Aggiornato al con n.38344 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

TRATTATI E CONVENZIONI INTERNAZIONALI

Indietro
Convenzione penale sulla corruzione
conclusa a Strasburgo il 27 gennaio 1999
 

Approvata dall’Assemblea federale il 7 ottobre 2005


Ratificata con strumenti depositati dalla Svizzera il 31 marzo 2006


Entrata in vigore per la Svizzera il 1° luglio 2006



Preambolo


Gli Stati membri del Consiglio d’Europa e gli altri Stati firmatari della presente Convenzione,


considerato che lo scopo del Consiglio d’Europa è di realizzare un’unione più stretta fra i suoi membri;


riconosciuta l’importanza di rafforzare la cooperazione con gli altri Stati firmatari della presente Convenzione;


convinti della necessità di perseguire, come priorità, una politica penale comune finalizzata alla protezione della società contro la corruzione, che contempli l’adozione di una legislazione appropriata e delle adeguate misure preventive;


sottolineando che la corruzione rappresenta una minaccia per lo Stato di diritto, la democrazia e i diritti dell’uomo, mina i principi di buon governo, di equità e di giustizia sociale, falsa la concorrenza, ostacola lo sviluppo economico e mette in pericolo la stabilità delle istituzioni democratiche e i fondamenti morali della società;


persuasi che l’efficacia della lotta contro la corruzione presuppone una cooperazione internazionale penale intensificata, rapida e adeguata in materia penale;


rallegrandosi dei recenti sviluppi che contribuiscono a migliorare la consapevolezza e la cooperazione a livello internazionale nella lotta contro la corruzione, ivi compreso anche l’operato delle Nazioni Unite, della Banca Mondiale, del Fondo monetario internazionale, dell’Organizzazione mondiale del commercio, dell’Organizzazione degli Stati americani, dell’OCSE e dell’Unione europea;


in considerazione del Programma d’azione contro la corruzione, adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa nel novembre 1996, in seguito alle raccomandazioni della XI Conferenza dei ministri europei di giustizia (La Valletta, 1994);


richiamando a questo proposito l’importanza della partecipazione degli Stati non membri alle attività del Consiglio d’Europa contro la corruzione e felicitandosi del loro prezioso contributo all’attuazione del Programma d’azione contro la corruzione;


ricordando inoltre che la Risoluzione n. 1 adottata dai ministri europei di giustizia in occasione della loro XXI Conferenza (Praga 1997) sollecita una rapida attuazione del Programma d’azione contro la corruzione e raccomanda in particolare l’elaborazione di una convenzione penale sulla corruzione che preveda l’incriminazione coordinata dei reati di corruzione, una cooperazione rafforzata nella repressione di tali reati e un meccanismo di controllo efficace aperto in ugual misura agli Stati membri e agli Stati non membri;


tenendo presente che i capi di Stato e di Governo del Consiglio d’Europa hanno deciso, in occasione del loro secondo Vertice tenutosi a Strasburgo il 10 e l’11 ottobre 1997, di ricercare risposte comuni alle sfide poste dal dilagare della corruzione e hanno adottato un Piano d’azione che, mirando a promuovere la cooperazione nella lotta contro la corruzione, compresi i suoi legami con il crimine organizzato e il riciclaggio di denaro, incarica segnatamente il Comitato dei Ministri di concludere rapidamente i lavori per l’elaborazione di strumenti giuridici internazionali, conformemente al Programma d’azione contro la corruzione;


considerando inoltre che la Risoluzione (97) 24 relativa ai 20 principi guida per la lotta contro la corruzione, adottata il 6 novembre 1997 dal Comitato dei Ministri in occasione della sua 101a sessione, sottolinea la necessità di concludere rapidamente l’elaborazione di strumenti giuridici internazionali, in esecuzione del Programma d’azione contro la corruzione;


in considerazione dell’adozione, nella 102a sessione del Comitato dei Ministri, il 4 maggio 1998, della Risoluzione (98) 7 che autorizza la creazione di un Accordo parziale allargato per l’istituzione del «Gruppo di Stati contro la Corruzione – GRECO», finalizzato a migliorare la capacità dei suoi membri di lottare contro la corruzione sorvegliando l’adempimento degli impegni da essi contratti in questo campo,



hanno convenuto quanto segue:



