistica strutture e popolazione universitaria.
13. Servizio diritto allo studio
Diritto allo studio ed enti regionali per il diritto allo studio universitario.
Adempimenti e linee di indirizzo in materia di trasporto gratuito.
Piante organiche EE.RR.SS.UU..
Borse di studio legge 62/2000.
Contributo di funzionamento per gli EE.RR.SS.UU..
Gestione fondo di garanzia per prestiti fiduciari.
Gestione fondo integrativo nazionale.
Fornitura gratuita di libri di testo ex legge 448/98.
Fornitura gratuita libri di testo per le scuole primarie.
Iniziative per l’attuazione del diritto allo studio nelle scuole di ogni
ordine e grado.
Interventi da attuarsi prioritariamente nelle aree a rischio rivolti alla
prevenzione e al recupero della dispersione scolastica.
Vigilanza sui convitti nazionali di Catania e Palermo e sull’educandato
statale di Palermo.
Attribuzione di posti gratuiti e semigratuiti di studio negli Istituti
pubblici di educazione.
Adempimenti in materia di personale degli ex patronati scolastici.
Gestione commissione regionale sul diritto allo studio.
Osservatorio regionale sulla dispersione.
Premio Nicholas Green.
Programmi di intervento degli EE.RR.SS.UU..
Attivazione delle sezioni primavera.
Legge 338/2000 edilizia universitaria.
Assistenza agli alunni svantaggiati.
Contributo istituto per ciechi T. Ardizzone Gioeni.
Contributo all’istituto per ciechi opere riunite Florio e Salamone.
Contributo annuo all’Unione italiana ciechi per il funzionamento della
stamperia Braille.
Sussidi per l’assistenza educativa agli alunni svantaggiati psicofisici della scuola dell’obbligo.
Adempimenti in merito alla liquidazione dei soppressi centri di servizi culturali per non vedenti.
Assegnazione per il funzionamento del convitto audiofonolesi di Marsala - Nomina degli organi di gestione e controllo.
Contributo per il funzionamento dell’ IRIDAS (ex istituto regionale sordi di Sicilia).
Vigilanza su detti enti.
14. Servizio buono scuola
Contributo buono scuola (art. 3 della legge regionale 14/2002);
Contributo una-tantum (art. 6 delle legge regionale 14/2002);
Compiti di vigilanza e ispettivi di cui alle leggi regionali 3 ottobre 2002,
n. 14 e 25 novembre 2002, n. 20.
Problematiche giuridiche, contabili e amministrative legate alla erogazione dei contributi.
Programmazione erogazione dei contributi, vigilanza.
ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI
DIPARTIMENTO INTERVENTI STRUTTURALI PER L’AGRICOLTURA

1. Area interdipartimentale per il coordinamento e gestione dei fondi
comunitari e nazionali
Coordinamento e raccordo delle attività connesse alla fase di attuazione dei
programmi comunitari e nazionali e dei relativi atti e strumenti di attuazione.
Rapporti con enti e Istituzioni di riferimento
Raccordo con l’organismo pagatore e con l’organismo di certificazione per
tutte le normative comunitarie e nazionali.
Coordinamento e supervisione delle attività connesse alla attuazione dei
programmi a carattere collettivo (PIF, PSL ed altro).
Attività legata ai flussi finanziari ed alle relazioni con le istituzioni
responsabili (Assessorato bilancio - Organismo pagatore - Ministero
dell’economia e finanze (IGRUE) - MiPAAF - C.E.).
Attività di comunicazione relativa agli strumenti comunitari.
Responsabile del sistema informativo e di monitoraggio.
Coordinamento dell’attività di monitoraggio degli enti e dei soggetti
attuatori.
Assistenza tecnica controlli interni; supporto alla verifica dell’operatività
delle strutture del dipartimento in termini di efficienza, anche preordinata
alla valutazione delle prestazioni individuali di struttura nonché di
efficacia e di efficienza dell’azione amministrativa. Supporto all’attività di
pianificazione e programmazione strategica inerente le attività del
dipartimento.
Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
2. Area interdipartimentale per la sorveglianza e valutazione dei programmi
comunitari e nazionali
Indirizzo e sorveglianza dell’attuazione dei programmi comunitari.
Rapporti con le autorità nazionali e comunitarie.
Rapporti con le autorità di gestione nazionali e regionali dei programmi
comunitari operanti sul territorio regionale.
Segreteria del comitato di sorveglianza per il FEASR.
Indirizzo, sorveglianza e valutazione dei relativi strumenti di attuazione
discendenti dalla programmazione comunitaria (compreso RAE).
Rapporti con le autorità ambientali per la relativa valutazione dei programmi
comunitari.
Rete rurale nazionale.
3. Area interdipartimentale controlli programmi comunitari e nazionali
Coordinamento e vigilanza delle attività di controllo.
Coordinamento degli enti e dei soggetti attuatori in materia di controlli.
Rapporto con l’organismo pagatore per le attività di controllo derivate.
Rapporti con l’amministrazione comunitaria in materia di controlli.
Elaborazione e manutenzione piste di controllo.
Coordinamento attività di controllo del P.O.R. 2000/2006 ed eventuale raccordo
con l’ufficio speciale di secondo livello.
Attività relative alla chiusura del P.O.R. 2000/2006.
Ufficio responsabile dell’applicazione delle sanzioni - verifica e controllo.
4. Area interdipartimentale - Programmazione interventi nel settore delle
attività produttive
Predisposizione delle proposte di programmazione generale della politica
agricola e di sviluppo rurale (I e II pilastro).
Politiche trasversali.
Programmazione integrata, negoziata e locale nei settori di competenza.
Coordinamento delle politiche di cooperazione, transnazionali, interregionali
e di vicinato.
Studio e ideazione di strategie di intervento pubbliche per lo sviluppo rurale.
Complementarietà e demarcazione tra i programmi comunitari.
Proposte di nuove norme regionali.
Notifica e procedimento per la verifica di compatibilità dei regimi di aiuto,
contenzioso.
Rapporti con il partenariato.
Osservatorio socio-economico per l’ agricoltura e lo sviluppo rurale -
realizzazione di annuari e bollettini informativi.
Studi e indagini, analisi economiche e rapporti previsionali, analisi di
sbocchi di mercato dei prodotti agricoli e agroalimentari ed ittici,
statistica.
Programmazione negoziata.
Programmazione di ricerca.
Programmazione fondi FAS.
5. Area affari generali, risorse umane, servizi comuni e flussi documentali
Affari generali, servizi comuni e servizi generali.
Biblioteca e documentazione.
Gestioni beni mobili ed informatici di cui al D.P.R. 254/2002.
Ufficio relazioni con il pubblico.
Protocollo informatico e flussi documentali orizzontali e verticali,
digitalizzazione degli archivi in conformità al codice digitale in vigore.
Affari connessi al D.L. n. 196/03 (privacy).
Sicurezza sul lavoro (legge nazionale 626 e successive modifiche).
Coordinamento affari legali e contenzioso.
Coordinamento delle proposte di bilancio e sua gestione, predisposizione
schema di previsione delle entrate e delle spese.
Organizzazione e gestione delle risorse umane.
Rapporti con le organizzazione sindacali.
Formazione ed aggiornamento delle risorse umane.
CIFDA rapporti e vigilanza.
Contenzioso del lavoro.
Attività del consegnatario e del cassiere. Ufficiale rogante.
1. Servizio tutela e valorizzazione dell’ambiente e del patrimonio faunistico -
Programmazione e gestione dell’attività venatoria
Iniziative per l’ attuazione di programmi di produzione integrata e di
agricoltura ecocompatibile, applicazione normativa in materia agro-ambientale
di agricoltura e zootecnia biologica, controllo biologico, rete ecologica,
salvaguardia, protezione e valorizzazione del paesaggio e dell’ ambiente,
interventi a sostegno delle imprese per la salvaguardia ed il mantenimento
della biodiversità di concerto con i servizi interessati, sostegno alla
gestione del territorio e al miglioramento dello spazio rurale.
Elaborazione e delimitazione zone svantaggiate e depresse ai sensi delle
normative nazionali e comunitarie, indennità compensativa a favore delle aree
svantaggiate, indennità Natura 2000 e connesse alla direttiva 2000/60/CE.
Adempimenti tecnici relativi al D.L. 152/92.
Sostegno alle imprese per il rispetto delle norme in materia di tutela
dell’ambiente, sanità pubblica, salute delle piante, salute e benessere degli
animali, sicurezza sul lavoro.
Attività inerenti alla disciplina delle attività e dell’esercizio venatorio.
Attività inerenti alla tutela e potenziamento del patrimonio faunistico
siciliano; studi ed elaborazione dei piani e programmi faunistico-venatori;
supporto e segreteria dell’osservatorio faunistico-venatorio, adempimenti
connessi al funzionamento del comitato regionale faunistico-venatorio.
Attività connesse all’attuazione degli interventi comunitari.
Contenzioso.
2. Servizio per lo sviluppo e la diversificazione delle attività aziendali
Interventi per la competitività del settore agricolo e interventi per
l’efficienza produttiva delle aziende agricole interessanti le produzioni
vegetali, anche per fini non alimentari e/o energetici.
Interventi per il miglioramento e lo sviluppo delle infrastrutture aziendali
connesse allo sviluppo e all’adeguamento dell’agricoltura.
Interventi per la modernizzazione, l’innovazione, la sicurezza e la qualità
delle produzioni agroalimentari e per l’integrazione delle filiere agricole
per le produzioni vegetali ed animali.
Interventi per la competitività del settore agricolo e interventi per
l’efficienza produttiva delle aziende agricole interessanti le produzioni
animali.
Gestione e attuazione della normativa comunitaria, nazionale e regionale
relativa al I pilastro della PAC (premi e aiuti alla produzione).
Controllo del potenziale viticolo, piano di ristrutturazione e riconversione
dei vigneti; interventi di mercato (distillazione, stoccaggio, ecc.);
repressioni frode vinicole. Rapporti con l’istituto regionale della vite e del
vino.
Interventi in materia di diversificazione delle attività economiche connesse
all’agricoltura nelle zone rurali (agriturismo, aziende e fattorie didattiche,
aziende faunistico-venatorie).
Attività connesse all’attuazione degli interventi comunitari.
Contenzioso.
3. Servizio interventi a supporto delle imprese
Interventi creditizi in agricoltura, credito agevolato, riconoscimento ed
interventi in favore dei consorzi di difesa delle colture e dei consorzi di
garanzia, fidi.
Agevolazioni in materia di carburante per uso agricolo.
Coordinamento e direttive attività ex UMA.
Interventi in materia di credito agevolato per la dotazione aziendale.
Convenzioni e rapporti con istituti credito - Fondo di garanzia.
Interventi per la ripresa dell’ efficienza ed il ripristino delle strutture
delle aziende agricole danneggiate da avversità atmosferiche o da calamità
naturali.
Credito d’ imposta.
Stazione di granicoltura rapporti e attività di vigilanza.
Associazione regionale allevatori rapporti e vigilanza tecnica.
Contenzioso.
4. Servizio tutela, valorizzazione e promozione prodotti agroalimentari
Valorizzazione, tutela, promozione, pubblicità delle produzioni agricole e
zootecniche, internazionalizzazione delle imprese e dei distretti
agroalimentari, sostegno per la partecipazione a sistemi di qualità dei
prodotti alimentari.
Attività inerenti il riconoscimento e la tutela delle denominazioni e dei
marchi di qualità comunitari, nazionali e regionali; attività inerenti la
certificazione dei marchi di qualità riconosciuti a livello regionale e
relativi controlli di conformità promozione dei percorsi enoturistici e
gastronomici.
Sostegno alle associazioni di produttori per attività di informazioni e
promozioni dei prodotti che adottano sistemi di qualità alimentare.
Costituzione e gestione di un sistema di monitoraggio e garanzia dei prodotti di qualità riconosciuti a livello regionale.
