Aggiornato al con n.39906 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa nazionale - Circolari - Governo

Indietro
Circolare del Ministero dello Sviluppo Economico 20 dicembre 2013, n. 3476
Circolare esplicativa in merito alle modalita' di presentazione delle domande di accesso alle agevolazioni previste dal decreto del Ministro dello sviluppo economico 4 settembre 2013 in favore di programmi di sviluppo sperimentale, comprend
 
Alle imprese e agli altri soggetti interessati
Alla Regione Puglia
Alla Regione Basilicata
Al Soggetto gestore Banca del Mezzogiorno - Mediocredito centrale S.p.a.

Premessa

Il decreto del Ministro dello sviluppo economico 4 settembre 2013 (nel seguito decreto), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 4 novembre 2013, n. 258, prevede la concessione di agevolazioni in favore di programmi di sviluppo sperimentale, comprendenti eventualmente anche attivita' non preponderanti di ricerca industriale, finalizzati alla realizzazione di innovazioni di prodotto e/o di processo in grado di contribuire al consolidamento e al recupero di competitivita' delle imprese operanti nei Comuni del distretto-comparto del «mobile imbottito» dell'area murgiana.
L'art. 6 del predetto decreto demanda a una successiva circolare del Direttore generale per l'incentivazione delle attivita' imprenditoriali la definizione degli schemi per la presentazione della domanda di agevolazione e dei relativi allegati.
Con la presente circolare, pertanto, si forniscono ulteriori indicazioni operative in merito alle modalita' di presentazione delle domande di agevolazione e si rendono disponibili gli schemi di domanda e dei relativi allegati. La presente circolare contiene, inoltre, alcuni chiarimenti in merito alle modalita' di formazione delle graduatorie, all'istruttoria delle domande e alla concessione ed erogazione delle agevolazioni. 1. Modalita' di presentazione della domanda di agevolazione
Ai fini dell'accesso alle agevolazioni finanziarie previste dal decreto, la domanda di agevolazione, in bollo e completa di tutti gli allegati previsti, deve essere, pena l'invalidita', sottoscritta mediante firma digitale e presentata a partire dal 3 febbraio 2014 e fino al 5 maggio 2014 a mezzo posta elettronica certificata (PEC) al seguente indirizzo: dps.iai.div8@pec.sviluppoeconomico.gov.it
Le domande presentate antecedentemente al termine iniziale o successivamente al termine finale sono considerate inammissibili.
La domanda di agevolazione e i relativi allegati devono essere compilati utilizzando esclusivamente, pena l'invalidita' della domanda, i moduli disponibili nella sezione «Area del mobile imbottito della Murgia» del sito internet del Ministero dello sviluppo economico (nel seguito Ministero): www.mise.gov.it, articolati come segue:
a) nel caso in cui il programma di ricerca e sviluppo sia proposto da un unico soggetto proponente deve essere presentata la seguente documentazione:
domanda di agevolazione redatta secondo lo schema di cui in allegato n. 1;
scheda tecnica redatta secondo lo schema di cui in allegato n. 2;
piano di sviluppo redatto secondo lo schema di cui in allegato n. 3;
dichiarazione sostitutiva d'atto notorio relativa alla dimensione di impresa redatta secondo lo schema di cui in allegato n. 4;
dichiarazione sostitutiva d'atto notorio relativa alle informazioni utili per l'attribuzione della maggiorazione di cui all'art. 7, comma 5, del decreto, redatta secondo lo schema di cui in allegato n. 5;
bilanci completi di tutti gli allegati, ovvero per le imprese individuali e le societa' di persone le dichiarazioni dei redditi, relativi agli ultimi 3 esercizi approvati;
solo nel caso sia richiesta una maggiorazione del punteggio ai sensi dell'art. 7, comma 5, lettera a), del decreto, documentazione volta a dimostrare l'attinenza del titolo di proprieta' industriale all'ambito tecnologico del programma;
solo nel caso sia richiesta una maggiorazione del punteggio ai sensi dell'art. 7, comma 5, lettera c), del decreto, documentazione volta a dimostrare l'assegnazione di risorse pubbliche per la realizzazione di progetti di ricerca e sviluppo ovvero la positiva valutazione del progetto da parte dell'amministrazione competente;
b) nel caso in cui il programma di ricerca e sviluppo sia proposto congiuntamente da piu' soggetti proponenti deve essere presentata la seguente documentazione:
domanda di agevolazione redatta secondo lo schema di cui in allegato n. 6;
scheda tecnica di ciascuno dei soggetti partecipanti redatta secondo lo schema di cui in allegato n. 7;
piano di sviluppo redatto secondo lo schema di cui in allegato n. 3;
