Decreto del Ministero della Economia e delle Finanze 13 novembre 2017
Revoca, nei confronti del Comune di Nardo', del contributo attribuito con decreto 1 marzo 2006.
 
Gazzetta Ufficiale n. 274 del 23 novembre 2017

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

Vista la legge 30 dicembre 2004, n. 311 concernente «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2005)»;
Visti, in particolare, i commi 28 e 29 dell'art. 1 della suddetta legge finanziaria con i quali e' stata autorizzata la concessione di contributi statali al finanziamento di interventi diretti a tutelare l'ambiente e i beni culturali, e comunque a promuovere lo sviluppo economico e sociale del territorio, da destinare agli enti individuati con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze in coerenza con apposito atto di indirizzo parlamentare;
Visto l'art. 11-bis, comma 1, del decreto-legge 30 settembre 2005, n. 203, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 dicembre 2005, n. 248, come modificato dall'art. 1, comma 575, secondo periodo, della legge 23 dicembre 2005, n. 266 (L.F. 2006), con il quale e' stata autorizzata la concessione di ulteriori contributi statali per il finanziamento degli interventi di cui all'art. 1, comma 28, della legge n. 311/2004 e successive modificazioni;
Visto il decreto del Ministro dell'economia e delle finanze 1 marzo 2006, n. 0014004, pubblicato nel supplemento ordinario n. 53 alla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 56 dell'8 marzo 2006, con il quale, in coerenza con l'atto di indirizzo parlamentare della Commissione bilancio della Camera dei Deputati e del Senato, sono stati individuati gli enti beneficiari dei contributi statali recati per l'anno 2005 dall'art. 11-bis, comma 1, del citato decreto-legge 30 settembre 2005, n. 203 tra i quali il Comune di Nardo' (Lecce) compreso nell'elenco allegato al n. 365 per la realizzazione dell'intervento denominato «Consolidamento costone roccioso in S. Caterina» per l'importo di € 140.000,00;
Vista la nota n. 0082238 del 23 ottobre 2012 con la quale e' stato richiesto agli enti beneficiari dei contributi di cui alle norme sopra citate di attestare la realizzazione e il completamento degli interventi finanziati, nonche' l'utilizzo, totale o parziale, delle somme erogate;
Vista la nota n. 0098280 del 16 novembre 2012 con la quale le Ragionerie territoriali dello Stato sono state interessate della verifica delle dichiarazioni richieste agli enti beneficiari con la citata nota del 23 ottobre 2012;
Vista la nota n. 94246 del 18 novembre 2013 con la quale sono state fornite alle Ragionerie territoriali dello Stato ulteriori indicazioni in merito alla verifica dello stato di realizzazione degli interventi finanziati, ivi compreso lo svolgimento di una attivita' istruttoria finalizzata ad accertare l'esistenza o meno dei presupposti per il trattenimento dei contributi e la realizzazione dell'intervento originariamente finanziato;
Visto il provvedimento dell'11 dicembre 2013, prot. n. 102601, con il quale il Ragioniere generale dello Stato ha delegato le Ragionerie territoriali dello Stato all'espletamento delle verifiche e delle attivita' istruttorie di cui alla nota n. 94246 del 18 novembre 2013;
Vista la determina n. 1/2017 del 19 luglio 2017 della Ragioneria territoriale dello Stato di Lecce con la quale si da' conto dell'attivita' istruttoria svolta nei confronti del Comune di Nardo' (Lecce), nel corso della quale e' emerso che l'Ente non ha attestato l'utilizzo del contributo di € 140.000,00 concesso per l'anno 2005 per la realizzazione dell'intervento denominato «Consolidamento costone roccioso in S. Caterina» ne' ha fornito alcuna comunicazione riguardante la realizzazione e il completamento degli interventi finanziati, nonche' l'utilizzo, totale o parziale, delle somme erogate;
Considerato che, sulla base delle risultanze dell'istruttoria condotta, la predetta Ragioneria territoriale ha formalizzato la proposta di revoca del contributo concesso per l'anno 2005 al Comune di Nardo' (Lecce) pari ad € 140.000,00;
Ritenuto, pertanto, di dover disporre la revoca del predetto contributo assegnato al Comune di Nardo' (Lecce) che non ha attestato l'utilizzo ne' ha fornito alcuna comunicazione al riguardo;

Decreta:

Per le motivazioni esposte nella determina n. 1/2017 del 19 luglio 2017 della Ragioneria territoriale dello Stato di Lecce, richiamata nelle premesse, che e' parte integrante del presente provvedimento, e' disposta la revoca del contributo di cui al decreto 1 marzo 2006, n. 0014004 attribuito ed erogato per un importo di € 140.000,00 per l'anno 2005 al Comune di Nardo' (Lecce) per la realizzazione dell'intervento denominato «Consolidamento costone roccioso in S. Caterina».
E' disposto il recupero dell'importo erogato e revocato di € 140.000,00 di cui al comma 1.
Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana nonche' sul sito istituzionale del Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato.
Roma, 13 novembre 2017

Il Ministro
Padoan
Allegato
MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE
Ragioneria territoriale dello Stato
Viale Giovanni Paolo II, 3 - 73100 Lecce
Determina n. 1/2017 - Prot. n. 152302 Contributi statali concessi ai sensi dell'art. 1, commi 28 e 29,
della legge n. 311/2004, dell'art. 2 bis del decreto-legge n. 7 del 2005 convertito con modificazioni dalla legge n. 43/2005, dall'art. 11-bis, comma 1, del decreto-legge 30 settembre 2005, n. 203, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 dicembre 2005, n. 248.
Comune di Nardo' contributo di € 140.000,00 per «lavori di consolidamento costone roccioso in S. Caterina».