Interventi per la realizzazione, acquisizione, potenziamento e riconoscimento di strutture ed impianti pubblici e privati per la raccolta, lavorazione,
trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli e zootecnici, controlli di conformità alle norme di commercializzazione applicabili nel settore degli ortofrutticoli freschi, ai sensi del reg. (CE) n. 1148/01 e successive modifiche ed integrazioni.
Interventi per la costituzione e l’avviamento di organizzazioni e associazioni di produttori, finanziamento dei relativi programmi operativi e commerciali.
(Azioni previste dall’OCM per i settori di interesse regionali).
Attività connesse all’attuazione degli interventi comunitari.
Contenzioso.
5. Servizio interventi in materia vivaistica e di difesa fitosanitaria
Attività fitosanitaria.
Attività vivaistica: controllo, certificazione, rilascio autorizzazione
esercizio attività, normativa in materia di produzione e commercio del materiale di moltiplicazione vegetativo, attività di costituzione di materiale vegetale.
Applicazione normativa comunitaria, nazionale e regionale in materia fitosanitaria.
Attività controllo per la commercializzazione con l’estero.
Contenzioso.
6. Servizio interventi per il sostegno del capitale umano
Formazione, qualificazione, e aggiornamento degli imprenditori e degli addetti del settore.
Attività di informazione sugli interventi.
ricambio generazionale, insediamento giovani agricoltori, prepensionamento, ricomposizione fondiaria, contabilità agraria, imprenditore agricolo professionale.
Gestione dei progetti integrati individuali e collettivi.
Contenzioso.
7. Servizio ispettorato provinciale dell’agricoltura di Agrigento
8. Servizio ispettorato provinciale dell’agricoltura di Caltanissetta
9. Servizio ispettorato provinciale dell’agricoltura di Catania
10. Servizio ispettorato provinciale dell’agricoltura di Enna
11. Servizio ispettorato provinciale dell’agricoltura di Messina
12. Servizio ispettorato provinciale dell’agricoltura di Palermo
13. Servizio ispettorato provinciale dell’agricoltura di Ragusa
14. Servizio ispettorato provinciale dell’agricoltura di Siracusa
15. Servizio ispettorato provinciale dell’agricoltura di Trapani
DIPARTIMENTO INTERVENTI INFRASTRUTTURALI PER L’AGRICOLTURA
1. Area affari generali
Segreteria del dirigente generale - gestione risorse umane - r.a.p. - cassa -
relazione sindacali e applicazione contrattualistica collettiva rapporti con
il bilancio. URP - funzioni di documentazione e biblioteca - protocollo
informatico - repertorio - archivio storico- ufficiale rogante -
consegnatario - segreterie organi collegiali. Attività strumentali e serventi
la struttura, l’organizzazione del lavoro, la sicurezza dei luoghi di lavoro.
Controlli interni; supporto alla verifica dell’operatività delle strutture del
dipartimento in termini di efficienza, anche preordinata alla valutazione
delle prestazioni individuali di struttura nonché di efficacia e di efficienza
dell’azione amministrativa. Supporto all’attività di pianificazione e
programmazione strategica inerente le attività del dipartimento. Monitoraggio
legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
1. Servizio vigilanza consorzi di bonifica, consorzi agrari ed enti
Vigilanza, coordinamento, indirizzo consorzi di bonifica, applicazioni alla
normativa comunitaria, nazionale e regionale riguardante l’erogazione di
contributi o mutui per l’attività gestionale dei consorzi di bonifica.
Adempimenti relativi all’esercizio della vigilanza sui consorzi agrari.
Tutela e vigilanza dell’Ente di sviluppo agricolo, riforma agraria. Tutela e
vigilanza dell’istituto regionale della vite e del vino, dell’istituto
incremento ippico, dell’istituto sperimentale zootecnico per la Sicilia.
Attuazione e monitoraggio degli interventi relativi alle infrastrutture
irrigue consortili ed alle infrastrutture di bonifica di competenza del
dipartimento, attività concernente le espropriazioni connesse alla
realizzazione delle opere di bonifica e di irrigazione di competenza del
dipartimento, attività concernente la liquidazione dei soppressi consorzi di
bonifica e relativo contenzioso rapporti agenzia delle acque e dei rifiuti e
altri soggetti giuridici operanti nel settore.
2. Servizio interventi per le infrastrutture rurali collettive interaziendali
Attività inerente le infrastrutture viarie a carattere interaziendale,
attività inerente le infrastrutture interaziendali irrigue, elettrificazione
rurale ed altre forme di approvvigionamento energetico a carattere
interaziendale comprese le energie alternative.
3. Servizio demanio trazzerale e usi civici
Applicazione della normativa in materia di demanio trazzerale, adempimenti
concernenti l’accertamento, revisione, alienazione, concessione,
reintegrazione e tutela del demanio trazzerale regionale.
Applicazione della normativa in materia di usi civici, adempimenti concernenti
le funzioni del commissario per la liquidazione degli usi civici della Sicilia.
4. Servizio interventi di sviluppo rurale ed azioni leader
Interventi di diversificazione in attività non agricole, interventi a sostegno
della creazione e sviluppo di microimprese, interventi di incentivazione delle
attività turistiche, interventi per la formazione e l’informazione rivolta
agli operatori economici in attività non agricole, interventi per la creazione
ed il miglioramento dei servizi essenziali per l’economia e la popolazione
rurale, interventi per la tutela e la riqualificazione del patrimonio rurale,
interventi per l’acquisizione delle competenze sulle zone rurali.
Interventi in materia di divulgazione e promozione delle aree rurali e per le
bioenergie.
Interventi per l’attuazione della strategia associativa di sviluppo locale
basata sull’approccio leader, interventi per la realizzazione di progetti di
cooperazione interterritoriale o transnazionale, interventi per la gestione
dei gruppi di azione locale, l’acquisizione di competenze e l’animazione sul
territorio. (PSR 2007/13). Attività chiusura programma LEADER PLUS.
5. Servizio interventi per lo sviluppo agricolo e rurale
Programmi e interventi in materia di ricerca applicata e sperimentazione.
Cooperazione e promozione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi,
tecnologie nel settore agricolo e alimentare; biotecnologie, OGM.
Rilevamento e elaborazione dati ai fini della predisposizione di cartografia
tematica; analisi e valutazione dei processi di desertificazione e dei
processi di erosione finalizzata alla conservazione del suolo.
Informazione, diffusione, trasferimento delle conoscenze; iniziative e
campagne di educazione agroalimentare; ricognizione sul territorio e indagini
c/o le aziende ai fini della formuazione e strutturazione della domanda di attività ed iniziative in materia di promozione dei prodotti agricoli;
attuazione della normativa concernente i distretti rurali e agroalimentari, servizi di assistenza tecnica alle imprese agricole ed agroalimentare ivi compresa l’applicazione dei sistemi di qualità.
Sistemi informativi per le imprese (SIAS, portale dell’ innovazione e della ricerca, altri);
Rete informativa contabilità agraria.
Costituzione, avviamento e utilizzazione di sistemi di servizi di gestione, di sostituzione e di consulenza alle imprese.

DIPARTIMENTO REGIONALE DEGLI INTERVENTI PER LA PESCA
1. Area affari generali
Segreteria del dirigente generale; Coordinamento e raccordo con i servizi del
dipartimento; gestione risorse umane - r.a.p. - cassa, relazione sindacali e
applicazione contrattualistica collettiva, rapporti con l’Assessorato del
bilancio: predisposizione delle proposte di bilancio e delle richieste di
variazioni d’intesa con i competenti servizi - formazione degli atti necessari
alla Corte dei conti inerenti il bilancio; URP - funzioni di documentazione e
biblioteca - protocollo informatico - repertorio - archivio storico -
ufficiale rogante - consegnatario. Predisposizione atti relativi alla
costituzione, rinnovo e sostituzione componenti del consiglio regionale della
pesca e relativa segreteria. Attività strumentali e serventi la struttura,
l’organizzazione del lavoro, la sicurezza dei luoghi di lavoro. Coordinamento
attività relativa alle interrogazioni parlamentari e all’attività ispettiva
dell’ARS. Riconoscimento organizzazioni dei produttori. Rapporti con il
Ministero delle politiche agricole e forestali. Adempimenti relativi alla
conferenza Stato-Regioni.
Controlli interni; supporto alla verifica dell’operatività delle strutture del dipartimento in termini di efficienza, anche preordinata alla valutazione delle prestazioni individuali di struttura nonché di efficacia e di efficienza dell’azione amministrativa. Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza. Gestione sito internet - referente Equitalia; referente informatico, referente statistico. Adempimenti connessi all’assistenza tecnica per le attività del dipartimento: gestione asse V FEP e gestione Long-list di esperti procedura di notifica alla CEE delle leggi regionali contenenti aiuti e cura di eventuali problematiche ad essi connessi.
Servizi
1. Programmazione
Predisposizione delle proposte di programmazione generale della politica della pesca. Fondo europeo della pesca (F.E.P.).
Rapporti con il MIPAF per l’attuazione del Fep: partecipazione alla cabina di regia e ai comitati di sorveglianza.
Rapporti con le aree e servizi del dipartimento nelle fasi di attuazione delle misure del Fep.
Supporto al referente AdG del Fep.
Rapporti con i dipartimenti regionali per la programmazione comunitaria 2007/2013.
Partecipazione alla segreteria del Forum.
Gestione di iniziative comunitarie di cooperazione territoriale.
Partecipazione ai tavoli tecnici per la rivisitazione in ambito nazionale della normativa di settore secondo il Reg.CE 1198/2006
Monitoraggio dei piani di gestione.
Gestione e attuazione della misura 3.1 lett. m del Fep. Piani di gestione locali.
Gestione e attuazione della misura 3.5 del FEP: progetti pilota.
Controlli di 1° livello sui progetti delle misure 3.1 lett. m e 3.5 del FEP.Contenzioso nelle materie di competenza.
2. Interventi nei settor dell’acquacoltura e marinocoltura trasformazione dei prodotti ittici - Gruppi di azione costiera (G.A.C.)
Gestione degli interventi per la commercializzazione e trasformazione dei prodotti ittici.
Gestione e attuazione della misura 2.1: Investimenti produttivi nel settore dell’acquacoltura.
Gestione e attuazione della misura 2.3: Investimenti nei settori della trasformazione e commercializzazione dei prodotti ittici.
Gestione e attuazione della misura 2.2: Pesca nelle acque interne.
Controlli di 1° livello sui progetti delle misure 2.1 - 2.2 - 2.3 del FEP.
Monitoraggio delle imprese di acquacoltura esistenti nel territorio della Regione.
Monitoraggio delle imprese di trasformazione e commercializzazione esistenti nel territorio della Regione.
Attività connesse all’acquacoltura e marinocoltura.
Osservatorio socio-economico per la pesca.
Vigilanza sui consorzi di ripopolamento ittico e attuazione dell’art. 44 della legge regionale 6/2009.
Gestione residua affari ex legge regionale 26/87.
Gestione residua affari ex legge regionale 1/80.
Contenzioso nelle materie di competenza.
3. Interventi nell’ambito della biologia marina e riduzione dello sfrozo da pesca
Gestione e attuazione della misura 1.3 del Fep: Investimenti a bordo dei pescherecci e selettività.
Controlli di primo livello sui progetti della misura 1.3 del FEP.
Applicazione Reg.Ce n. 1967 sulla pesca nel Mediterraneo.
Arresto temporaneo di pesca.
Rapporti con le camere di commercio relativi alla trattazione del "fermo biologico".
Rapporti con organismi internazionali.
Interventi protesi alla salvaguardia del mare per la protezione dell’ambiente marino costiero.
Programma regionale della pesca e d’uso delle aree marine protette;
Rapporti con l’ARPA - Attuazione comma 3 art. 3 legge regionale n.6/2009.
Rapporti con enti di ricerca e università.
Pesca professionale, pesca speciale; pesca sportiva.
Attività di pesca relative al prelievo di specie sottoposte a regime di protezione.
