Aggiornato al con n.39049 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa regionale - Campania

Indietro
Legge regionale 17 ottobre 2005, n. 18
Norme sulla musicoterapia e sul riconoscimento della figura professionale di musicoterapista
 

Il Consiglio regionale ha approvato
IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE


Promulga la seguente legge


ARTICOLO 1
Finalità


1. La musicoterapia è attività psico-pedagogica e socio-sanitaria di pubblico interesse ed è disciplinata dalla presente legge; essa si pone come scopo lo sviluppo e la riabilitazione di potenziali funzioni dell’individuo per il raggiungimento di una migliore integrazione sul piano intrapersonale e interpersonale e di una migliore qualità della vita.
2. La regione Campania promuove l’applicazione della musicoterapia, quale elemento di sostegno per un pieno e sano sviluppo delle capacità del singolo individuo e della comunità, con particolare riguardo alle persone portatrici di handicap o, comunque, disagiate dal punto di vista delle relazioni.


ARTICOLO 2
Definizioni


Ai fini della presente legge si intende per:
a) musicoterapia: l’uso della musica e dei suoi elementi - suono, ritmo, melodia ed armonia- da parte di un soggetto qualificato in rapporto individuale o di gruppo, all’interno di un processo definito per facilitare e promuovere la comunicazione, le relazioni, l’apprendimento, la mobilizzazione, l’espressione, l’organizzazione ed gli altri obiettivi terapeutici (degni di rilievo) nella prospettiva di assolvere ai bisogni fisici, emotivi, mentali, sociali e cognitivi;
b) musicoterapista: un soggetto, in possesso di diploma superiore di secondo grado e con una buona conoscenza della musica, che ha svolto un corso triennale di impostazione multidisciplinare socio-psicopedagogico-medico-musicale e un tirocinio di un anno presso strutture pubbliche o convenzionate o del privato sociale, della formazione primaria e della riabilitazione, con supervisione clinica e di musicoterapia.


ARTICOLO 3
Area di operativita’


1. Il musicoterapista esercita la propria attività nell’ambito degli operatori socio-sanitari nell’area della riabilitazione socio-sanitaria e psico-pedagogica.
2. Il musicoterapista espleta
a) funzione preventiva: disturbi di iperattività in età da scuola primaria, comportamenti ai limiti con la patologia del periodo adolescenziale o come gestione di atteggiamenti disadattivi degli adolescenti, sedazione della madre in gravidanza, miglioramento della relazionalità e della socializzazione nei soggetti normodotati;
b) funzione riabilitativa: ritardo mentale lieve e medio-grave, deficit sensoriali ipovedenti e non vedenti, ipoacusici con protesi ed impianti cocleari, disturbi relazionali dell’infanzia, patologie neuromotorie dell’infanzia, patologie neurologiche dell’adulto -parkinson, alzheimer, coma lieve e post-coma, patologie psichiatriche dell’adulto- , comunicazione sonora in gruppo nei dipartimenti di salute mentale, in centri e comunità terapeutiche per tossicodipendenti;
c) funzione socio-sanitaria: lenire l’ansia del paziente ospedalizzato e le sofferenze dei malati terminali, gestire il potenziale malessere psicologico degli operatori.


ARTICOLO 4
Formazione di base


1. La formazione di base del musicoterapista consiste in un corso che prevede almeno 900 ore di lezione e laboratori in un triennio e 300 ore di tirocinio presso strutture pubbliche o convenzionate o private della formazione primaria e della riabilitazione, con supervisione clinica e di musicoterapia.
2. I corsi di musicoterapia sono organizzati da istituti di formazione o dalle università o da dipartimenti equiparati all’università e il titolo di musicoterapista equivale al diploma accademico di primo livello.
3. Per accedere alla formazione di musicoterapista l’aspirante deve aver conseguito il diploma quinquennale di scuola media superiore e possedere una buona conoscenza della musica, da accertarsi con un test di ammissione al corso di formazione.
4. La formazione professionale di musicoterapista prevede l’acquisizione delle seguenti conoscenze e capacità, suddivise per
a) area medica:
1) conoscenza delle sintomatologie inerenti le patologie trattate -nuclei espressivi-;
b) area psicologica:
1) conoscenza dei concetti inerenti il campo delle relazioni;
2) conoscenza dei concetti base della psicologia dello sviluppo, dinamica dei gruppi;
c) area musicale:
1) capacità di esprimere e creare con voce e con strumenti musicali “nel qui ed ora” in forme ortodosse e non ortodosse;
2) capacità di improvvisazione;
3) conoscenze musicologiche e semiologiche della musica colta e popolare finalizzate alla capacita’ di decodificazione dei fenomeni sonoro-musicali;
d) area musicoterapica:
1) capacita’ di individuare i bisogni del paziente;
2) capacita’ di elaborare ipotesi di trattamento relative ai bisogni del paziente;
3) capacita’ di formulare obiettivi circa il trattamento;
4) capacita’ di identificare le tecniche musicali piu’ adatte alla problematica;
5) capacita’ di formulare osservazioni del processo musico-terapeutico in itinere e a valle per la quantiqualificazione dei risultati ottenuti;
6) capacita’di autosservazione delle componenti emotive implicate nella relazione sonora paziente-terapista.
5. L’organigramma didattico deve tenere conto dei principi formativi previsti dalla World Federation of Music Therapy -W.F.M.T.-e dalla European Music Therapy Confederation -E.M.TC.-.


