Aggiornato al con n.40616 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa regionale - Toscana

Indietro
Decreto del Presidente della Giunta regionale 25 novembre 2009, n. 72/R
Modifiche al DPGR 25 febbraio 2004 n. 14/R concernente il Regolamento regionale di attuazione ai sensi della lettera e), comma 1, dell’articolo 5 della legge regionale 18 maggio 1998, n. 25 (Norme per la gestione dei rifiuti e la bonifica dei siti inquinati), contenente norme tecniche e procedurali per l’esercizio delle funzioni amministrative e di controllo attribuite agli enti locali nelle materie della gestione dei rifiuti e delle bonifiche.
 

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA


emana il seguente regolamento:


PREAMBOLO
Visto l’articolo 117, comma 6, della Costituzione;
Visto l’articolo 42 dello Statuto;
Vista la legge regionale 18 maggio 1998, n. 25 (Norme per la gestione dei rifiuti e la bonifica dei siti inquinati), ed in particolare l’articolo 5, comma 1, lettera e);
Visto il DPGR 25 febbraio 2004 n. 14/R (Regolamento regionale di attuazione ai sensi della lettera e), comma 1, dell’articolo 5 della legge regionale 18 maggio 1998, n. 25, contenente norme tecniche e procedurali per l’esercizio delle funzioni amministrative e di controllo attribuite agli enti locali nelle materie della gestione dei rifiuti e delle bonifiche);
Visto il parere del Comitato tecnico di direzione espresso nella seduta del 6 novembre 2008;
Visto il parere della direzione generale della presidenza di cui all’articolo 16, comma 4, del Regolamento interno della Giunta regionale n. 1 del 18 maggio 2009;
Vista la propria preliminare deliberazione 28 settembre 2009, n. 840;
Visto il parere della VI commissione consiliare – Territorio ed ambiente, espresso nella seduta del 15 ottobre 2009;
Visto il parere del Consiglio delle autonomie locali, espresso nella seduta del 30 ottobre 2009;
Visto l’ulteriore parere della direzione generale della presidenza;
Vista la deliberazione della Giunta regionale 23 novembre 2009, n. 1063;
Considerato quanto segue
1. L’allegato A, all’interno dell’allegato 7 del DPGR 25 febbraio 2004 n. 14/R (Regolamento regionale di attuazione ai sensi della lettera e), comma 1, dell’articolo 5 della legge regionale 18 maggio 1998, n. 25, contenente norme tecniche e procedurali per l’esercizio delle funzioni amministrative e di controllo attribuite agli enti locali nelle materie della gestione dei rifiuti e delle bonifiche) attribuisce ai rifiuti provenienti da attività di esumazione ed estumulazione il codice CER 18.01.03* che identifica rifiuti sanitari che devono essere raccolti e smaltiti con particolari precauzioni in quanto pericolosi;
2. L’attribuzione di tale codice CER non risulta coerente con la normativa nazionale di riferimento, che qualifica quali rifiuti urbani quelli provenienti da esumazioni ed estumulazioni (articolo 184, comma 2, lettera f) del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 concernente Norme in materia ambientale), i quali pertanto vengono smaltiti ovvero recuperati in impianti destinati allo smaltimento dei rifiuti urbani, pur nel rispetto di particolari procedure per la raccolta ed il trasporto (articolo 12 del DPR 15 luglio 2003 n. 254 concernente Regolamento recante la disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell’articolo 24 della L. 31 luglio 2002, n. 179);
3. L’assimilazione dei rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni ai rifiuti sanitari pericolosi, oltre a non essere coerene con quanto previsto dalla normativa sopra citata, non risulta neppure giustificata da esigenze di maggior tutela per la salute umana e l’ambiente, posto che tali rifiuti non presentano caratteristiche di pericolosità tali da rendere opportuno un trattamento diverso da quello previsto dal DPR 154/2003, che già risulta ampiamente cautelativo;
4. Oltre alle considerazioni sopra esposte, l’attribuzione del codice CER 20.03.99, suggerito anche dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare in un parere tecnico espresso in data 28 agosto 2009, che identifica una particolare tipologia di rifiuti urbani, semplifica le procedure di smaltimento dei rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni rispetto a quelle attualmente seguite, assicurando una maggior economicità ed efficienza dell’intero servizio di gestione dei rifiuti, e al contempo garantendo comunque adeguati livelli di sicurezza per l’ambiente e la salute umana.
5. Di accogliere il parere della VI commissione consiliare – Territorio ed ambiente in merito alla raccomandazione di modificare il codice CER alla luce del parere trasmesso dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il 28 agosto 2009;
6. Di accogliere il parere del Consiglio delle autonomie locali


Si approva il presente regolamento


ARTICOLO 1
Sostituzione dell’allegato A all’allegato 7 al DPGR 14/R/2004


1. L’allegato A all’allegato 7 al DPGR 14/R/2004 è sostituito dal seguente:


Formula Finale:
Il presente regolamento è pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione Toscana.
E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e farlo osservare come regolamento della Regione Toscana.
MARTINI
Firenze, 25 novembre 2009


Deliberazione della Giunta regionale 23 novembre 2009, n. 1063 di approvazione del regolamento.