Rapporti con le capitanerie di porto, guardia di finanza, carabinieri, polizia marittima e tutti gli organi preposti alla vigilanza sulla pesca e la commercializzazione dei prodotti ittici.
Vigilanza, controllo e sorveglianza esercitata attraverso le capitanerie di porto dell’isola.
Sorveglianza sui natanti di proprietà della regione ed affidati in gestione alla guardia costiera.
Gestione di rapporti convenzionali instaurati/instaurandi con l’Autorità marittima per la vigilanza a mare.
Vigilanza sull’uso del demanio marittimo in relazione alle attività di pesca.
Istituzione e gestione degli uffici periferici previsti dall’art. della legge regionale 32/00;
Commissioni consultive locali per la pesca marittima ex decreto legislativo 26 maggio 2004, n. 154.
Gestione affari residui ex legge regionale 26/87.
Licenze di pesca: rapporti con il MIPAF per la gestione dell’archivio delle licenze.
Rapporti con le capitanerie di porto.
Contenzioso nelle materie di competenza.
4. Gestione interventi nazionali e regionali e comunitariInterventi a favore dei nuclei familiari delle vittime di naufragi legge regionale 16/90 e successive modifiche ed integrazioni.
Indennità a favore dei titolari di diritti esclusivi estinti per effetto dell’art. 1 e 2 legge regionale 2/04.
Gestione della spesa relativa alle indennità derivanti da calamità naturali ex legge regionale n. 33/98 e successive modifiche ed integrazioni.
Attuazione e gestione degli interventi ex art. 84 legge regionale 17/04.
Attuazione e gestione interventi ex art. 14 legge regionale 15/04.
Attuazione e gestione degli interventi ex art. 2, comma 4 legge regionale 16/2008.
Gestione delle risorse trasferite dallo Stato alle Regioni ex decreto legislativo 143/97.
Accordi di programma.
Informazione, diffusione, trasferimento delle conoscenze; iniziative e campagne di educazione alimentare; ricognizione sul territorio e indagini c/o le aziende ai fini della formulazione e strutturazione della domanda di attività ed iniziative in materia di promozione dei prodotti della pesca.
Gestione e attuazione della misura 3.4 del FEP: Sviluppo di mercati e campagne rivolte ai consumatori.
Controlli di primo livello sui progetti della misura 3.4 del FEP.
Adempimenti correlati alla chiusura del P.O.R. 2000/2006: Saldi, revoche, recuperi.
Rapporti con l’U.M.C. e l’A.d.P. per la formalizzazione della documentazione prevista dagli orientamenti sulla chiusura.
Contenzioso nelle materie di competenza.
5. Portulità peschereccia
Servizi comuni alle attività di pesca.
Attuazione e gestione della misura 3.3 del F.E.P.: Porti, luoghi di sbarco e ripari di pesca.
Gestione e attuazione della misura 3.1 del FEP: Azioni collettive.
Gestione e attuazione misura 4.1 del FEP: Sviluppo sostenibile delle zone di pesca.
Controlli di primo livello sui progetti della misura 3.3, 3.1, 4.1 del FEP.
Rapporti con i rami dell’amministrazione regionale e con gli enti locali in materia di opere portuali e strutture portuali.
Adempimenti dell’unità di monitoraggio e controllo connessi alla chiusura del P.O.R. Sicilia 2000/2006.
Rapporti con l’autorità di pagamento SFOP per le certificazioni di spesa.
Rapporti con l’ufficio speciale autorità di Audit e con la Commissione europea.
Controlli ex art. 30 reg. CEE n. 1260/99.
Trattazione aspetti connessi ai sequestri, da parte di paesi terzi, di imbarcazioni nell’esercizio delle attività di pesca.
Contenzioso nelle materie di competenza.
6. Compensazioni socio-economiche e attività formative
Gestione e attuazione delle misure 1.5 dell’asse 1 del F.E.P: Compensazioni socio-economiche per la gestione della flotta da pesca comunitaria.
Gestione e attuazione della misura 1.4 del FEP: Piccola pesca costiera.
Controlli di primo livello sui progetti delle misure 1.4 e 1.5 del FEP.
Formazione degli operatori del settore.
Ittiturismo e pescaturismo.
Conclusione delle attività di rendicontazione dei progetti finanziati con le misure 4.16 e 4.17 del P.O.R. Sicilia 2000/2006.
Accertamento dell’ammissibilità della spesa.
Controllo della legittimità e coerenza e certificazione della spesa.
Contenzioso nelle materie di competenza.
DIPARTIMENTO REGIONALE AZIENDA REGIONALE FORESTE DEMANIALI
1. Area affari generali
Segreteria del dirigente generale - gestione risorse umane - r.a.p. - cassa - relazione sindacali e applicazione contrattualistica collettiva rapporti con il bilancio. URP - funzioni di documentazione e biblioteca - protocollo informatico - repertorio - archivio storico - ufficiale rogante - consegnatario - segreterie organi collegiali. Attività strumentali e serventi la struttura, l’organizzazione del lavoro, la sicurezza dei luoghi di lavoro.
Controlli interni; supporto alla verifica dell’operatività delle strutture del dipartimento in termini di efficienza, anche preordinata alla valutazione delle prestazioni individuali di struttura nonché di efficacia e di efficienza dell’azione amministrativa. Supporto all’attività di pianificazione e programmazione strategica inerente le attività del dipartimento. Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
Servizi
1. Servizio interventi settore forestale
Segreteria del comitato forestale regionale. Coordinamento tecnico delle attività forestali nell’ambito del demanio forestale e delle superfici comunque gestite dall’azienda, ad eccezione di quelle ricadenti nelle aree protette direttamente gestite.
Servizi e consulenza tecnico-forestale.
Gestione tecnico amministrativa dei lavoratori forestali.
Relazioni con le organizzazioni sindacali di categoria dei lavoratori forestali.
2. Servizio gestione delle aree protette
Programmazione e coordinamento tecnico delle attività nell’ambito del demanio forestale e delle superfici comunque gestite dall’azienda, ricadenti nelle aree protette direttamente gestite.
Piani di gestione e di intervento delle riserve naturali affidate in gestione all’azienda.
Servizi e consulenza tecnica in materia ambientale.
Conservazione della natura e recupero della fauna selvatica.
Attività promozionali e di ricerca nelle aree protette.
Rilascio nulla osta e autorizzazioni.
Gestione del sito web del dipartimento e degli accertamenti dello stesso.
3. Servizio sistemi informativi ed ampliamento del demanio forestale regionaleGestione sistema informativo territoriale e collegamenti con altri SIT.
Acquisizione, espropriazioni ed occupazioni terreni.
Conferimenti e convenzioni.
Rogiti dei contratti.
Concessioni, servitù, inventario e gestione beni immobili comprese le alienazioni e retrocessioni.
Registri patrimoniali ed ufficio contratti.
4. Servizio programmazione interventi e gestione e programmazione di risorse extraregionali
Programmazione delle attività per le opere previste dagli artt. 28, 29 e 30 della legge regionale 16/96 compresa le iniziative di manutenzione.
Perimetrazione dei bacini montani. Predisposizione del piano di utilizzo del fondo regionale della Montagna ex art. 61 della legge regionale 7/2002 e successive modifiche ed integrazioni ed attuazione dello stesso.
Programmazione delle attività forestali demaniali e non. Programmazione e gestione dei fondi comunitari.. Adempimenti tecnici forestali sul privato e sui comuni.
Programmazione e gestione dei fondi FAS di competenza del dipartimento.
5. Servizio fitosanitario e vivaistico nel settore forestale-centro vivaistico regionale
Difesa fitosanitaria dei boschi.
Monitoraggio fitosanitario, diagnostica ed identificazione organismi animali dannosi e strategie di difesa dalle avversità biotiche ed abiotiche dei boschi e dei vivai forestali gestiti dall’azienda regionale foreste demaniali.
Centro vivaistico regionale.
Attività di pianificazione, controllo, studi e ricerca di competenza.
6. Servizio gestione lavori in amministrazione diretta e in appalto e bilancioAttività di supporto alle determinazioni del dirigente generale in merito ai lavori pubblici in amministrazione diretta e in appalto (istruttorie, bandi di gara, disciplinari di incarico); ogni altra incombenza e attività di tipo tecnico che il dirigente generale ritenga di affidare.
Gestione finanziaria, monitoraggio e controllo dei fondi di bilancio di competenza del dipartimento. Redazione del programma triennale delle OO.PP. e
dell’elenco annuale delle OO.PP. e degli interventi.7. Ufficio provinciale azienda foreste demaniali di Agrigento
8. Ufficio provinciale azienda foreste demaniali di Caltanissetta
9. Ufficio provinciale azienda foreste demaniali di Enna
10. Ufficio provinciale azienda foreste demaniali di Catania
11. Ufficio provinciale azienda foreste demaniali di Messina
12. Ufficio provinciale azienda foreste demaniali di Ragusa
13. Ufficio provinciale azienda foreste demaniali di Siracusa
14. Ufficio provinciale azienda foreste demaniali di Palermo
15. Ufficio provinciale azienda foreste demaniali di Trapani
Competenze uffici provinciali azienda foreste demaniali: progettazione ed esecuzione degli interventi forestali e/o comunque afferenti i compiti istituzionali dell’azienda nelle aree del demanio forestale, nelle superfici comunque gestite e nelle aree naturali protette affidate in gestione all’azienda - Espletamento delle attività tecniche ed amministrative inerenti alla gestione del demanio forestale e delle altre superfici gestite - Gestione dei Boschi - Formulazione di proposte per la redazione dei programmi di attività, di intervento e di OO.PP. - Rappresentanza in sede periferica del dipartimento azienda foreste demaniali.
ASSESSORATO REGIONALE DELLA SALUTE
DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA
Area interdipartimentale 1 - Servizi generali
Servizi generali: repertorio, ufficio del consegnatario, ufficio del cassiere,
servizio portineria, servizio posta, biblioteca - Sicurezza del lavoro
(decreto legislativo n. 626/1994 - 81/2008).
Area interdipartimentale 2 - Ufficio del Piano di rientro ex art. 1, comma
180, legge 30 dicembre 2004, n. 311
Adempimenti connessi all’attuazione delle misure del piano di rientro e
coordinamento delle correlate attività istruttorie dei servizi dipartimentali -
Coordinamento, anche al fine del rispetto del patto di stabilità, in materia
economico-finanziaria. Monitoraggio e verifica sullo stato di attuazione delle
misure del Piano - Analisi e valutazione, successivo monitoraggio,
dell’impatto finanziario delle proposte di provvedimenti normativi e dei
provvedimenti amministrativi inerenti l’attuazione del piano - Predisposizione
del piano sanitario regionale - Relazioni sanitarie annuali - Verifiche di
conformità dei programmi aziendali al piano sanitario.
Area interdipartimentale 3 - Affari giuridici
Adempimenti amministrativi e attività di vigilanza connessi agli organi di
gestione e di controllo degli enti e delle aziende sanitarie - Atti aziendali -
Predisposizione, verifiche ed adempimenti relativi agli obiettivi dei
direttori generali degli enti e delle aziende sanitarie.
Controllo di coerenza normativa, verifica e supporto consulenziale, per gli
aspetti giuridici ed amministrativi, nelle materie di competenza
dell’assessorato, anche con riferimento a convenzioni e protocolli d’intesa
con strutture pubbliche e private operanti nel settore sanitario - Studi,
ricerche e documentazione (elaborazione di nuovi modelli gestionali,
formulazione di proposte normative, raccolta di normative, sentenze e pareri,
etc.) - Tavoli tecnici - Aspetti giuridici afferenti bandi e gare.
