Aggiornato al con n.40567 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa nazionale - Decreti - Governo - D.M.

Indietro
Decreto del Ministero della Economia e delle Finanze 30 aprile 2015
Definizione di nuove modalita' di emissione, di natura informatica, degli ordinativi di pagamento da parte dei titolari di contabilita speciale.
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

Visti il regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440, riguardante disposizioni sull'amministrazione del patrimonio e sulla contabilita' generale dello Stato e il regio decreto 23 maggio 1924, n. 827, che ha approvato il relativo regolamento;
Visto l'art. 19, comma 20, della legge 22 dicembre 1984, n. 887, riguardante disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 1985), che autorizza il Ministro del tesoro a provvedere, con propri decreti, in materia di tenuta e funzionamento delle contabilita' speciali aperte presso le Tesorerie provinciali dello Stato, in relazione all'uso di supporti elettronici e di evidenze magnetiche;
Vista la legge 31 dicembre 2009, n. 196, recante disposizioni in materia di contabilita' e finanza pubblica;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 20 aprile 1994, n. 367, riguardante il regolamento recante semplificazione e accelerazione delle procedure di spesa e contabili;
Visto il Codice dell'amministrazione digitale, emanato con il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82;
Visto l'art. 2, comma 4-ter, del decreto legge 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni dalla legge 14 settembre 2011, n. 148, che stabilisce che le operazioni di pagamento delle pubbliche amministrazioni centrali e locali e dei loro enti sono disposte mediante l'utilizzo di strumenti telematici, con l'obbligo per le pubbliche amministrazioni di avviare il processo di superamento di sistemi basati sull'uso di supporti cartacei;
Visti gli articoli 11 e seguenti del decreto legislativo 30 giugno 2011, n. 123 che dettano norme per il controllo successivo di regolarita' amministrativa e contabile sui rendiconti amministrativi resi dai funzionari delegati titolari di contabilita' speciale, dai commissari delegati titolari di contabilita' speciale di cui all'art. 5, comma 5-bis, della legge 24 febbraio 1992, n. 225, dai titolari di contabilita' speciale alimentata con fondi di provenienza statale e non statale per la realizzazione di accordi di programma;
Visto il decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 10 marzo 2004, come modificato dal decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 4 agosto 2005 recante l'estensione ai rendiconti di contabilita' speciale del riscontro amministrativo contabile esercitato a campione sui rendiconti dei funzionari delegati;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, recante norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche;
Visto il Protocollo d'intesa per la rendicontazione telematica delle contabilita' speciali e di tesoreria unica e delle uscite imputate all'erario dello Stato, sottoscritto in data 24 ottobre 2001 fra il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato e la Banca d'Italia e successivamente aggiornato con scambio di note nel corso del 2006;
Visto il decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 6 giugno 2003, n. 0058364, riguardante la dematerializzazione degli ordini di prelevamento fondi dai conti correnti di tesoreria centrale;
Visto il decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 19 febbraio 2009, n. 155284, riguardante la dematerializzazione degli ordinativi di contabilita' speciale di conto corrente;
Viste le Istruzioni sul servizio di tesoreria dello Stato, emanate con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 29 maggio 2007 e, in particolare gli articoli inseriti al Titolo IV, Capi III e IV, che regolano le caratteristiche e il funzionamento delle contabilita' speciali aperte presso la tesoreria statale;
Ravvisata l'esigenza di completare il processo di dematerializzazione degli ordinativi delle contabilita' speciali di conto corrente, di cui all'art. 145 delle Istruzioni sul servizio di Tesoreria dello Stato (di seguito contabilita' speciali), per accelerare la realizzazione della tesoreria telematica;
Sentita la Banca d'Italia in qualita' di Istituto che gestisce il servizio di tesoreria statale,

Decreta:

Art. 1
Modalita' di emissione degli ordinativi di contabilita' speciale
1. I titolari delle contabilita' speciali emettono ordinativi di pagamento informatici sui conti loro intestati, nel rispetto degli obblighi che la normativa vigente prevede per l'assolvimento dei loro compiti istituzionali.
2. Ai fini dell'attuazione del presente decreto il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato e la Banca d'Italia provvedono con un protocollo d'intesa a definire le regole tecniche, le modalita' di trasmissione dei flussi telematici e le specifiche informazioni previste nelle operazioni di emissione e rendicontazione degli ordinativi di pagamento informatici.
3. I predetti ordinativi sono firmati digitalmente dai titolari delle contabilita' speciali che sono personalmente responsabili delle spese ordinate e della regolarita' dei pagamenti disposti.
4. Gli ordinativi di pagamento informatici sono di regola individuali e sono pagabili dalle Tesorerie in essi indicate.
5. I titolari delle contabilita' speciali emettono gli ordinativi informatici, firmati digitalmente utilizzando l'applicativo Gestione ordinativi di contabilita' speciale (Ge.O.Co.S.) gestito dal Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, che assicura la provenienza degli ordinativi dal titolare della contabilita' speciale, ferma restando la diretta responsabilita' dello stesso sulla spesa. I titolari delle contabilita' speciali possono trasmettere al Ge.O.Co.S. gli ordinativi informatici firmati digitalmente tramite un flusso telematico, nel rispetto delle regole tecniche concordate tra il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato e la Banca d'Italia.
6. I titolari delle contabilita' speciali, in sede di primo accesso all'applicativo Ge.O.Co.S., devono prendere visione e comunicare la loro adesione alle regole tecniche contenute nel protocollo d'intesa di cui al comma 2.
7. Il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, in qualita' di erogatore e responsabile del servizio messo a disposizione con l'applicativo Ge.O.Co.S., cura la trasmissione alla Banca d'Italia dei flussi telematici contenenti i titoli emessi dai titolari delle contabilita' speciali, con modalita' che assicurano l'intangibilita' e la sicurezza dei dati trasmessi. La Banca d'Italia effettua esclusivamente i controlli di natura informatica atti a garantire l'autenticita' e l'integrita' del flusso, nonche' gli altri controlli secondo le regole tecniche definite nel protocollo d'intesa di cui al comma 2.
8. Le Amministrazioni che hanno sviluppato un proprio applicativo informatico per l'emissione degli ordinativi di contabilita' speciale e la loro trasmissione alla Banca d'Italia, ai sensi del decreto del Ministro dell'economia e delle finanze 19 febbraio 2009, n. 152284, possono continuare a operare con le procedure e le modalita' previste dal predetto decreto e dai relativi protocolli d'intesa che regolano gli aspetti operativi e tecnici.
Art. 2
Estinzione degli ordinativi di contabilita' speciale
1. Gli ordinativi di contabilita' speciale sono estinti con le seguenti modalita':
a) accredito su conto corrente bancario o postale;
b) bonifico domiciliato per il pagamento in contanti presso le banche e gli uffici postali;
c) pagamento in contanti presso le Tesorerie;
d) commutazione in vaglia cambiario della Banca d'Italia;
e) versamento su conti di tesoreria statale o su capitoli di entrata del bilancio dello Stato;
f) regolarizzazione di sospesi di tesoreria.
2. Il pagamento in contanti e' documentato da quietanza apposta su apposito modulo predisposto dagli uffici pagatori, sottoscritto dal soggetto destinatario della somma, ovvero, nei casi consentiti, dal suo rappresentante legale. I moduli quietanzati comprovanti i pagamenti eseguiti sono conservati dagli uffici pagatori per un periodo di cinque anni dalla data di esigibilita' indicata nel relativo flusso informatico.
3. All'atto dell'esito degli ordinativi di contabilita' speciale, gli importi relativi ai pagamenti da eseguire in contanti presso gli sportelli delle Tesorerie sono versati sul conto di cui all'art. 4 del decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze del 6 giugno 2003, n. 0058364, sotto la data di esigibilita' indicata nel relativo flusso informatico.
4. Gli ordinativi di contabilita' speciale da pagare in contanti presso le Tesorerie e presso gli uffici postali e gli istituti di credito possono essere riscossi dai beneficiari entro il secondo mese successivo a quello di esigibilita'.
5. Gli ordinativi di contabilita' speciale recanti data di esigibilita' 31 dicembre sono estinti l'ultimo giorno lavorativo dell'esercizio qualora il 31 sia festivo o non lavorativo per il sistema bancario, accreditando il relativo importo nel conto di cui al precedente comma 3, in attesa che il pagamento venga finalizzato il primo giorno lavorativo dell'anno successivo.
6. Le somme restituite a fronte di bonifici e vaglia cambiari non andati a buon fine e quelle non pagate entro il termine di cui al precedente comma 4 sono riaccreditate sulla contabilita' speciale di provenienza.
Art. 3

