Aggiornato al con n.40740 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa nazionale - Decreti - Governo - D.M.

Indietro
Decreto del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale 3 novembre 2021
Modalita' di rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.
 
Gazzetta Ufficiale n. 271 del 13 novembre 2021

IL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

Visto l'art. 23 della legge 21 novembre 1967, n. 1185, che prevede l'emanazione di un regolamento per disciplinare il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio;
Vista la legge 31 marzo 2005, n. 43, che stabilisce che, a decorrere dal 1° gennaio 2006, il passaporto su supporto cartaceo e' sostituito dal passaporto elettronico di cui al regolamento (CE) n. 2252/2004 del Consiglio;
Visto il regolamento del Consiglio dell'Unione europea n. 444/2009 del 28 maggio 2009, che modifica il regolamento (CE) n. 2252/2004 del Consiglio relativo alle norme sulle caratteristiche di sicurezza e sugli elementi biometrici dei passaporti e dei documenti di viaggio rilasciati dagli Stati membri;
Visto il decreto del Ministro degli affari esteri 27 luglio 2016, n. 359-bis, che regola il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio;
Considerata l'opportunita' di aggiornare la disciplina in materia di rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio;

Decreta:

Art. 1

Ambito di applicazione

1. Il presente decreto disciplina il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'art. 23 della legge 21 novembre 1967, n. 1185.
Art. 2

Caratteristiche di sicurezza ed elementi biometrici

1. I libretti dei passaporti diplomatici e di servizio sono conformi alle caratteristiche di sicurezza e agli elementi biometrici di cui rispettivamente agli allegati 1 (passaporto diplomatico) e 2 (passaporto di servizio).

Art. 3

Validita' temporale e geografica

1. I passaporti diplomatici e di servizio sono rilasciati per i periodi di validita' previsti dal presente decreto.
2. La validita' territoriale puo' essere discrezionalmente limitata a determinati Paesi.

Art. 4

Disposizioni generali per il rilascio

1. Il passaporto diplomatico non puo' essere rilasciato a chi e' detentore di passaporto di servizio o viceversa. Nessuno puo' detenere contemporaneamente piu' passaporti diplomatici o di servizio.
2. Il rilascio di passaporto diplomatico o di servizio non osta al rilascio o alla conservazione del passaporto ordinario.
3. Il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio e' esente da spese e tasse.