Area interdipartimentale 4 - Sistemi informativi, statistica, monitoraggi
Andamento dell’entrata e della spesa e dei dati economici - Raccolta ed
elaborazione di dati statistici sanitari - Elaborazione e gestione dei flussi
informativi - Verifica e trattamento dei dati - Predisposizione di report
informatici in relazione ai fabbisogni dei servizi dipartimentali - Analisi
valutative e relativi controlli - Centro elaborazione dati - Raccordo con il
nuovo sistema sanitario nazionale - Osservatorio costi - Ufficio relazione con
il pubblico - Piani di comunicazione - Informatizzazione degli uffici -
Gestione informatizzata dei processi, dei dati informativi e del SISR (Sistema
informativo sanitario regionale) a supporto delle attività di programmazione
sanitaria, nonché del portale dell’assessorato - Attuazione, monitoraggio e
controllo dei programmi di informatizzazione - Rapporti con le società
informatiche della Regione siciliana - Attuazione art. 50 legge 326/2006
(tessera sanitaria).
Area 1 - Coordinamento, affari generali e comuni
Organizzazione, formazione e gestione del personale del dipartimento -
Rapporti con le OO.SS. e le associazioni di volontariato e degli utenti -
Attività di raccordo e coordinamento dei rapporti con la conferenza unificata
e la conferenza Stato-Regioni, con le altre Regioni, con gli organi
istituzionali e gli altri dipartimenti e con gli enti ed organismi operanti
nel settore sanitario per le materie di competenza - Supporto al dirigente
generale negli affari di competenza del dipartimento - Controllo di gestione -
Valutazione della dirigenza.
Servizio 1 - Personale dipendente S.S.R.
Dotazioni organiche, assunzioni a tempo indeterminato e mobilità nelle aziende
sanitarie - Controllo degli atti deliberativi delle aziende e degli enti
sanitari con particolare riferimento alle dotazioni organiche. Applicazione accordi collettivi nazionali e relativi accordi regionali per la dirigenza medica e non medica e per il comparto sanitario - Professioni sanitarie.
Servizio 2 - Personale convenzionato S.S.R.
Attività amministrativa relativa alla medicina di base e specialistica -
Applicazione accordi collettivi nazionali e relativi accordi regionali per la medicina generale, pediatria, specialistica ambulatoriale - Adempimenti amministrativi concernenti la medicina sociale e umanitaria ed il termalismo terapeutico.
Servizio 3 - Gestione degli investimenti
Attuazione dei programmi di investimento regionali, nazionale e comunitari - Monitoraggio e verifica dei programmi di investimento degli enti e delle aziende sanitarie - Verifica di conformità alla programmazione regionale degli investimenti aziendali di importo superiore alla soglia comunitaria - Attività inerenti il patrimonio degli enti e delle aziende sanitarie.
Servizio 4 - Programmazione ospedaliera
Aziende sanitarie pubbliche - Rapporti con i policlinici universitari della Regione per gli aspetti tecnici sanitari - Progettazione di modelli organizzativi dell’assistenza ospedaliera - Centri di riferimento regionali - Ospedali classificati, IRCSS, sperimentazioni gestionali e ospedalità accreditata - Ospedalizzazione domiciliare - Pareri ed autorizzazioni
afferenti la materia - Trapianti di organi e tessuti - Adempimenti tecnico-sanitari sulle istanze di ricovero extraregionale. Criteri per la definizione dei budget.
Servizio 5 - Economico-finanziario
Intesa Stato-Regioni in ordine alla dotazione e ripartizione del Fondo
sanitario nazionale - Rapporti con l’Assessorato regionale del bilancio e
delle finanze - Monitoraggio dei capitoli di bilancio - Programmazione ed
assegnazione alle aziende e agli enti sanitari delle risorse del Fondo
sanitario regionale - Bilanci e conti consuntivi delle aziende - Controllo
sulla spesa sanitaria - Finanziamento delle quote mensili in favore delle
aziende ed enti sanitari. Determinazione tariffe - Determinazione degli
aggregati di spesa regionali e ripartizione provinciale dei relativi tetti di
spesa - Monitoraggio e relative verifiche - Provvedimenti amministrativi in
ordine a ticket ed esenzione per patologia e reddito, anche in raccordo con il
competente servizio del dipartimento per le attività sanitarie e osservatorio
epidemiologico - Verifiche e controlli amministrativi delle attività -
Definizione dei budget.
Servizio 6 - Programmazione dell’emergenza
Adempimenti amministrativi e contabili relativi al servizio di soccorso
regionale terrestre, al servizio di elisoccorso regionale ed ai servizi
telefonici afferenti il numero unico di chiamata del "118" - Monitoraggio
attività SUES "118" - Coordinamento ed indirizzo delle centrali operative del
servizio urgenza emergenza sanitarie (SUES) "118".- Supporto ad organismi
direttivi e di coordinamento in materia di emergenza-urgenza. Emergenza
sanitaria - Coordinamento aspetti sanitari nel campo della protezione civile -
Servizio civile in sanità.
Servizio 7 - Farmaceutica
Politiche regionali del farmaco. Prontuario terapeutico ospedaliero della
Regione siciliana - Atti di indirizzo relativi a: assistenza farmaceutica
diretta e distrettuale, assistenza farmaceutica ospedaliera, sperimentazione
clinica dei farmaci - Farmacovigilanza e vigilanza sui dispositivi medici.
Verifica quali-quantitativi delle prescrizioni - Farmacoeconomia - Farmacie
pubbliche e private: approvazione piante organiche, concorsi, autorizzazione
ai trasferimenti di sedi farmaceutiche per decentramento o in sede di pianta
organica delle farmacie - Farmacie rurali - Presidi farmaceutici di emergenza -
Autorizzazione alla commercializzazione all’ingrosso dei medicinali e dei gas
medicali.
Servizio 8 - Programmazione territoriale ed integrazione socio-sanitaria
Organizzazione e razionalizzazione dei distretti sanitari - Sviluppo rete dei
punti territoriali di assistenza - Rete delle strutture specialistiche, di
diagnostica e di laboratorio - Rapporti con le associazioni dei familiari e
del volontariato per le materie di competenza. Applicazione decreto
legislativo 230 del 1999. Organizzazione e strutturazione dei servizi sanitari
presso gli istituti penitenziari in raccordo con le autorità agli stessi
preposte. Gestione albi regionali afferenti il settore - Promozione
dell’integrazione socio-sanitaria ed attuazione dei relativi interventi -
Rapporti con le organizzazioni sindacali rappresentative delle categorie della
specialistica convenzionata. Criteri per la definizione dei budget. Dialisi -
Medicina sociale ed umanitarie e dei migranti. Assistenza integrativa e
protesica - Consultori familiari - Continuità terapeutica assistita -
Politiche del territorio in coerenza ed accordo con le politiche orientate
alla tutela delle fasce di popolazione deboli.
Servizio 9 - Tutela della fragilità
Azioni a tutela delle disabilità, della salute mentale, delle dipendenze
patologiche e delle diverse fragilità - Medicina riabilitativa - Rete delle
lungo-assistenze (residenze sanitarie assistite e lungo-degenze) e degli
hospice - Assistenza domiciliare e domiciliare integrata - Assistenza agli
anziani.
Servizio 10 - Isole minori
Valutazione dei bisogni delle popolazioni delle isole minori con particolare
riferimento alla domanda diagnostica - Coordinamento dei servizi e dei modelli
di offerta - Politiche di facilitazione nell’accesso alle prestazioni -
Continuità assistenziale.
DIPARTIMENTO REGIONALE PER LE ATTIVITÀ SANITARIE E OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO
Area interdipartimentale 5 - Accreditamento istituzionale
Pianificazione del sistema di accreditamento - Istruttoria e verifica, anche
mediante gestione informatizzata, delle istanze di accreditamento in
coordinamento con i competenti servizi dipartimentali - Predisposizione,
aggiornamento periodico e pubblicazione, anche sul sito web dell’assessorato,
dell’elenco delle strutture pubbliche e private soggette ad accreditamento
istituzionale - Controllo sul mantenimento dei requisiti e sulle attività
svolte dalle aziende sanitarie in materia di accreditamento.
Area interdipartimentale 6 - Progetti, ricerca e innovazione
Promozione, elaborazione, coordinamento e monitoraggio dei programmi di
investimento, dei programmi di intervento intersettoriali e dei programmi di
finanziamento - Coordinamento, ricerca di finanziamenti e supporto alla
programmazione regionale degli investimenti in sanità ed alla pianificazione
strategica nei settori delle infrastrutture, edilizia sanitaria, patrimonio
immobiliare, dotazione tecnologiche ed informatizzazione del servizio
sanitario regionale - Valutazione ex ante e verifica ex post dei piani e
programmi di investimento comunitari - Internalizzazione e progetti di
cooperazione internazionale - Progetti di ricerca finalizzata - Programmi di
ricerca comunitari - Progetti di ricerca finalizzati alla prevenzione e cura
della talassemia - programmi di ricerca nazionale - Promozione della ricerca.
Area interdipartimentale 7 - Formazione e comunicazione
Formazione e aggiornamento del personale sanitario e amministrativo -
Realizzazione programmi formativi - ECM - Rapporti con il C.E.F.P.A.S -
Campagne di aggiornamento su temi specifici - Ufficio relazioni con il
pubblico - Piani di comunicazione.
Area 1 - Coordinamento, affari generali e comuni
Organizzazione, formazione e gestione del personale del Dipartimento -
Rapporti con le OO.SS. e le associazioni di volontariato e degli utenti -
Attività di raccordo e coordinamento dei rapporti con la conferenza unificata
e la conferenza Stato-Regioni, con le altre regioni, con gli organi
istituzionali e gli altri dipartimenti e con gli enti ed organismi operanti
nel settore sanitario per le materie di competenza - Supporto al dirigente
generale negli affari di competenza del dipartimento - Controllo di gestione -
Valutazione della dirigenza.
Area 2 - Nucleo ispettivo e vigilanza
Verifiche ed ispezioni in ordine alle attività espletate dalle Aziende ed enti
sanitari, con particolare riguardo agli aspetti tecnico-sanitari.
Servizio 1 - Igiene pubblica
Igiene ambientale e tutela delle acque - Profilassi e sorveglianza malattie
infettive e diffusive - Coordinamento interventi a tutela della salute
pubblica - Sistemi sorveglianza dedicati - Rete medici sentinella -
Pianificazione programmi di screening sanitari - Piano pandemico nazionale e
regionale - Sieri e vaccini - Campagne informative e vaccinali, monitoraggio
coperture ed anagrafe vaccinale - Acque minerali e termali - Acque di
balneazione - Stabilimenti termali e termalismo terapeutico, rilascio di
autorizzazioni.
Servizio 2 - Promozione della salute
Progettazione e realizzazione dei piani di prevenzione - Programmi di
educazione alla salute: stili di vita, progetti di prevenzione del tabagismo,
valutazione delle abitudini e dei consumi alimentari e progetti di promozione
di una corretta alimentazione - Sorveglianza nutrizionale - Prevenzione delle
malattie cronico-degenerative correlate all’alimentazione - Progetti di
prevenzione dal consumo di bevande alcoliche - Progetti di promozione della
mobilità e delle attività fisiche - Partecipazione a programmi di prevenzione
nazionali e comunitari.
Servizio 3 - Tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro
Prevenzione delle malattie professionali e degli infortuni sul lavoro -
Radioprotezione - Coordinamento delle attività di sorveglianza sanitaria dei
medici competenti - Epidemiologia occupazionale - Gestione del sistema
informativo regionale per la prevenzione, gestione dei fabbisogni informativi
e formativi - Autorizzazioni - Vigilanza - Promozione di programmi di
attività - Produzione di linee guida e procedure uniformi in ambito regionale.
Servizio 4 - Igiene degli alimenti
Elaborazione e gestione dei piani regionali per il controllo ufficiale degli
alimenti - Igiene della produzione, trasformazione, commercializzazione,
conservazione e trasporto degli alimenti e delle bevande - Sicurezza
alimentare - Acque destinate al consumo umano - Sorveglianza sulle malattie
trasmissibili con gli alimenti - Interventi nutrizionali per la ristorazione
collettiva (scuole, attività socio-assistenziali, mense aziendali) -
Sorveglianza nella commercializzazione e nell’utilizzo di prodotti
fitosanitari.
