Aggiornato al con n.40616 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa regionale - Molise

Indietro
Legge regionale Molise, 25 luglio 2013, n. 12
Modifiche alla disciplina relativa all'alienazione ed alla locazione degli alloggi di edilizia pubblica residenziale di cui alle leggi regionali 4 agosto 1998, n. 12, 5 maggio 2005, n. 14 e 7 luglio 2006, n. 17
 

Art. 1
(Modifica all'articolo 3 della legge regionale 4 agosto 1998, n. 12)


1. Al comma 1 dell'articolo 3 delle legge regionale 4 agosto 1998, n. 12 (Nuove norme per l'assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica e per la determinazione dei relativi canoni), l'espressione "60%" è sostituita dall'espressione "90%".


Art. 2
(Modifica all'articolo 8 della legge regionale 5 maggio 2005, n. 14)


1. Il comma 1 dell'articolo 8 della legge regionale 5 maggio 2005, n. 14 (Norme in materia di alienazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica), è sostituito dal seguente:
"1. Gli alloggi sono alienabili ed il prezzo è costituito dal valore che risulta applicando un moltiplicatore pari a 100 alle rendite catastali. Al prezzo così determinato si applica la riduzione dell'1,00% per ogni anno di anzianità dell'immobile, fino al limite massimo del 30,00%.".


Art. 3
(Sostituzione del comma 3 dell'articolo 20 della legge regionale 7 luglio 2006, n. 17)


1. Il comma 3 dell'articolo 20 della legge regionale 7 luglio 2006, n. 17 (Norme di riordino in materia di edilizia residenziale pubblica), è sostituito dal seguente:
"3. Le norme regolamentari disciplinano le modalità di calcolo dei canoni secondo i seguenti principi e criteri:
a) riferimento alle seguenti tre fasce di utenza:
1) fascia protetta socialmente, alla quale si applica un canone commisurato al solo reddito del nucleo familiare;
2) fascia amministrata, alla quale si applica un canone calcolato in base al reddito per la permanenza ed al valore dell'immobile;
3) fascia di decadenza, alla quale si applica un canone maggiorato rispetto a quello di cui al numero 2);
b) valore dell'immobile costituito dal prodotto della superficie utile per il costo al metro quadro, quest'ultimo come risultante dall'applicazione di coefficienti correttivi stabiliti in funzione della tipologia, della classe demografica, dell'ubicazione e della vetustà dell'immobile;
c) superficie utile dell'immobile costituita dalla somma della superficie dell'unità abitativa e di parte congrua della superficie di:
1) autorimesse singole;
2) posti macchina in autorimesse di uso comune;
3) balconi, terrazze, cantine ed altri accessori simili;
4) parti scoperte di pertinenza dell'immobile in godimento esclusivo al conduttore;
5) parti condominiali a verde, nella misura corrispondente alla quota millesimale attribuita all'unità immobiliare;
d) costo al metro quadro di base stimato per valori progressivamente crescenti in relazione alla minore vetustà del fabbricato;
e) coefficienti correttivi del costo al metro quadro per tipologia dell'immobile stabiliti con riferimento al pregio determinato dalla categoria catastale;
f) coefficienti correttivi del costo al metro quadro per classe demografica così determinati:
1) 0,85% per gli immobili siti in comuni con la popolazione superiore a 50.000 abitanti;
2) 0,80% per gli immobili siti in comuni con la popolazione superiore a 20.000 abitanti;
3) 0,75% per gli immobili siti in comuni con la popolazione superiore a 10.000 abitanti;
4) 0,70% per gli immobili siti in comuni con la popolazione superiore a 3.000 abitanti;
5) 0,60% per gli immobili siti in comuni con la popolazione pari o inferiore a 3.000 abitanti;
g) per gli immobili ubicati in comuni con popolazione superiore a 20.000 abitanti, coefficienti correttivi del costo al metro quadro per ubicazione così determinati:
1) 0,80% per la zona A degli strumenti urbanistici;
2) 0,90% per la zona B degli strumenti urbanistici;
3) 0,95% per la zona C degli strumenti urbanistici;
4) 1,00% per le altre zone edificatorie destinate a residenza dagli strumenti urbanistici;
h) per gli immobili ubicati in comuni con popolazione pari o inferiore a 20.000 abitanti, coefficienti correttivi del costo al metro quadro per ubicazione così determinati:
1) 0,90% per il centro storico;
2) 1,00% per il centro edificato,
i) applicazione del coefficiente 1,00%, quale coefficiente correttivo del costo al metro quadro per ubicazione, relativamente agli immobili ubicati nel centro storico di comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti;
l) coefficienti correttivi del costo al metro quadro per vetustà così determinati:
1) 1,00% in meno per ogni anno di anzianità dell'immobile sino al limite di 30 anni;
2) 0,50% in meno per ogni anno oltre il trentesimo;
m) in relazione alla tipologia si fa riferimento alle categorie catastali:
1) 1,25% per le abitazioni di tipo civile (A/2);
2) 1,00% per le abitazioni di tipo economico (A/3);
3) 0,90% per le abitazioni di tipo popolare (A/4) e rurale (A/6).".


Art. 4
(Adeguamento del regolamento regionale 10 ottobre 2008, n. 5)


1. Il regolamento regionale 10 ottobre 2008, n. 5 (Regolamento dei canoni di locazione del patrimonio di Edilizia Residenziale Pubblica) è adeguato alle disposizioni di cui all'articolo 3 entro novanta giorni dall'entrata in vigore della presente legge. A tal fine la Giunta regionale presenta la relativa proposta al Consiglio regionale entro trenta giorni dall'entrata in vigore della presente legge.


Art. 5
(Entrata in vigore)


1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino ufficiale della Regione. La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge della Regione Molise.



STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

Groups of Companies in the European Company Law - Annullato
Milano, 17 aprile 2020, Università degli Studi di Milano Sala Napoleonica
ore 09:00Sala Napoleonica - Sant'Antoniovia Sant'Antonio, 10/12, 20122 MilanoIl diritto d’impresa nell’Unione ...
I segreti dell’ex cliente (conferimento dell’incarico art 23) aspetto deontologici e disciplinari
Napoli, 21 gennaio 2020, nuovo palazzo di giustizia di Napoli
ore 11,00 - 13,30 - sala MetaforaSaluti istituzionaliAvv. Antonio tafuriPresidente dell’ordine degli ...
XXXIV Convegno annuale dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti
Bergamo, venerdì 15 e sabato 16 novembre 2019
Eguaglianza e discriminazioni nell’epoca contemporaneaPrima sessione: Discriminazioni di genereVenerdì ...
Il rapporto di lavoro dopo il Jobs Act: un mosaico di discipline
Roma, 9-16-23-30 ottobre 2015 e 6-13 novembre 2015, Teatro Manzoni
Venerdì 9 ottobre 2015 “Il contratto a tutele crescenti” Prof. Avv. Arturo MARESCA, Ordinario di Diritto ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Sicurezza sul lavoro. Responsabilità. Illeciti e Sanzioni
P. Rausei, IPSOA, 2014
Il volume fornisce una analisi puntuale, schematica e sistematica, dell’attuale quadro sanzionatorio ...
Guida pratica al Processo Telematico aggiornata al D.L. n. 90/2014
P. Della Costanza, N. Gargano, Giuffrè Editore, 2014
Piano dell'opera- La digitalizzazione dell’avvocatura oltre l’obbligatorietà- Cos’è il processo telematico- ...
Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
     Tutti i LIBRI >