Art. 5

Passaporto diplomatico

1. Il passaporto diplomatico e' rilasciato al Presidente della Repubblica per la durata del mandato.
2. Il passaporto diplomatico e' rilasciato per la durata dell'incarico, se predeterminata, altrimenti per tre anni:
a) ai Presidenti e vice Presidenti del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati;
b) al Presidente del Consiglio dei ministri, ai vice Presidenti del Consiglio dei ministri, ai Ministri, ai vice Ministri, ai Sottosegretari di Stato;
c) al Presidente e ai giudici della Corte costituzionale;
d) al Presidente o ai vice Presidenti del Parlamento europeo, se di cittadinanza italiana;
e) al vice Presidente del Consiglio superiore della magistratura;
f) al primo Presidente della Corte di cassazione;
g) al Presidente del Consiglio nazionale dell'economia e del lavoro;
h) ai Presidenti delle commissioni affari esteri del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati, nonche' ai Presidenti delle commissioni interparlamentari permanenti che abbiano particolare rilevanza nell'ambito delle relazioni internazionali;
i) al Presidente del Consiglio di Stato;
l) al Presidente della Corte dei conti;
m) al Governatore e al direttore generale della Banca d'Italia;
n) all'Avvocato generale dello Stato;
o) ai Capi di Stato maggiore della difesa, dell'Esercito, della Marina militare e dell'Aeronautica militare, al Segretario generale della difesa;
p) al Segretario generale della Presidenza della Repubblica e al Segretario generale della Presidenza del Consiglio dei ministri;
q) al Capo della Polizia, al comandante generale dell'Arma dei carabinieri, a comandante generale della Guardia di finanza;
r) al direttore generale del DIS e ai direttori dell'AISE e dell'AISI;
s) al direttore e ai vice direttori dell'Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (AICS);
t) al Presidente e al direttore generale dell'ICE-Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane.
3. Il passaporto diplomatico e' altresi' rilasciato, per la durata dell'incarico, se predeterminata, altrimenti per la durata di sei anni:
a) al personale della carriera diplomatica e della dirigenza del Ministero;
b) al personale della terza area funzionale del Ministero che deve recarsi all'estero in missione o e' destinato all'estero ai sensi dell'art. 34 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18;
c) agli addetti militari e agli addetti militari aggiunti presso le rappresentanze diplomatiche;
d) agli esperti di cui all'art. 168 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18 in servizio all'estero;
e) ai titolari delle sedi all'estero dell'AICS, accreditati presso le autorita' dei Paesi in cui prestano servizio;
f) a cittadini italiani che ricoprano posizioni apicali in organi e istituzioni dell'Unione europea e in organi delle organizzazioni internazionali di cui l'Italia e' membro.
4. Se il possesso del passaporto diplomatico e' condizione posta dalle autorita' del Paese di accreditamento per la notifica ai sensi delle Convenzioni di Vienna, esso e' rilasciato anche:
a) al personale della prima e seconda area funzionale del Ministero, di cui all'art. 34 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18, destinato all'estero o in missione all'estero, per la durata di sei anni;
b) al personale di ruolo dell'Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo e agli esperti di cui all'art. 32, comma 4, della legge 11 agosto 2014, n. 125, destinato all'estero ai sensi dell'art. 17, comma 8, della legge medesima, per la durata dell'incarico, se predeterminata, altrimenti per sei anni;
c) alle persone di cui al terzo comma dell'art. 31 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18, per la durata dell'incarico, se predeterminata, altrimenti per sei anni.
5. Il passaporto diplomatico e' mantenuto dopo la fine dell'incarico e rilasciato con validita' decennale a chi e' stato Presidente della Repubblica, Presidente del Senato della Repubblica, della Camera dei deputati, del Consiglio dei ministri o della Corte costituzionale, o Ministro degli affari esteri o Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale.
6. Il Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale puo' disporre che il passaporto diplomatico sia mantenuto con validita' decennale:
a) al termine del servizio, ai funzionari della carriera diplomatica che hanno raggiunto il grado di ministro plenipotenziario o' hanno svolto le funzioni di capo di rappresentanza diplomatica;
b) al termine del servizio, ai dirigenti di prima fascia del Ministero.

Art. 6

Passaporto di servizio

1. Il passaporto di servizio e' rilasciato, per la durata del mandato:
a) ai membri del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati;
b) ai membri italiani del Parlamento europeo.
2. Il passaporto di servizio e' rilasciato per la durata di sei anni:
a) al personale della prima e seconda area funzionale del Ministero se deve recarsi all'estero in missione o e' destinato all'estero ai sensi dell'art. 34 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18;
b) al personale militare destinato all'estero ai sensi dell'art. 34 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18 o in missione all'estero.
3. Il passaporto di servizio e' rilasciato per la durata dell'incarico, se predeterminata, altrimenti per sei anni:
a) ai dirigenti dell'AICS;
b) al personale di ruolo dell'AICS e agli esperti di cui all'art. 32, comma 4, della legge 11 agosto 2014, n. 125, destinato all'estero ai sensi dell'art. 17, comma 8, della medesima legge;
c) al personale di cui alla lettera b) e agli esperti di cui all'art. 32, comma 4, della legge 11 agosto 2014, n. 125 che hanno optato per il mantenimento in servizio presso il Ministero, in occasione di missioni all'estero;
d) ai funzionari internazionali di cittadinanza italiana che svolgono incarichi direttivi nell'Unione europea e nelle organizzazioni internazionali di cui l'Italia e' membro;
e) al personale dell'amministrazione dello Stato, delle autorita' amministrative indipendenti e degli organi costituzionali e di rilevanza costituzionale, nonche' agli insegnanti e ai docenti universitari, ai magistrati ordinari o amministrativi, al personale della Banca d'Italia e dell'ICE che devono recarsi all'estero per servizio.
4. Previo parere favorevole del Consiglio di amministrazione, il passaporto di servizio puo' essere rilasciato, per la durata dell'incarico, se predeterminata, altrimenti per sei anni, a:
a) titolari degli uffici consolari di seconda categoria o impiegati a contratto di cittadinanza italiana di cui alla parte II, titolo VI, del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18, in servizio in Paesi nei quali le condizioni di sicurezza sono precarie e il passaporto di servizio e' uno strumento necessario per svolgere le mansioni assegnate;
b) al personale estraneo all'amministrazione dello Stato che, ai sensi dell'art. 11, comma 1, lettera c), del decreto ministeriale 22 luglio 2015, n. 113, l'AICS invia in Paesi nei quali e' esposto a rischi concreti e particolarmente gravi per la propria incolumita';
c) ai dipendenti di amministrazioni pubbliche diverse da quelle indicate al comma 3, lettera e), che devono recarsi all'estero per servizio;
d) agli esperti estranei alla pubblica amministrazione distaccati nelle missioni civili della politica di sicurezza e difesa comune dell'Unione europea che prestano servizio in Paesi nei quali sono esposti a rischi concreti e particolarmente gravi per la propria incolumita'.
5. Nei casi di cui al comma 4, lettere a) e b), il procedimento per il rilascio e' avviato su proposta della rappresentanza diplomatica.