Servizio 5 - Qualità, governo clinico e sicurezza dei pazienti
Valutazione, anche attraverso la progettazione e sviluppo di metodi dedicati,
dei servizi, delle prestazioni e dell’attività sanitaria - Monitoraggio
informatizzato delle attività e delle prestazioni - Verifica e monitoraggio in
ordine ai livelli essenziali di assistenza - Valutazioni quali-quantitativa
delle prestazioni sanitarie - Appropriatezza - Governo clinico.
Servizio 6 - Trasfusionale
Piano sangue regionale - Centro trasfusionale sangue - Rete dei centri di
immuno-ematologia e medicina trasfusionali - Banca del sangue e del cordone -
Associazioni donatori volontari di sangue - Rete regionale della talassemia -
Controllo dei consumi dei prodotto derivati dal sangue nei presidi pubblici e
privati e nelle farmacie esterne.
Servizio 7 - Osservatorio epidemiologico
Sorveglianza dello stato di salute della popolazione regionale e dei relativi
fattori di rischio attraverso strumenti e metodi epidemiologici.
Servizio 8 - Osservatorio veterinario
Studio, sorveglianza e valutazione dello stato sanitario del patrimonio
zootecnico - Analisi del rischio - Epidemiologia veterinaria - Gestione dei
relativi dati informativi - Anagrafe della popolazioni animali.
Servizio 9 - Sanità veterinaria
Profilassi generale, sorveglianza, controllo e profilassi delle malattie
contagiose degli animali e di quelle che provocano emergenze zoo-sanitarie,
nonché, in particolare dell’influenza aviaria e della malattia di Newcastle,
delle pesti suine, della blue tongue, della west nile desease e altre epidemie
e delle malattie esotiche - Coordinamento e gestione degli interventi di
emergenza veterinaria, unità regionale di crisi - Polizia veterinaria - Scambi
intracomunitari ed import-export di animali vivi, alimenti per animali,
embrioni, materiale seminale ed ogni altro prodotto di derivazione animale -
Strutture veterinarie e pubblicità sanitaria - Igiene urbana veterinaria,
prevenzione del randagismo e tutela del benessere animale - Controlli
sull’alimentazione animale, sullo smaltimento dei sottoprodotti di origine
animale e sugli stabilimenti di produzione e commercializzazione di alimenti
per animali - Igiene e sanità degli allevamenti, delle produzioni animali e
della riproduzione animale - Sperimentazione animale - Vigilanza sull’istituto
zooprofilattico sperimentale della Sicilia.
Servizio 10 - Valutazione delle tecnologie sanitarie
Analisi delle implicazioni medico-cliniche, sociali, organizzative,
economiche, etiche e legali delle tecnologie. Valutazioni dell’efficacia,
sicurezza, costi, impatto sociale e organizzativo e produzione di linee guida.

ASSESSORATO REGIONALE DEL TERRITORIO E DELL’AMBIENTE
DIPARTIMENTO REGIONALE DELL’AMBIENTE

Aree
Area 1ª (Dipartimentale) - Affari generali e comuni
Affari del dipartimento e gestione delle risorse umane; gestione logistica del
personale; repertorio del dipartimento; archivio storico; rapporti con la
ragioneria centrale; segreteria organi collegiali.
Vigilanza sull’attività istituzionale dell’agenzia regionale per la protezione
dell’ambiente e esercizio sugli indirizzi programmatici anche in raccordo con
i servizi del dipartimento.
Predisposizione delle proposte di bilancio della Regione, e relative
variazioni, monitoraggio della gestione delle risorse finanziarie; bilancio e
contabilità relativi alla gestione dei canoni concessori e degli indennizzi di
cui al cap. 2871 del bilancio della Regione, a norma del D.P.R. n. 684/77 e
dell’art. 7 della legge regionale n. 15/05; attività successive connesse alla
verifica e contabilizzazione dell’avvenuto versamento dei canoni concessori e
degli indennizzi; coordinamento con gli uffici periferici del demanio
marittimo per gli aspetti contabili e finanziari; coordinamento dell’attività
relativa alle interrogazioni parlamentari e dell’attività ispettiva
dell’A.R.S. Coordinamento generale in materia di attuazione di piani,
programmi, accordi di programma, intese definiti in base alla legislazione
vigente; verifica dello stato di avanzamento dei piani e dei programmi di
competenza del dipartimento. Gestione contributi per ricerche e studi
sull’assetto del territorio e la tutela dell’ambiente, comprese pubblicazioni,
convegni e seminari. Acquisto di beni e servizi. Gestione delle utenze.
Attività del consegnatario. Servizio per adempimenti sicurezza lavoratori.
Attività residuali relative al P.O.R. 2000/2006: Monitoraggio dei fondi
comunitari; attività connesse ai controlli di 1° livello; attività di analisi
e rendicontazione delle misure del P.O.R. 2000/2006.
Monitoraggio interventi strutturali P.O. FESR 2007/2013 di competenza del
dipartimento. Validazione dei dati finanziari, procedurali e fisici. Controlli
in loco - Certificazione P.O. FESR 2007/2013. Previsioni di spesa. Programma
dei controlli. Piste di controllo. Certificazione e rendicontazione controlli
in loco - Monitoraggio semestrale e rendicontazione A.P.Q. ed altri interventi
extra-regionali.
Segreteria del dirigente generale.
Controllo di gestione.
Valutazione della dirigenza.
Area 2ª (Dipartimentale) - Programmazione e coordinamento programmi comunitari
Programmazione e coordinamento delle strategie ambientali e territoriali
inerenti la programmazione unitaria con riguardo ai processi di integrazione,
complementarietà, demarcazione dei programmi operativi FESR, FEARS, FEARS-PSR,
POIN, PAIN; coordinamento delle attività di assistenza tecnica a valere dei
programmi comunitari, nazionali e regionali; studio e programmazione degli
interventi in materia ambientale inerenti lo sviluppo sostenibile, le eco-
innovazioni la programmazione dei regimi di aiuto; programmazione e
coordinamento delle attività inerenti la cooperazione internazionale
(INTERREG, P.O. MED, ENPI) e il programma LIFE in coerenza con le strategie e gli obiettivi della programmazione unitaria 2007-2013.
Coordinamento delle attività di predisposizione delle domande di candidatura a valere dei singoli bandi e promozione delle reti partneriali; organizzazione,
diffusione ed assistenza alla compilazione dei format di candidatura;
partecipazione ai lavori del gruppo misto GICT per la formulazione delle proposte di candidature alla Giunta di Governo: monitoraggio delle attività discendenti dai progetti finanziati all’assessorato, sia come capofila che come partner; organizzazione e standardizzazione di procedure per
l’attivazione di progetti finanziati; raccolta e diffusione dei prodotti
esitati dai responsabili o gruppi di progetto incaricati dell’attuazione degli stessi.
Indirizzo e coordinamento delle attività di attuazione della programmazione
unitaria e supporto alle direzioni dell’assessorato e ai servizi competenti per materia in ordine a:
- processi di demarcazione e complementarietà delle operazioni contenute nei programmi della programmazione unitaria (P.O. FESR, PAR FAS, P.O. FEARS, P.O. FSE);
- progettazione, attività e realizzazione dei piani di sviluppo del POIN - PAIN;
- progettazione integrata e attività dell’asse VI del P.O. FESR (PIST, PISU).
Indirizzo e coordinamento delle attività attinenti l’attuazione dei regimi di aiuti e supporto alle direzioni e ai servizi competenti per materia; supporto alle direzioni in ordine alla progettazione e applicazione dei progetti eco innovativi nelle produzioni e nei prodotti, con particolare riferimento
all’attuazione dei regimi di aiuti.
Area 3ª (Interdipartimentale) - Comunicazione istituzionale
Gestione del sito internet-intranet; formazione personale; biblioteca ed emeroteca; posta; protocollo informatico; statistiche ambientali e territoriali; contabilità ambientale; diffusione della conoscenza degli strumenti di pianificazione territoriale ed ambientale; gestione del sistema informativo regionale ambientale; sistema informatico e tecnologico (CED).
Ufficio relazioni con il pubblico, adempimenti ex art. 30 D.P.R. n. 11/95 e legge n. 150/00; rilevazione della customer satisfaction. Servizio spedizione.
Gestione del centro stampa. Funzioni di documentazione e biblioteca.
Programmazione e gestione del sistema informativo ambientale (S.I.R.A.) e raccordo con i servizi del dipartimento e le altre strutture dipartimentali ed extradipartimentali. Gestione e governance dei seguenti sistemi informativi:
PAI, SIRA, SIF, reti di monitoraggio e sistema informativo ARPA, carta della natura, PIR RES, piani di gestione rete natura 2000, SIVVI.
Servizi
Servizio 1° - Valutazione ambientale strategica e valutazione impatto ambientaleValutazione ambientale strategica; monitoraggio e sorveglianza attuazione programmi comunitari; valutazione ambientale di piani con significativi aspetti sull’ambiente; educazione ambientale, informazione e documentazione;
gestione agenda 21 (delibera CIPE 28 dicembre 1993; EMAS) implementazione politiche ambientali presso enti locali; sistemi di gestione ambientale regolamento comunitario n. 1836/93; sviluppo sostenibile; relazione stato dell’ambiente; svolgimento dei compiti assegnati all’autorità ambientale; gestione dei fondi comunitari (misura 1.01/A, azioni A.1 ed A.2); pronuncia di compatibilità ambientale di competenza regionale ex art. 91 legge regionale n. 6/2001; parere regionale per la pronuncia di compatibilità del Ministero dell’ambiente; valutazione di incidenza ex art. 5 D.P.R. n. 357/97;
valutazione danno ambientale, fiscalità e meccanismi tariffari; segreteria comitato regionale tutela ambiente; autorizzazione integrata ambientale ex art. 132 legge regionale n. 6/2001; competenze residuali art. 161 legge regionale n. 25/93; competenze ex decreto legislativo n. 152/2006 per la posa in mare di cavi e condotte e l’immersione di materiale da scavo;
autorizzazioni per gli interventi di tutela della fascia costiera ex legge n. 179/2002; recuperi ambientali delle attività di cava.
Servizio 2° - Tutela dall’inquinamento atmosferico, acustico, elettromagnetico
Autorizzazioni ex decreto legislativo n. 152/2006; piani di risanamento della qualità dell’aria; gestione e coordinamento C.P.T.A ex art. 16 legge regionale n. 39/77; valutazione impatto inquinanti atmosferici sulla biodiversità ed ecosistemi; autorizzazioni alle emissioni in atmosfera ex decreto legislativo n. 152/2006; piani di risanamento della qualità dell’aria ed attività connesse con l’applicazione del decreto legislativo n. 351/99; valutazione impatto inquinanti atmosferici sulla biodiversità ed ecosistemi, con riferimento alla vegetazione per gli aspetti relativi al D.M. n. 60/2002; autorizzazioni allo scarico delle pubbliche fognature ex art. 40 legge regionale n. 27/1986;
segreteria della C.P.T.A. ed ufficio di collegamento con la Provincia ex art. 11 legge regionale n. 40/1995.
Piani di risanamento dall’inquinamento acustico ed elettromagnetico ed adempimenti (vigilanza, catasto, fonti, ecc.) connessi all’applicazione delle leggi n. 447/1995 e n. 36/2001; applicazione direttiva "Seveso decreto legislativo n. 334/99".