Contabilizzazione degli ordinativi di contabilita' speciale

1. La Banca d'Italia, ricevuti gli ordinativi informatici di contabilita' speciale con le modalita' previste al comma 7 dell'art. 1 e controllata l'esistenza dei dati in essi contenuti sulla base delle regole tecniche definite con il Ministero dell'economia e delle finanze nel protocollo d'intesa di cui al comma 2, procede alle operazioni necessarie per finalizzare il pagamento agli aventi diritto.
Art. 4
Rendicontazione dell'Istituto tesoriere
1. La Banca d'Italia trasmette al Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato con flusso telematico firmato digitalmente la rendicontazione giornaliera e mensile dei titoli estinti e dei versamenti eseguiti sulle contabilita' speciali, secondo modalita' stabilite nel protocollo d'intesa, di cui all'art. 1, comma 2, del presente decreto. La stessa rendicontazione, e' resa disponibile ai titolari di contabilita' speciali dal Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato.
2. La rendicontazione dei versamenti effettuati sulle contabilita' speciali e dei titoli di pagamento estinti continua a essere resa disponibile alla Corte dei conti tramite il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato.
Art. 5
Adempimenti dei Funzionari delegati titolari contabilita' speciale
1. I funzionari delegati e gli altri soggetti indicati all'art. 11, comma 1, del decreto legislativo 30 giugno 2011, n. 123, titolari di contabilita' speciale, rendicontano le somme erogate ai sensi delle vigenti disposizioni di contabilita' dello Stato e trasmettono i rendiconti, unitamente alla documentazione giustificativa, ai competenti uffici di controllo, come stabilito dal Titolo II, Capo II, del predetto decreto legislativo. Resta fermo quanto previsto dal decreto del Ministro dell'economia e delle finanze del 4 agosto 2005 in materia di controllo a campione.
2. Nel caso di pagamenti non andati a buon fine o non finalizzati entro il secondo mese successivo a quello di esigibilita' dell'ordinativo di contabilita' speciale, ai sensi dell'art. 2, comma 6, il titolare della contabilita' speciale riprende in carico sulla stessa le relative somme.
3. E' fatto divieto ai funzionari delegati della stessa amministrazione disporre il passaggio di fondi tra le contabilita' speciali loro intestate, tranne nei casi in cui tale operazione sia disciplinata da un'espressa disposizione normativa e, ove previsto, con le procedure della legge 3 marzo 1960, n. 169. L'Amministrazione centrale competente autorizza il funzionario delegato a disporre il passaggio di fondi ad altra contabilita' speciale, qualora tale operazione sia necessaria per recuperare un errore materiale occorso in sede di trasferimento di risorse da parte della stessa amministrazione centrale.
Art. 6
Disposizioni finali
1. Il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato e la Banca d'Italia concordano la data di avvio delle procedure di cui al presente decreto.
2. Le disposizioni del presente decreto sostituiscono quelle dettate dal decreto del Ministro dell'economia e delle finanze 19 febbraio 2009, n. 152284, che continuano a trovare applicazione, con esclusione dell'art. 6, limitatamente alle Amministrazioni che hanno sviluppato un proprio applicativo informatico per l'emissione degli ordinativi di contabilita' speciale e la loro trasmissione alla Banca d'Italia, richiamate al precedente art. 1, comma 8.
Il presente decreto e' inviato alla Corte dei conti per la registrazione.
Il presente decreto e' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 30 aprile 2015

Il Ministro
Padoan

Registrato alla Corte dei conti il 10 giugno 2015 Ufficio controllo atti Ministero economia e finanze, Reg.ne Prev. n. 1749

(G.U. n. 146 del 26 giugno 2015)


STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

Groups of Companies in the European Company Law - Annullato
Milano, 17 aprile 2020, Università degli Studi di Milano Sala Napoleonica
ore 09:00Sala Napoleonica - Sant'Antoniovia Sant'Antonio, 10/12, 20122 MilanoIl diritto d’impresa nell’Unione ...
I segreti dell’ex cliente (conferimento dell’incarico art 23) aspetto deontologici e disciplinari
Napoli, 21 gennaio 2020, nuovo palazzo di giustizia di Napoli
ore 11,00 - 13,30 - sala MetaforaSaluti istituzionaliAvv. Antonio tafuriPresidente dell’ordine degli ...
XXXIV Convegno annuale dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti
Bergamo, venerdì 15 e sabato 16 novembre 2019
Eguaglianza e discriminazioni nell’epoca contemporaneaPrima sessione: Discriminazioni di genereVenerdì ...
Il rapporto di lavoro dopo il Jobs Act: un mosaico di discipline
Roma, 9-16-23-30 ottobre 2015 e 6-13 novembre 2015, Teatro Manzoni
Venerdì 9 ottobre 2015 “Il contratto a tutele crescenti” Prof. Avv. Arturo MARESCA, Ordinario di Diritto ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Formulario degli atti notarili 2014
A. Avanzini, L. Iberati, A. Lovato, UTET Giuridica, 2014
Il formulario soddisfa le esigenze pratiche del notaio, poiché consente di individuare, mediante una ...
Codice degli appalti pubblici
A. Cancrini, C. Franchini, S. Vinti, UTET Giuridica, 2014
Il volume presenta una trattazione molto meticolosa e approfondita di tutti gli istituti previsti dall'ordinamento ...
Atti e procedure della Polizia municipale
E. Fiore, Maggioli Editore, 2014
Il manuale insegna ad individuare le corrette procedure per l'accertamento degli illeciti sia amministrativi ...
     Tutti i LIBRI >