dichiarazione sostitutiva d'atto notorio di ciascuno dei partecipanti relativa alla dimensione di impresa redatta secondo lo schema di cui in allegato n. 4;
dichiarazione sostitutiva d'atto notorio relativa alle informazioni utili per l'attribuzione della maggiorazione di cui all'art. 7, comma 5, del decreto da parte di ciascuno dei soggetti proponenti per i quali ricorrano le predette condizioni, redatta secondo lo schema di cui in allegato n. 5;
dichiarazione sostitutiva d'atto notorio di ciascuno dei partecipanti relativa ai requisiti di accesso previsti dalla direttiva ministeriale 10 luglio 2008, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 10 settembre 2008, n. 212, e dal decreto ministeriale 4 settembre 2013, redatta secondo lo schema di cui in allegato n. 8;
mandato collettivo con rappresentanza per tutti i rapporti con il Ministero;
bilanci completi di tutti gli allegati, ovvero per le imprese individuali e le societa' di persone le dichiarazioni dei redditi, relativi agli ultimi 3 esercizi approvati;
solo nel caso sia richiesta una maggiorazione del punteggio ai sensi dell'art. 7, comma 5, lettera a), del decreto, documentazione volta a dimostrare l'attinenza del titolo di proprieta' industriale all'ambito tecnologico del programma;
solo nel caso sia richiesta una maggiorazione del punteggio ai sensi dell'art. 7, comma 5, lettera c), del decreto, documentazione volta a dimostrare l'assegnazione di risorse pubbliche per la realizzazione di progetti di ricerca e sviluppo ovvero la positiva valutazione del progetto da parte dell'amministrazione competente. 2. Formazione delle graduatorie
Ai sensi dell'art. 7 del decreto, il Ministero procede, entro 60 giorni dalla scadenza del termine di chiusura per la presentazione delle domande di agevolazione indicato al punto 1 e con l'ausilio di un gruppo di esperti individuati nell'ambito dell'Albo degli esperti in innovazione tecnologica del Ministero stesso, alla formazione di due graduatorie di merito dei programmi ammissibili, aventi le seguenti caratteristiche:
I. La prima graduatoria riguarda i programmi proposti da imprese del distretto-comparto del mobile imbottito.
In tale graduatoria sono inseriti i seguenti programmi:
programmi presentati da singole imprese del distretto-comparto del mobile imbottito che, alla data del 4 novembre 2013 abbiano una unita' produttiva attiva nei Comuni del distretto-comparto del mobile imbottito;
programmi congiunti presentati dai soggetti beneficiari indicati all'art. 3, comma 1, lettere a), b), c), e d), della direttiva ministeriale 10 luglio 2008, la cui maggioranza abbia, alla data del 4 novembre 2013, una unita' produttiva attiva nei Comuni del distretto-comparto del mobile imbottito, per i quali almeno il 70% dei costi sia sostenuto da imprese del distretto-comparto del mobile imbottito e la restante parte da Organismi di ricerca oppure da soggetti che non rientrano nella definizione di imprese del distretto-comparto del mobile imbottito.
II. La seconda graduatoria riguarda i programmi che non sono proposti da imprese del distretto-comparto del mobile imbottito.
In tale graduatoria sono inseriti i seguenti programmi:
programmi presentati da uno dei soggetti beneficiari indicati all'art. 3, comma 1, del decreto, che abbiano una unita' produttiva attiva, alla data del 4 novembre 2013, nei Comuni del distretto-comparto del mobile imbottito ma che non rientrano nella definizione di imprese del distretto-comparto del mobile imbottito;
programmi congiunti presentati dai soggetti beneficiari indicati all'art. 3, comma 1, lettere a), b), c), e d), della direttiva ministeriale 10 luglio 2008, la cui maggioranza abbia, alla data del 4 novembre 2013, una unita' produttiva attiva nei Comuni del distretto-comparto del mobile imbottito, per i quali meno del 70% dei costi sia sostenuto da imprese del distretto-comparto del mobile imbottito.
A tal fine, come previsto nell'art. 1, comma 1, del decreto:
a) per imprese del distretto-comparto del mobile imbottito si intendono le imprese:
che svolgono come attivita' economica prevalente l'attivita' di cui alla divisione 16 (Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero - esclusi i mobili - fabbricazione di articoli in paglia e materiali da intreccio) della sezione C Attivita' manifatturiere della classificazione delle attivita' economiche Ateco 2007;
o
che svolgono come attivita' economica prevalente l'attivita' di cui alla divisione 31 (Fabbricazione di mobili) della sezione C Attivita' manifatturiere della classificazione delle attivita' economiche Ateco 2007;
o