Servizio 3° - Assetto del territorio e difesa del suolo
Piano di assetto idrogeologico del territorio ex legge n. 267/98; rilevamento caratteristiche bacini idrografici ex D.P.R. 18 luglio 1995; carta inventario fenomeni franosi (progetto IFFI) ex legge n. 183/89; programmazione e gestione finanziaria degli interventi in materia di difesa del suolo e idrogeologica ex art. 10 legge n. 183/89 e legge n. 267/98; gestione finanziaria degli interventi in materia di difesa del suolo e monitoraggio delle aree in frana, previsti dal P.O.R. Sicilia 2000/2006; carta geologica (progetto CARG) ex legge n. 67/88, legge n. 305/88, legge n. 438/95 e legge 226/99;
individuazione di aree soggette o minacciate da fenomeni di siccità; degrado del suolo e processi di desertificazione; pianificazione e gestione finanziaria degli interventi a difesa delle coste; a valere fondi regionali, nazionali e comunitari; opere marittime di difesa delle coste; verifica tecnica degli interventi del P.O.R.inerenti la sottomisura 1.01, azione a.4 (controllo e monitoraggio ambientale), attinenti con la materia trattata dal servizio.
Servizio 4° - Protezione patrimonio naturale
Pianificazione in materia di aree naturali protette; segreteria consiglio regionale protezione patrimonio naturale; gestione aree naturali protette;
controlli di legittimità ex art. 10 legge regionale n. 71/95; gestione
finanziaria interventi a valere fondi regionali, nazionali e comunitari misura 1.11 e misura 1.13; gestione convenzione con Soc. Biosphera; azioni di promozione e divulgazione dei valori naturalistici presenti nella regione, delle attività svolte in materia di protezione del patrimonio naturale e del sistema regionale delle aree protette.
Servizio 5° - Demanio marittimo
Coordinamento e raccordo con gli uffici periferici del demanio marittimo;
gestione e manutenzione delle proprietà sul demanio marittimo; provvedimenti concernenti gli affari sul demanio marittimo ex codice navigazione; nulla osta ex art. 18 legge regionale n. 21/85; dichiarazione di disponibilità ex art. 23 legge regionale n. 37/85; gestione canoni e vigilanza; ricorsi, contenzioso,
sanzioni amministrative; sistema informativo del demanio marittimo (SIDERS
I); opere marittime (ad esclusione di quelle a difesa delle coste); verifica
tecnica degli interventi P.O.R. inerenti la sottomisura 1.01, azione a.4
(controllo e monitoraggio ambientale), attinenti la materia trattata dal
Servizio. Adempimenti relativi alla legge n. 15/2005; coordinamento con gli uffici periferici del demanio marittimo per gli aspetti amministrativi.
Servizio 6° -
Inventario impianti a rischio di incidenti rilevanti ex decreto legislativo n. 349/1999. Piani di risanamento ambientale delle aree ad elevato rischio di crisi ambientale individuate con delibera del Consiglio dei Ministri ai sensi dell’art. 7 della legge n. 349/86; competenze residuali di cui all’ordinanza n. 3072 del 21 luglio 2000 di protezione civile; espressione pareri
preliminari sui provvedimenti di competenza della Regione e degli enti locali;
gestione rapporti con università e con A.R.P.A. per l’aggiornamento e l’attuazione dei piani di risanamento. Attività di collaborazione con le prefetture di Caltanissetta e Siracusa per la definizione delle attività
previste nei piani; coordinamento regionale agenda 21 locale Sicilia;
coordinamento e rapporti con enti e strutture esterne nelle aree ad elevato rischio di crisi ambientale; pianificazione e gestione delle aree ad elevato rischio di crisi ambientale di Siracusa, Gela e del comprensorio del Mela.
Servizio 7° - Pianificazione e governance acque e rifiuti
Direttiva comunitaria 2000/60/CEE; attuazione delle direttive comunitarie in materie di tutela delle acque; atti di indirizzo e coordinamento, direttive, pareri, consulenze, riguardo:
- la normativa in materia di acque di scarico di natura civile ed industriale in fognatura e fuori dalla fognatura;
- la normativa nazionale e regionale in materia di reflui di varia natura (effluenti da allevamenti zootecnici, acque di vegetazione, etc.).
Approvazione degli strumenti di programmazione fognaria e depurativa dei comuni (PARF); tavolo tecnico regionale delle acque per l’attuazione delle direttive comunitarie in materia di inquinamento delle acque da sostanze pericolose (nitrati, etc.); piano di tutela delle acque; piani di gestione dei
bacini idrografici; definizione stato di qualità dei corpi idrici e degli
obiettivi di qualità e classificazione in funzione degli obiettivi di qualità;
valutazione dell’impatto dell’inquinamento da fonte puntuale o diffusa.
Coordinamento e segreteria del tavolo tecnico regionale sulle acque;
protezione zone vulnerabili da nitrati di origine agricola e da prodotti fitosanitari; raccolta, catalogazione e diffusione delle informazioni relative ai sistemi delle acque superficiali e sotterranee, nonché a quelli
socioeconomici correlati.
Governance delle attività relative alla gestione dei rifiuti; pianificazione, programmazione; valutazione degli effetti ambientali relativi alle attività poste in essere dai dipartimenti competenti; interconnessione delle
problematiche ambientali relative all’inquinamento puntuale da discariche (suolo, aria, acqua).
Servizio 8° - Affari giuridici e contenzioso
Gestione contenzioso, liti ed arbitraggi; ufficio gare e acquisti, - Supporto giuridico al dirigente generale nelle attività di coordinamento delle
strutture intermedie; supporto al dirigente generale nell’attribuzione di incarichi di lavoro autonomo D.L. 30 marzo 2001, n. 165 e successive modifiche; supporto legale al dirigente generale nei contenziosi afferenti le materie di competenza del dipartimento con esclusione del contenzioso del lavoro; supporto al dirigente generale nel coordinamento dei rapporti con magistratura ordinaria e speciale, ivi compresa la Corte dei conti, organismi di polizia e prefettura e tenuta schedario provvedimenti esecutivi concernenti divieti, decadenze e sospensioni previsti dalle leggi vigenti nelle materie di competenza del dipartimento; supporto al dirigente generale nella formulazione dei contratti individuali di lavoro.
Ufficiale rogante.
DIPARTIMENTO REGIONALE DELL’URBANISTICA
Aree
Area 1ª (Dipartimentale) - Affari generali e comuni
Organizzazione e affari generali:
- gestione corrispondenza: assegnazione e protocollo informatico; servizio spedizione;
- repertorio ed archivio storico degli atti amministrativi;
- gestione risorse umane; contratti di lavoro;
- ufficio relazioni con il pubblico;
- relazioni sindacali;
- programmazione e monitoraggio delle attività amministrative e di gestione del dipartimento;
- piano di lavoro;
- rapporti con il servizio di pianificazione e controllo strategico (Se.Pi.Co.S.);
- gestione del sito internet-intranet del dipartimento;
- proposte formative riguardanti il personale del dipartimento;
- segreteria organi collegiali (ad eccezione della segreteria del C.R.U.);
- attività del Consegnatario; acquisto di beni e servizi; gestione delle utenze;
- funzioni di documentazione e biblioteca;
- adempimenti sicurezza lavoratori;
- ufficiale rogante.
Cura dell’attuazione del controllo di gestione.
Monitoraggio e controllo interventi strutturali P.O.R. 2000/2006 e P.O. FESR 2007/2013 di competenza del dipartimento: validazione dei dati finanziari, procedurali e fisici; controlli in loco; certificazione e rendicontazione autorità di pagamento; previsioni di spesa; programma dei controlli; pista di controllo.
Monitoraggio semestrale e rendicontazione A.P.Q. ed altri interventi extra-regionali diversi da quelli di competenza del Servizio 1.
Coordinamento delle attività e supervisione degli atti di competenza delle unità operative dell’area che non siano oggetto di incarico specifico direttamente attribuito ai dirigenti delle stesse unità operative.
Area 2 (Interdipartimentale) - Servizi informativi territoriali, cartografia e pianifi-cazione territoriale regionale
Gestione dei sistemi informativi territoriali regionali (S.I.T.R.):
- attività connesse alla completa attuazione dell’accordo di programma relativo alla realizzazione del sistema informativo territoriale regionale (S.I.T.R.) , a valere sulla misura 5.05 P.O.R. 2000-2006 (Servizio 1);
- attività di supporto, coordinamento e raccordo per l’avvio del centro regionale S.I.T.R e del sistema informativo catasto siciliano (S.I.C.S.);
- programmazione e gestione del SIT urbanistico territoriale, del sistema informativo territo-riale regionale (S.I.T.R.) e del sistema informativo ambientale (S.I.R.A); raccordo con i servizi del dipartimento urbanistica e le altre strutture dei dipartimenti regionali.
Servizio cartografico, informativo e statistiche territoriali:
- gestione dell’archivio cartografico e fotografico;
- realizzazione cartografica di base e tematica con gestione tecnico-amministrativa sulla materia di competenza; appalti cartografici di competenza dell’assessorato;
- raccolta sistematica e/o informatizzata dei dati ambientali e territoriali, telerilevamento ed elaborazione dati;
- informatizzazione strumenti urbanistici e relative procedure
- gestione delle statistiche territoriali e delle attività del SISTARS;
- gestione dell’archivio generale dell’urbanistica;
- attività discendenti dall’applicazione dell’articolo 49, comma 3, della legge regionale 8 febbraio 2007, n. 2.
Pianificazione territoriale regionale:
- attività di studio, di ricerca e di documentazione per la definizione della pianificazione territoriale regionale;
- aggiornamento del piano territoriale urbanistico regionale (PTUR) e, sulla base delle indicazioni dello stesso, definizione degli indirizzi per la pianificazione provinciale e subregionale;
- diffusione della conoscenza degli strumenti di pianificazione attraverso la loro pubblicazione anche sul sito internet assessoriale;
- coordinamento interregionale degli strumenti di pianificazione territoriale;
- analisi del costante processo di trasformazione territoriale a livello regionale per i necessari aggiornamenti degli strumenti di pianificazione territoriale;
- istruttoria tecnico-amministrativa e provvedimenti sui piani provinciali;
- segreteria del comitato tecnico scientifico e provvedimenti amministrativi del PTUR;
- contributi strutturali e strategici all’ufficio del dipartimento competente alla gestione dei progetti comunitari.
Coordinamento delle attività e supervisione degli atti di competenza delle unità operative dell’area che non siano oggetto di incarico specifico direttamente attribuito ai dirigenti delle stesse unità operative.
Servizi
Servizio 1 - Fondi comunitari, statali e regionali
Gestione fondi comunitari FESR: P.O.R. 2000/2006 e P.O. 2007/2013:
- attività connesse alla completa attuazione delle misure assegnate P.O.R. Sicilia 2000/2006 al dipartimento;
- programmazione e gestione dei fondi strutturali P.O. FESR 2007/2013 di competenza del dipartimento;
- rapporti con il dipartimento della programmazione.
Progetti comunitari:
- gestione di iniziative sia propositive che progettuali inerenti alla partecipazione del dipartimento e progetti comunitari (INTERRG, MED, LIFE, ecc.);
- rapporti con la Comunità europea ed altri soggetti che a vario titolo partecipano alle inizia-tive (Stati, Regioni, Ministeri , ecc.);
- gestione tecnico-amministrativa dei progetti comunitari discendenti dagli strumenti di concertazione programmata e di attuazione degli accordi di programma quadro e gestione finanziaria dei fondi assegnati al dipartimento.
Contributi per la pianificazione:
- coordinamento attività interna in materia di finanziamenti extraregionali;
- programmi di intervento su fondi regionali ed extraregionali di competenza;
- incentivi per la formazione degli strumenti urbanistici degli enti locali (spese per la redazione dei piani urbanistici);
- gestione delle leggi speciali, di quelle relative ai centri storici ed inerenti il finanziamento dei piani di recupero ex legge regionale n. 37/85 e della legge regionale n. 25/93.
Coordinamento delle attività e supervisione degli atti di competenza delle unità operative del servizio che non siano oggetto di incarico specifico direttamente attribuito ai dirigenti delle stesse unità operative.
Servizio 2 - Affari urbanistici Sicilia occidentale (province di Palermo, Agrigento e Trapani)
Istruttoria preliminare tecnico-amministrativa degli atti da sottoporre al Consiglio regionale urbanistica.
Provvedimento finale di reiezione delle pratiche sottoposte al CRU.