IL DIRETTORE

Premesso che con decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze n. 0014004 del 01/03/2006 - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato I.Ge.P.A. - veniva stabilito che i contributi statali recati per l'anno 2005 dall'art. 11-bis, comma 1, del decreto legge 30/09/2005 n. 203, convertito dalla legge 02/12/2005 n. 248, venissero destinati al finanziamento degli interventi e in favore degli enti individuati nell'elenco allegato al decreto in parola, per promuovere lo sviluppo economico e sociale del territorio, in conformita' a quanto indicato nell'atto di indirizzo adottato dalle Commissioni parlamentari competenti in materia di bilancio, programmazione e lavori pubblici;
visto che il Comune di Nardo' (LE), compreso nel predetto elenco al n. 365, e' ente beneficiario del contributo di € 140.000,00 per la realizzazione dell'intervento denominato "Consolidamento costone roccioso in Santa Caterina";
vista la nota del 23.10.2012 prot. n. 0082238, con cui I'I.Ge.P.A., al fine di accertare lo stato degli interventi finanziati e la loro effettiva realizzazione, e ricordando, tra l'altro, che "essendo i contributi in oggetto a destinazione vincolata ne e' precluso l'utilizzo per fini diversi da quelli espressamente individuati nel decreto attuativo", invitava i destinatari dei contributi stessi a trasmettere alle Ragionerie Territoriali dello Stato competenti per territorio una dichiarazione con la quale si attestasse la realizzazione e il completamento degli interventi finanziati, nonche' l'utilizzo totale o parziale delle somme erogate, da redigersi secondo il modello allegato alla nota stessa;
vista la nota del Comune di Nardo' prot. 6433 del 21.02.2013 (allegato n. 1) con cui il suddetto Ente chiedeva al Ministero dell'Economia e Finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato - Ufficio IX una proroga alla restituzione della somma al fine di poter predisporre ed eseguire i lavori nella loro interezza;
vista la nota dell' Ispettorato Generale per la Finanza delle Pubbliche AmministrazioniUfficio IX prot. 47444 del 03.06.2013 (allegato n. 2) con cui il menzionato Ufficio ha comunicato al Comune di Nardo' che si era reso opportuno chiedere un parere all'Avvocatura Generale dello Stato e che pertanto al momento non si rendeva possibile autorizzare la proroga richiesta;
richiamate le indicazioni fornite alle Ragionerie Territoriali dello Stato con nota dell'IGEPA - IGF prot. n. 94246 del 18.11.2013 del parere dell'Avvocatura Generale dello Stato fornito con nota del 07.09.2013;
vista la delega prot. 542 del 08.01.2014 conferita dal Ragioniere Generale dello Stato alle Ragionerie Territoriali dello Stato per l'espletamento delle attivita' di verifica dell'utilizzo dei contributi statali in discorso;
vista la nota di questa RTS prot. 3775 del 07.02.2014 (allegato n. 3) con cui si chiedeva al Comune di Nardo' di comunicare:
le motivazioni degli obiettivi impedimenti che giustifichino, dopo un cosi' lungo periodo di tempo, la mancata realizzazione o il mancato completamento delle opere;
la permanenza delle ragioni che, a suo tempo, giustificarono il riconoscimento del valore sociale ed economico del progetto e del relativo finanziamento, in base ai principi di buona amministrazione nonche' di efficienza ed economicita' dell'azione amministrativa;
nonche' di indicare i presunti tempi di realizzazione e completamento dei lavori.
Considerato che il Comune di Nardo' a tale richiesta non ha fornito alcun riscontro, ne' a quanto successivamente richiesto al riguardo con nota prot. 30697 del 23.09.2016 (allegato n. 4) e con successiva nota prot. 42436 del 02.12.2016 (allegato n. 5) con cui si rappresentava che decorso inutilmente il termine assegnato di 30 giorni questo Ufficio avrebbe provveduto ad avviare l'iter per il recupero del contributo in parola;
vista la nota prot. 1970 del 24.01.2017 (allegato n. 6) con cui e' stato comunicato al Comune di Nardo' che, in riferimento a quanto risultante, non avendo ottenuto alcun riscontro a quanto piu' volte richiesto, nonostante il notevole periodo temporale decorso dalla nota della scrivente prot. 3775 del 07.04.2014, si rende necessario, successivamente al perfezionamento del decreto di revoca a firma del Ministro dell'economia e delle Finanze, procedere alla restituzione della somma erogata a titolo di contributo di € 140.000 concesso al Comune di Nardo';
viste le indicazioni di cui alla nota prot. n. 76397 del 24/04/2017 del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato

DETERMINA

per i motivi in premessa indicati di proporre l/adozione del decreto di revoca a firma del Ministro dell'Economia e delle Finanze del contributo in questione/ come stabilito dalla circolare del Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato prot. 94246 del 18.11.2013.
Lecce, 19 luglio 2017

Il direttore
Romaniello