Aggiornato al con n.41078 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

ARTICOLI E COMMENTI

Indietro
Un caso particolare di estorsione
a cura del dott. Giuseppe Caristena
 
Nel settembre 2011 il Tribunale di Caltanissetta aveva confermato l’ordinanza con la quale il g.i.p. aveva, due mesi prima, applicato la misura degli arresti domiciliari nei confronti di un datore di lavoro, indagato per estorsione nei confronti dei suoi dipendenti.
Avverso tale provvedimento l’indagato proponeva ricorso.
Prima di procedere oltre, è bene ricordare che ai sensi dell’art. 629 cod. pen. commette delitto di estorsione “[c]hiunque, mediante violenza o minaccia, costringendo taluno a fare o ad omettere qualche cosa, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno…”.
Nel caso di specie, i giudici della seconda sezione penale della Corte di Cassazione, con sentenza emessa l’11 dicembre 2011 (dep. 1 febbraio 2012) n. 4290, hanno ribadito il seguente principio ormai consolidato nella giurisprudenza di legittimità: “integra il delitto di estorsione la condotta del datore di lavoro che, approfittando della situazione del mercato di lavoro a lui favorevole per la prevalenza dell’offerta sulla domanda, costringa i lavoratori, con la minaccia di licenziamento, ad accettare la corresponsione di trattamenti retributivi deteriori e non adeguati alle prestazioni effettuate, e più in generale condizioni di lavoro contrarie alle leggi ed ai contratti collettivi” (Cass. 36642/2007; Cass. 48868/2009; Cass. 16656/2010).
E’ bene ricordare che il diritto al lavoro è costituzionalmente garantito e all’art. 36, co. 1, Cost. si legge che “[i]l lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ognicaso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia una esistenza libera e dignitosa”. Inoltre, la giurisprudenza di legittimità ha già avuto modo di statuire che il principio dell’irriducibilità della retribuzione è ricavabile sia dall’art. 2103 cod. civ. sia dalla suddetta disposizione di rango costituzionale “ossia dal divieto di assegnazione a mansioni inferiori e dalla necessaria proporzione tra l’ammontare della retribuzione e la qualità e quantità del lavoro prestato”. (Cass. 20310/2008; Cass. 20339/2006).
I giudici di Piazza Cavour nella sentenza in esame hanno anche apprezzato il richiamo operato dal Tribunale di Caltanissetta a un altro principio sancito dalla giurisprudenza di legittimità, secondo cui è idonea a configurare la fattispecie criminosa in questione anche la minaccia larvata o implicita o ancora indiretta (ex plurimis Cass. 19724/2010).
In conclusione la Suprema Corte, ritenendo sussistenti nel caso specifico sia l’elemento oggettivo (la minaccia) sia quello dell’ingiusto profitto dell’autore della stessa, come già acclarato dal Tribunale, ha rigettato il ricorso del datore di lavoro e lo ha condannato al pagamento delle spese processuali.


STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

IL DUBBIO RAZIONALE E LA SUA PROGRESSIVA SCOMPARSA NEL GIUDIZIO PENALE
Roma, 11 luglio 2022, in diretta facebook
11 luglio 2022in diretta facebookIntervengono:Avv. Antonino Galletti, Presidente del Consiglio dell'Ordine ...
FORMAZIONE INTEGRATIVA IN MATERIA DI DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI
Milano, giovedì 15, 22, 29 settembre e 6 ottobre 2022, piattaforma Zoom meeting
4 incontrigiovedì 15, 22, 29 settembre e 6 ottobre 2022 dalle 14.30 alle 18.30 su piattaforma ZoomDestinatariMediatori ...
XXXVI CONVEGNO ANNUALE DELL'ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI COSTITUZIONALISTI “LINGUA LINGUAGGI DIRITTI”
Messina e Taormina, giovedì 27, venerdì 28 e sabato 29 ottobre 2022
giovedì 27, venerdì 28 e sabato 29 ottobre 2022Università degli Studi di Messina, Aula Magna Rettorato, ...
LA FORMAZIONE DELL’AVVOCATO DEI GENITORI NEI PROCEDIMENTI MINORILI E DI FAMIGLIA
Napoli, 13 Ottobre 2022, Sala “A. Metafora”
Webinar su piattaforma CISCO WEBEX del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoliore 15.00 - 18.00Giovedì ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Guida pratica al Processo Telematico aggiornata al D.L. n. 90/2014
P. Della Costanza, N. Gargano, Giuffrè Editore, 2014
Piano dell'opera- La digitalizzazione dell’avvocatura oltre l’obbligatorietà- Cos’è il processo telematico- ...
Formulario degli atti notarili 2014
A. Avanzini, L. Iberati, A. Lovato, UTET Giuridica, 2014
Il formulario soddisfa le esigenze pratiche del notaio, poiché consente di individuare, mediante una ...
Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
     Tutti i LIBRI >