Trattazione tecnico-amministrativa e provvedimento finale delle pratiche escluse dalla competenza del C.R.U.
Ogni istruttoria e parere derivante da leggi di carattere urbanistico sulle province di competenza.
Istruttoria preliminare e predisposizione di proposta di intervento sostitutivo per la rideterminazione urbanistica delle c.d. "zone bianche".
Coordinamento dei procedimenti urbanistici e degli interventi degli enti istituzionali relativi ad opere di interesse pubblico da realizzare in variante alle previsioni degli strumenti urbanistici generali e di attuazione.
Coordinamento delle attività e supervisione degli atti di competenza delle unità operative del servizio che non siano oggetto di incarico specifico direttamente attribuito ai dirigenti delle stesse unità operative.
Servizio 3 - Affari urbanistici Sicilia centrale e nord-orientale (province di Messina, Caltanissetta e Enna)
Istruttoria preliminare tecnico-amministrativa degli atti da sottoporre al Consiglio regionale urbanistica.
Provvedimento finale di reiezione delle pratiche sottoposte al C.R.U.Trattazione tecnico-amministrativa e provvedimento finale delle pratiche escluse dalla competenza del C.R.U.
Ogni istruttoria e parere derivante da leggi di carattere urbanistico sulle province di competenza.
Istruttoria preliminare e predisposizione di proposta di intervento sostitutivo per la rideterminazione urbanistica delle c.d. "zone bianche".
Coordinamento dei procedimenti urbanistici e degli interventi degli enti istituzionali relativi ad opere di interesse pubblico da realizzare in variante alle previsioni degli strumenti urbanistici generali e di attuazione.
Coordinamento delle attività e supervisione degli atti di competenza delle unità operative del servizio che non siano oggetto di incarico specifico direttamente attribuito ai dirigenti delle stesse unità operative.
Servizio 4 - Affari urbanistici Sicilia sud-orientale (province di Catania, Ragusa e Siracusa)
Istruttoria preliminare tecnico-amministrativa degli atti da sottoporre al Consiglio regionale urbanistica.
Provvedimento finale di reiezione delle pratiche sottoposte al C.R.U.Trattazione tecnico-amministrativa e provvedimento finale delle pratiche escluse dalla competenza del C.R.U.
Ogni istruttoria e parere derivante da leggi di carattere urbanistico sulle province di competenza.
Istruttoria preliminare e predisposizione di proposta di intervento sostitutivo per la rideterminazione urbanistica delle c.d. "zone bianche".
Coordinamento dei procedimenti urbanistici e degli interventi degli enti istituzionali relativi ad opere di interesse pubblico da realizzare in variante alle previsioni degli strumenti urbanistici generali e di attuazione.
Coordinamento delle attività e supervisione degli atti di competenza delle unità operative del servizio che non siano oggetto di incarico specifico direttamente attribuito ai dirigenti delle stesse unità operative.
Servizio 5 - Vigilanza urbanistica
Istruttoria e provvedimenti relativi all’accertamento di violazioni di leggi e regolamenti in materia urbanistica.
Interventi sostitutivi nei confronti degli enti inadempienti.
Abusivismo edilizio e istruttoria tecnico-amministrativa degli affari inerenti violazioni edilizie nei parchi e nelle riserve.
Istruttoria preliminare tecnico-amministrativa delle richieste di parere ex art. 24 della legge regionale n. 37/1985 da sottoporre al CRPPN e provvedimento finale.
Coordinamento dell’osservatorio regionale delle violazioni urbanistiche, edilizie e sanatoria, e implementazione e gestione delle banche dati.
Accertamenti disposti dal T.A.R. e dal C.G.A.
Coordinamento delle attività e supervisione degli atti di competenza delle unità operative del servizio che non siano oggetto di incarico specifico direttamente attribuito ai dirigenti delle stesse unità operative.
Servizio 6 - Varianti urbanistiche relative alle conferenze di servizio
Coordinamento dei procedimenti relativi alle varianti urbanistiche discendenti
da conferenze di servizio disposte in applicazione delle seguenti disposizioni
di legge: art. 5, D.P.R. n. 447/1998 e successive modifiche ed integrazioni
(sportello unico per le attività produttive); art. 89, commi 1 e 13, legge
regionale n. 6/2001 (PRUSST); art. 1, comma 1, lett. e), punto 3, legge
regionale n. 48/1991 (Accordo di programma); D.P.R. n. 383/1994 - decreto legislativo n. 163/2006, art. 166, commi 3 e 4 e art. 168 (opere statali);
altre conferenze disposte da ordinanze ministeriali e richieste da altri enti.
Attività discendenti dall’applicazione dell’articolo 49, comma 2, della legge regionale 8 febbraio 2007, n. 2.
Coordinamento delle attività e supervisione degli atti di competenza delle unità operative del servizio che non siano oggetto di incarico specifico direttamente attribuito ai dirigenti delle stesse unità operative.
Servizio 7 - Segreteria del Consiglio regionale urbanistica (C.R.U.) e provvedimenti ammi-nistrativi
Adempimenti amministrativi e contabili di segreteria relativi al funzionamento del C.R.U.
Provvedimenti finali approvativi, in dipendenza dei voti espressi dal Consiglio regionale urbanistica, relativi ai piani regolatori generali ed attuativi ed alle varianti urbanistiche.
Provvedimenti finali, in dipendenza dei pareri espressi dai gruppi di lavoro degli affari urbanistici, secondo le vigenti direttive.
Coordinamento delle attività e supervisione degli atti di competenza delle unità operative del servizio che non siano oggetto di incarico specifico direttamente attribuito ai dirigenti delle stesse unità operative.
Servizio 8 - Ufficio consultivo e contenzioso dell’urbanisticaSupporto allo svolgimento delle funzioni proprie del dirigente generale in materia urbanistica, con riguardo anche alla predisposizione di proposte normative.
Richieste di parere agli organi consultivi della Regione.
Coordinamento delle attività inerenti le interrogazioni e le interpellanze parlamentari in materia urbanistica.
Rapporti extra regionali in materia urbanistica.
Trattazione dei quesiti in materia urbanistico-edilizia posti dagli enti ed uffici pubblici e predisposizione dei relativi pareri.
Gestione informatizzata di banche dati relative a circolari, quesiti e pareri del dipartimento e degli organi consultivi regionali riguardanti la materia urbanistico-edilizia.
Istruttoria e trattazione degli affari del contenzioso dell’urbanistica.
Coordinamento delle attività e supervisione degli atti di competenza delle unità operative del servizio che non siano oggetto di incarico specifico direttamente attribuito ai dirigenti delle stesse unità operative.
COMANDO DEL CORPO FORESTALE DELLA REGIONE SICILIANA
1 - Area affari generali
Segreteria del dirigente generale - gestione risorse umane - R.A.P. - cassa - relazione sindacali e applicazione contrattualistica collettiva rapporti con il bilancio. U.R.P. - funzioni di documentazione e biblioteca - protocollo informatico - repertorio - archivio storico - ufficiale rogante - consegnatario - segreterie organi collegiali. Attività strumentali e serventi la struttura, l’organizzazione del lavoro, la sicurezza dei luoghi di lavoro.
Controlli interni; supporto alla verifica dell’operatività delle strutture del dipartimento in termini di efficienza, anche preordinata alla valutazione delle prestazioni individuali di struttura nonché di efficacia e di efficienza dell’azione amministrativa. Supporto all’attività di pianificazione e programmazione strategica inerente le attività del dipartimento. Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
Approvvigionamento di mezzi e strutture di competenza del Comando del Corpo forestale.
2 - Area coordinamento e gestione del Corpo
Coordinamento e vigilanza sulle attività di tutela degli Ispettorati, dei distaccamenti e dei nuclei, ivi compreso il nucleo di vigilanza della R.N.O. Zingaro ed il nucleo operativo regionale; impiego del personale del corpo forestale; funzioni di polizia giudiziaria e di pubblica sicurezza;
giurisdizione dei distaccamenti forestali; servizi straordinari; coordinamento delle attività di protezione civile; rapporti con il dipartimento della Protezione civile (procedure di allertamento, sala operativa regionale, strutture operative, esercitazioni); addestramento del personale del corpo forestale per le attività di competenza. Coordinamento sulla gestione del parco armi e strutture connesse (poligoni di tiro, esercitazioni periodiche);
automezzi del corpo forestale: immatricolazione, abilitazione alla guida, gestione e funzionamento degli automezzi; magazzino, armamento e vestiario.
1. Servizio gestione giuridica ed economica del personaleStato giuridico; procedimenti disciplinari; reclutamento del personale;
inquadramento del personale; trattamento di quiescenza; riscatti e ricongiunzioni. Pagamento emolumenti fondamentali del personale; pagamento salario accessorio del personale e compensi previsti per legge; gestione emolumenti di protezione civile e salvaguardia del territorio dagli incendi;
missioni; rilevazione presenze del personale; adempimenti fiscali e
previdenziali; gestione economica lavoratori A.S.U.
2. Servizio antincendio boschivo
Predisposizione e gestione piani anticendio ed attività connesse.
Coordinamento dell’attività di spegnimento incendi mediante le squadre antincendio.
3. Servizio tutela
Vincolo idrogeologico; direttive concernenti l’applicazione di leggi e regolamenti di competenza del corpo forestale; direttive concernenti l’applicazione delle norme di polizia forestale ed ambientale sui terreni vincolati e di tutela delle aree protette e sottoposte a vincoli speciali.
4. Servizio riserve naturali
Gestione delle riserve naturali della Regione siciliana. Programmazione e coordinamento tecnico delle attività svolte nelle riserve della regione. Piani di gestione e di intervento. Attività promozionali e di ricerca nelle riserve.
Rilascio nulla osta ed autorizzazioni. Competenze sui territori classificati montani. Pianificazione delle risorse regionali e statli destinate ai comuni montani e parzialmente montani ed attuazione degli interventi. Pianificazione, programmazione, progettazione e realizzazione degli interventi di sistemazione idraulica forestale ricadenti nei bacini montani. Analisi, studio e perimetrazione di bacini montani.
5. Servizio Rappresentanza istituzionale
Organizzazione delle attività di rappresentanza del Corpo forestale della Regione siciliana; divulgazione dell’attività istituzionale del dipartimento con particolare riferimento al settore di P.G. e P.S. del Corpo forestale della Regione siciliana; picchetti e Guardia d’onore; coordinamento delle iniziative di comunicazione e di informazione interna ed esterna al dipartimento; coordinamento della banda musicale; rapporti con altri corpi di polizia in ambito nazionale ed europeo; cura, redazione e stampa delle pubblicazioni ufficiali del dipartimento; sito internet.
6. Servizio C.I.T.E.S.
Certificazioni e controlli C.I.T.E.S. protezione della flora e della fauna, inclusa la sorveglianza della applicazione della convenzione di Washington sul commercio internazionale della specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione (C.I.T.E.S.).
7. Servizio Ispettorato ripartimentale delle foreste di Agrigento
8. Servizio Ispettorato ripartimentale delle foreste di Caltanissetta
9. Servizio Ispettorato ripartimentale delle foreste di Catania
10. Servizio Ispettorato ripartimentale delle foreste di Enna
11. Servizio Ispettorato ripartimentale delle foreste di Messina
12. Servizio Ispettorato ripartimentale delle foreste di Palermo
13. Servizio Ispettorato ripartimentale delle foreste di Ragusa
14. Servizio Ispettorato ripartimentale delle foreste di Siracusa
15. Servizio Ispettorato ripartimentale delle foreste di Trapani
Competenze Ispettorati ripartimentali delle foreste: vigilanza sul territorio attraverso i distaccamenti forestali e competenze a livello provinciale.

ASSESSORATO REGIONALE DEL TURISMO, DELLO SPORT E DELLO SPETTACOLO
DIPARTIMENTO REGIONALE DEL TURISMO, DELLO SPORT E DELLO SPETTACOLO

Aree
Area 1 - Affari generali
Gestione delle risorse umane.