Art. 7

Coniuge o persona unita civilmente a carico

1. Il passaporto diplomatico e' rilasciato alle persone coniugate e non separate oppure unite civilmente con funzionari diplomatici o dirigenti del Ministero.
2. E' rilasciato il medesimo tipo di passaporto del titolare principale ai coniugati e non separati oppure agli uniti civilmente con persone:
a) notificate o accreditate ai sensi degli articoli 31 e 34 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18;
b) notificate o accreditate ai sensi degli articoli 35, 36 e 37 del Codice dell'ordinamento militare di cui al decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66;
c) appartenenti ai ruoli della scuola e destinate all'estero in base al decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 64.
3. Nei casi previsti dal presente articolo, il passaporto e' rilasciato per una durata pari a quella del passaporto del titolare principale. Il coniuge o persona unita civilmente, anche di cittadinanza straniera, deve essere a carico ai sensi dell'art. 173 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18.

Art. 8

Figli a carico

1. Nel presente articolo per «figli» si intendono i familiari, diversi dal coniuge e dalla parte dell'unione civile, a carico, ai sensi degli articoli 170 e 173 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18, delle seguenti persone:
a) notificate o accreditate ai sensi degli articoli 31 e 34 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18;
b) notificate o accreditate ai sensi degli articoli 35, 36 e 37 del Codice dell'ordinamento militare di cui al decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66;
c) appartenenti ai ruoli della scuola e destinate all'estero in base al decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 64.
2. Ai figli minorenni e' rilasciato, con la medesima durata del passaporto del titolare principale, il passaporto di servizio o, se richiesto dalle autorita' del Paese di accreditamento per l'iscrizione in lista diplomatica, il passaporto diplomatico.
3. Ai figli maggiorenni conviventi con il titolare principale, e' rilasciato, con la medesima durata del passaporto del titolare principale, il passaporto di servizio o il passaporto diplomatico, se il possesso di tali documenti e' richiesto dalle autorita' del Paese di accreditamento come condizione per il soggiorno.
4. Ai figli maggiorenni non conviventi con il titolare principale, puo' essere rilasciato il passaporto di servizio o diplomatico, con la durata strettamente necessaria per la visita presso il titolare principale in sedi indicate dal Ministero come caratterizzate da condizioni di sicurezza precarie.

Art. 9

Altri componenti della famiglia anagrafica

1. Al di fuori dei casi di cui agli articoli 7 e 8, il passaporto diplomatico o di servizio puo' essere rilasciato al coniuge o alla persona unita civilmente non a carico, ai figli non a carico, ai conviventi di fatto e agli altri componenti, anche di cittadinanza straniera, della famiglia anagrafica delle persone:
a) notificate o accreditate ai sensi degli articoli 31 e 34 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18;
b) notificate o accreditate ai sensi degli articoli 35, 36 e 37 del Codice dell'ordinamento militare di cui al decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66;
c) appartenenti ai ruoli della scuola e destinate all'estero in base al decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 64.
2. Il passaporto diplomatico o di servizio non puo' essere rilasciato per una durata superiore a quella del passaporto del titolare principale.
3. Nei casi previsti dal comma 1, il rilascio e il mantenimento del passaporto sono subordinati ai seguenti presupposti:
a) l'iscrizione dei familiari nella lista diplomatica o del personale amministrativo e tecnico e' condizione per soggiornare legalmente o in sicurezza nella sede di servizio;
b) il possesso del passaporto diplomatico o di servizio e' condizione posta dalle autorita' del Paese di accreditamento per la notifica ai sensi delle Convenzioni di Vienna;
c) il soggiorno del familiare nella sede di servizio e' effettivo e pari al periodo previsto dall' art. 2 del decreto del Presidente della Repubblica 3 luglio 1991, n. 306.

