Aggiornato al con n.39256 documenti

HOME  |  PUBBLICITA'  |  REDAZIONE  |  COPYRIGHT  |  FONTI  |  FAQ   

 

 
 

NORMATIVA
Normativa nazionale - Leggi - Comunitarie

Indietro
Legge 28 aprile 2015, n. 50
Ratifica ed esecuzione dell'Accordo di collaborazione strategica tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo del Montenegro, fatto a Roma il 6 febbraio 2010.
 
La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Promulga

la seguente legge:

Art. 1
Autorizzazione alla ratifica
1. Il Presidente della Repubblica e' autorizzato a ratificare l'Accordo di collaborazione strategica tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo del Montenegro, fatto a Roma il 6 febbraio 2010.

Art. 2
Ordine di esecuzione
1. Piena ed intera esecuzione e' data all'Accordo di cui all'articolo 1, a decorrere dalla data della sua entrata in vigore in conformita' a quanto disposto dall'articolo 8 dell'Accordo stesso.

Art. 3
Copertura finanziaria
1. Agli oneri derivanti dalle spese di missione di cui all'articolo 4 dell'Accordo di cui all'articolo 1, valutati in euro 620 a decorrere dall'anno 2014, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale 2014-2016, nell'ambito del programma «Fondi di riserva e speciali» della missione «Fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno 2014, allo scopo parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo al Ministero degli affari esteri.
2. Ai sensi dell'articolo 17, comma 12, della legge 31 dicembre 2009, n. 196, per le spese di missione di cui all'articolo 4 dell'Accordo di cui all'articolo 1, il Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale provvede al monitoraggio dei relativi oneri e riferisce in merito al Ministro dell'economia e delle finanze. Nel caso si verifichino o siano in procinto di verificarsi scostamenti rispetto alle previsioni di cui al comma 1, il Ministro dell'economia e delle finanze, sentito il Ministro competente, provvede mediante riduzione, nella misura necessaria alla copertura finanziaria del maggior onere risultante dall'attivita' di monitoraggio, delle dotazioni finanziarie di parte corrente aventi la natura di spese rimodulabili ai sensi dell'articolo 21, comma 5, lettera b), della legge 31 dicembre 2009, n. 196, destinate alle spese di missione nell'ambito del pertinente programma di spesa e, comunque, della relativa missione del Ministero interessato. Si intende corrispondentemente ridotto, per il medesimo anno, di un ammontare pari all'importo dello scostamento, il limite di cui all'articolo 6, comma 12, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, e successive modificazioni.
3. Il Ministro dell'economia e delle finanze riferisce senza ritardo alle Camere con apposita relazione in merito alle cause degli scostamenti e all'adozione delle misure di cui al comma 2.
4. Il Ministro dell'economia e delle finanze e' autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

Art. 4
Entrata in vigore
1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sara' inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.
Data a Roma, addi' 28 aprile 2015

MATTARELLA
Presidente del Consiglio dei ministri
Renzi
Ministro degli affari esteri e della cooperazione
Gentiloni Silveri
internazionale Visto, il Guardasigilli
Orlando
ACCORDO DI COLLABORAZIONE STRATEGICA TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL MONTENEGRO
Il Governo della Repubblica Italiana e il Governo del Montenegro (da qui in seguito "Le Parti"), Tenendo presente gli storici legami d'amicizia e gli eccellenti rapporti esistenti tra i due paesi, Considerando la comune appartenenza all'area del Mediterraneo, Considerando l'aspirazione del Montenegro a diventare Paese Membro dell'Unione Europea e della NATO, nonche' il sostegno della Repubblica Italiana a tale aspirazione, Partendo dalla collaborazione gia' stabilita nei vari settori, Determinati a migliorare ulteriormente la collaborazione economica ed in altri settori di reciproco interesse, Consapevoli del fatto che gli sforzi volti alla tutela dell'ambiente e per lo sviluppo sostenibile richiedono un approccio regionale, per garantire coerenza in materia ecologica, Richiamando quanto concordato in occasione della visita ufficiale del Presidente del Consiglio della Repubblica Italiana e dei rappresentanti del settore economico italiano in Montenegro il 16 marzo 2009, sulla necessita' di definire il quadro della cooperazione strategica tra i due paesi e le modalita' di rafforzamento delle reciproche relazioni, Hanno concordato come segue:

ARTICOLO 1
Le Parti svilupperanno la collaborazione strategica secondo le seguenti linee: 1. Rafforzamento dei meccanismi di consultazione in materia di integrazione europea e euro-atlantica, 2. Incoraggiamento della cooperazione economica e degli investimenti (progetti "green field", societa' "joint venture", la privatizzazione delle imprese ed altro), in conformita' con il concetto dello sviluppo sostenibile, 3. Costruzione e modernizzazione delle infrastrutture, 4. Sviluppo del settore energetico, produzione dell'energia dai fonti rinnovabili, aumento dell'efficienza energetica, 5. Sviluppo del turismo in base ai principi della sostenibilita' ed "economia verde", 6. Sviluppo della rete dei trasporti e trasporto dei passeggeri e merci, 7. Promozione della cooperazione scientifica e tecnologica, la cooperazione nei settori dell'istruzione, formazione ed altre forme di specializzazione professionale, perfezionamento del potenziale amministrativo in conformita' con le necessita' dell'economia e lo sviluppo sostenibile, 8. Promozione dei progetti nel settore della tutela dell'ambiente e dello sviluppo sostenibile, salvaguardia del territorio e della biodiversita', gestione dei rifiuti industriali e urbani, controllo delle emissioni dei gas nocivi, costruzione ecologica, la gestione pianificata dello spazio e simile, 9. Rafforzamento della cooperazione nella lotta contro la criminalita' organizzata, la corruzione, il traffico della droga, la tratta degli esseri umani, il cyber crimine, il riciclaggio del denaro, il terrorismo e ogni attivita' illecita, 10. Cooperazione per la tutela e la conservazione del patrimonio culturale, nonche' la valorizzazione del patrimonio culturale e la lotta contro il traffico illecito dei beni culturali, 11. Promozione della cooperazione nel campo della formazione e della specializzazione professionale, 12. Sviluppo della sanita' e scienza medica, 13. Promozione dello sviluppo delle discipline sportive e la cooperazione diretta tra le associazioni sportive, l'organizzazione delle competizioni ed incontri, scambio di esperti e delle informazioni scientifico-metodologiche, 14. Sostegno alla cooperazione bilaterale e multilaterale nella regione, valorizzando la comune dimensione adriatica e sostenendo gli strumenti multilaterali quali l'Iniziativa Adriatico-Ionica (IAI) e l'Iniziativa per il Centro Europa (InCE). La cooperazione prevista al punto 1 del presente articolo sara' realizzata ai sensi del Memorandum di collaborazione tra il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Italiana ed il Ministero degli Affari Esteri del Montenegro firmato a Roma il 25 luglio 2007. I singoli programmi e progetti previsti negli altri punti del presente articolo saranno individuati con specifiche intese.
ARTICOLO 2
Nel contesto della collaborazione strategica, il Governo della Repubblica Italiana continuera' a sostenere pienamente l'impegno del Governo del Montenegro per l'attuazione delle riforme e per l'adeguamento della legislazione nazionale all'acquis comunitario, nella prospettiva di un rapido avanzamento del processo di adesione all'Unione Europea. In tale quadro, le Parti si impegnano a sviluppare la collaborazione anche attraverso il ricorso agli strumenti di assistenza previsti dall'Unione Europea, segnatamente gemellaggi amministrativi e progetti a valere sui fondi IPA, con l'obiettivo di rafforzare il processo di riforma istituzionale, economica e sociale del Montenegro. L'Italia continuera' altresi' ad appoggiare pienamente le aspirazioni del Montenegro di aderire alla NATO nel piu' breve tempo possibile.
ARTICOLO 3
Nella realizzazione dei programmi e progetti della collaborazione parteciperanno le istituzioni competenti delle Parti, gli scienziati e gli esperti.
ARTICOLO 4
Al fine di attuare il presente Accordo, le Parti costituiranno il Comitato congiunto composto dai rappresentanti degli organi competenti delle due Parti. I nomi dei membri del Comitato congiunto saranno scambiati tra le Parti per le vie diplomatiche entro 30 giorni dall'entrata in vigore del presente Accordo Il Comitato congiunto:
- coordina, propone, conforma e segue la realizzazione dei singoli programmi e progetti della collaborazione strategica e ne redige e trasmette il rapporto alle Parti,
- promuove le attivita' dei gruppi di lavoro e di esperti comuni, che partecipano nella realizzazione dei programmi e progetti,
- formula le proposte per il miglioramento dell'Accordo,
- risolve le questioni controverse legate all'interpretazione ed applicazione del presente Accordo. Il Comitato congiunto si riunira' due volte all'anno o in caso di bisogno piu' frequentemente sulla richiesta di una delle Parti, alternativamente in Italia e in Montenegro.
ARTICOLO 5
Le Parti, alternativamente in uno o nell'altro Stato, terranno incontri a cadenza annuale tra i Capi del Governo o dei Ministri competenti, per discutere il rapporto del Comitato congiunto sulla realizzazione di programmi e di progetti della collaborazione strategica, nonche' per discutere sulla possibilita' di migliorare l'Accordo.
ARTICOLO 6
Le Parti terranno consultazioni periodiche di esperti sulle questioni bilaterali e sulle importanti questioni internazionali, europee o regionali di comune interesse, conformemente a quanto previsto dal Memorandum di collaborazione tra il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Italiana ed il Ministero degli Affari Esteri del Montenegro firmato a Roma il 25 luglio 2007.
ARTICOLO 7
Il presente Accordo e' concluso a tempo indeterminato. Il presente Accordo potra' essere modificato consensualmente dalle Parti. Il presente Accordo potra' essere denunciato in ogni momento e la denuncia avra' effetto 3 mesi dopo la sua notifica all'altra Parte contraente. Tale denuncia non pregiudichera' il completamento delle attivita' in corso. Le controversie relative all'attuazione e all'interpretazione del presente Accordo che non sara' possibile risolvere nell'ambito del Comitato congiunto, verranno risolte per vie diplomatiche.
ARTICOLO 8
Il presente Accordo entrera' in vigore alla data di ricezione della seconda delle due notifiche con cui le Parti contraenti si saranno comunicate ufficialmente l'avvenuto espletamento delle rispettive procedure interne di ratifica. Fatto a Roma il 6 febbraio 2010 in due originali, ciascuno nelle lingue italiana e montenegrina, i due testi facenti ugualmente fede.
PER IL GOVERNO PER IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA DEL MONTENEGRO Silvio Berlusconi Milo Dukanovic