che producono componenti, lavorati e/o semilavorati per la filiera del mobile imbottito ed abbiano realizzato negli esercizi 2011 e 2012 almeno il 70% del loro fatturato, calcolato come media dei valori relativi ai due esercizi, con imprese la cui attivita' e' classificata nei suddetti codici della classificazione Ateco 2007;
b) i Comuni del distretto-comparto del mobile imbottito, sono i seguenti: Ferrandina (MT), Matera, Montescaglioso (MT), Pisticci (MT), Altamura (BA), Cassano delle Murge (BA), Gioia del Colle (BA), Gravina in Puglia (BA), Modugno (BA), Poggiorsini (BA), Santeramo in Colle (BA), Ginosa (TA) e Laterza (TA).
Ai fini della formazione delle graduatorie sono considerati solo i programmi che ottengono un punteggio relativo a ciascuno dei criteri di valutazione di cui all'art. 7, comma 4, del decreto pari almeno a 10 punti e un punteggio complessivo, ottenuto come somma dei punteggi attribuiti ai singoli criteri, senza considerare la maggiorazione di cui all'art. 7, comma 5, del decreto, pari almeno a 40 punti.
Ai programmi i cui punteggi sono superiori alle predette soglie minime di accesso puo' essere attribuita una maggiorazione di punteggio secondo quanto previsto dall'art. 7, comma 5, del decreto. In merito si precisa che:
l'attinenza del titolo di proprieta' industriale all'ambito tecnologico del programma, prevista dalla lettera a) del predetto comma, e' valutata dal citato gruppo di esperti individuati nell'ambito dell'Albo degli esperti in innovazione tecnologica del Ministero, sulla base della documentazione presentata dall'impresa unitamente alla domanda di accesso;
la condizione prevista dalla lettera b) dello stesso comma, secondo la quale e' riconosciuta una maggiorazione nel caso in cui almeno uno degli ultimi tre bilanci regolarmente chiusi e approvati alla data di presentazione della domanda evidenzi spese di ricerca e sviluppo almeno pari al 5% del valore della produzione, nel caso di progetti congiunti deve essere posseduta dalla maggioranza dei soggetti proponenti;
al fine della valorizzazione delle spese di ricerca e sviluppo da considerare nel predetto calcolo sono prese in esame le sole spese di ricerca e sviluppo capitalizzate dalle imprese cosi' come risultanti dalla nota integrativa. Per le imprese individuali e le societa' di persone il dato deve essere desumibile dalle dichiarazioni dei redditi.
I programmi, i cui punteggi sono superiori alle soglie minime di accesso, sono inseriti nelle rispettive graduatorie secondo un ordine decrescente stabilito in relazione al punteggio totale che ciascun programma consegue, ottenuto sommando i punteggi attribuiti in relazione a ciascun criterio di valutazione e all'eventuale maggiorazione ai sensi di quanto previsto dall'art. 7, commi 4 e 5, del decreto. In caso di parita' di punteggio tra piu' programmi prevale il programma con il minor costo presentato.
Per l'individuazione dei programmi ammissibili alla successiva attivita' istruttoria, il Ministero procede, nei limiti delle risorse disponibili e secondo l'ordine decrescente del punteggio ottenuto dal singolo programma, all'individuazione dei programmi ammissibili inseriti nella prima graduatoria, e successivamente, sulla base delle eventuali risorse finanziarie residue, di quelli inseriti nella seconda graduatoria. 3. Istruttoria delle domande, concessione ed erogazione delle
agevolazioni
Per lo svolgimento degli adempimenti tecnici e amministrativi riguardanti l'istruttoria delle domande, di cui all'art. 8 del decreto, e per l'erogazione delle agevolazioni il Ministero si avvale della Banca del Mezzogiorno - MedioCredito Centrale S.p.A. in qualita' di Soggetto Gestore, individuato attraverso una procedura di cottimo fiduciario e designato con determina del Direttore generale per l'incentivazione delle attivita' imprenditoriali 1° agosto 2013, prot. n. 2053. In tale fase, in caso di programmi svolti congiuntamente da piu' soggetti, i proponenti dovranno trasmettere al Gestore copia del contratto di rete o di altra forma contrattuale di collaborazione.
Per le domande la cui attivita' istruttoria si e' conclusa con esito positivo, il Ministero procede all'adozione del decreto di concessione, contenente il piano degli investimenti con l'indicazione di: spese ammissibili, ammontare delle agevolazioni concedibili, impegni a carico dell'impresa beneficiaria anche in ordine agli obiettivi, tempi e modalita' di realizzazione del programma, restituzione delle quote di preammortamento e ammortamento, condizioni di revoca.
Per quanto riguarda le modalita' di erogazione, si rinvia a quanto previsto nella direttiva ministeriale 10 luglio 2008 e alle linee guida per l'erogazione delle agevolazioni del Fondo speciale rotativo per l'innovazione tecnologica (FIT) disponibili nel sito www.mise.gov.it
Roma, 20 dicembre 2013