Art. 10

Casi eccezionali

1. Il Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale puo' disporre, anche in deroga all'art. 4, comma 1, il rilascio del passaporto diplomatico o di servizio:
a) a personalita' italiane che debbano recarsi all'estero, in rappresentanza dello Stato, per la cura di preminenti interessi politici o economici nazionali, per la durata di specifici incarichi o per un massimo di tre anni;
b) ad altre persone in via eccezionale, nell'interesse dello Stato, per specifici incarichi all'estero, per la durata del viaggio o dell'incarico;
c) nei casi eccezionali in cui cio' sia conforme agli usi internazionali, a persone anche non aventi la cittadinanza italiana, per un massimo di tre anni.

Art. 11

Incompatibilita' e principi di comportamento

1. Le persone munite di passaporto diplomatico o di servizio e notificate presso uno Stato estero, hanno l'obbligo di farne uso nel recarsi o nel risiedere nel predetto Stato.
2. L'uso del passaporto diplomatico o di servizio non e' consentito nell'esercizio di attivita' lavorative diverse da quella per la quale e' stato rilasciato o per finalita' non conformi al principio di correttezza.
3. Ai titolari di passaporti diplomatici o di servizio rilasciati ai sensi degli articoli 7, 8 e 9 si applicano le disposizioni previste dall'art. 142 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 18, dal Codice di comportamento dei dipendenti pubblici di cui al decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62 e dal Codice di comportamento del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale di cui al decreto del Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale del 18 settembre 2014, n. 1600/1759. In caso di inosservanza, il Ministero puo' disporre il ritiro dei passaporti rilasciati.
4. Il passaporto diplomatico o di servizio non e' rilasciato ai soggetti di cui agli articoli 7, 8 e 9 che svolgono in Italia o all'estero attivita' professionali, industriali, commerciali o finanziarie, salvo che nei seguenti casi:
a) l'attivita' lavorativa e' consentita in applicazione di accordi bilaterali o della normativa locale;
b) l'attivita' lavorativa, svolta anche con modalita' a distanza, non produce effetto nel Paese di notifica del dipendente.

Art. 12

Competenza

1. Il Gabinetto del Ministro rilascia i passaporti diplomatici e di servizio nei casi previsti dall'art. 5, commi 1, 2 e 3, lettera f), dall'art. 6, comma 1, e dall'art. 10.
3. La Direzione generale per le risorse e l'innovazione rilascia i passaporti diplomatici e di servizio nei casi diversi da quelli di cui al comma 1.

Art. 13

Domanda di rilascio e rinnovo

1. Per il rilascio o il rinnovo del passaporto diplomatico o di servizio il titolare sottoscrive e consegna il formulario di cui all'allegato 3, insieme con una fotografia recente e copia di un documento di riconoscimento in corso di validita', o con una fotografia autenticata.
2. Nella domanda i richiedenti dichiarano di non trovarsi nella condizione di incompatibilita' di cui all'art. 11.
3. In presenza di figli minori, al formulario di cui al comma 1, il richiedente allega l'assenso dell'altro genitore, come da allegato 4 o, in mancanza, l'autorizzazione del giudice tutelare.
4. La domanda e' trasmessa al Ministero dall'amministrazione di appartenenza, fatte salve le seguenti disposizioni:
a) i dipendenti del Ministero e le persone estranee all'amministrazione dello Stato presentano la richiesta direttamente al Ministero;
b) per le persone che prestano servizio presso un'organizzazione internazionale, la domanda e' trasmessa dalla rappresentanza italiana presso l'organizzazione stessa o, in mancanza di questa, dalla rappresentanza diplomatica o dall'ufficio consolare del luogo di residenza;
c) le persone di cui agli articoli 7, 8 e 9 presentano la propria richiesta con le medesime modalita' previste per il titolare principale.

Art. 14

Custodia, restituzione e ritiro

1. Le amministrazioni diverse dal Ministero che richiedono il rilascio di passaporti per i loro dipendenti sono responsabili della custodia dei passaporti stessi in vista del loro utilizzo.
2. I passaporti diplomatici e di servizio, qualunque sia la residua validita' di durata o scaduti, sono restituiti dal detentore e annullati dall'ufficio che li ha emessi, entro trenta giorni dalla cessazione della posizione di stato o dell'incarico che ne costituisco
3. I titolari di passaporto diplomatico o di servizio informano senza ritardo il Ministero del venir meno, anche determinato da provvedimenti di autorita' straniere, delle condizioni per il rilascio del passaporto diplomatico o di servizio ai soggetti di cui agli articoli 7, 8 e 9.
4. Oltre ai casi di cui all'art. 15, comma 2, il Ministero puo' disporre il ritiro dei passaporti diplomatici e di servizio per cause inerenti alla sicurezza dello Stato o per gravi ragioni di servizio.