Parte di provvedimento in formato PDF qui

(G.U. n. 102 del 5 maggio 2015)


STAMPA QUESTA PAGINA
 
 
 

CONVEGNI ED EVENTI

XXXIV Convegno annuale dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti
Bergamo, venerdì 15 e sabato 16 novembre 2019
Eguaglianza e discriminazioni nell’epoca contemporaneaPrima sessione: Discriminazioni di genereVenerdì ...
Posizionamento professionale e marketing dello studio legale
Napoli, 29 ottobre 2015, Holiday Inn Centro Direzionale
L’obiettivo dell’incontro è fornire degli strumenti operativi allo studio legale per massimizzare la ...
I diritti sociali e la crisi economica
Milano, 27 novembre 2015, Università degli Studi di Milano Sala di Rappresentanza del Rettorato
Ore 9.00Saluti istituzionaliProf. Lorenza Violini, Direttore del Dipartimento di Diritto pubblico italiano ...
Il rapporto di lavoro dopo il Jobs Act: un mosaico di discipline
Roma, 9-16-23-30 ottobre 2015 e 6-13 novembre 2015, Teatro Manzoni
Venerdì 9 ottobre 2015 “Il contratto a tutele crescenti” Prof. Avv. Arturo MARESCA, Ordinario di Diritto ...
     Tutti i CONVEGNI >

LIBRI ED EBOOK

Formulario degli atti notarili 2014
A. Avanzini, L. Iberati, A. Lovato, UTET Giuridica, 2014
Il formulario soddisfa le esigenze pratiche del notaio, poiché consente di individuare, mediante una ...
Sicurezza sul lavoro. Responsabilità. Illeciti e Sanzioni
P. Rausei, IPSOA, 2014
Il volume fornisce una analisi puntuale, schematica e sistematica, dell’attuale quadro sanzionatorio ...
Atti e procedure della Polizia municipale
E. Fiore, Maggioli Editore, 2014
Il manuale insegna ad individuare le corrette procedure per l'accertamento degli illeciti sia amministrativi ...
Diritto penale delle società
L. D. Cerqua, G. Canzio, L. Luparia, Cedam Editore, 2014
L'opera, articolata in due volumi, analizza approfonditamente i profili sostanziali e processuali del ...
     Tutti i LIBRI > 

CONCORSI

Foto Concorsi
Nessun Concorso Presente