Il direttore generale per l'incentivazione delle attivita' imprenditoriali
Sappino
Allegato 1
Parte di provvedimento in formato PDF al link:
Allegato 2
Parte di provvedimento in formato PDF al link
Allegato 3
Parte di provvedimento in formato PDF al link
Allegato 4
Parte di provvedimento in formato PDF al link
Allegato 5
Parte di provvedimento in formato PDF al link
Allegato 6
Parte di provvedimento in formato PDF al link
Allegato 7
Parte di provvedimento in formato PDF al link
Allegato 8
Parte di provvedimento in formato PDF al link

(G.u. n. 6 del 9 gennaio 2014)


STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

Groups of Companies in the European Company Law - Annullato
Milano, 17 aprile 2020, Università degli Studi di Milano Sala Napoleonica
ore 09:00Sala Napoleonica - Sant'Antoniovia Sant'Antonio, 10/12, 20122 MilanoIl diritto d’impresa nell’Unione ...
I segreti dell’ex cliente (conferimento dell’incarico art 23) aspetto deontologici e disciplinari
Napoli, 21 gennaio 2020, nuovo palazzo di giustizia di Napoli
ore 11,00 - 13,30 - sala MetaforaSaluti istituzionaliAvv. Antonio tafuriPresidente dell’ordine degli ...
XXXIV Convegno annuale dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti
Bergamo, venerdì 15 e sabato 16 novembre 2019
Eguaglianza e discriminazioni nell’epoca contemporaneaPrima sessione: Discriminazioni di genereVenerdì ...
Il rapporto di lavoro dopo il Jobs Act: un mosaico di discipline
Roma, 9-16-23-30 ottobre 2015 e 6-13 novembre 2015, Teatro Manzoni
Venerdì 9 ottobre 2015 “Il contratto a tutele crescenti” Prof. Avv. Arturo MARESCA, Ordinario di Diritto ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Atti e procedure della Polizia municipale
E. Fiore, Maggioli Editore, 2014
Il manuale insegna ad individuare le corrette procedure per l'accertamento degli illeciti sia amministrativi ...
Formulario degli atti notarili 2014
A. Avanzini, L. Iberati, A. Lovato, UTET Giuridica, 2014
Il formulario soddisfa le esigenze pratiche del notaio, poiché consente di individuare, mediante una ...
     Tutti i LIBRI >