Art. 15

Comunicazioni con le questure

1. Il Ministero acquisisce dalle questure il nulla osta al rilascio dei passaporti diplomatici o di servizio quando il richiedente e' sottoposto a procedimenti penali o ha riportato condanne penali o e' sottoposto all'applicazione di misure di sicurezza o di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale.
2. Nelle ipotesi di cui all'art. 3, lettere d) ed e), della legge 21 novembre 1967, n. 1185 o dell'art. 75, comma 1, lettera c), del decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, le questure ritirano il passaporto e lo restituiscono prontamente al Ministero.

Art. 16

Disposizioni transitorie e abrogazioni

1. E' abrogato il decreto del Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale 27 luglio 2016, n. 359-bis.
2. Il presente decreto si applica dal giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
Roma, 3 novembre 2021

Il Ministro: Di Maio

Allegato 1
Caratteristiche essenziali del passaporto diplomatico a lettura
ottica elettronica

Il libretto di passaporto diplomatico a lettura ottica elettronico presenta le seguenti caratteristiche essenziali: A) Supporto fisico.
Dimensioni: le dimensioni del passaporto chiuso sono di mm 88x125 con angoli arrotondati secondo quanto previsto dalle norme ICAO.
Pagine: i nuovi documenti si compongono di 48 pagine oltre i risguardi di copertina. L'immagine, i dati di personalizzazione del titolare ed il numero di passaporto sono riportati a pagina 2.
Carta: la carta e' bianca filigranata con fibrille luminescenti e riproduce in chiaroscuro il busto della Ninfa Europa, particolare tratto da un affresco di G.B. Tiepolo, e le leggende «Repubblica italiana» ed «Europa» disposte, rispettivamente, sopra e sotto l'effigie; fibrille di sicurezza: rosse visibili e fluorescenti, blu solo visibili, verdi invisibili e fluorescenti; la carta contiene un filo di sicurezza recante su di un lato la microscritta positiva, ripetuta con continuita', «Repubblica italiana», e sull'altro lato i tre colori della bandiera verde, bianco e rosso, ripetuti ed intervallati da un tratto privo di colore. I tre colori risultano altresi' fluorescenti sotto la lampada di Wood.
Stampa: tutte le pagine contengono un fondino a tre colori offset con motivo ornamentale che reca al centro l'emblema della Repubblica.
I colori del fondino sono: giallo, rosa luminescente e grigio che sfuma nel celeste con effetto di «iride». Nelle pagine interne e' rilevabile sotto la lampada di Wood, oltre al fondino di sicurezza, lo stemma della Repubblica italiana ed il numero della pagina.
Copertina: la copertina e' rilegata in similpelle (poliuretano) di colore blu e presenta iscrizioni in oro a caldo nella sequenza «UNIONE EUROPEA» e «Repubblica italiana» in alto disposte su due righe; stemma della Repubblica al centro; in basso, disposto su due righe, «PASSAPORTO» «DIPLOMATICO» e, centrato in fondo alla pagina, il simbolo del passaporto elettronico.
Custodia: la custodia «tipo bustina» e' in similpelle (poliuretano) di colore blu e presenta un bordino dorato al cui interno vi sono le iscrizioni in oro a caldo che riprendono la sequenza della copertina.
Cucitura: la cucitura del libretto, del tipo a «catenella», e' realizzata con filo speciale a tre capi nei colori verde, bianco e rosso fluorescenti in rosso alla lampada di Wood.
Numerazione: il numero del passaporto e' riportato tipograficamente con caratteri arabi in fondo alla pagina 1, nell'apposito spazio ad esso riservato sulla pagina 2 (ICAO) destinata alla personalizzazione del passaporto ed in perforazione dalla 3ª alla 48ª pagina.
Pellicola (foil olografico): un film trasparente di sicurezza e' applicato a caldo a protezione dei dati personali del titolare del passaporto che vengono stampati con tecnica digitale. Tale film contiene immagini olografiche trasparenti, e' stampato con inchiostri speciali e riporta in perforazione il numero di serie del passaporto.
Il foil olografico ha una forma tale da non coprire la numerazione in caratteri arabi presente sulla pagina ICAO. B) Descrizione delle pagine.
I testi su tutte le pagine sono stampati con colore blu nelle tre lingue italiano, francese ed inglese ad eccezione della pagina 2° ICAO nelle lingue italiano, inglese e francese. Le singole pagine contengono le diciture ed i simboli grafici cosi' descritti dall'alto verso il basso:
Risguardo di sinistra (seconda di copertina): riporta il testo in francese ed inglese circa le finalita' del passaporto.
Pagina n. 1: contiene il logo della Repubblica ed il testo in italiano circa le finalita' del passaporto. In fondo alla pagina, il numero del passaporto stampato in chiaro a caratteri arabi.
Pagina 2 (ICAO): contiene il numero del passaporto e le seguenti informazioni: 1. cognome; 2. nome; 3. cittadinanza; 4. data di nascita; 5. sesso; 6. luogo di nascita; 7. data di rilascio; 8. data di scadenza; 9. autorita'; 10. firma del titolare.