ARTICOLO 5
Registro professionale regionale del musicoterapista


1. Presso l’assessorato alla sanità della regione Campania è istituito il registro professionale regionale dei musicoterapisti al quale possono iscriversi coloro che hanno superato il corso per la formazione di musicoterapisti e che hanno effettuato il tirocinio professionale di almeno 300 ore o un anno presso centri specializzati pubblici o privati, con supervisione clinica e di musicoterapia.


ARTICOLO 6
Norma transitoria


1. Possono iscriversi al registro professionale regionale dei musicoterapisti coloro che entro dodici mesi dalla pubblicazione nel Bollettino ufficiale della regione Campania della presente legge e dimostrare con idonea certificazione di essere in possesso del diploma quinquennale di scuola media superiore, di aver svolto e superato la formazione per musicoterapista per almeno 900 ore più 300 di tirocinio presso una struttura pubblica o privata riconosciuta, con supervisione clinica e di musicoterapia.
2. Sono riconosciuti istituti per la formazione in musicoterapia i centri di studio che possono dimostrare, con apposita documentazione e certificazione di avere effettuato, contestualmente, entro sei mesi dalla pubblicazione sul Burc della presente legge:
a) attività relative alla musicoterapia da almeno 10 anni;
b) attività di ricerca musicoterapica con partnerships o convenzioni stipulate con strutture pubbliche collegate direttamente o indirettamente alla disciplina in questione da almeno 5 anni;
c) almeno 10 pubblicazioni scientifiche relative alla musicoterapia;
d) attività di formazione articolata e strutturata da almeno 5 anni;
e) attività interistituzionali con università e centri di formazione e ricerca del settore a livello internazionale e comunitario nel campo della musicoterapia.
Napoli, 17 ottobre 2005
BASSOLINO



STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

Posizionamento professionale e marketing dello studio legale
Napoli, 29 ottobre 2015, Holiday Inn Centro Direzionale
L’obiettivo dell’incontro è fornire degli strumenti operativi allo studio legale per massimizzare la ...
I diritti sociali e la crisi economica
Milano, 27 novembre 2015, Università degli Studi di Milano Sala di Rappresentanza del Rettorato
Ore 9.00Saluti istituzionaliProf. Lorenza Violini, Direttore del Dipartimento di Diritto pubblico italiano ...
Il rapporto di lavoro dopo il Jobs Act: un mosaico di discipline
Roma, 9-16-23-30 ottobre 2015 e 6-13 novembre 2015, Teatro Manzoni
Venerdì 9 ottobre 2015 “Il contratto a tutele crescenti” Prof. Avv. Arturo MARESCA, Ordinario di Diritto ...
XXX Convegno annuale dell’Associazione Italiana dei Costituzionalisti (AIC)
Roma, 6-7 novembre 2015, Università degli Studi Roma Tre Aula Magna
La scienza costituzionalistica nelle transizioni istituzionali e sociali Venerdì 6 novembre Ore 9.00 ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Trattato di procedura penale
G. Spangher, G. Dean, A. Scalfati, G. Garuti, L. Filippi, L. Kalb, UTET Giuridica
A vent’anni dall’approvazione del nuovo Codice di Procedura Penale, tra vicende occasionali, riforme ...
Guida pratica al Processo Telematico aggiornata al D.L. n. 90/2014
P. Della Costanza, N. Gargano, Giuffrè Editore, 2014
Piano dell'opera- La digitalizzazione dell’avvocatura oltre l’obbligatorietà- Cos’è il processo telematico- ...
Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
Atti e procedure della Polizia municipale
E. Fiore, Maggioli Editore, 2014
Il manuale insegna ad individuare le corrette procedure per l'accertamento degli illeciti sia amministrativi ...
     Tutti i LIBRI > 

CONCORSI

Foto Concorsi
Nessun Concorso Presente