ALLEGATO 1
Allegato A CODICI CER DEI RIFIUTI PRODOTTI IN AREA CIMITERIALE


RIFIUTI INERTI A BASE TERROSA CER 20.02.02 RIFIUTI INERTI LAPIDEI CER 17.01.07 IMBALLAGGI DI CARTA E CARTONE (SELEZIONATI IN RACCOLTA DIFFERENZIATA) CER 15.01.01 FRAZIONI CELLULOSICHE, FIORI E PIANTE, ALTRE PARTI VEGETALI, CUSCINI E CORONE PRIVATI DELLE PARTI NON VEGETALI, SCARTI E RESIDUI DI LEGNO VERGINE CER 20.02.01 ALTRI MANUFATTI IN LEGNO DERIVANTI DALLA MANUTENZIONE DEL SOPRASUOLO CER 20.01.38 CONTENITORI PER PIANTE IN PLASTICA, VASETTERIA, SUPPORTI E/O ACCESSORI DI CORONE, CUSCINI ED ALTRI CORREDI E CORREDI DELLA SEPOLTURA CER 20.01.39 CONTENITORI IN METALLO ED ALTRI ARREDI E CORREDI DELLA SEPOLTURA IN METALLO CER 20.01.40 LASTRE IN ZINCO PREVIA DISINFEZIONE CER 17.04.04 LASTRE IN PIOMBO PREVIA DISINFEZIONE CER 17.04.03 ALTRE PARTI METALLICHE IN GENERE (OTTONE, ECC...) CER 20.01.40 OGNI ALTRA FRAZIONE DI RIFIUTO VENUTO A CONTATTO CON LA SALMA E/O DERIVANTE DA ESTUMULAZIONI ED ESUMAZIONI (FRAZIONI TESSILI, AVANZI DI INDUMENTI, LEGNAME ECC..) CER 20.03.99 LUMI, CANDELE E RESIDUI IN CERA, ALTRE FRAZIONI DI RIFIUTO DIVERSE DALLE TIPOLOGIE PRECEDENTI E DESTINATE ALLO SMALTIMENTO CER 20.03.01



STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

Groups of Companies in the European Company Law - Annullato
Milano, 17 aprile 2020, Università degli Studi di Milano Sala Napoleonica
ore 09:00Sala Napoleonica - Sant'Antoniovia Sant'Antonio, 10/12, 20122 MilanoIl diritto d’impresa nell’Unione ...
I segreti dell’ex cliente (conferimento dell’incarico art 23) aspetto deontologici e disciplinari
Napoli, 21 gennaio 2020, nuovo palazzo di giustizia di Napoli
ore 11,00 - 13,30 - sala MetaforaSaluti istituzionaliAvv. Antonio tafuriPresidente dell’ordine degli ...
XXXIV Convegno annuale dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti
Bergamo, venerdì 15 e sabato 16 novembre 2019
Eguaglianza e discriminazioni nell’epoca contemporaneaPrima sessione: Discriminazioni di genereVenerdì ...
Il rapporto di lavoro dopo il Jobs Act: un mosaico di discipline
Roma, 9-16-23-30 ottobre 2015 e 6-13 novembre 2015, Teatro Manzoni
Venerdì 9 ottobre 2015 “Il contratto a tutele crescenti” Prof. Avv. Arturo MARESCA, Ordinario di Diritto ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Guida pratica al Processo Telematico aggiornata al D.L. n. 90/2014
P. Della Costanza, N. Gargano, Giuffrè Editore, 2014
Piano dell'opera- La digitalizzazione dell’avvocatura oltre l’obbligatorietà- Cos’è il processo telematico- ...
Formulario degli atti notarili 2014
A. Avanzini, L. Iberati, A. Lovato, UTET Giuridica, 2014
Il formulario soddisfa le esigenze pratiche del notaio, poiché consente di individuare, mediante una ...
     Tutti i LIBRI >