Le indicazioni dei campi sono in testo trilingue (italiano, inglese e francese) stampate in fase di personalizzazione con la stessa tecnica utilizzata per la scrittura dei dati personali. Lo spazio inferiore e' riservato alla scrittura su due righe, con caratteri OCR B, dei dati destinati alla lettura ottica secondo la normativa ICAO. Nella pagina e' riservato uno spazio destinato alla stampa digitale dell'immagine del titolare del passaporto. A protezione dei dati, dopo la personalizzazione, viene applicato un film trasparente di sicurezza con elementi olografici (foil olografico).
Pagina 3: contiene la dicitura «Pagina riservata all'Autorita'», con testo nelle lingue ufficiali dell'Unione europea, secondo l'ordine alfabetico abitualmente impiegato nei testi comunitari.
Pagina 4: contiene la legenda dei dati personali nelle lingue ufficiali dell'Unione europea, secondo l'ordine alfabetico abitualmente impiegato nei testi comunitari.
Pagine da 5 a 46: pagine riservate ai visti con la dicitura, in alto al centro: «Visti», «Visas», «Visas».
Pagina n. 47: contiene le avvertenze sulla cura e conservazione del passaporto nelle tre lingue (italiano, francese e inglese).
Pagina 48: riproduce lo stemma della Repubblica italiana, contiene le indicazioni relative all'obbligo di restituzione alla scadenza e le istruzioni in caso di smarrimento o ritrovamento del passaporto, in lingua italiana, francese ed inglese.
Risguardo di destra (terza di copertina): riporta l'indicazione del numero delle pagine contenute nel libretto, nelle lingue ufficiali dell'Unione europea, secondo l'ordine alfabetico abitualmente impiegato nei testi comunitari.
Nel passaporto e' inserito un microprocessore RF/ID di prossimita' (chip) nella copertina del passaporto, conforme alla direttiva ISO 14443, alle specifiche ICAO OS/LDS con capacita' minima di 80Kb e di durata di almeno 10 anni. Nel chip sono memorizzate, in formato interoperativo, l'immagine del volto e le impronte digitali del titolare. Nel chip sono altresi' memorizzate le informazioni, gia' presenti sul supporto cartaceo, relative al passaporto ed al titolare, nonche' i codici informatici per la protezione ed inalterabilita' dei dati e le informazioni necessarie per renderne
possibile la lettura agli organi di controllo. Gli elementi biometrici contenuti nel chip potranno essere utilizzati solo al fine di verificare l'autenticita' del documento e l'identita' del titolare attraverso elementi comparativi direttamente disponibili quando la legge lo prevede. I dati biometrici raccolti ai fini del rilascio del passaporto non saranno conservati in banche di dati.
Allegato 2 Caratteristiche essenziali del passaporto di servizio a lettura
ottica elettronico, nelle tipologie di passaporto di servizio,
passaporto di servizio - funzionario internazionale e passaporto di
servizio - corriere diplomatico
Il libretto di passaporto di servizio nelle tre tipologie di passaporto di servizio a lettura ottica elettronico; passaporto di servizio - funzionario internazionale a lettura ottica elettronico; passaporto di servizio - corriere diplomatico a lettura ottica elettronico appena indicate, presenta le seguenti caratteristiche essenziali: A) Supporto fisico.
Dimensioni: Le dimensioni del passaporto chiuso sono di mm 88x125, con angoli arrotondati, secondo quanto previsto dalle norme ICAO.
Composizione: Il nuovo documento di viaggio mantiene la versione del libretto a 48 pagine, oltre ai risguardi di copertina.
L'immagine, i dati di personalizzazione del titolare ed il numero di passaporto in chiaro sono riportati in seconda pagina.
Copertina: In materiale speciale, adatto alla laminazione del microprocessore contact-less incorporato di tipo RF/ID in posizione protetta, di colore blu recante lo stemma della Repubblica italiana e iscrizioni in oro a caldo. Sulla copertina sono altresi' riportati, con inchiostro invisibile rilevabile alla luce UV in colore giallo, la stella della Repubblica italiana ed il logo costituito dalla lettera maiuscola «I» racchiusa da dodici stelline disposte lungo una circonferenza.
Carta: Per i risguardi in II e III di copertina, carta speciale bianca con fibrille visibili nei colori blu e rosso ed invisibili fluorescenti alla lampada di Wood nei colori azzurro e rosso.
Tutte le pagine interne del passaporto sono in carta filigranata, di colore bianco con fibrille rosse visibili e fluorescenti, di colore blu solo visibili e invisibili fluorescenti in colore verde alla lampada di Wood. La carta riproduce in filigrana la «Ninfa Europa» e contiene un filo di sicurezza.
Stampa: Risguardi: In stampa offset per il fondino di sicurezza a piu' colori con effetto iride e fluorescenza. In seconda di copertina sono riportati in lingua italiana, francese ed inglese, rispettivamente in alto e in basso, la, denominazione del passaporto e l'indicazione del numero della pagine complessive del documento. La terza di copertina contiene l'indicazione del numero di pagine del passaporto nelle lingue ufficiali dell'Unione europea, secondo l'ordine alfabetico abitualmente impiegato nei testi comunitari.