Ufficio relazioni con il pubblico.
Affari generali.
Indirizzo, coordinamento e raccordo amministrativo con aree e servizi.
Esame e verifica della coerenza delle proposte e dei provvedimenti.
Rapporti con le organizzazioni sindacali.
Attività di ricerca e proposizione legislativa.
Segreteria del dirigente generale.
Rapporti con enti esterni all’amministrazione regionale.
Registro pareri richiesti.
Servizio fax.
Servizio sicurezza luoghi di lavoro ed adempimenti. decreto legislativo n. 81/2008 proposte formative.
Archiviazione fogli vettore.
Repertorio decreti. Archivio.
Attività del consegnatario e del cassiere.
Ufficiale rogante.
Rapporti con il servizio di pianificazione e di controllo strategico dell’Assessore.
Controlli interni; supporto alla verifica dell’operatività delle strutture del dipartimento in termini di efficienza, anche preordinata alla valutazione delle prestazioni individuali di struttura nonché di efficacia e di efficienza dell’azione amministrativa. Supporto all’attività di pianificazione e programmazione strategica inerente le attività del dipartimento. Monitoraggio legislativo, circolari e pareri nelle materie di pertinenza.
Area 2 - Sviluppo, analisi. bilancio. Attivazione finanziamenti U.E.
Riconoscimento personalità giuridica di competenza dell’Assessorato.
Monitoraggio dello stato di attuazione P.O.R. 2000/2006.
Acquisizione e diffusione direttive, regolamenti, decisioni, ecc.
Acquisizione informazioni fonti di finanziamento comunitario.
Predisposizione iniziative amministrative ed elaborazione attivazione fondi strutturali U.E.
Elaborazione dei progetti di partecipazione a programmi comunitari.
Supporto informatizzazione al dipartimento.
Predisposizione previsione di bilancio e assestamenti.
Piste di controllo.
Attività di controllo.

Servizi
Servizio 1 - Comunicazione, marketing ed accoglienza
Piano regionale di propaganda.
Ospitalità ed Educational Tours.
Attività congressuale e convegnistica.
Incentivi per Charter, Inclusive - Tours.
Campagne Promo-pubblicitarie.
BIT Milano.
Produzione e/o acquisto materiale promo-pubblicitario.
Partecipazione e/o organizzazione borse e fiere.
P.O. FESR 2007/2013: adempimenti sulle materie di competenza.
Progetti speciali di comunicazione.
Progetti speciali di commercializzazione.
Progetti speciali di sponsorizzazione.
Attività di rendicontazione.
Controllo della spesa.
Servizio 2 - Osservatorio turistico"
Banca dati turistici e statistica.
Rapporti ufficio statistica bilancio e Istat.
Piano di propaganda.
Indagini di mercato.
Realizzazione e gestione sito Internet.
P.O. FESR 2007/2013: adempimenti sulle materie di competenza.
Programma triennale e piano operativo annuale legge regionale n. 10/2005.

Servizio 3 - "Servizi turistici regionali, distretti turistici"
Applicazione in materia legge regionale 15 settembre 2005, n. 10 di riforma del turismo.
Distretti turistici.
Associazioni Pro-loco.
Turismo itinerante.
Turismo sociale e giovanile.
Coordinamento servizi turistici regionali. Riconoscimento distretti turistici.
P.O. FESR 2007/2013: adempimenti sulle materie di competenza.
Servizio 4 - "Classificazione alberghiera"
Gestione contributi comunitari.
Concessione ed erogazione contributi eventi calamitosi (legge n. 135/2001).
Contributi statali - CIPE.
Contributi ex art. 16, legge regionale n. 27/96.
Competenze sulla classificazione alberghiera ed extra alberghiera.
P.O. FESR 2007/2013: adempimenti sulle materie di competenza.
Servizio 5 - "Opere pubbliche di valorizzazione turistica"
Opere pubbliche di valorizzazione turistica.
Legge n. 135/2001.
P.O. FESR 2007/2013: adempimenti sulle materie di competenza.
Servizio 6 - "Manifestazioni ed eventi" - "Programmazione e ricercaRedazione Calendario Grandi Manifestazioni.
Campagna pubblicitaria.
Manifestazioni con cofinanziamento regionale.
Iniziative direttamente promosse.
Manifestazioni istituzionalizzate.
P.O. FESR 2007/2013: adempimenti sulle materie di competenza.
Programmazione attività dipartimento nei settori turismo, sport e spettacolo.
Studi e ricerche. Attività di analisi.
Rapporti con le istituzioni provinciali e comunali.
Rapporti con le istituzioni private con gli organismi nazionali ed internazionali.
Servizio 7 - "Cinema. Teatro. Fondazioni teatrali e albo degli imprenditori dello spettacolo".
Fondazione Teatro Massimo.
Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana.
Fondazione Taormina Arte.
Interventi finanziari cinema ed audiovisivo. Film Commission.
Predisposizione normativa di disciplina nella materia concorrente del cinema.
Studio, analisi e memorie.
Incontri nazionali per lo spettacolo.
Istituzione e disciplina dell’Albo regionale degli imprenditori dello spettacolo.
Attività varie collegate.
P.O. FESR 2007/2013: adempimenti sulle materie di competenza.
Servizio 8 - "Sostegno alle attivitÀ’ sportive e impiantisticaSportiva. osservatorio dello sport".
Comitato di programmazione sportiva.
Fondo speciale potenziamento attività sportive legge regionale n. 8/78.
Contributi per manifestazioni sportive.
Contributi società sportive professionistiche e semi-professionistiche dil. legge regionale n. 31/84. Legge regionale n. 18/86 - artt. 1 e 4.
Programma finanziamento enti locali per completamento e adeguamento impianti.
Contributi enti pubblici.
Contributi enti, istituti e società sportive.
Legge n. 65/87 (fondi Stato).
P.O. FESR 2007/2013: adempimenti nelle materie di competenza.
Gestione stralcio Grandi Manifestazioni.
Banca dati sportivi (impiantistica e manifestazioni sportive) e statistica.
Analisi e studio dello sport.
Realizzazione d’informazioni utili al pubblico sul sito Internet del dipartimento.
Attività varie collegate.
Servizio 9 "Tutela prodotto turistico. Marchio Club Sicilia professioni turistiche e agenzie di viaggio".
Marchio "Club Sicilia".
Rapporti con enti ed istituzioni posti a tutela della qualità del prodotto territoriale e sua pianifiazione.
Carta dei diritti del turista di cui alla legge regionale n. 10/2005.
Applicazione in materia della legge regionale n. 10/2005.
Attività propedeutica alla formazione dei soggetti che svolgono professioni turistiche. Predisposizione albi professionali.
Rapporti con enti ed istituzioni, pubblici e privati, di studio e formazione.
Agenzie di viaggio.
Tour operators d’incoming e outgoing.
Agenzie immobiliari turistiche di cui alla legge regionale n. 10/2005.
P.O. FESR 2007/2013: adempimenti sulle materie di competenza.
Servizio 10 - "Servizio turistico di Agrigento"
Servizio 11 - "Servizio turistico di Trapani"
Servizio 12 - "Servizio turistico di Catania"
Servizio 13 - "Servizio turistico di Caltanissetta"
Servizio 14 - "Servizio turistico di Enna"
Servizio 15 - "Servizio turistico di Messina"
Servizio 16 - "Servizio turistico di Palermo"
Servizio 17 - "Servizio turistico di Ragusa"
Servizio 18 - "Servizio turistico di Siracusa"
Competenze:
• "Assistenza ai turisti, agli operatori turistici ed alle società sportive":
- sportello informazioni turistiche;
- aggiornamento pagine web sito Regione, relativo al territorio di competenza;
- assistenza ai turisti, agli operatori turistici ed alle società sportive, anche con strumenti di nuova tecnologia - attività di tutela del turista;
- assistenza, consulenza e supporto tecnico agli operatori turistici pubblici e privati, in raccordo con le strutture del dipartimento;
• "Promozione turistica ed eventi":
- promozione e attuazione interventi autorizzati o delegati dal dipartimento turismo volti a favorire la formazione e la qualificazione dell’offerta turistica locale, la promozione e commercializzazione dei prodotti turistici, la valorizzazione delle risorse turistiche presenti nel territorio, ivi compresi gli eventi volti a incrementare il movimento turistico, a destagionalizzare la domanda e a promuovere il soggiorno dei turisti;
- iniziative ulteriori, autorizzate dal dipartimento turismo, da realizzare in collaborazione con gli enti locali e le associazioni di categoria, finalizzate a:
- promuovere lo sviluppo di marchi di qualità, di certificazione ecologica, di club di prodotto, nonché l’immagine del prodotto turistico locale;
- promuovere il marketing telematico e gestire banche dati e flussi di informazione in collegamento telematico con il dipartimento del turismo, anche a seguito di indagini di mercato, studi e ricerche;
- attività istruttorie demandate dalla sede del dipartimento, con particolare riguardo per le manifestazioni cofinanziate dalla Regione, per le iniziative direttamente promosse e per le manifestazioni istituzionalizzate;
• "Monitoraggio. ispezione e controllo delle attività turistiche e delle manifestazioni sportive, in collaborazione con il dipartimento turismo":
- attività istruttorie, ricognitive, di ispezione e controllo, di esecuzione e di collaborazione, assegnate dal dirigente generale, in raccordo con i servizi, quali ad esempio:
- collaborazione per le attività di controllo di 1° livello sui fondi P.O.R.;
- settore turistico-alberghiero - attività di ispezione, verifica e controllo sui finanziamenti nel territorio di competenza;
- opere pubbliche di valorizzazione turistica. Attività di acquisizione dati, verifica e controllo nel territorio di competenza;
- vigilanza sulle strutture ricettive alberghiere, extra-alberghiere e complementari al turismo (per quanto non di competenza delle Province regionali);
- collaborazione con il dipartimento nei rapporti con enti e istituzioni posti a tutela della qualità del prodotto territoriale e sua pianificazione;
- attività istruttoria e vigilanza sulle agenzie di viaggio;
- attività di istruttoria e vigilanza sulle manifestazioni sportive.


STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

IL DUBBIO RAZIONALE E LA SUA PROGRESSIVA SCOMPARSA NEL GIUDIZIO PENALE
Roma, 11 luglio 2022, in diretta facebook
11 luglio 2022in diretta facebookIntervengono:Avv. Antonino Galletti, Presidente del Consiglio dell'Ordine ...
FORMAZIONE INTEGRATIVA IN MATERIA DI DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI
Milano, giovedì 15, 22, 29 settembre e 6 ottobre 2022, piattaforma Zoom meeting
4 incontrigiovedì 15, 22, 29 settembre e 6 ottobre 2022 dalle 14.30 alle 18.30 su piattaforma ZoomDestinatariMediatori ...
XXXVI CONVEGNO ANNUALE DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI COSTITUZIONALISTI “LINGUA LINGUAGGI DIRITTI”
Messina e Taormina, giovedì 27, venerdì 28 e sabato 29 ottobre 2022
giovedì 27, venerdì 28 e sabato 29 ottobre 2022Università degli Studi di Messina, Aula Magna Rettorato, ...
LA FORMAZIONE DELL’AVVOCATO DEI GENITORI NEI PROCEDIMENTI MINORILI E DI FAMIGLIA
Napoli, 13 Ottobre 2022, Sala “A. Metafora”
Webinar su piattaforma CISCO WEBEX del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoliore 15.00 - 18.00Giovedì ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Atti e procedure della Polizia municipale
E. Fiore, Maggioli Editore, 2014
Il manuale insegna ad individuare le corrette procedure per l'accertamento degli illeciti sia amministrativi ...
Guida pratica al Processo Telematico aggiornata al D.L. n. 90/2014
P. Della Costanza, N. Gargano, Giuffrè Editore, 2014
Piano dell'opera- La digitalizzazione dell’avvocatura oltre l’obbligatorietà- Cos’è il processo telematico- ...
Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
     Tutti i LIBRI >