Aggiornato al con n.40567 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa nazionale - Decreti - Salute e sicurezza - D.M.

Indietro
Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti 20 dicembre 2005
Segnaletica che deve essere apposta nelle aree sciabili attrezzate.
 
IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI Vista la legge 24 dicembre 2003, n. 363, recante «Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport invernali da discesa e da fondo»; Visto l'art. 6 della citata legge 24 dicembre 2003, n. 363, che prevede la determinazione da parte del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti dell'apposita segnaletica da installare nelle aree sciabili attrezzate, a cura dei gestori delle aree stesse; Considerato l'art. 2, comma 3 della citata legge 24 dicembre 2003, n. 363, che demanda alle regioni ed alle province autonome di Trento e di Bolzano, l'individuazione delle aree sciabili attrezzate; Sentita altresì, la Federazione sportiva nazionale competente in materia di sport invernali riconosciuta dal CONI (FISI); Acquisito il contributo dell'Ente nazionale italiano di unificazione come redatto dalla commissione «Sicurezza», nell'ambito del gruppo di lavoro «Segnaletica per aree dove si effettuano sport invernali»; Espletata la procedura di informazione in materia di norme e regole tecniche prevista dalla legge 21 giugno 1986, n. 317, modificata ed integrata dal decreto legislativo 23 novembre 2000, n. 427, di attuazione delle direttive 98/34/CE e 98/48/CE; Sentita la Conferenza permanente per i rapporti con lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano nella seduta del 3 marzo 2005; Decreta: Art. 1. 1. La segnaletica che deve essere apposta nelle aree sciabili attrezzate, a cura dei gestori delle aree stesse, deve essere conforme a quanto riportato nell'allegato 1 al presente decreto che ne costituisce parte integrante, ovvero, per il principio del mutuo riconoscimento, deve essere conforme alla normativa nazionale di uno Stato membro dell'Unione europea, di una Paese EFTA firmatario dell'accordo SEE o della Turchia purchè venga garantito un livello di sicurezza equivalente in termini di tutela della salute e dell'incolumità degli utenti. 2. Restano ferme le competenze delle regioni a statuto speciale e delle province autonome di Trento e Bolzano in materia. Art. 2. Per favorire il miglior utilizzo delle piste da sci è stato redatto il «Decalogo comportamentale dello sciatore» di cui all'allegato 2 al presente decreto che stabilisce il codice di comportamento per evitare pericoli alle persone o per prevenire danni. Gli esercenti le aree sciabili devono dare ampia informazione agli utenti del suddetto decalogo. Art. 3. Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, ove si rendesse necessaria provvederà con apposito decreto all'introduzione di nuovi segnali o all'aggiornamento ed alla modifica dei segnali di cui all'allegato 1, redatti dalla Commissione sicurezza dell'UNI nell'ambito del gruppo di lavoro «Segnaletica per aree dove si effettuano sport invernali». Art. 4. Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 20 dicembre 2005 Il Ministro: Lunardi Allegato 1 NORME TECNICHE UNI SULLA SEGNALETICA PREDISPOSTA NELLE AREE SCIABILI ATTREZZATE UNI 8132 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Caratteristiche». UNI 8133 - 6 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di informazione - Posto di pronto soccorso». UNI 8133 - 7 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di informazione - Posto di chiamata per soccorso». UNI 8133 - 9 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di informazione - Pista da fondo per tecnica classica». UNI 8133 - 17 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di informazione - Pista da snowboard». UNI 8133 - 18 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di informazione - Pista da fondo per tecnica libera». UNI 8133 - 19 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di informazione Centro sciistico». UNI 8133 - 20 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di informazione Sentiero invernale. UNI 8134 - 9 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di obbligo - Seguire una determinata direzione». UNI 8134 - 22 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di obbligo - Utilizzare lo snowboard». UNI 8134 - 23 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di obbligo - Utilizzare il casco protettivo per minori di 14 anni». UNI 8135 - 1 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di divieto - Vietato camminare sulla pista da sci». UNI 8135 - 2 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di divieto - Vietato usare la slitta». UNI 8135 - 3 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di divieto - Vietato usare lo skibob». UNI 8135 - 10 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di divieto - Vietato l'accesso». UNI 8135 - 11 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di divieto - Vietato sciare nel bosco». UNI 8135 - 14 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di divieto - Vietato l'uso dello snowboard». UNI 8135 - 15 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di divieto - Vietato sciare». UNI 8136 - 1 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di pericolo - Strettoia». UNI 8136 - 2 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di pericolo - Incrocio». UNI 8136 - 3 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di pericolo - Pericolo generico». UNI 8136 - 4 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di pericolo - Attenzione al mezzo battipista». UNI 8136 - 5 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di pericolo - Pericolo di caduta». UNI 8136 - 6 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di pericolo - Crepaccio». UNI 8136 - 8 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di pericolo - Cannone per innevamento artificiale». UNI 8136 - 9 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di pericolo - Dosso». UNI 8136 - 10 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di pericolo - Cunetta». UNI 8136 - 11 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di pericolo - Brusca svolta a sinistra». UNI 8136 - 12 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di pericolo - Brusca svolta a destra». UNI 8136 - 13 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di pericolo - Tratto con forte pendenza». UNI 8136 - 14 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di pericolo - Attenzione mezzo battipista con verricello». UNI 8136 - 15 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Segni grafici per segnali di pericolo - Attenzione motoslitta». UNI 8137 «Segnaletica specifica per piste da sci - Caratteristiche». UNI 10869 «Segnaletica per impianti a fune ed aree destinate allo sci e sport alpini - Sistemi di guida visuali destinati all'informazione del pubblico - Orientamento con l'aiuto di frecce di direzione, segnali, testi, luce e colori». UNI 8867 «Segnaletica specifica per piste da fondo - Caratteristiche». Vedere immagini da pag. 12 a pag. 17 omissis Allegato 2 IL DECALOGO DELLO SCIATORE Regole di carattere comportamentale, previste dalla legge 24 dicembre 2003, n. 363, che dovranno essere rispettate dagli utenti delle piste da sci anche al fine di evitare conseguenze di natura civile e penale. 1. Rispetto per gli altri. Ogni sciatore deve comportarsi in modo da non mettere in pericolo altre persone o provocare danni. 2. Padronanza della velocità e del comportamento. Ogni sciatore deve tenere una velocità e un comportamento adeguati alla propria capacità nonchè alle condizioni generali della pista, della libera visuale, del tempo e all'intensità del traffico. 3. Scelta della direzione. Lo sciatore a monte che ha la possibilità di scegliere il percorso deve tenere una direzione che eviti il pericolo di collisione con lo sciatore a valle. 4. Sorpasso. Il sorpasso può essere effettuato (con sufficiente spazio e visibilita), tanto a monte quanto a valle, sulla destra o sulla sinistra, ma sempre ad una distanza tale da evitare intralci allo sciatore sorpassato. 5. Immissione ed incrocio. Lo sciatore che si immette su una pista o che riparte dopo una sosta, deve assicurarsi di poterlo fare senza pericolo per sè o per gli altri; negli incroci deve dare la precedenza a chi proviene da destra o secondo indicazioni. 6. Sosta. Lo sciatore deve evitare di fermarsi, se non in caso di necessità, nei passaggi obbligati o senza visibilità. La sosta deve avvenire ai bordi della pista. In caso di caduta lo sciatore deve sgomberare la pista al più presto possibile. 7. Salita. In caso di urgente necessità lo sciatore che risale la pista, o la discende a piedi, deve procedere soltanto ai bordi della stessa. 8. Rispetto della segnaletica. Tutti gli sciatori devono rispettare la segnaletica prevista per le piste da sci ed in particolare l'obbligo del casco per i minori di 14 anni. 9. Soccorso. Chiunque deve prestarsi per il soccorso in caso di incidente. 10. Identificazione. Chiunque sia coinvolto in un incidente o ne è testimone è tenuto a dare le proprie generalità.


STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

Groups of Companies in the European Company Law - Annullato
Milano, 17 aprile 2020, Università degli Studi di Milano Sala Napoleonica
ore 09:00Sala Napoleonica - Sant'Antoniovia Sant'Antonio, 10/12, 20122 MilanoIl diritto d’impresa nell’Unione ...
I segreti dell’ex cliente (conferimento dell’incarico art 23) aspetto deontologici e disciplinari
Napoli, 21 gennaio 2020, nuovo palazzo di giustizia di Napoli
ore 11,00 - 13,30 - sala MetaforaSaluti istituzionaliAvv. Antonio tafuriPresidente dell’ordine degli ...
XXXIV Convegno annuale dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti
Bergamo, venerdì 15 e sabato 16 novembre 2019
Eguaglianza e discriminazioni nell’epoca contemporaneaPrima sessione: Discriminazioni di genereVenerdì ...
Il rapporto di lavoro dopo il Jobs Act: un mosaico di discipline
Roma, 9-16-23-30 ottobre 2015 e 6-13 novembre 2015, Teatro Manzoni
Venerdì 9 ottobre 2015 “Il contratto a tutele crescenti” Prof. Avv. Arturo MARESCA, Ordinario di Diritto ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Guida pratica al Processo Telematico aggiornata al D.L. n. 90/2014
P. Della Costanza, N. Gargano, Giuffrè Editore, 2014
Piano dell'opera- La digitalizzazione dell’avvocatura oltre l’obbligatorietà- Cos’è il processo telematico- ...
Sicurezza sul lavoro. Responsabilità. Illeciti e Sanzioni
P. Rausei, IPSOA, 2014
Il volume fornisce una analisi puntuale, schematica e sistematica, dell’attuale quadro sanzionatorio ...
     Tutti i LIBRI >