Pagine interne: la stampa offset delle pagine del libretto e' realizzata a piu' colori, alcuni fusi tra di loro a formare effetti di iride. Nelle pagine interne e' rilevabile, sotto la lampada di Wood, oltre alla fondino di sicurezza, lo stemma della Repubblica italiana ed il numero della pagina. I testi su tutte le pagine sono stampati con colore blu nelle tre lingue italiano, francese ed inglese ad eccezione della pagina 2° ICAO nelle lingue italiano, inglese e francese.
Numerazione: il numero del passaporto e' riportato tipograficamente con caratteri arabi in fondo alla pagina 1, nell'apposito spazio ad esso riservato sulla pagina 2 (ICAO) destinata alla personalizzazione del passaporto ed in perforazione dalla 3ª alla 48ª pagina.
Cucitura: La cucitura del libretto, del tipo a «catenelle», e' realizzata con filo speciale a tre capi nei colori verde, bianco e rosso fluorescenti in rosso alla lampada di Wood. Pellicola (foil olografico): Un film trasparente di sicurezza e' applicato a caldo a protezione dei dati personali del titolare del passaporto che vengono stampati con tecnica digitale. Tale film contiene immagini olografiche trasparenti, e' stampato con inchiostri speciali e riporta in perforazione il numero di serie del passaporto. Il foil olografico ha una forma tale da non coprire la numerazione in caratteri arabi presente sulla pagina ICAO. B) Descrizione delle pagine.
Le singole pagine contengono le diciture ed i simboli grafici cosi' descritti dall'alto verso il basso:
Risguardo di sinistra (seconda di copertina): contiene fondino di sicurezza con effetto iride e riporta le leggende relative alla denominazione del passaporto.
Pagina 1: frontespizio del passaporto contenente il numero di registro, lo stemma della Repubblica, la legenda «Repubblica italiana» nelle tre lingue italiano, francese ed inglese e le finalita' del documento.
In fondo alla pagina, il numero del passaporto stampato in chiaro a caratteri arabi.
Pagina 2 (ICAO): contiene il numero del passaporto e le seguenti informazioni: 1. cognome; 2. nome; 3. cittadinanza; 4. data di nascita; 5. sesso; 6. luogo di nascita; 7. data di rilascio; 8. data di scadenza; 9. autorita'; 10. firma del titolare.
Le indicazioni dei campi sono in testo trilingue (italiano, inglese e francese) stampate in fase di personalizzazione con la stessa tecnica utilizzata per la scrittura dei dati personali. Lo spazio inferiore e' riservato alla scrittura su due righe, con caratteri OCR B, dei dati destinati alla lettura ottica secondo la normativa ICAO. Nella pagina e' riservato uno spazio destinato alla stampa digitale dell'immagine del titolare del passaporto. A protezione dei dati, dopo la personalizzazione, vigne applicato un film trasparente di sicurezza con elementi olografici (foil olografico).
Pagina 3: contiene la dicitura «Pagina riservata all'Autorita'», con testo nelle lingue ufficiali dell'Unione europea, secondo l'ordine alfabetico abitualmente impiegato nei testi comunitari.
Pagina 4: contiene la legenda dei dati personali nelle lingue ufficiali dell'Unione europea, secondo l'ordine alfabetico abitualmente impiegato nei testi comunitari.
Da pagina 5 a 46: pagine riservate ai visti con la dicitura, in alto al centro, «Visti», «Visas», «Visas».
Pagina 47: contiene le avvertenze sulla cura e conservazione del passaporto nelle tre lingue (italiano, francese e inglese).
Pagina 48: riproduce lo stemma della Repubblica italiana, contiene le indicazioni relative all'obbligo di restituzione alla scadenza e le istruzioni in caso di smarrimento o ritrovamento del passaporto, in lingua italiana, francese ed inglese.
Risguardo di destra (terza di copertina): riporta l'indicazione del numero delle pagine contenute nel libretto, nelle lingue ufficiali dell'Unione europea, secondo l'ordine alfabetico abitualmente impiegato nei testi comunitari.
Nel passaporto e' inserito un microprocessore RF/ID di prossimita' (chip) nella copertina del passaporto, conforme alla direttiva ISO 14443, alle specifiche ICAO OS/LDS con capacita' minima di 80Kb e di durata di almeno 10 armi. Nel chip sono memorizzate, in formato interoperativo, l'immagine del volto e le impronte digitali del titolare. Nel chip sono altresi' memorizzate le informazioni, gia' presenti sul supporto cartaceo, relative al passaporto ed al titolare, nonche' i codici informatici per la protezione ed inalterabilita' dei dati e le informazioni necessarie per renderne possibile la lettura agli organi di controllo. Gli elementi
biometrici contenuti nel chip potranno essere utilizzati solo al fine di verificare l'autenticita' del documento e l'identita' del titolare attraverso elementi comparativi direttamente disponibili quando la legge lo prevede. I dati biometrici raccolti ai fini del rilascio del passaporto non saranno conservati in banche di dati.
Allegato 3