Capitolo I: Terminologia


Art. 1 Terminologia


Capitolo II: Provvedimenti da adottare a livello nazionale


Art. 2 Corruzione attiva di pubblici ufficiali nazionali


Art. 3 Corruzione passiva di pubblici ufficiali nazionali


Art. 4 Corruzione di membri di assemblee pubbliche nazionali


Art. 5 Corruzione di pubblici ufficiali stranieri


Art. 6 Corruzione di membri di assemblee pubbliche straniere


Art. 7 Corruzione attiva nel settore privato


Art. 8 Corruzione passiva nel settore privato


Art. 9 Corruzione di funzionari internazionali


Art. 10 Corruzione di membri di assemblee parlamentari internazionali


Art. 11 Corruzione di giudici e di agenti di corti internazionali


Art. 12 Traffico d’influenza


Art. 13 Riciclaggio dei proventi di reati di corruzione


Art. 14 Reati contabili


Art. 15 Atti di partecipazione


Art. 16 Immunità


Art. 17 Competenza


Art. 18 Responsabilità delle persone giuridiche


Art. 19 Sanzioni e misure


Art. 20 Autorità specializzate


Art. 21 Cooperazione tra autorità nazionali


Art. 22 Protezione dei collaboratori di giustizia e dei testimoni


Art. 23 Misure intese ad agevolare l’assunzione di prove e la confisca dei proventi


Capitolo III: Controllo dell’attuazione


Art. 24 Controllo


Capitolo IV: Cooperazione internazionale


Art. 25 Principi generali e misure applicabili alla cooperazione internazionale


Art. 26 Assistenza giudiziaria


Art. 27 Estradizione


Art. 28 Informazioni spontanee


Art. 29 Autorità centrale


Art. 30 Corrispondenza diretta


Art. 31 Informazione


Capitolo V: Disposizioni finali


Art. 32 Firma ed entrata in vigore


Art. 33 Adesione alla Convenzione


Art. 34 Applicazione territoriale


Art. 35 Relazioni con altri accordi e convenzioni


Art. 36 Dichiarazioni


Art. 37 Riserve


Art. 38 Validità ed esame di dichiarazioni e riserve


Art. 39 Emendamenti


Art. 40 Componimento delle controversie


Art. 41 Denuncia


Art. 42 Notifiche Campo di applicazione il 16 febbraio 2010 Riserve e dichiarazioni



Riserve e dichiarazioni



Svizzera


La Svizzera si riserva il diritto di applicare l’articolo 12 soltanto nella misura in cui i fatti che vi sono descritti costituiscono reato secondo il diritto svizzero.


La Svizzera si riserva il diritto di applicare l’articolo 17 paragrafo 1 lettere b e c soltanto nella misura in cui il fatto è pure punibile nel luogo in cui è stato commesso e l’autore si trova in Svizzera e non è estradato a uno Stato estero


La Svizzera dichiara che punirà la corruzione attiva e passiva ai sensi degli articoli 5, 9 e 11 soltanto nella misura in cui il comportamento della persona corrotta costituisce un atto o un’omissione contrastante coi suoi doveri d’ufficio o sottostante al suo potere d’apprezzamento.


L’autorità designata dalla Svizzera in applicazione dell’articolo 29 è l’Ufficio federale di giustizia, CH-3003 Berna.



STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

Posizionamento professionale e marketing dello studio legale
Napoli, 29 ottobre 2015, Holiday Inn Centro Direzionale
L’obiettivo dell’incontro è fornire degli strumenti operativi allo studio legale per massimizzare la ...
I diritti sociali e la crisi economica
Milano, 27 novembre 2015, Università degli Studi di Milano Sala di Rappresentanza del Rettorato
Ore 9.00Saluti istituzionaliProf. Lorenza Violini, Direttore del Dipartimento di Diritto pubblico italiano ...
Il rapporto di lavoro dopo il Jobs Act: un mosaico di discipline
Roma, 9-16-23-30 ottobre 2015 e 6-13 novembre 2015, Teatro Manzoni
Venerdì 9 ottobre 2015 “Il contratto a tutele crescenti” Prof. Avv. Arturo MARESCA, Ordinario di Diritto ...
XXX Convegno annuale dell’Associazione Italiana dei Costituzionalisti (AIC)
Roma, 6-7 novembre 2015, Università degli Studi Roma Tre Aula Magna
La scienza costituzionalistica nelle transizioni istituzionali e sociali Venerdì 6 novembre Ore 9.00 ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Sicurezza sul lavoro. Responsabilità. Illeciti e Sanzioni
P. Rausei, IPSOA, 2014
Il volume fornisce una analisi puntuale, schematica e sistematica, dell’attuale quadro sanzionatorio ...
Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Atti e procedure della Polizia municipale
E. Fiore, Maggioli Editore, 2014
Il manuale insegna ad individuare le corrette procedure per l'accertamento degli illeciti sia amministrativi ...
Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
     Tutti i LIBRI > 

CONCORSI

Foto Concorsi
Nessun Concorso Presente