Allegato 4



ASSENSO AL RILASCIO DEL PASSAPORTO A GENITORE DI FIGLI MINORENNI



STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

Groups of Companies in the European Company Law - Annullato
Milano, 17 aprile 2020, Università degli Studi di Milano Sala Napoleonica
ore 09:00Sala Napoleonica - Sant'Antoniovia Sant'Antonio, 10/12, 20122 MilanoIl diritto d’impresa nell’Unione ...
I segreti dell’ex cliente (conferimento dell’incarico art 23) aspetto deontologici e disciplinari
Napoli, 21 gennaio 2020, nuovo palazzo di giustizia di Napoli
ore 11,00 - 13,30 - sala MetaforaSaluti istituzionaliAvv. Antonio tafuriPresidente dell’ordine degli ...
XXXIV Convegno annuale dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti
Bergamo, venerdì 15 e sabato 16 novembre 2019
Eguaglianza e discriminazioni nell’epoca contemporaneaPrima sessione: Discriminazioni di genereVenerdì ...
Il rapporto di lavoro dopo il Jobs Act: un mosaico di discipline
Roma, 9-16-23-30 ottobre 2015 e 6-13 novembre 2015, Teatro Manzoni
Venerdì 9 ottobre 2015 “Il contratto a tutele crescenti” Prof. Avv. Arturo MARESCA, Ordinario di Diritto ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Guida pratica al Processo Telematico aggiornata al D.L. n. 90/2014
P. Della Costanza, N. Gargano, Giuffrè Editore, 2014
Piano dell'opera- La digitalizzazione dell’avvocatura oltre l’obbligatorietà- Cos’è il processo telematico- ...
Atti e procedure della Polizia municipale
E. Fiore, Maggioli Editore, 2014
Il manuale insegna ad individuare le corrette procedure per l'accertamento degli illeciti sia amministrativi ...
     Tutti i LIBRI >